Grosseto: tenta rapina con un falso pacco bomba

Grosseto: tenta rapina con un falso pacco bomba

A Grosseto un uomo, non ancora identificato, ha tentato di rapinare l’ufficio postale di Roselle con un falso pacco bomba. Dopo il bluff l’uomo è riuscito a scappare, le indagini per rintracciarlo sono in corso.

Non poteva esplodere il pacco bomba con cui un uomo, forse il gesto di uno squilibrato, è entrato ieri all’ufficio postale di Roselle (Grosseto) mentre scattava l’orario di chiusura minacciando l’impiegata presente.

Lo hanno stabilito, secondo quanto emerge stamani, gli accertamenti tecnici dei carabinieri. Dell’episodio, che ha suscitato un certo allarme, riporta oggi il quotidiano La Nazione.

L’uomo, di mezza età, a volto scoperto, è entrato nella posta minacciando di far esplodere il pacco mentre armeggiava con un telecomando come se volesse inviare l’impulso per attivare un innesco.

In particolare si è avvicinato alla dipendente e le ha mostrato un involucro come se volesse spedirlo: sopra, però, c’era una scritta in cui le si chiedeva di dargli i soldi, sotto minaccia di far scoppiare una bomba.

L’impiegata è scappata nel retro-ufficio e ha chiamato i carabinieri, mentre l’altro simulava l’esplosione, che non c’è stata.

All’interno c’erano materiali che sul momento potevano far pensare a un ordigno, cioè pile collegate da fili elettrici e una bottiglia di vetro con dentro del liquido gelatinoso su cui sono in corso esami di laboratorio.

Al momento sembra escluso che potessero essere congegnati in modo tale da costituire un ordigno efficace, seppur rudimentale. Gli accertamenti tecnici comunque proseguono.

Indagini sono in corso anche per rintracciare l’uomo, che è riuscito a scappare dopo aver spaventato l’impiegata. Gli investigatori hanno una descrizione e potrebbe essere tracciato un identikit.

L'articolo Grosseto: tenta rapina con un falso pacco bomba proviene da www.controradio.it.

Sotto sella bici aveva 67 dosi cocaina, arrestato a Grosseto

Sotto sella bici aveva 67 dosi cocaina, arrestato a Grosseto

Il 20enne, mentre era in bicicletta a Grosseto, alla vista degli agenti ha cercato di scappare ma è stato fermato.

Aveva 67 dosi di cocaina, pronte per essere spacciate, per oltre 40 grammi. Con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti è finito in carcere a Follonica (Grosseto),Un giovane di 20 anni, di nazionalità marocchina senza fissa dimora, l’arresto è avvenuto nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio nel comune di Follonica predisposti dalla questura con l’ausilio degli equipaggi del nucleo prevenzione crimine.
Durante il controllo i poliziotti hanno notato che nella tasca posteriore dei pantaloni il ragazzo aveva una mazzetta di denaro della quale non ha saputo giustificarne la provenienza, mentre occultato all’interno della bici, nel mozzo della sella, è stato rinvenuto un calzino con dentro lo stupefacente. Il 20enne è stato condotto nel carcere di Grosseto.
Nel frattempo tenta di investire i finanzieri che gli impongono l’alt per un controllo, 25enne calabrese residente in Valdarno fermato dagli uomini delle fiamme gialle della compagnia di San Giovanni Valdarno (Arezzo).
Il 25enne è stato trovato in possesso di 700 grammi di marijuana e arrestato. Tutto si è svolto la notte di mercoledì scorso, quando i militari hanno notato nella zona di Cavriglia, un uomo che, alla vista della macchina di servizio, si è allontanato rapidamente.
Poco dopo gli hanno intimato l’alt e il conducente ha tentato di investire i finanzieri, che sono riusciti comunque a bloccare il mezzo. All’interno dell’autovettura, è stato rinvenuto, occultato sotto un sedile, un involucro contenente circa 700 grammi di marijuana, sottoposta a sequestro. L’uomo è stato arrestato.

L'articolo Sotto sella bici aveva 67 dosi cocaina, arrestato a Grosseto proviene da www.controradio.it.

In gita a 11 anni si perde nel bosco, ricerche in corso in Maremma

In gita a 11 anni si perde nel bosco, ricerche in corso in Maremma

Momenti di angoscia nel territorio di Scarlino, a Grosseto, per la ricerca ancora in corso del bambino di 11 anni disperso nel bosco mentre era in gita con la scuola.

Ricerche in corso per trovare il bambino di 11 anni che, in gita con la propria classe in località Portiglioni, nel comune di Scarlino (Grosseto) sembrerebbe, secondo quanto emerso, essersi allontanato dal resto del gruppo, forse addentrandosi nel bosco, e perdendosi. Da quanto appreso la scolaresca in gita sarebbe arrivata da fuori della provincia di Grosseto.

Alle ricerche partecipano carabinieri, Soccorso alpino e speleologico ed è stato allertato anche l’elicottero dei vigili del fuoco, mentre le squadre mobili sono già sul posto. Sono presenti poi due squadre cinofili dei comandi dei pompieri di Grosseto e Arezzo, oltre a tutte le associazioni di volontari e Croce Rossa. Allertate anche squadre di altri comandi pronte a intervenire se ci sarà bisogno di altre ricerche, e il 118.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

L’articolo In gita a 11 anni si perde nel bosco, ricerche in corso in Maremma proviene da www.controradio.it.

In gita a 11 anni si perde nel bosco, ricerche in corso in Maremma

In gita a 11 anni si perde nel bosco, ricerche in corso in Maremma

Momenti di angoscia nel territorio di Scarlino, a Grosseto, per la ricerca ancora in corso del bambino di 11 anni disperso nel bosco mentre era in gita con la scuola.

Ricerche in corso per trovare il bambino di 11 anni che, in gita con la propria classe in località Portiglioni, nel comune di Scarlino (Grosseto) sembrerebbe, secondo quanto emerso, essersi allontanato dal resto del gruppo, forse addentrandosi nel bosco, e perdendosi. Da quanto appreso la scolaresca in gita sarebbe arrivata da fuori della provincia di Grosseto.

Alle ricerche partecipano carabinieri, Soccorso alpino e speleologico ed è stato allertato anche l’elicottero dei vigili del fuoco, mentre le squadre mobili sono già sul posto. Sono presenti poi due squadre cinofili dei comandi dei pompieri di Grosseto e Arezzo, oltre a tutte le associazioni di volontari e Croce Rossa. Allertate anche squadre di altri comandi pronte a intervenire se ci sarà bisogno di altre ricerche, e il 118.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

L'articolo In gita a 11 anni si perde nel bosco, ricerche in corso in Maremma proviene da www.controradio.it.

Morto Scarck, pastore tedesco dell’unità cinofila dei Vigili del Fuoco

Morto Scarck, pastore tedesco dell’unità cinofila dei Vigili del Fuoco

Anche se non indossava la divisa, seguiva sempre fedelmente il suo conduttore su ogni tipologia d’intervento, pronto a lavorare: Scarck è morto pochi giorni fa dopo avere subito un intervento chirurgico nel tentativo di salvargli la vita, ma non ce l’ha fatta.

Era in servizio da oltre quattro anni e si era distinto in varie operazioni di soccorso: Scarck, un cane pastore tedesco di nove anni, era diventato in tutto e per tutto un Vigile del Fuoco, dopo avere superato a pieni voti il periodo di addestramento obbligatorio per entrare a fare parte dell’unità cinofila del comando prov.le di Grosseto.

Il pastore tedesco si muoveva in perfetta simbiosi con il Vd Matteo Angeloni: insieme facevano parte del nucleo cinofilo Vvf della Toscana, ma spesso venivano chiamati ad operare anche sul territorio nazionale.

Il cane per un cinofilo dei Vigili del Fuoco non è considerato uno strumento di lavoro, ma un compagno con il quale condividere emozioni, soddisfazioni e sacrifici. L’unità cinofila è un team a due, costituito dal vigile del fuoco (conduttore) e dal cane, di sua proprietà. Un rapporto che, nelle operazioni di soccorso, fa emergere sia le capacità umane che dell’animale per garantire il ritrovamento di un disperso in terremoti, alluvioni, crolli, esplosioni, boschi, parchi. Il conduttore, per il cane.

E’ il suo capobranco Scarck aveva mostrato immediatamente da piccolo le sue attitudini per questo tipo di lavoro. Era bravo soprattutto nel contribuire alla ricerca di persone, localizzando sotto le macerie numerose persone, e consentendone l’estrazione di altre ancora in vita. Scarck, nei suoi quattro anni che ha lavorato a Grosseto nel soccorso è stato impiegato su circa cinquanta interventi, molti dei quali importanti e difficili allo stesso tempo.

Il suo conduttore Matteo Angeloni ne ricorda uno in particolare “Stavamo operando nella zona di Montaione Firenze. Eravamo stati chiamati per ricercare una anziana donna tedesca con problemi di Alzheimer che si era allontanata improvvisamente da casa. In quella occasione abbiamo operato in una zona molto difficile da perlustrare non solo per la complessità del terreno, ma soprattutto per il caldo che faceva nel mese di agosto. Ricordo che Scarck fu instancabile in quella occasione, tanto che rischiò parecchio a causa di un colpo di calore, nonostante continuassi a idratarlo e a farlo bere. Contribuì nel ritrovamento della donna che purtroppo era deceduta nel corso della notte” , conclude il Vd Matteo Angeloni, che parla del suo cane con emozione, ricordandolo come un “Collega di lavoro” come in effetti lo è stato.

L'articolo Morto Scarck, pastore tedesco dell’unità cinofila dei Vigili del Fuoco proviene da www.controradio.it.