Coronavirus: Livorno sospende pagamento rette nido e quota mensa per primaria

Coronavirus: Livorno sospende pagamento rette nido e quota mensa per primaria

Il Comune di Livorno ha deciso formalmente di sospendere il pagamento delle rette dei servizi educativi 0/3 anni del sistema integrato, per tutto il periodo dell’emergenza coronavirus (ad oggi fino al 3 aprile), sia nei nidi pubblici che in quelli privati convenzionati. Sospesa anche la quota relativa alla mensa nella scuola primaria. L’offerta pubblica integrata 0/3 anni riguarda 941 bambini, di cui 412 in strutture private convenzionate.

L’indirizzo è stato espresso dall’amministrazione nel corso di una seduta di giunta avvenuta in parte in presenza e in parte in videoconferenza e a seguito di approfondimenti e di un confronto con i gestori dei nidi privati. Anche i gestori privati dovranno purtroppo fare a meno delle rette delle famiglie, come la vicesindaco Monica Mannucci ha dovuto confermare agli interessati.

“Siamo in contatto costante con i gestori dei servizi privati convenzionati – sottolinea la
vicesindaco – e li abbiamo invitati ad usare gli ammortizzatori sociali che il Governo ha previsto, riservandoci di supportarli in questa delicata fase anche nell’individuazione degli strumenti più idonei previsti dalla legge. Il Comune verserà comunque alle strutture private la propria quota parte, a fronte del mantenimento dell’attività nelle sue forme ‘a distanza’ con proposte di attività per le famiglie ed i bambini di tutti i servizi del sistema integrato”.

L'articolo Coronavirus: Livorno sospende pagamento rette nido e quota mensa per primaria proviene da www.controradio.it.

Livorno: controlli e informazione per evitare assembramenti sul lungomare nel week end

Livorno: controlli e informazione per evitare assembramenti sul lungomare nel week end

‘Spero che i cittadini capillarmente informati sappiano richiamare il proprio senso di responsabilità evitando assembramenti anche in vista del fine settimana che si preannuncia di bel tempo. Gestire il lungo mare è molto difficile ma con megafoni e passaggi frequenti dei vigili stiamo cercando di tenere alta la guardia” afferma ai nostri microfoni  il sindaco di livorno Luca Salvetti.

Livorno risponde così al rispetto delle disposizioni governative. Controlli anche ai camper e isolamento per i vacanzieri provenienti dal nord.

L'articolo Livorno: controlli e informazione per evitare assembramenti sul lungomare nel week end proviene da www.controradio.it.

Carcere Livorno, colloqui con detenuti via Skype

Carcere Livorno, colloqui con detenuti via Skype

“L’amministrazione penitenziaria entro la settimana attiverà un servizio skype per permettere ai detenuti del carcere di Livorno di poter colloquiare con i familiari tramite collegamento Internet con postazioni pc dedicate, in modo da alleggerire il clima di preoccupazione per la sospensione dei colloqui e delle visite in carcere da parte dei familiari, in seguito all’emergenza Coronavirus”. Lo riferisce il garante dei detenuti del Comune di Livorno Giovanni De Peppo.

Lo stesso garante comunale insieme al direttore del carcere, Carlo Mazzerbo, e al comandante della polizia penitenziaria, Marco Garghella, ha avuto colloqui con i detenuti di media e alta sicurezza, circa 250 persone, spiegando le criticità dovute all’infezione del coronavirus e alle iniziative messe in atto per alleggerire il clima di preoccupazione che poteva emergere in seguito all’emergenza sanitaria in atto.
Saranno infatti posizionate due o tre postazioni pc all’interno del carcere, che saranno attivate sia la mattina che il pomeriggio, grazie anche all’impegno della polizia penitenziaria per permettere ai detenuti attraverso un sistema Skype di parlare con i propri familiari. Intanto si parte su Livorno, ma in seguito il servizio sarà esteso anche sull’isola carcere di Gorgona, che accoglie attualmente 100 detenuti.
“Il direttore – ha aggiunto De Peppo – ha anche confermato la sua iniziativa nei confronti della magistratura di sorveglianza al fine di segnalare la possibilità di alternative alla detenzione in carcere rispetto a casi che abbiano quelle caratteristiche e condizioni di applicazione praticabili”.

L'articolo Carcere Livorno, colloqui con detenuti via Skype proviene da www.controradio.it.

Coronavirus, Livorno: primo paziente positivo al coronavirus

Coronavirus, Livorno: primo paziente positivo al coronavirus

Si tratta di un 50enne che da ieri sera è ricoverato in isolamento nel reparto di rianimazione. Intanto  a Forte dei Marmi (Lucca) il sindaco  tranquillizza la popolazione in seguito alla quarantena, scattata ieri, per un giocatore della squadra locale di hockey su pista

A Livorno è stato rilevato il primo paziente positivo al coronavirus, un 50enne che da ieri sera è ricoverato in isolamento nel reparto di rianimazione nell’ospedale cittadino. Le sue condizioni sono critiche ma stabili. L’uomo si era presentato ieri autonomamente al pronto soccorso. Tutti gli operatori del reparto che sono entrati in contatto con lui erano già stati posti in quarantena preventiva.

“Le persone che saranno oggetto di ordinanza di quarantena sono 12: nove operatori sanitari, più la moglie, la figlia e il medico curante” del paziente. Lo ha annunciato il sindaco di Livorno Luca Salvetti insieme al prefetto Gianfranco Tomao.

Il sindaco di Forte dei Marmi Bruno Murzi, con un videomessaggio su facebook ha voluto:  “rassicurare i genitori delle squadre giovanili della società perché la dirigenza ha subito allontanato coloro che potrebbero essere stati a contatto col tesserato, che solo per scopo precauzionale è in quarantena. Ringrazio la società che si è dimostrata attenta ad una situazione così delicata che è sempre in evoluzione. Intendo tranquillizzare la popolazione che sul nostro territorio non abbiamo situazioni di estrema gravità e che continueremo la nostra massima attenzione riguardo questo problema”.

 

L'articolo Coronavirus, Livorno: primo paziente positivo al coronavirus proviene da www.controradio.it.

Coronavirus: paziente positivo in rianimazione a Livorno

Coronavirus: paziente positivo in rianimazione a Livorno

Un paziente di 50 anni risultato positivo al tampone del coronavirus è ricoverato in isolamento nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Livorno. A Chiusi (Siena) imminenti le chiusure della scuola primaria 15 giorni e, per quattro giorni, di tutte le altre scuole nel comune: lo ha deciso il sindaco Jury Bettollini dopo che un 31enne è risultato positivo al Coronavirus ieri.

Secondo quanto riferisce la Ausl Toscana Nord Ovest le condizioni del cinquantenne sarebbero critiche. L’uomo si era presentato autonomamente al pronto soccorso. Successivamente tutti gli operatori del reparto che sono entrati in contatto con lui sono stati posti in quarantena preventiva. La Asl è già attivata per individuare eventuali altri soggetti che nei giorni precedenti siano stati in contatto con l’uomo.

“A seguito del primo caso di coronavirus a Livorno si è aperta l’unità di crisi – scrive stanotte su Fb il sindaco Luca Salvetti – Adesso con il vicesindaco Monica Mannucci, l’assessore Raspanti, i dirigenti e i funzionari siamo in Comune in attesa di informazioni per avviare le eventuali procedure che la Asl riterrà necessarie e per attuare il piano di emergenza alla luce del nuovo caso”.

Chiusura della scuola primaria 15 giorni e chiusura – ma per quattro giorni – di tutte le altre scuole nel comune: lo ha deciso il sindaco di Chiusi (Siena) Jury Bettollini dopo che un 31enne è risultato positivo al Coronavirus ieri. Secondo l’ordinanza, la chiusura si è resa necessaria “in considerazione della socializzazione che si svolge all’interno della scuola” poiché “risulta difficile circoscrivere i contatti per evitare la diffusione ulteriore del virus”.

“Considerato che è in corso l’indagine epidemiologica sui contatti si ritiene opportuno, in via cautelativa a tutela della salute pubblica – conclude il sindaco nella stessa ordinanza – disporre la chiusura anche degli altri plessi per un periodo di quattro giorni salvo eventuali proroghe concordate con le strutture sanitarie”.

L'articolo Coronavirus: paziente positivo in rianimazione a Livorno proviene da www.controradio.it.