Batterio New Delhi colpisce principalmente pazienti immunodepressi

Batterio New Delhi colpisce principalmente pazienti immunodepressi

L’Agenzia regionale di sanità ieri mattina ha diffuso i numeri della malattia: 31 sono i morti che hanno contratto l’infezione del batterio New Delhi in Toscana, l’area più colpita è l’Azienda sanitaria Nord-Ovest.

Nel periodo compreso tra novembre fino al 31 agosto, il batterio New Delhi è stato isolato nel sangue di 75 pazienti ricoverati negli ospedali toscani; la mortalità, dicono le ricerche scientifiche, è del 40% e il dato regionale rientra nella media.

Per quanto riguarda i portatori del ceppo batterio, sui quali sono applicate le misure igieniche di contenimento e che non hanno sviluppato una infezione, si tratta di 708 malati. I 31 pazienti deceduti, va precisato, erano persone con più malattie, anziani fragili, per questo non è facile attribuire automaticamente la causa della morte al batterio New Delhi.

Come spiega il dottor Danilo Tacconi, che fa parte della task force regionale nata per contrastare il superbatterio, in una persona sana il microrganismo non provoca conseguenze alla salute e resta spesso inattivo “a volte anche per mesi, forse di più, finchè il sistema immunitario non lo riconosce e riesce ad eliminarlo”. “Ma in soggetti immunodepressi – prosegue – ovvero in pazienti anziani con molte patologie, sotto chemioterapia, reduci da interventi chirurgici invasivi, grandi ustionati, o anche persone sottoposte a lunghi cicli di antibiotici, il batterio ha molta più possibilità di dare vita a una sepsi (l’infezione del sangue, ndr.). La mortalità osservata in questi casi è del 40%, ma non è immediatamente correlabile all’infezione, potrebbe invece essere causata dalla patologia preesistente”.

L’ospedale che ha riscontrato più isolamenti nel sangue del batterio New Delhi è quello di Pisa: si tratta della struttura più grande della Asl, dove capitano i casi più complessi, che finiscono in rianimazione o in reparti di alta specialità, come il centro ustioni, e quindi non stupisce che sia maggiormente colpito. Sono stati 31 i casi accertati nel periodo sopraindicato nell’azienda pisana. Segue Livorno, con 9, l’ospedale della Versilia con 8, il presidio di riabilitazione cardiologica di Volterra con 6, Massa con 4 e Cecina e Pontedera con 3. Gli altri ospedali dell’azienda sanitaria Nord-Ovest sono tutti a un caso, mentre alcuni casi sono stati riscontrati in altre strutture regionali come Careggi, Siena, Pescia, Pistoia.

L'articolo Batterio New Delhi colpisce principalmente pazienti immunodepressi proviene da www.controradio.it.

Principio annegamento piscina residence, grave bimbo di 2 anni

Principio annegamento piscina residence, grave bimbo di 2 anni

Un bimbo di 2 anni si trova ricoverato in gravi condizioni nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale pediatrico Meyer di Firenze dopo esser stato vittima di un principio di annegamento mentre si trovava nella piscina di un residence nel Volterrano.

Le cause dell’accaduto sono ancora da accertare. Il bimbo di 2 anni è stato trasportato dal 118 con l’elisoccorso a Firenze: secondo quanto appreso da fonti sanitarie, la prognosi è riservata e sul piccolo stanno proseguendo gli accertamenti e le cure dei medici.

Il piccolo, straniero, era arrivato in Italia nei giorni scorsi con la famiglia per trascorrere le vacanze estive.

L'articolo Principio annegamento piscina residence, grave bimbo di 2 anni proviene da www.controradio.it.

Pisa, trattore si ribalta, muore conducente

Pisa, trattore si ribalta, muore conducente

Località Podere Fontesecca, Volterra (Pisa). La vittima si chiamava Nicola Chiti. Cause in corso di accertamento da parte delle Forze dell’ordine.

Un uomo di 49 anni è morto a Volterra (Pisa) dopo essere rimasto schiacciato dal trattore che stava conducendo. La vittima si chiamava Nicola Chiti ed è morto in località Podere Fontesecca.

Per cause in corso di accertamento, l’uomo è rimasto intrappolato sotto il mezzo agricolo dopo che si è ribaltato. L’incidente è avvenuto dopo mezzogiorno e a nulla è servito l’intervento del personale sanitario del 118 che non ha potuto far altro che constatarne il decesso. Sul posto le forze dell’ordine per ricostruire la dinamica dell’incidente.

L'articolo Pisa, trattore si ribalta, muore conducente proviene da www.controradio.it.

Nono cavallo morto in centro recupero Pisano, si indaga

Nono cavallo morto in centro recupero Pisano, si indaga

Un altro cavallo, il nono, è morto in circostanze misteriose nel Volterrano, in provincia di Pisa, nel centro di recupero gestito dall’associazione Ihp che stamani ha reso nota la notizia del decesso avvenuto nei giorni scorsi e che ha già denunciato alle autorità gli otto cavalli deceduti nelle scorse settimane per un’intossicazione acuta non ancora chiarita.

“Questo decesso è avvenuto nei giorni scorsi in circostanze che potrebbero essere per alcuni aspetti assimilabili alle precedenti cause, anche se su questo non vi è al momento nessuna certezza – spiega una nota dell’associazione -. Data la situazione anomala in cui ci troviamo, abbiamo incaricato immediatamente l’Istituto zooprofilattico di Pisa, che ha proceduto con l’autopsia il giorno stesso. L’istituto si sta occupando con urgenza di indagare le cause di questo decesso e valutare il collegamento con i precedenti di gennaio, e invita nel frattempo alla prudenza nel considerare questo caso riconducibile ai precedenti”.
“Abbiamo inoltre allertato immediatamente – conclude l’associazione – anche il ministero della Salute, le Asl di Volterra e Pisa e i carabinieri forestali di Volterra”.

L'articolo Nono cavallo morto in centro recupero Pisano, si indaga proviene da www.controradio.it.

Carceri in Toscana, Corleone “Digiuno per mancanze di risposte su disagio psichiatrico”

Carceri in Toscana, Corleone “Digiuno per mancanze di risposte su disagio psichiatrico”

Sulla situazione del disagio psichiatrico in carcere e sulla mancanza di risposte concrete dal nuovo governo il garante dei diritti dei detenuti della Toscana, Franco Corleone, entra in sciopero della fame

“Per tre giorni faro’ un digiuno, per me stesso, per non nascondere la gravita’ della situazione- spiega, nel corso di una conferenza stampa-. Dopodiche’ vedremo come continuare nelle prossime settimane, perche’ la situazione rischia di essere fuori controllo”.

Corleone sottolinea un fatto che si e’ compiuto in questi giorni: “La Corte Costituzionale che va nelle carceri italiane a dire ai detenuti che hanno dei diritti- sottolinea-. È una cosa straordinaria. Noi garanti vogliamo affermare questo e vogliamo credere anche che la Costituzione debba essere il pilastro dell’azione quotidiana”.
Di contro, invece, l’intervento dell’esecutivo si e’ sostanziato con la firma dei decreti dello scorso 2 ottobre: “La speranza di una grande riforma per il carcere in Italia si e’ chiusa malamente- constata-. Ci sono provvedimenti minimi, bisogna ripartire con le norme che ci sono e che peraltro non sono applicate”. Il punto dolente sul quale intende focalizzarsi, in questo momento, Corleone e’ il disagio psichico presente negli istituti di pena: “Nel decreto dell’ordinamento penitenziario c’era una norma minima che affrontava la questione- ricorda-. È stata stralciata. La situazione e’ molto grave”.
Alla carenza di disposizioni adeguate si aggiunge la rigidita’ della reazione del governo dinanzi alle tragedie, come accaduto a Roma: “Abbiamo avuto l’episodio di Rebibbia, dove una donna ha ucciso i suoi due figli- evidenzia-. Non ci si puo’ nascondere, come e’ stato fatto, dietro la responsabilita’ della direttrice, che e’ stata licenziata. Va affrontato il problema delle norme”.
L’ordinamento italiano dinanzi alla malattia psichica prevede un canale duplice. Chi ha commesso un delitto, ma e’ stato riconosciuto incapace di intendere e di volere al momento del reato deve essere inviato in trattamento in una Rems, vale a dire in una residenza per l’esecuzione delle una Rems, vale a dire in una residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza. In Toscana ne esiste gia’ una a Volterra, mentre un’altra, a Empoli, dovrebbe aprire a natale. Esiste, poi, un problema piu’ generale di misure alternative che riguarda chi soffre di disturbi psichiatrici.
La risposta non puo’ essere trovata nelle Rems. “Le norme del codice- segnala il garante toscano dei detenuti- non riconoscono in questo caso le misure alternative”. Servirebbero, dunque, delle sezioni psichiatriche dedicate. Anche dal punto di vista della struttura, tuttavia, non mancano i paradossi, come a Sollicciano, “nel quale la sezione psichiatrica e’ stata predisposta, ma non collaudata- fa sapere Corleone-. Quindi, gli 8 posti di assistenza psichiatrica sono vuoti”.
La questione e’ prettamente di salute. Di conseguenza, e’ il ragionamento del garante, a farsene carico deve essere il servizio sanitario gestito dalla Regione. Corleone chiede, a tal proposito, “all’assessorato alla Salute di affrontare la questione. Le sezioni dovrebbero avere una gestione esclusivamente sanitaria, non dovrebbero essere delle celle con una targhetta diversa, ma dei luoghi sanitari come un’infermieria”.

L'articolo Carceri in Toscana, Corleone “Digiuno per mancanze di risposte su disagio psichiatrico” proviene da www.controradio.it.