Nasce BuyFood Toscana, a Siena il 7 giugno

Nasce BuyFood Toscana, a Siena il 7 giugno

Nasce BuyFood Toscana, prima vetrina internazionale dedicata ai prodotti Dop, Igp e Agriqualità della Toscana: sono attesi a Siena il 7 giugno prossimo 50 buyer da tutto il mondo, di cui una ventina da Paesi extraeuropei; altrettante le aziende presenti nel complesso di Santa Maria della Scala, insieme ai rappresentanti di 16 fra Consorzi e Associazioni di tutela. Nel pomeriggio si susseguiranno dunque una serie di incontri B2B tra aziende e buyer.

“L’edizione zero del BuyFood Toscana nasce forte della convinzione della tradizione toscana e della qualità del nostro agroalimentare”, ha affermato Marco Remaschi, assessore
all’agricoltura della Regione Toscana, secondo cui con l’iniziativa “diamo il via a un percorso che hanno modo di vedere può innescare vantaggi importanti per il nostro settore
agroalimentare”.
BuyFood Toscana 2019 è organizzata dalla Regione in collaborazione con PromoFirenze, azienda speciale della Camera di Commercio di Firenze, grazie alla collaborazione del Comune di Siena e al supporto della Fondazione Qualivita. L’evento si avvale della sinergia di Vetrina Toscana.

L'articolo Nasce BuyFood Toscana, a Siena il 7 giugno proviene da www.controradio.it.

Nasce BuyFood Toscana, a Siena il 7 giugno

Nasce BuyFood Toscana, a Siena il 7 giugno

Nasce BuyFood Toscana, prima vetrina internazionale dedicata ai prodotti Dop, Igp e Agriqualità della Toscana: sono attesi a Siena il 7 giugno prossimo 50 buyer da tutto il mondo, di cui una ventina da Paesi extraeuropei; altrettante le aziende presenti nel complesso di Santa Maria della Scala, insieme ai rappresentanti di 16 fra Consorzi e Associazioni di tutela. Nel pomeriggio si susseguiranno dunque una serie di incontri B2B tra aziende e buyer.

“L’edizione zero del BuyFood Toscana nasce forte della convinzione della tradizione toscana e della qualità del nostro agroalimentare”, ha affermato Marco Remaschi, assessore
all’agricoltura della Regione Toscana, secondo cui con l’iniziativa “diamo il via a un percorso che hanno modo di vedere può innescare vantaggi importanti per il nostro settore
agroalimentare”.
BuyFood Toscana 2019 è organizzata dalla Regione in collaborazione con PromoFirenze, azienda speciale della Camera di Commercio di Firenze, grazie alla collaborazione del Comune di Siena e al supporto della Fondazione Qualivita. L’evento si avvale della sinergia di Vetrina Toscana.

L'articolo Nasce BuyFood Toscana, a Siena il 7 giugno proviene da www.controradio.it.

Siena: neonato muore dopo parto, accertamenti su cause

Siena: neonato muore dopo parto, accertamenti su cause

Un neonato è morto stamani  all’ospedale di Siena subito dopo il parto. Lo rende noto l’Azienda ospedaliero universitaria spiegando che il piccolo è deceduto “nonostante il tempestivo ricorso al taglio cesareo. I professionisti sanitari si sono prontamente attivati per
identificare le cause del decesso”.

La mamma, una giovane donna con gravidanza a termine, si spiega dall’Aou senese, era arrivata in ospedale nella notte venendo “immediatamente assistita” dai sanitari di ostetricia e ginecologia. Nonostante “il tempestivo ricorso al taglio cesareo il neonato purtroppo non è sopravvissuto”.

Come “previsto dall’attuale normativa e in condivisione con la direzione aziendale, i professionisti sanitari si sono prontamente attivati per identificare le cause del decesso”. Vicinanza ai genitori è stata espressa dal dg dell’Aou, Valtere Giovannini,  insieme alla “costernazione” proprio e “dei professionisti, che hanno fatto tutto il possibile per prestare le cure necessarie e intervenire tempestivamente”.

L'articolo Siena: neonato muore dopo parto, accertamenti su cause proviene da www.controradio.it.

Siena: organizza corsi su sicurezza senza autorizzazioni, denunciato

Siena: organizza corsi su sicurezza senza autorizzazioni, denunciato

Organizzava corsi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro rilasciando certificati e patentini anche per la conduzione di macchine agricolo-forestali e di movimento terra, il tutto senza averne le autorizzazioni e facendosi pagare con versamenti direttamente sul proprio conto corrente. La guardia di finanza di Siena ha denunciato a piede libero una persona per il reato di truffa aggravata.

L’uomo denunciato, servendosi del ruolo di presidente di un’associazione senza fini di lucro con sede a Roma ma operante in Val d’Orcia, ha raggirato privati ed enti pubblici per un totale di oltre 50 persone. Secondo quanto accertato dalle fiamme gialle il presidente dell’associazione avrebbe intascato “diverse migliaia di euro” considerato che la partecipazione e l’attestato del corso “costava oltre 300 euro a persona”. Da quanto emerso nel corso delle indagini, infatti, l’associazione erogava servizi pur non avendo alcun accreditamento ed abilitazione presso la Regione Toscana.

“In particolare le perquisizioni effettuate presso la sede, resesi necessarie al fine di corroborare l’ipotesi di reato, hanno consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro copiosa documentazione attestante l’esecuzione di svariati corsi di formazione” spiega una nota della Guardia di finanza di Siena. I successivi approfondimenti documentali hanno dimostrato che l’associazione non prevedeva nel proprio atto costitutivo il fine di assistenza/formazione per figure diverse da quelle degli associati.

L'articolo Siena: organizza corsi su sicurezza senza autorizzazioni, denunciato proviene da www.controradio.it.

Chirurgia robotica: a Siena asportati in contemporanea 2 tumori

Chirurgia robotica: a Siena asportati in contemporanea 2 tumori

Effettuato a Siena, al policlinico Santa Maria alle Scotte, un intervento unico nel suo genere in Toscana e tra i pochi in Italia: due tumori sono stati asportati contemporaneamente in chirurgia robotica.

Si tratta di un intervento combinato realizzato in collaborazione tra chirurghi toracici e urologi di rimozione di un tumore del mediastino e di un tumore del rene in una paziente affetta anche da altre patologie pregresse. L’intervento si è svolto in due fasi, la prima, eseguita dall’urologo Filippo Gentile, che ha effettuato l’asportazione robot assistita del tumore del rene e, successivamente, nella stessa seduta operatoria, è intervenuto il chirurgo toracico Luca Luzzi per l’asportazione completa, sempre robot assistita, del timo con il timoma al suo interno, con il contributo dei professionisti di sala operatoria, altamente qualificati e dedicati all’attività di chirurgia robotica. L’intervento è durato complessivamente 3 ore e 10 minuti. La paziente è stata dimessa in ottime condizioni generali in 4^ giornata postoperatoria.

“La chirurgia robot assistita – spiega Luca Luzzi – ha permesso di asportare radicalmente due tumori potenzialmente mortali in una paziente “fragile”, con un minimo impatto chirurgico ed un recupero funzionale praticamente immediato. In entrambe le patologie la chirurgia robotica rappresenta, in casi selezionati, il golden standard del trattamento, la combinazione delle due tecniche ha massimalizzato in questa paziente il risultato clinico. La paziente – aggiunge Luzzi – è tornata al controllo dopo 30 giorni dall’intervento e presenta condizioni ottimali. La procedura eseguita ha un alto valore non solo tecnico ma di ricaduta clinica con beneficio per la paziente”.

Un risultato raggiunto grazie anche alla casistica robotica che vede l’Urologia effettuare circa il 60% degli interventi in modalità robotica, con circa 900 interventi dall’inizio dell’attività e la Chirurgia Toracica con oltre 200 interventi.

“L’eccezionalità dell’intervento – conclude l’urologo Filippo Gentile – sta nel fatto di aver operato contemporaneamente, in sole 3 ore, due tumori presenti in due distretti anatomici indipendenti, il torace e l’addome, cosa che fino a pochi anni fa avrebbe richiesto più tempo ed un maggiore impatto biologico per il paziente, tanto da sconsigliarlo a favore di due procedure differite con maggiore ospedalizzazione e due anestesie generali”.

Il buon esito della procedura è il frutto di una collaborazione multidisciplinare di alte professionalità, considerando che la paziente era seguita, per patologie pregresse, dall’UOC Ematologia, diretta dalla professoressa Monica Bocchia. Dopo discussione collegiale del caso, è stata quindi presa in carico dalla UOC Urologia, diretta dal dottor Gabriele Barbanti e dalla UOC Chirurgia Toracica, diretta dal professor Piero Paladini, valutata dalla UOC Anestesia, diretta dal dottor Pasquale D’Onofrio e seguita, dal punto di vista anestesiologico, dal dottor Armando Fucci, insieme all’équipe del dottor Marcello Pasculli, direttore UOC terapia Intensiva Post-Operatoria.

L'articolo Chirurgia robotica: a Siena asportati in contemporanea 2 tumori proviene da www.controradio.it.