Bullismo: insultano disabile in aula e pubblicano video

Bullismo: insultano disabile in aula e pubblicano video

È accaduto in un Istituto superiore di Pontedera, degli alunni hanno insultato un compagno di classe disabile riprendendo la scena col telfonino e postando il video sui social. Una studentessa sospesa, provvedimenti per altri due

Hanno insultato un compagno di classe disabile e hanno ripreso tutto col telefonino per poi pubblicare il video su un social network. E’ accaduto in una prima classe di un istituto superiore di Pontedera (Pisa), protagonisti un gruppo di alunni della stessa classe. A riportare la notizia il quotidiano ‘Il Tirreno’.

La vicenda è andata avanti fino a quando il disabile ha iniziato a raccontare ai familiari che in aula qualche compagno lo riprendeva con il cellulare. A quel punto, i genitori, hanno iniziato a monitorare i profili dei compagni del figlio scoprendo che una di loro aveva pubblicato il video incriminato.

Sono così partite le denunce. La famiglia, secondo quanto riportato dal quotidiano, si sta tutelando legalmente e inoltre si è rivolta al dirigente scolastico. Una volta resa pubblica la vicenda le immagini sono state subito rimosse mentre l’istituto ha sospeso per circa due settimane la studentessa che aveva pubblicato il video. Provvedimenti disciplinari anche per altri due alunni coinvolti.

L’istituto appena saputo quanto accaduto ha convocato un consiglio di classe straordinario con insegnanti e genitori. “Sono minorenni e c’è il rischio dell’emulazione – spiega il preside -. Faremo una segnalazione oltre a quella della famiglia, nel frattempo abbiamo fatto tutto quello che dovevamo per dare risposte ai genitori dell’alunno disabile e anche per evitare che si ripetano episodi di bullismo”.

L'articolo Bullismo: insultano disabile in aula e pubblicano video proviene da www.controradio.it.

Bullismo: insultano disabile in aula e pubblicano video

Bullismo: insultano disabile in aula e pubblicano video

È accaduto in un Istituto superiore di Pontedera, degli alunni hanno insultato un compagno di classe disabile riprendendo la scena col telfonino e postando il video sui social. Una studentessa sospesa, provvedimenti per altri due

Hanno insultato un compagno di classe disabile e hanno ripreso tutto col telefonino per poi pubblicare il video su un social network. E’ accaduto in una prima classe di un istituto superiore di Pontedera (Pisa), protagonisti un gruppo di alunni della stessa classe. A riportare la notizia il quotidiano ‘Il Tirreno’.

La vicenda è andata avanti fino a quando il disabile ha iniziato a raccontare ai familiari che in aula qualche compagno lo riprendeva con il cellulare. A quel punto, i genitori, hanno iniziato a monitorare i profili dei compagni del figlio scoprendo che una di loro aveva pubblicato il video incriminato.

Sono così partite le denunce. La famiglia, secondo quanto riportato dal quotidiano, si sta tutelando legalmente e inoltre si è rivolta al dirigente scolastico. Una volta resa pubblica la vicenda le immagini sono state subito rimosse mentre l’istituto ha sospeso per circa due settimane la studentessa che aveva pubblicato il video. Provvedimenti disciplinari anche per altri due alunni coinvolti.

L’istituto appena saputo quanto accaduto ha convocato un consiglio di classe straordinario con insegnanti e genitori. “Sono minorenni e c’è il rischio dell’emulazione – spiega il preside -. Faremo una segnalazione oltre a quella della famiglia, nel frattempo abbiamo fatto tutto quello che dovevamo per dare risposte ai genitori dell’alunno disabile e anche per evitare che si ripetano episodi di bullismo”.

L'articolo Bullismo: insultano disabile in aula e pubblicano video proviene da www.controradio.it.

Albero cade su auto in transito, un ferito nel Pisano

Albero cade su auto in transito, un ferito nel Pisano

Un groso albero è caduto improvvisamente stamani su un auto in trasnito nel Comune di Pontedera. Conducente trasportato in ospedale con codice di media gravità

Un grosso platano è crollato all’improvviso stamani a Chiesino, nel comune di Pontedera (Pisa) travolgendo un’auto in transito sulla via Tosco-Romagnola: il conducente, l’unico a bordo, è rimasto ferito ed è stato trasferito all’ospedale con un codice di media gravità. Tutto è accaduto intorno alle 9.30.
Secondo quanto si è appreso, l’albero potrebbe essere caduto in seguito al maltempo degli ultimi giorni. Ora saranno effettuati ulteriori verifiche e accertamenti sulla pianta per comprendere meglio le cause di quando accaduto e, se necessario, effettuare verifiche anche sugli altri alberi che costeggiano la strada per prevenire eventuali ulteriori crolli improvvisi.

L'articolo Albero cade su auto in transito, un ferito nel Pisano proviene da www.controradio.it.

Pontedera, Mattarella: “Patria non è vuoti rigurgiti nazionalistici”

Pontedera, Mattarella: “Patria non è vuoti rigurgiti nazionalistici”

È intervenuto oggi a Pontedera il presidente Sergio Mattarella, parlando di patria e Costituzione, ricordando la figura di Giovanni Gronchi

In Giovanni Gronchi “non fu certamente estranea – in lui, interventista cattolico, volontario nella Prima guerra mondiale e decorato di una medaglia d’argento, due di bronzo e due croci di guerra – la ferma distinzione tra significato e insopprimibilità dei valori patriottici e le infatuazioni di vuoti rigurgiti nazionalistici”.

“Il riferimento fu, esplicito, a “una coscienza nazionale che si rinnova, che attinge ai valori supremi spirituali e storici che – ha aggiunto il presidente Mattarella – la patria sintetizza, che rende imperiosa l’esigenza dell’autonomia e dell’indipendenza verso ogni egemonia dei più forti” e che, proprio per questo “preme per rompere il cerchio fatale dei miti della violenza, del diritto della forza, dell’equilibrio di potenze”.
Quella che una felice formula definì, in altri termini, il passaggio dal diritto della forza alla forza del diritto, nell’ottica della pacificazione internazionale”.

“La sua presidenza ha accompagnato la scelta della nascita e dell’avvio dell’integrazione europea. Di quella che oggi si chiama Unione Europea e che – pur con lacune e contraddizioni – ha assicurato un patrimonio inestimabile di pace e di benessere”.

Mattarella ha poi affrontato il tema della “sanità monetaria”, essenziale per Gronchi: “”La necessità di evitare un finanziamento inflazionistico della spesa statale, evitando deprezzamenti della lira, venne condivisa da Gronchi che fece espresso riferimento, nel messaggio, alla “esigenza inderogabile di mantenere condizioni di sanità monetaria, attraverso una saggia politica per gli investimenti e le spese”.

“Toccò all’antico esponente popolare -prosegue Mattarella- individuare un ruolo istituzionale sino ad allora non sperimentato nella figura presidenziale, utilizzando la “cassetta degli attrezzi” contenuta nella Carta fondamentale. I costituzionalisti furono largamente concordi in un giudizio positivo; non altrettanto alcuni commentatori politici. Il presidente della Repubblica è “custode della Costituzione” e svolge “una funzione di “responsabile vigilanza costituzionale”.

Citando una riflessione di Piero Calamandrei il presidente ha ricordato che Gronchi esprimeva “un’ onesta ed energica volontà di raddrizzamento del timone costituzionale… In questo senso si può veramente dire che la Costituzione parla attraverso il Presidente della Repubblica”.

“Il Presidente della Repubblica pro-tempore è portatore dell’indirizzo di attuazione e di rispetto della Costituzione”. Citando Giovanni Galloni, Mattarella spiega che il Quirinale è “un punto di incontro, di supplenza, gestore non già di una politica di governo, che non gli compete, bensì degli indirizzi fondamentali della Costituzione e rispetto ai quali i programmi di governo sono una espressione”.

“Spetta a me dire queste cose? – si interrogò Gronchi, per poi proseguire: Forse qualcuno ancora sorgerà a parlare di esorbitanza delle funzioni costituzionali di un Capo dello Stato. Ma io credo in coscienza che spetti a questo più per dovere che per diritto il segnare indirizzi e orientamenti quando lo ritenga essenziale agli interessi della Nazione. E con ciò nessun tentativo di sovrapporsi o di sostituirsi al Parlamento o all’Esecutivo ai quali resta integra e rispettata la libera responsabilità di accogliere o non questi orientamenti” conclude il presidente.

 

L'articolo Pontedera, Mattarella: “Patria non è vuoti rigurgiti nazionalistici” proviene da www.controradio.it.

Muore per reazione allergica: indagata anche cuoca agriturismo

Muore per reazione allergica: indagata anche cuoca agriturismo

C’è un nuovo indagato nel fascicolo per omicidio colposo aperto dalla Procura di Pisa relativamente alla morte di Chiara Ribechini, la 24enne di Navacchio (Pisa) deceduta il 15 luglio scorso a causa di una reazione allergica dopo aver cenato in un ristorante.

Si tratta della cuoca dell’agriturismo nel Pisano dove la giovane aveva mangiato in
compagnia del fidanzato e una coppia di amici, il cui nome va ad aggiungersi a quello dell’amministratrice della struttura.
Chiara, che era allergica all’uovo oltre che al latte e ai suoi derivati, si è sentita male mentre stava tornando a casa in auto, ma nonostante un’iniezione di adrenalina fatta sulla gamba e l’intervento del personale del 118 è morta per una grave crisi respiratoria provocata da uno choc anafilattico.
Ieri mattina il pubblico ministero, Giancarlo Dominijanni ha inoltre conferito ad una professionista universitaria l’incarico per ulteriori accertamenti tecnici non ripetibili sui residui rinvenuti nello stomaco della vittima in fase di autopsia e sul vomito repertato dai medici nella fase di soccorso della ragazza in strada nei pressi di Pontedera (Pisa).
Le analisi serviranno infatti ad individuare l’allergene che ha ucciso la giovane.

L'articolo Muore per reazione allergica: indagata anche cuoca agriturismo proviene da www.controradio.it.