La montagna in movimento: primo Open Days per l’Ecomuseo della Montagna Pistoiese

La montagna in movimento: primo Open Days per l’Ecomuseo della Montagna Pistoiese

Comincia oggi l’open days per l’Ecomuseo della Montagna Pistoiese in occasione di “PistoiAbetone 2018” e “Cammino di San Bartolomeo”.

L’Ecomuseo della Montagna Pistoiese organizza per le giornate di oggi e domani un Open days, con apertura straordinaria e gratuita di gran parte dei propri poli, in occasione della gara podistica Pistoia-Abetone Ultramarathon e dell’iniziativa, Cammino di San Bartolomeo – 100 km con il pellegrino, curata dal Gruppo Studi Alta Val di Lima.

L’ultimo weekend di giugno la Montagna Pistoiese sarà infatti animata da due importanti eventi: la Pistoia-Abetone Ultramarathon, gara podistica alla sua 43esima edizione che si svolgerà il 24 giugno e il Cammino di San Bartolomeo – 100 km con il pellegrino, un percorso storico, naturalistico e devozionale che unisce Fiumalbo a Pistoia, attraversando tutto il territorio montano; promosso dal Gruppo Studi Alta Val di Lima e organizzato con la collaborazione di varie associazioni, il cammino avrà luogo da venerdì 22 a domenica 24 giugno.

A queste due importanti manifestazioni l’Ecomuseo affianca la propria offerta, mettendo a disposizione degli atleti, dei pellegrini, degli accompagnatori presenti e di tutti coloro che saranno interessati, l’opportunità di scoprire e di godere le esperienze culturali e naturalistiche legate alle peculiarità della nostra montagna: una scelta tra arte, archeologia, storia, natura e antichi mestieri per soddisfare tutti i gusti.

I musei saranno aperti dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00 e sarà possibile visitare ad ingresso libero:

* il Museo del Ferro e il Giardino Didattico (Via La Piana, Pontepetri);

* l’antica Ferriera Papini (Via del Teso, Maresca);

* il Punto Informativo Palazzo Achilli (Piazzetta Achilli, Gavinana);

* il Museo Diocesano d’Arte Sacra (Piazza della Chiesa, Popiglio);

* il Museo della Gente dell’Appennino Pistoiese (Via degli Scoiattoli, Rivoreta);

* la Ghiacciaia della Madonnina (Via Modenese SR 66, Le Piastre) – visite guidate alle ore 10.00, 11.30, 15.00, 16.30 e 18.00 con ritrovo al parcheggio di Le Piastre presso la pensilina dell’Ecomuseo;

* la Via della Castagna e del Carbone (Via di Paoluccio, Orsigna) – visite guidate alle ore 10.00, 11.30, 15.00, 16.30 e 18.00 con ritrovo al ristorante Molino di Berto.

Un’occasione speciale per iniziare nel migliore dei modi la stagione estiva!

L'articolo La montagna in movimento: primo Open Days per l’Ecomuseo della Montagna Pistoiese proviene da www.controradio.it.

Abusi su allieva minorenne, condannato allenatore

Abusi su allieva minorenne, condannato allenatore

Sei anni e due mesi di reclusione: è la condanna inflitta ieri dal gup di Pistoia a un allenatore 66enne per violenza sessuale pluriaggravata su una 12enne che giocava in una squadra da lui allenata nel Pistoiese.

L’uomo è stato condannato anche a una previsionale di 80 mila euro di risarcimento per la giovane vittima e al pagamento di 15 mila euro ciascuno ai genitori della ragazza, che si sono costituiti parte civile, oltre alle spese processuali. Per il 66enne anche l’interdizione perpetua da qualunque incarico nelle scuole, e da ogni istituzione o strutture, sia pubbliche che private, frequentate prevalentemente da minori.

A scoprire la vicenda era stata la madre della giovane vittima, allerta dal rapporto particolarmente conflittuale con la figlia, che aveva deciso di affidarsi a una psicoterapeuta per capire cosa stesse accadendo, raccontandole che la ragazzina aveva una corrispondenza molto fitta di messaggi con il suo allenatore. La specialista aveva messo in guardia la donna su quello scambio di messaggini, dalla cui analisi sono emerse le responsabilità dell’uomo.

L'articolo Abusi su allieva minorenne, condannato allenatore proviene da www.controradio.it.

Incidenti: motociclista 58enne muore nel Pistoiese 

Incidenti: motociclista 58enne muore nel Pistoiese 

Incidente mortale intorno alle 7.15 in via Garibaldi, nel comune di Montale (Pistoia): un 58enne di Montemurlo (Prato) che viaggiava a bordo di uno scooter Honda 500, in direzione della stazione ferroviaria, ha perso il controllo del mezzo mentre, probabilmente, stava effettuando una manovra di sorpasso della fila di auto.

La moto, secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, ha urtato un’auto e, dopo aver proseguito la sua corsa tamponando una Toyota Yaris, condotta da una 29enne di Montemurlo (Prato), è finita nel fossato colmo d’acqua che costeggia la carreggiata mentre l’uomo ha urtato violentemente un autobus della linea Copit Quarrata-Agliana-Montale che procedeva in senso opposto.
La vittima, Andrea Mini, era un dipendente della Società Autostrade: l’uomo è morto sul colpo, inutili si sono rivelati tutti i tentativi di rianimarlo da parte dei sanitari del 118. Nessun’altra persona coinvolta nell’incidente sembrerebbe aver subito lesioni.

I rilievi sono stati effettuati dei carabinieri della stazione di Montale coadiuvati da quelli del Norm. La procura ha disposto un esame esterno presso la medicina legale dell’ospedale San Jacopo.

L'articolo Incidenti: motociclista 58enne muore nel Pistoiese  proviene da www.controradio.it.

Trasporti, Pistoia: Comune contro Regione per rincaro bus ospedale

Trasporti, Pistoia: Comune contro Regione per rincaro bus ospedale

Andrà all’esame della Regione Toscana la proposta deliberata dalla Giunta comunale di Pistoia, guidata dal sindaco Alessandro Tomasi, per evitare l’aumento di oltre il 200% sul biglietto dell’autobus che dalla stazione porta all’ospedale San Jacopo (linea H).

“Ci siamo trovati di fronte a un aumento da 90 centesimi a 3 euro già deciso anche per l’autobus che porta all’ospedale e, davanti a questo problema – dichiara il sindaco di Pistoia, Alessandro Tomasi – abbiamo dovuto fare delle scelte che, seppur difficili, sono dettate dal fatto di non poter accettare un rincaro del genere su un servizio utilizzato da chi deve recarsi all’ospedale per visite mediche o per trovare una persona cara ricoverata, con un’alta frequenza di pensionati. Occorre necessariamente tener conto dell’aspetto sociale della linea in questione”.
“Crediamo – spiega l’assessore alla mobilità Alessandro Capecchi – che nell’ambito dei rincari regionali in arrivo, a fronte di investimenti sicuramente importanti e di un miglioramento dei servizi, l’aumento tariffario della linea H debba essere valutato nell’ottica di un servizio particolare che proprio per la sua finalità non può passare dai 90 centesimi attuali per andata e ritorno ai 3 euro, come invece sarebbe previsto dal prossimo primo luglio sulla base del protocollo d’intesa del 2012”.
La giunta comunale di Pistoia propone di passare da 90 centesimi a 1,50 euro, anziché 3 euro. Intanto la giunta continua a lavorare per garantire 144 posti di sosta gratuiti al parcheggio dell’ospedale San Jacopo mettendo in atto quanto stabilito nell’accordo di programma 2005 tra enti locali e privati che hanno costruito il nuovo ospedale, per riuscire così a mettere finalmente a disposizione del Comune il 15% dei posti auto realizzati. Il 24 maggio è previsto un nuovo incontro tra Comune e Asl proprio su questo.

L'articolo Trasporti, Pistoia: Comune contro Regione per rincaro bus ospedale proviene da www.controradio.it.

Reati fiscali e bancarotta fraudolenta: distrazione per 2milioni di euro, 3 arresti

Reati fiscali e bancarotta fraudolenta: distrazione per 2milioni di euro, 3 arresti

Nella mattinata odierna, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 3 persone (1 in carcere e 2 ai domiciliari) residenti nelle province di Firenze e Pistoia, indagate per reati fiscali e bancarotta fraudolenta per distrazione per circa 2 milioni di euro.

L’esecuzione dell’ordinanza per i reati commessi è stata disposta dal Giudice per le indagini Preliminari del Tribunale di Firenze – dott. Maurizio Caivano, su richiesta della locale Procura della Repubblica, diretta dal Procuratore Capo dott. Giuseppe Creazzo.

Contestualmente alle misure cautelari personali si è proceduto anche al sequestro preventivo di un immobile di pregio, sito in Firenze, del valore di circa 2 milioni di euro nonché all’esecuzione di diverse perquisizioni locali.

Il provvedimento giudiziario emesso dall’A.G. fiorentina è stato eseguito dalle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Firenze a conclusione delle indagini, coordinate dal Procuratore Aggiunto – dott. Luca Turco – e dal Sostituto Procuratore – dott.ssa Christine Von Borries -, che hanno accertato la distrazione di circa 2 milioni di euro ed il successivo fallimento, nel 2016, di una società per azioni (con sede in Pontassieve ed operante nel settore dell’installazione di impianti elettrici e lavori generali di costruzioni edifici) operata da un imprenditore fiorentino, dalla sua compagna di origine slovacca e dal loro commercialista di fiducia, in danno dei soggetti creditori dell’impresa e dell’Erario.

Gli accertamenti svolti hanno messo in luce che il denaro sottratto alle casse della società è stato utilizzato per fini privati, avendo avuto “cura” di occultarlo, ponendo in essere le seguenti diverse azioni fraudolente:

* € 740.000, attraverso l’annotazione in contabilità di fatture false emesse, dal 2011 al 2015, da altre 3 società (2 Slovacche – “S. s.r.o.” e “A. a F.V.” – ed 1 italiana – “G. S.r.l.”) amministrate di fatto dallo stesso imprenditore fiorentino;

* € 200.000, simulando l’acquisto, da parte della società fallita, di una casa colonica in territorio Slovacco di proprietà della compagna dell’imprenditore;

* € 980.000, a mezzo di artifizi contabili.

I provvedimenti cautelari eseguiti stamani dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Firenze, sono stati emessi sulla base degli approfondimenti investigativi avviati nell’ambito di una attività di servizio che aveva portato, alla fine del 2016, all’arresto in flagranza di reato di un funzionario pubblico per i reati di corruzione e del legale rappresentante di un’impresa edile fiorentina in relazione al pagamento di una tangente e, nel febbraio scorso, all’esecuzione di una ulteriore ordinanza di applicazione di misure cautelari personali nei confronti di 6 soggetti (5 imprenditori e 1 funzionario del Provveditorato Interregionale OO.PP. – sede di Firenze), indagati, tra l’atro, per reati di corruzione.

L'articolo Reati fiscali e bancarotta fraudolenta: distrazione per 2milioni di euro, 3 arresti proviene da www.controradio.it.