Empoli: scatole colorate e libri in dono a bambini ricoverati

Empoli: scatole colorate e libri in dono a bambini ricoverati

I piccoli alunni della Scuola d’Infanzia “Pesciolino Arcobaleno” di Fucecchio hanno donato libri ai bambini ricoverati nell’ospedale di Empoli.

Un gesto importante ed educativo, frutto di un percorso intrapreso dalle insegnanti che hanno guidato i bambini nell’esperienza dedicata al valore del “dono”. Gli scolari, di età da tre a cinque anni si sono messi all’opera ed hanno sperimentato il significato ed il grande valore di donare qualcosa di proprio a chi ha bisogno.

Dopo le vacanze natalizie, al rientro nella scuola, hanno preparato due scatole rigorosamente personalizzate e decorate con i loro disegni, dove ognuno ha inserito un libro personale da regalare ai bambini ricoverati nella Pediatria dell’Ospedale di Empoli.

Le scatole sono state recapitate nei giorni scorsi da una delegazione di mamme a nome di tutti i bambini della Scuola d’infanzia. Nella ludoteca, ad accogliere le mamme, erano presenti il dottor Roberto Bernardini, direttore della pediatria e la coordinatrice infermieristica Federica Iannotta.

I libri saranno a disposizione nella biblioteca del reparto e i bambini, insieme alle volontarie dell’Associazione AVO, che ogni giorno sono presenti nella ludoteca, potranno leggere così nuove storie e sfogliare nuovi libri.

Come si legge in una nota, l’Azienda Sanitaria rivolge un particolare ringraziamento ai bambini della scuola Pesciolino Arcobaleno che hanno collaborato con entusiasmo comprendendo il valore del “dono” durante tutto il percorso educativo, una esperienza importante che ricorderanno sicuramente. Un grazie anche alle insegnanti che li hanno accompagnati in questo progetto ed ai genitori che lo hanno condiviso con i loro figli con l’auspicio e l’augurio che questo piccolo gesto possa essere per loro un valido contributo di crescita.

L'articolo Empoli: scatole colorate e libri in dono a bambini ricoverati proviene da www.controradio.it.

Fucecchio: arresto per spaccio di droga

Fucecchio: arresto per spaccio di droga

E’ stato arrestato un 30enne che spacciava droga nei pressi di un asilo, di un parco giochi e di una chiesa. Le indagini, cominciate un anno fa, coinvolgevano 3 soggetti di cui 2 sono ancora ricercati.

Arresto di un 30enne a Galleno, nel territorio comunale di Fucecchio (Firenze), mentre spacciava sostanze stupefacenti nelle vicinanze di un asilo, di un parco giochi e di una chiesa.

Sono invece per il momento irreperibili e ricercati, altri due uomini, un 21enne e un 37enne. Tutti e tre sono di nazionalità marocchina.

L’arresto arriva al termine di un anno di indagini condotte dai militari della Compagnia di Empoli (Firenze): il 30enne è stato atteso dai carabinieri ieri pomeriggio all’esterno del circolo del paese e controllato.

Il cane antidroga Batman dell’unità cinofili di Firenze ha individuato 20 grammi di cocaina e 75 di hashish interrati in più punti all’esterno della sua abitazione, ora sotto sequestro.

Secondo quanto emerso dalle indagini, i tre sarebbero riusciti a gestire un giro di affari di circa 1000 euro al giorno: la droga veniva pagata in anticipo e poi consegnata in luoghi pubblici, anche negli orari in cui erano presenti bambini e famiglie.

Almeno trenta le persone identificate dai carabinieri come clienti dei tre spacciatori.

L'articolo Fucecchio: arresto per spaccio di droga proviene da www.controradio.it.

Fucecchio: abbandonati scarti di pelle conciata

Fucecchio: abbandonati scarti di pelle conciata

Fucecchio, nella mattinata di ieri, 11 luglio, un intervento congiunto di tecnici del Dipartimento ARPAT del Circondario Empolese con la Polizia Municipale per scarti di pelle conciata al cromo abbandonati lungo la strada per Massarella.

L’intervento, su richiesta della Polizia Municipale della Unione Comuni del Circondario Empolese Valdelsa, è avvenuto in località Cavallaia a Fucecchio, per verificare la natura dei rifiuti abbandonati giacenti su una scarpata a bordo strada della SP 111, nel tratto compreso tra i due ponti sul rio Vincio e sul canale Usciana.

Nel tardo pomeriggio del giorno precedente un’Agente della PM di passaggio, a fine servizio, ha colto nell’atto di abbandonare tali rifiuti una persona che si è immediatamente allontanata a bordo del proprio veicolo, sul quale risultavano visibili altri sacchi degli stessi rifiuti.

I rifiuti sono risultati costituiti da ritagli di pellame wet-blue (pelle conciata al cromo), dal caratteristico aspetto di colore bluastro, che sono classificabili, in base all’elenco europeo dei rifiuti, con il codice CER 040108, rifiuto speciale non pericoloso.

La Polizia Municipale, che sta conducendo le indagini, è riuscita ad individuare il presunto responsabile dell’abbandono, che risulta titolare di una azienda conciaria di Santa Croce s/Arno.

E’ stato quindi effettuato un intervento presso l’azienda in questione, da cui è emerso che nell’attività vengono prodotti proprio i rifiuti del tipo di quelli rinvenuti; sono emerse inoltre alcune irregolarità nella tracciabilità dei rifiuti prodotti, e criticità nello stato dei luoghi di alcuni locali e nella gestione dei rifiuti, che dovranno essere tuttavia oggetto di ulteriori controlli di approfondimento.

L’individuazione della provenienza dei rifiuti rinvenuti e del relativo processo produttivo consente di confermarne la suddetta classificazione.

Vista la natura dei rifiuti, che si trovavano abbandonati direttamente sul suolo, per limitare il rischio di contaminazione del terreno sottostante per dilavamento, ARPAT ha concordato con il Comune per le vie brevi le modalità di messa in sicurezza dei rifiuti stessi, in attesa che sia concluso l’iter amministrativo per l’individuazione certa delle responsabilità dell’abbandono e per gli atti conseguenti ai sensi dell’art. 192 del D. Lgs. 152/2006.

 

L'articolo Fucecchio: abbandonati scarti di pelle conciata proviene da www.controradio.it.

Fucecchio: sfrattato per morosità occupa la sua vecchia casa, arrestato

Fucecchio: sfrattato per morosità occupa la sua vecchia casa, arrestato

È stato un dipendente dell’agenzia immobiliare che gestisce l’immobile a notare la presenza di una persona all’interno e a chiamare il 112. L’uomo era stato allontanato il 7 marzo scorso dopo l’esecuzione di un provvedimento giudiziario.

Un uomo di 56 anni è stato arrestato a Fucecchio (Firenze) per aver occupato abusivamente l’appartamento da cui due giorni fa era stato sfrattato per morosità. L’uomo era stato allontanato il 7 marzo scorso dopo l’esecuzione di un provvedimento giudiziario con intervento dei carabinieri.

Nonostante i servizi sociali avessero trovato al 56enne una sistemazione in un appartamento di Empoli (Firenze), l’uomo aveva rifiutato e ieri sera ha scardinato la porta di ingresso del suo ex alloggio, ed entrato. È stato un dipendente dell’agenzia immobiliare che gestisce l’immobile a notare la presenza di una persona all’interno e a chiamare il 112. L’uomo è in attesa di processo per direttissima per il reato di violazione di domicilio aggravata con violenza sulla cose.

L'articolo Fucecchio: sfrattato per morosità occupa la sua vecchia casa, arrestato proviene da www.controradio.it.