Siccità, Giani: Toscana sta meglio grazie a scelte strategiche fatte in passato

Siccità, Giani: Toscana sta meglio grazie a scelte strategiche fatte in passato

Lo ha detto il presidente della giunta Regionale Eugenio Giani. Intanto sono sempre di più i comuni toscani che, causa siccità, pongono limiti all’uso della risorsa idrica.

Ieri ho partecipato a questo summit a Roma con il direttore della protezione civile Curcio, alla presenza del presidente Fedriga e di alti governatori di Regione e ci siamo resi conto che c’è un livello differenziato in Italia. La Toscana sta leggermente meglio degli altri perché abbiamo fatto scelte strategiche: penso al lago di Bilancino e a tutta una serie di invasi che hanno consentito oggi di poter avere una raccolta di acque reflue e di distribuzione controllata”. Lo ha detto il presidente della Toscana, Eugenio Giani, parlando della situazione idrica e del rischio siccità  in Toscana.

Sul fronte della siccità, ha aggiunto Giani,  “ritengo che nel breve tempo sia importante la flessibilità, ovvero la possibilità di ogni sindaco di capire qual è lo stato del proprio territorio, poi se la situazione diventerà più drammatica è evidente che dovremo intervenire a livello regionale”.

Giani ha poi ribadito di voler arrivare “a una legge speciale. Chiamerò i miei assessori per arrivare a elaborare in rapporto con il Consiglio regionale una legge che possa introdurre procedure agevolate per invasi, laghi e raccolta d’acqua che in un periodo di questo genere ci possa soccorrere perché la siccità non è il problema di un anno, ormai è chiaro che i cambiamenti climatici sono strutturali”.

Intanto  Si moltiplicano le misure dei Comuni toscani per limitare il consumo di acqua a fronte della siccità. A Siena viene fatto divieto assoluto, sul territorio comunale, di utilizzare l’acqua potabile per scopi diversi da quelli igienico-domestici, fino al 31 agosto. I trasgressori saranno puniti con una sanzione amministrativa da 100 a 500 euro.

Anche a Fucecchio (Firenze), il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli ha disposto lo stesso divieto fino al 30 settembre. Analoga misura è stata disposta dal sindaco di Vinci (Firenze) Giuseppe Torchia per impedire un uso improprio dell’acqua. Dello stesso avviso un’ordinanza emanata dal primo cittadino di Montelupo Fiorentino (Firenze) Paolo Masetti valida fino al 30 settembre. Un appello al risparmio idrico arriva dal sindaco di Lastra a Signa (Firenze) Angela Bagni. “Il caldo record di queste settimane e la  siccità dovuta alla scarsità e all’assenza di piogge sta creando un pericoloso allarme idrico e ambientale – sottolinea -. Ci appelliamo quindi alla responsabilità e alla sensibilità di ogni cittadino perché capisca e comprenda quali sono le azioni da intraprendere in questo momento, considerando che purtroppo le condizioni climatiche attuali si protrarranno ancora per qualche tempo”.

L'articolo Siccità, Giani: Toscana sta meglio grazie a scelte strategiche fatte in passato da www.controradio.it.

Covid, Montelupo: genitore dona strumenti per la didattica a distanza

Covid, Montelupo: genitore dona strumenti per la didattica a distanza

Un genitore di Montelupo Fiorentino, Francesco Giannasi, ha deciso di donare apparecchiature informatiche per aiutare l’istituto scolastico del proprio paese ad affrontare la didattica a distanza.

Grazie a questo gesto, l’istituto, frequentato dai due figli, ha ottenuto sei kit composti da monitor, tastiere, mouse, hard disk esterni e 20 chiavi Usb da 32Gb di memoria.

“Ci è sembrato il momento giusto per fare un gesto del genere – commenta Giannasi – in modo da poter, in questo momento così buio e triste, aiutare realtà come la scuola ed il Comune che si stanno impegnando al meglio per poter consentire a studenti e studentesse di continuare a studiare ed apprendere”.

L’uomo, che inizialmente voleva acquistare delle mascherine, alla fine ha optato per strumenti informatici in quanto, lavorando in un’azienda di settore, avrebbe avuto accesso a prezzi più vantaggiosi rispetto a quelli previsti per il cliente finale.

L'articolo Covid, Montelupo: genitore dona strumenti per la didattica a distanza proviene da www.controradio.it.

Crolla muro collina a Montelupo: 5 famiglie evacuate

Crolla muro collina a Montelupo: 5 famiglie evacuate

Cinque famiglie sono state evacuate dai pompieri da altrettante abitazioni sopra la collina di Montelupo Fiorentino il cui muro di contenimento, in cemento armato, è parzialmente franato in un posteggio distruggendo alcune auto in sosta.

Secondo una ricostruzione del Comune gli abitanti hanno sentito un boato e poi c’è stato il crollo del muro che appena qualche mese fa era stato dipinto dall’artista di strada Ligama. Ricerche sono in corso per eventuali persone tra le macerie ma al momento non risulta nessun coinvolto, ci sono solo evidenti ingenti danni materiali.
Intanto per precauzione sono state evacuate le cinque famiglie. Due hanno trovato un alloggio da parenti, alle altre tre sta provvedendo l’amministrazione comunale. Chiuse via Marconi e la passerella pedonale sul fiume Pesa. Il sindaco di Montelupo Giulio Masetti sta rientrando da Milano dove si trovava per recarsi sul luogo della frana. Sul posto anche la protezione civile.
“Ho sentito prima un boato, poi l’urlo di alcune ragazze che avevano appena parcheggiato ed hanno fatto appena in tempo a mettersi in salvo dal crollo delle macerie. Le auto in sosta lungo il fiume Pesa sono rimaste integre, ma quelle che erano dalla parte del muro andate distrutte”. Lo racconta una testimone della frana avvenuta ieri sera a Montelupo Fiorentino (Firenze), Sara Bandini, che ha assistito al crollo mentre stava lavorando in un bistrot. “È successo in un attimo: il muro è caduto tutto insieme, velocemente, c’è stato un boato”, racconta ancora. Lo stesso locale ha dato la prima assistenza sia ai 15 evacuati dalle case sulla sommità della collina, rimaste in piedi ma attualmente non accessibili, sia alle ragazze fuggite dal parcheggio. “Il muro presentava delle crepe ma erano state monitorate – ricorda la testimone – Avevano fatto dei lavori e dei controlli a settembre, inserendo delle specie di gabbie di contenimento”.

L'articolo Crolla muro collina a Montelupo: 5 famiglie evacuate proviene da www.controradio.it.

Torna agibile il Palasport di Montelupo F.no

Torna agibile il Palasport di Montelupo F.no

Dal prossimo lunedì il palasport di Montelupo Fiorentino (Firenze) tornerà disponibile per la comunità. La copertura dell’immobile lo scorso 26 agosto era stato danneggiato da un violento temporale e dal vento forte.

Il Comune fa sapere che la ditta incaricata dal municipio ha rimosso le parti pericolanti e applicato una struttura provvisoria al tetto. Inoltre lunedì scorso era stato dato il nulla osta anche all’utilizzo dell’adiacente stadio. Quest’ultimo infatti era stato chiuso a causa della pericolosità di alcune parti del tetto del palazzetto che si erano staccate.

Nella nota si legge che inizieranno i lavori che erano stati già previsti per la costruzione definiva del nuovo tetto. Le operazioni dureranno per circa due mesi e non interferiranno sulle attività delle squadre di pallavolo e delle atlete di ginnastica artistica e ritmica, conclude il comune.

L'articolo Torna agibile il Palasport di Montelupo F.no proviene da www.controradio.it.