Grosseto: bimbo disabile bullizzato, condannato Ministero dell’Istruzione

Grosseto: bimbo disabile bullizzato, condannato Ministero dell’Istruzione

Grosseto: un bambino disabile bullizzato per anni in una scuola elementare  e il tribunale condanna il ministero dell’Istruzione a risarcire la vittima e la famiglia per 95mila euro, per i danni fisici e morali causati dal bullismo.

Dal 2012 al 2016, come riporta oggi Il Tirreno, il bambino, oggi 15enne, con un grave problema fisico di deambulazione, è stato preso di mira da alcuni compagni che sistematicamente lo picchiavano e offendevano durante le pause delle lezioni, a ricreazione, e anche fuori dalla scuola: calci e pugni, anche quando la vittima era a terra, arrivando perfino a fratturargli una mano, oltre alle tante ‘ferite’ psicologiche.

Nel 2016 i genitori hanno deciso di promuovere una causa contro la scuola sostenuti dal loro legale Serena Iazzetta, dopo l’episodio della mano fratturata. In ospedale il personale
medico rilevò i segni di violenze sul bambino, che allora aveva 10 anni, facendo scattare il Codice rosa.

Ai medici il piccolo raccontò che quelle ferite derivano dalle botte subite dai compagni di scuola. “C’è una sentenza di primo grado del tribunale civile di Firenze che condanna il ministero dell’Istruzione e l’assicurazione dell’istituto a risarcire la vittima e la famiglia per un totale di 95mila euro – spiega l’avvocato Iazzetta -. Il ministero ha accettato la pronuncia. L’assicurazione dell’istituto scolastico delegata al pagamento
dei danni, invece, ha deciso di ricorrere in appello”. Per Iazzetta “è stata riconosciuta dal tribunale per la prima volta la ripetitività di queste condotte. Ecco perché si parla di
bullismo e non di lesioni a scuola. Fortunatamente, almeno per il momento, è stata fatta giustizia”.

L'articolo Grosseto: bimbo disabile bullizzato, condannato Ministero dell’Istruzione da www.controradio.it.

Costa Grosseto: via libera piano regionale prevenzione antincendi pinete

Costa Grosseto: via libera piano regionale prevenzione antincendi pinete

La Regione Toscana ha adeguato il proprio Piano specifico di prevenzione antincendi boschivi (Aib) per le pinete litoranee di Grosseto

L’adeguamento del piano antincendi segue una serie di indicazioni contenute nel parere del Consiglio di Stato del giugno 2020 e con l’approvazione del piano arrivata nella scorsa giunta regionale, spiega una nota, sarà adesso possibile dare seguito agli interventi previsti, già in parte realizzati, nell’area di Marina di Grosseto e Principina a Mare.

Si tratta in particolare di interventi selvicolturali a carico del sottobosco in una fascia ristretta a ridosso degli abitati e delle strutture ricettive, in particolare campeggi, che caratterizzano quel tratto di costa.

L’obiettivo è di evitare il ripetersi di quanto avvenuto anche recentemente, nel 2017, quando le fiamme di uno spaventoso rogo arrivarono a lambire le case distruggendo le autovetture nei pressi delle abitazioni.

“E’ un passo importante lungo la strada della prevenzione imboccata già da qualche anno da Regione Toscana – ha detto la vicepresidente della Regione e assessore all’agroalimentare Stefania Saccardi – una strada che consente di coniugare la difesa del patrimonio forestale con quella degli insediati abitativi e delle infrastrutture in maniera puntuale e non invasiva. Quello dalla prevenzione antincendi è un tema che richiede conoscenze, professionalità e innovazione, un tema difficile perché significa lavorare in tempo di pace per far sì di ridurre il rischio di eventi che, sempre più frequentemente negli ultimi anni, si vanno verificando a causa del mutare delle condizioni climatiche e del progressivo abbandono delle foreste”.

L'articolo Costa Grosseto: via libera piano regionale prevenzione antincendi pinete proviene da www.controradio.it.

Uomo accoltellato in centro a Grosseto, aggressore ricercato

Uomo accoltellato in centro a Grosseto, aggressore ricercato

Un 36enne è stato accoltellato all’addome nel centro di Grosseto e sarebbe in gravissime condizioni all’ospedale Le Scotte di Siena, dove è stato trasportato con l’elicottero per essere operato.

L’aggressione è avvenuta intorno alle 18 di ieri  nel centro cittadino. L’uomo era in compagnia di una ragazza quando, per cause al vaglio  dei carabinieri, è stato raggiunto da un fendente.  L’aggressore sarebbe fuggito a piedi ed è tutt’ora ricercato. La giovane ascoltata in caserma non avrebbe fornito elementi utili per il riconoscimento dell’aggressore.  I militari stanno anche visionando le telecamere di videosorveglianza della zona.

L’uomo di origine libica  è stato accoltellato all’addome  in via Damiano Chiesa. L’aggressore è scappato a piedi e i militari lo stanno cercando. La vittima sarebbe stata trovata riversa a terra poco distante dal luogo dell’aggressione, non lontano dalla prefettura. La ragazza, grossetana, che era in compagnia del 36enne è stata portata in caserma per essere ascoltata ma, secondo quanto appreso, non avrebbe fornito elementi utili a individuare l’aggressore e a spiegare le cause dell’accaduto. Il ferito è stato trasportato all’ospedale di Grosseto e successivamente alle Scotte di Siena con l’elicottero.

Dopo l’aggressione il 36enne, sanguinando copiosamente, ha provato a raggiungere la vicina via Oberdan ma è crollato a terra privo di sensi. All’arrivo dei carabinieri uno dei militari ha cercato di fermare l’emorragia utilizzando la giacca della sua divisa, in attesa dell’arrivo del 118.

L'articolo Uomo accoltellato in centro a Grosseto, aggressore ricercato proviene da www.controradio.it.

Teatro: sagome di cartone al posto del pubblico a Grosseto

Teatro: sagome di cartone al posto del pubblico a Grosseto

E’ il progetto intitolato ‘Il pubblico di domani’, che il Comune di Grosseto rivolge alle scuole e più in generale ai giovani, in previsione delle dirette streaming della stagione teatrale.

La partecipazione consiste nel fornire disegni, foto o altro a piacere di loro stessi, dalla testa fino alle spalle, su carta, cartoncino o cartone. Queste sagome verranno poi adeguatamente rinforzate dal personale del teatro e verranno collocate sulle poltrone della platea e dei palchi, a simulare il pubblico.

“Con questa iniziativa – commentano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e il vicesindaco e assessore alla cultura, Luca Agresti – vogliamo rendere meno triste l’assenza di spettatori in teatro e il modo migliore per farlo ci è sembrato coinvolgere bambini, bambine, ragazzi e ragazze, che rappresentano il pubblico di domani. In questo momento di grande difficoltà vogliamo comunque sostenere il mondo dello spettacolo e andare avanti grazie alle dirette online”.

L'articolo Teatro: sagome di cartone al posto del pubblico a Grosseto proviene da www.controradio.it.

Presunte molestie a 13enne, indagini dei carabinieri

Presunte molestie a 13enne, indagini dei carabinieri

Accertamenti sono in corso da parte dei carabinieri di Grosseto su presunte molestie sessuali che potrebbe aver subito una tredicenne.

Le indagini sono scattate dopo l’intervento nei giorni scorsi dei militari in un campeggio della Maremma dove la minore era in vacanza con la famiglia, a seguito di una lite. Il diverbio, da quanto appreso, avrebbe riguardato altre questioni ma nell’occasione sarebbe emerso il racconto su presunte molestie  subite da parte di un conoscente della sua famiglia. La notizia di indagini su un presunto caso di abusi sulla minore è stata riportata oggi dalla Nazione.

L'articolo Presunte molestie a 13enne, indagini dei carabinieri proviene da www.controradio.it.