Siena: anche Pd regionale a Toscana Pride, prima volta adesione

Siena: anche Pd regionale a Toscana Pride, prima volta adesione

Ci sarà anche una delegazione del Pd toscano al Toscana Pride di Siena, che ha aderito, per la prima volta, alla manifestazione in programma domani.

“Domani saremo al Toscana Pride a Siena perché la strada per la vera uguaglianza e per il riconoscimento degli stessi diritti a tutti è ancora lunga – spiega in una nota Valerio Fabiani della reggenza del Pd toscano -, nonostante gli indiscutibili passi avanti fatti in questi anni con i governi a guida Pd. E ci saremo anche perché alla luce delle prime dichiarazioni e di alcune prime scelte della nuova maggioranza di governo giallo-verde, dopo una stagione segnata da alcune importanti conquiste nel campo dei diritti civili, il rischio di tornare indietro è assolutamente concreto”.

Fabiani, che parteciperà alla manifestazione in rappresentanza del partito regionale, sottolinea che “ci saremo e ci sarò in rappresentanza del Partito democratico della Toscana che quest’anno aderisce per la prima volta. Sono orgoglioso che come comitato di reggenza abbiamo scelto unanimemente di aderire, perché ovunque vi sia un bisogno e una domanda di diritti deve esserci anche il Pd”. “Ovunque vi sia qualcuno pronto a battersi contro le disuguaglianze – conclude -, il Pd deve farsi trovare al suo fianco per combattere insieme”.

L'articolo Siena: anche Pd regionale a Toscana Pride, prima volta adesione proviene da www.controradio.it.

Operazione ‘Action Day’, sequestrati 147 kg rame a Siena

Operazione ‘Action Day’, sequestrati 147 kg rame a Siena

Sequestrati 147 kg di rame a Siena e una persona denunciata per acquisto di cose di sospetta provenienza. Questo il risultato nel Senese dell”Action day’, operazione internazionale contro i furti di rame e metalli coordinata dalla polizia insieme alle altre forze dell’ordine.

Il materiale sequestrato, privo di documentazione cartacea, è formato da due barre piene tonde da tornitore, tre trecce di rame nude per scarico a terra, una lastra di rame. E’ stato trovato da carabinieri e guardia di finanza in un centro di raccolta e gestione ambientale di cui è stato denunciato il titolare.
C’è l’ipotesi investigativa che si tratti di uno scarto di cantiere o di materiale fatto da parte di una ditta edile. In totale a Siena e provincia sono stati effettuati 17 controlli ad attività commerciali e in vari centri di raccolta materiali o gestori ambientali.
L’operazione ha portato complessivamente all’identificazione di 190 persone e 77 tra auto e mezzi, oltre al controllo di 17 tra siti e impianti.

L'articolo Operazione ‘Action Day’, sequestrati 147 kg rame a Siena proviene da www.controradio.it.

Toscana Pride, Regione Toscana: “Partecipate con i bambini”

Toscana Pride, Regione Toscana: “Partecipate con i bambini”

“Andremo alla manifestazione di Siena, come abbiamo sempre fatto. E’ una bella manifestazione, ci sono stato molte volte, e consiglio i cittadini di partecipare, anche con i bambini”. Così il presidente Enrico Rossi, che stamani ha partecipato, assieme alla vicepresidente Monica Barni e alla portavoce del Toscana Pride Marialuisa Favitta (foto), alla conferenza stampa di presentazione del Toscana Pride 2018, che sabato 16 giugno porterà a Siena migliaia di persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e trasngender, queer, intersessuali, asessuali ed eterosessuali, che sfileranno insieme “Per Orgoglio e per Amore”.

Quanto alle dichiarazioni del neoministro della famiglia Lorenzo Fontana sulle famiglie arcobaleno, e alle polemica sollevata dall’associazione “Difesa dei valori” per il patrocinio dato dalla Regione al Toscana Pride, questo il commento di Rossi: “Non capisco questa posizione regressiva. Noi non torniamo indietro e andiamo avanti sulla nostra strada. Nel 2004 siamo stati la prima Regione ad approvare la legge contro le discriminazioni sessuali, una legge pionieristica in materia di diritti delle persone a prescindere dal loro orientamento sessuale o dalla loro identità di genere. Da allora siamo andati sempre avanti, nelle azioni di contrasto all’omofobia e a favore del rispetto della diversità”.

“Ricordiamoci che esiste una legge dello stato che regola le unioni civili, e quindi la creazione di nuove famiglie, una legge che deve essere applicata – ha sottolineato Monica Barni – Le famiglie arcobaleno esistono nella realtà, e, oltre a pagare le tasse, pagano più di altre il fatto di vivere in uno Stato che non tutela i suoi cittadini allo stesso modo, anche quando una legge sancisce i loro diritti. Diritti che non possono essere riservati solo a chi può permettersi di andare in tribunale, ma devono essere di tutti. Su questo la Regione Toscana continuerà a battersi. Riprendo le parole del presidente Rossi: “La Regione Toscana, io e la Giunta, siamo dalla parte delle famiglie Arcobaleno e dei loro bambini. A sostegno della dignità e dell’eguaglianza dei diritti. Ora e sempre””.

“Anche quest’anno – ha aggiunto la vicepresidente, che ha anche la delega alle pari opportunità – ci ritroviamo con grande orgoglio a patrocinare il Toscana Pride. La Regione Toscana è da sempre impegnata sui temi del contrasto alle discriminazioni, dell’apprezzamento della diversità e nell’affermazione dei diritti della persona. Aderiamo convintamente alla rete nazionale Ready, che lavora nel campo dell’educazione, della cutlura, dell’informazione. E in questi mesi abbiamo lavorato per aiutare gli enti locali ad applicare la legge sulle unioni civili”.

“Il Pride è oggi più che mai una manifestazione necessaria – ha detto la portavoce del Toscana Pride Marialuisa Favitta – Noi chiediamo la laicità delle istituzioni, il riconoscimento dei legami affettivi, una legge contro l’omofobia, la tutela delle famiglie omogenitoriali. C’è bisogno di Pride perché c’è bisogno di una cultura che promuova il rispetto delle differenze”.

La Regione Toscana partecipa, in qualità di ente fondatore, alla rete nazionale Re.a.dy (Rete delle pubbliche amministrazioni anti discriminazioni). Ogni anno la Regione dà un contributo complessivo di 80.000 euro alle circa 25 amministrazioni toscane che aderiscono alla rete (circa 3.000 euro a ciascuna amministrazione), per la realizzazione di interventi e iniziative di promozione delle pari opportunità e di integrazione delle politiche riguardanti le persone LGBTI. Nessun contributo specifico è stato dato al Pride di Siena, mentre è stato concesso il patrocinio regionale ed è stata stabilita la partecipazione del Gonfalone.

Info sugli eventi sul sito del Toscana pride

L'articolo Toscana Pride, Regione Toscana: “Partecipate con i bambini” proviene da www.controradio.it.

Colle Val d’Elsa, (Siena): presidio giorno e notte davanti ai cancelli di Mercatone Uno

Colle Val d’Elsa, (Siena): presidio giorno e notte davanti ai cancelli di Mercatone Uno

A Siena contro il rischio esubero per 28 lavoratori dei 49 attualmente impiegati. A proclamare lo stato di agitazione è stato il sindacato Filcams Cgil dopo aver ricevuto la notizia che anche il punto vendita colligiano rientra tra i 13 acquisiti dalla Cosmo Spa.

Tra i lavoratori è scattata la preoccupazione considerato il fatto che si parla del mantenimento di soli 21 posti di lavoro (15 full time e 6 part time).
Lo stato di agitazione è iniziato in tarda mattinata con l’arrivo della circolare sindacale, mentre il punto vendita di Siena era ancora aperto e i clienti all’interno in cerca di occasioni.

E’ stato necessario l’intervento dei carabinieri per consentire l’uscita dei clienti dal negozio, ed evitare incidenti. “Il punto vendita colligiano – spiegano i rappresentanti dei lavoratori davanti ai cancelli del punto vendita – era tra quelli con maggior fatturato in Italia. Solo pochissimi giorni fa abbiamo saputo della vendita e stamattina ci troviamo all’improvviso in mezzo ad una strada. Per il 1 giugno è in programma un incontro a Bologna con i due gruppi, Cosmo Spa e Shernon Holding, che dovrebbero presentare i rispettivi piani industriali. Noi andremo avanti ad oltranza in mancanza di risposte certe”.

“Attivare un tavolo di crisi aziendale a livello regionale, con tutti i soggetti interessati alla cessione di rami d’azienda di Mercatone Uno, a partire dai commissari straordinari, le rappresentanze dei lavoratori e le istituzioni interessate, al fine di comprendere quali sia il reale impatto della vendita dell’azienda per la Toscana”. Lo chiede una mozione del Pd presentata da Simone Bezzini e sottoscritta anche da altri consiglieri regionali dello stesso gruppo.
Il documento impegna la Giunta toscana anche a “mettere in atto ogni azione utile per tutelare i livelli occupazionali coinvolti ed il mantenimento della presenza dei punti vendita di Colle Val d’Elsa (Siena), Altopascio (Lucca), Lucca e Calenzano (Firenze)”. “Quella del gruppo Mercatone Uno – spiega Bezzini in una nota – è una crisi che si trascina da diversi anni.
Ora, dopo diverse aste di vendita andate deserte a seguito del regime di amministrazione controllata, siamo arrivati alla formalizzazione della cessione dei negozi, tra cui quello di Colle Val d’Elsa, al gruppo Cosmo Spa”.
Bezzini sottolinea che “dalle notizie rese note dai sindacati, il progetto della nuova proprietà porterebbe ad una pesante diminuzione degli addetti: a livello nazionale la riassunzione per un biennio di 196 rapporti di lavoro sugli attuali 566, oltreché operare un largo ricorso al part time”. “Per questo le forze sindacali hanno proclamato uno stato d’agitazione che vedrà oggi un presidio a Colle di Val d’Elsa, al quale ho deciso di partecipare”.

 

L'articolo Colle Val d’Elsa, (Siena): presidio giorno e notte davanti ai cancelli di Mercatone Uno proviene da www.controradio.it.

Incidenti lavoro: esplode tubo, grave operaio a Grosseto 

Incidenti lavoro: esplode tubo, grave operaio a Grosseto 

Un uomo di 30 anni è rimasto ferito in modo grave a causa di un incidente sul lavoro verificatosi in un’azienda che costruisce piscine a Grosseto, nella zona del Casalone.

Dalle prime informazioni sull’incidente sembra che sia esploso un profilato che doveva essere saldato e l’operaio avrebbe riportato un trauma facciale.
Dopo i primi accertamenti da parte dei i medici, il trentenne è stato trasferito con l’elisoccorso all’ospedale di Siena.
Sul posto sono intervenuti la medicina del lavoro della Asl, i vigili del fuoco, la Croce Rossa e la polizia stradale.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

L'articolo Incidenti lavoro: esplode tubo, grave operaio a Grosseto  proviene da www.controradio.it.