Pisa: sequestrate 1 mln sciarpe squadre di calcio false, 3 denunce

Pisa: sequestrate 1 mln sciarpe squadre di calcio false, 3 denunce

Oltre un milione di sciarpe e altri accessori contraffatti riconducibili alle principali squadre di calcio di serie A sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Pisa e tre imprenditori sono stati denunciati per i reati di contraffazione e ricettazione.

L’operazione delle fiamme gialle, coordinata dalla procura di Pisa, è scaturita da dei controlli che, spiega una nota della finanza, “sono partiti da un piccolo esercizio commerciale del centro di Pontedera (Pisa) dove i finanzieri si sono insospettiti per la presenza di alcune sciarpe, apparentemente originali, riconducibili ad alcune tra le maggiori squadre del campionato di Serie A” e ha portato al sequestro di 1.090.048 prodotti contraffatti e alla denuncia di tre imprenditori

Le indagini, soprattutto contabili, hanno permesso, prosegue la nota delle fiamme gialle, di “risalire l’intera filiera del falso, raggiungendo i luoghi di produzione, in provincia di Bergamo e Napoli, passando per quelli di stoccaggio e vendita, in provincia di Firenze”.

Le attività investigative degli uomini della guardia di finanza hanno avuto il supporto di specifiche perizie condotte dagli esperti dei maggiori club interessati dalla vicenda (Juventus, Inter, Milan, Lazio, Napoli e altre) che hanno confermato la falsità dei prodotti.

L'articolo Pisa: sequestrate 1 mln sciarpe squadre di calcio false, 3 denunce proviene da www.controradio.it.

Hate speech a Rondine (AR) con “Youtopic Fest”

Hate speech a Rondine (AR) con “Youtopic Fest”

Dal 7 al 10 giugno, alla Cittadella della Pace di Rondine (AR), si svolgerà lo “Youtopic Fest”, il festival internazionale del conflitto, che quest’anno sarà dedicato alla lotta all’hate speech e al progetto regionale “Voci”.

“Voci– Visioni e azioni interconnesse contro le intolleranze e il discorso d’odio” è un progetto finanziato dalla Regione Toscana che coinvolge tredici realtà del territorio toscano tra ong, associazioni culturali, cooperative sociali e istituzioni locali, in tre capoluoghi della regione (Firenze, Pisa e Arezzo) e le città di Livorno e Pontedera. Il progetto, che si svolge tra giugno e novembre, mira a prevenire il discorso di odio online e offline attraverso un’autoformazione rivolta agli operatori delle organizzazioni coinvolte e una formazione specifica che coinvolga docenti e studenti, perché è la scuola che si trova in prima linea di fronte al difficile compito di affrontare questo fenomeno.

Le formazioni riguarderanno l’educazione ai media, l’approccio interculturale e il coinvolgimento attivo dei ragazzi e delle ragazze in laboratori didattici nelle scuole secondarie di primo e secondo grado e in centri estivi e biblioteche a cura dei partner del progetto. Tre gli eventi pubblici di sensibilizzazione previsti e uno spettacolo teatrale di riflessione sull’incontro con la diversità a cura del Teatro di Rifredi di Firenze. L’obiettivo è quello di sensibilizzare e promuovere una riflessione allargata sui pericoli della diffusione del discorso d’odio nelle sue varie sfaccettature e le possibili strategie di contrasto a livello giuridico, educativo e culturale.

“Il progetto, capofilato da COSPE – dice Chiara Pagni, responsabile del progetto –  sarà una preziosa occasione per formare e sensibilizzare insegnanti, alunni e delle alunne delle scuole secondarie e la società civile tutta della Toscana e renderli protagonisti attivi nella lotta ai discorsi di odio in tutte le sue forme”.

L’evento di lancio del progetto si svolgerà nell’ambito dello Youtopic Fest, il festival internazionale sul conflitto, che per il quarto anno consecutivo si svolge alla cittadella della pace di Rondine, tra i partner del progetto. Durante la tre giorni di eventi, in cui cittadini, rappresentanti delle istituzioni, imprenditori, giornalisti, accademici ed artisti si confrontano con giovani di tutto il mondo per elaborare un nuovo modello globale di convivenza e sostenibilità, si parlerà anche della Strategia Nazionale per l’Educazione alla Cittadinanza Globale, grazie agli interventi di esperti nazionali e di un rappresentante della Regione Toscana che presenteranno “Voci” nell’evento “Parole e conflitto. No hate speech” (venerdì 7 giugno, ore 16.30-Teatro Tenda). Interverranno: Milica – World House di Rondine, Elisa Bacciotti – Oxfam Italia, Francesca Vanoni – Centro per la Cooperazione Internazionale, Trento, Dolores Forgione – Istituto Europeo per lo Sviluppo socio-economico, Enrico Elefante – No Hate Speech Movement e Paolo Caldesi– Regione Toscana. Marco Dotti modererà l’incontro.

L'articolo Hate speech a Rondine (AR) con “Youtopic Fest” proviene da www.controradio.it.

Solarino, Rubini, Leo e Zingaretti al Festivaldera 2019

Solarino, Rubini, Leo e Zingaretti al Festivaldera 2019

Dal 2 al 16 giugno 2019 si svolgerà la seconda edizione del Festivaldera, organizzata da Fondazione Peccioliper e Fondazione Teatro della Toscana insieme a The Other Theater, con il patrocinio dei Comuni di Peccioli, Pontedera e Ponsacco.

I “Giganti” è il tema attorno al quale si è sviluppato il progetto artistico della seconda edizione del Festivaldera: giganti della recitazione, come Sergio Rubini, Valeria Solarino, Edoardo Leo e Luca Zingaretti, che durante il Festival si recheranno nei comuni di Pontedera, Peccioli e Ponsacco per interpretare i monologhi e i testi scritti dal drammaturgo Michele Santeramo. Oltre agli eventi con gli attori, ci saranno inoltre due  appuntamenti con la danza (il 4 giugno a Peccioli e il 12 giugno a Pontedera).

Festivaldera, organizzato da Fondazione Peccioliper e Fondazione Teatro della Toscana insieme al brand culturale The Other Theater, con il patrocinio dei Comuni di Peccioli, Pontedera e Ponsacco, vanta la direzione artistica dell’attore e regista Marco D’Amore, noto per la serie TV “Gomorra”. Grazie alla sua supervisione il festival si svilupperà su sei serate che si inseriscono nel territorio della Valdera immaginata come un panorama che assume una veste naturalmente teatrale. Il Festivaldera ha del resto l’obiettivo di abbracciare più territori, per proporre le eccellenze culturali, ambientali, storiche e turistiche presenti.

I professionisti coinvolti per le creazioni del Festivaldera sono il regista Lino Musella, il musicista Marco Zurzolo, il coreografo Kristian Cellini e il drammaturgo Michele Santeramo, autore dei monologhi del Festivaldera che già dal mese di marzo ha iniziato a lavorare con gli allievi nella nuova Biblioteca Comunale e Archivio Fonte Mazzola a Peccioli.

Appositamente per il festival, il regista Vito Palmieri, basandosi su sei storie scritte da Santeramo, ha girato sei brevi cortometraggi che verranno svelati, uno ad uno, fino al mese di giugno.

Nelle serate del 6,9 2 12 giugno si svolgeranno inoltre dei preshow dedicati all’arte del gusto dal titolo “GUSTI.AMO”, a cura di un “gigante” della Valdera come Rubina Rovini, nata a Pontedera e protagonista di Masterchef All Stars Italia. Le serate vedranno la presenza di proposte eterogenee legate al tema del gusto e occasioni in cui conoscere le materie prime del territorio anche da altre prospettive.

IL PROGRAMMA DEL FESTIVALDERA: POCO PIÙ CHE PERSONE
di Michele Santeramo, musiche originali Marco Zurzolo, regia “Angelo” Lino Musella, coreografie “La finestra” e “Passo a due” Kristian Cellini
pre-show con Chef Rubina Rovini Masterchef All Stars Italia
direzione artistica Marco D’Amore
Domenica 2 giugno ore 21.30
Ponsacco – Piazza R. Valli
“IL MARITO”
di Michele Santeramo con Sergio Rubini, musiche eseguite dal vivo da Pippo Matino (basso elettrico) e Marco Zurzolo (sax), direzione e composizione musiche originali Marco Zurzolo, produzione Teatro della Toscana
Martedì 4 giugno ore 21.30
Peccioli – Cinema Passerotti
“LA FINESTRA”
regia e coreografia di Kristian Cellini con Francesco Porcelluzzi, Federica Buttarelli, Elena Frisenda, Flaminia Carmassi, voce e testo di Michele Santeramo, musiche composte ed eseguite dal vivo da Marco Zurzolo, assistente alla coreografia Francesco Porcelluzzi. Si ringrazia Antonio Desiderio management
Giovedì 6 giugno ore 21.30
Pontedera – Anfiteatro del Teatro Era
“LA MOGLIE”
di Michele Santeramo con Valeria Solarino, musiche eseguite dal vivo da Agostino Mennella (batteria) e Marco Zurzolo (sax), direzione e composizione musiche originali Marco Zurzolo, produzione Teatro della Toscana
Ore 19.30
Pre-show Gusti.Amo con Rubina Rovini

Cooking Show con Chef Rubina Rovini Masterchef All Stars Italia

Domenica 9 giugno ore 21.30
Pontedera – Anfiteatro del Teatro Era
“IL FIGLIO” di Michele Santeramo con Edoardo Leo, musiche eseguite dal vivo da Aldo Perris (contrabbasso) e Alessio Busanca (piano), direzione e composizione musiche originali Marco Zurzolo, produzione Teatro della Toscana

Ore 19.30

Pre-show Gusti.Amo con Rubina Rovini
Your Emotional Drink con Lorenzo Corsi
Mercoledì 12 giugno ore 21.30
Pontedera – Anfiteatro del Teatro Era
PASSO A DUE
regia e coreografia di Kristian Cellini con Francesco Porcelluzzi, Emanuele Pironti, Filippo Di Crosta, Federica Buttarelli, Elena Frisenda, Flaminia Carmassi, Federica Esaminato, Giulia Petti, Virginia Alfonso, musiche composte ed eseguite dal vivo da Marco Zurzolo, assistente alla coreografia Francesco Porcelluzzi. Si ringrazia Antonio Desiderio management
Ore 19.30
Pre-show Gusti.Amo con Rubina Rovini
Food Action Painting con Chef Rubina Rovini Masterchef All Stars Italia

Domenica 16 giugno ore 21.30
Legoli (Peccioli) – Anfiteatro del Triangolo Verde
“ANGELO” di Michele Santeramo, con Luca Zingaretti, regia di Lino Musella, musiche composte ed eseguite dal vivo da Marco Zurzolo, produzione Teatro della Toscana

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.festivaldera.it

 

Giustina Terenzi ha intervistato Michele Santeramo

L'articolo Solarino, Rubini, Leo e Zingaretti al Festivaldera 2019 proviene da www.controradio.it.

Pontedera, Piaggio: Usb, protesta su tetto Asl a tutela precari

Pontedera, Piaggio: Usb, protesta su tetto Asl a tutela precari

Stamani per protesta “gli ex lavoratori con contratto a termine della Piaggio hanno deciso di salire sul tetto della sede Asl medicina del lavoro che si trova proprio di fronte ad uno degli ingressi dello stabilimento Piaggio” a Pontedera (Pisa).

Lo comunica, con una nota, il sindacato Usb spiegando che la protesta è stata messa in atto in “un luogo simbolo per tutti gli operai della Valdera, tra il magazzino ricambi, lo stabilimento Sole Spa e la ex fabbrica Tmm adesso chiusa”. Il sindacato di base precisa che l’obiettivo della protesta è “ribadire ancora una volta che i precari storici non hanno nessuna intenzione di essere lasciati fuori dal percorso di assunzioni: la Piaggio rispetti gli accordi presi e faccia un passo indietro”.

Alcuni incontri sindacali importanti per il futuro dello storico stabilimento di Pontedera sono previsti nei prossimi giorni: il 13 maggio si discuterà la richiesta di aprire nuovamente una procedura di mobilità volontaria, il 21 invece ci sarà una riunione in Confindustria per il rinnovo del contratto integrativo. “Invitiamo tutti i lavoratori – conclude la Usb – a portare la loro solidarietà sotto il palazzo dell’Asl. Non scenderemo fino a quando non avremo delle risposte certe da parte della dirigenza Piaggio. Anche al governatore Rossi, presente oggi a Pontedera, chiediamo di prendere una posizione chiara in questa vicenda. La Piaggio ha ricevuto, e sta ancora ricevendo, numerosi finanziamenti pubblici, è giusto che non abbia nessuna responsabilità nei confronti di chi, per anni, ha lavoratori all’interno dello stabilimento ed oggi si ritrova escluso?”.

L'articolo Pontedera, Piaggio: Usb, protesta su tetto Asl a tutela precari proviene da www.controradio.it.

Pontedera: al Palazzo Pretorio la mostra “Orizzonti d’acqua”

Pontedera: al Palazzo Pretorio la mostra “Orizzonti d’acqua”

Venerdì 19 aprile, alle 18.30, al Palazzo Pretorio ultimo appuntamento all’interno del ciclo di incontri organizzati in occasione della mostra “Orizzonti d’acqua tra Pittura e Arti Decorative. Galileo Chini e altri protagonisti del primo Novecento”.

Il progetto, a cura di Filippo Bacci di Capaci e Maurizia Bonatti Bacchini e in corso al PALP Palazzo Pretorio Pontedera, durerà fino al 28 aprile: Laura Speranza, direttore del settore di restauro dei materiali ceramici all’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, insieme a Vieri Chini, nipote di Chino Chino (cugino di Galileo) e curatore della Manifattura Fornaci Borgo San Lorenzo, terranno la conferenza dal titolo “Ceramica. Appunti fra storia, produzione e restauro” per ricordare la figura di Galileo Chini, l’artista che, sulla scia del movimento riformatore delle arti decorative di fine Ottocento di cui fu un precursore in Italia, nel 1896 creò la fabbrica “L’Arte della Ceramica” assieme a Vittorio Giunti, Giovanni Vannuzzi e Giovanni Montelatici, fabbrica che lascerà nel 1905 per fondare l’anno successivo, con i cugini (tra cui Chino Chini), le Fornaci San Lorenzo.

All’incontro parteciperà il nipote di Chino Chini, Vieri Chini, che oggi porta avanti il laboratorio di famiglia come curatore della “Manifattura Fornaci Borgo San Lorenzo”. Chino svolgeva un importante ruolo tecnico, permettendo la realizzazione e produzione delle idee che Galileo disegnava con annotazioni scrupolose. Come il nonno Chino e il padre Galileo, Vieri ha continuato ad approfondire le sue conoscenze e a Pontedera racconterà le vicende della famosa dinastia familiare.

Laura Speranza presenterà invece una panoramica di importanti restauri compiuti sotto la sua direzione all’Opificio delle Pietre Dure. Spazierà da opere ceramiche del rinascimento, fino a opere più recenti, anche prodotte dalla manifattura dei Chini e dai loro antagonisti Cantagalli. Saranno esposte le caratteristiche che il restauro contemporaneo deve avere nel rispetto dell’originalità delle opere, ma anche con il ricorso a nuove tecnologie.

L'articolo Pontedera: al Palazzo Pretorio la mostra “Orizzonti d’acqua” proviene da www.controradio.it.