Green Day primi headliner per Firenze Rocks 2020

Green Day primi headliner per Firenze Rocks 2020

Firenze Rocks si prepara a tornare nel 2020! Giunto alla quarta edizione, il festival fiorentino lancia i primi nomi che vedremo sul palco della Visarno Arena: si tratta di Green Day e Weezer che si esibiranno giovedì 11 giugno 2020

I Green Day sono una delle band più iconiche della loro generazione. Formato nel 1986 a Berkeley (CA), il gruppo ha venduto oltre 70 milioni di copie e accumulato oltre 10 miliardi di streams. Il disco che li ha rivelati al mondo, Dookie, uscito nel 1994, ha venduto 10 milioni di copie e raggiunto la certificazione Diamante, riaccendendo l’interesse popolare e i riflettori sul genere punk rock e proiettando la band verso una carriera costellata di successi e hit planetarie.  Nel 2004 i Green Day hanno pubblicato la rock opera American Idiot che ha catturato l’attenzione di un’intera nazione, vendendo oltre 7 milioni di copie negli Stati Uniti e portando a casa il Grammy Award come miglior Album Rock. Nel 2010 è stata realizzata una versione teatrale di American Idiot  che ha debuttato a Broadway e ha ricevuto grandi consensi di critica e pubblico.
Il nuovo tour partirà il 13 giugno da Parigi e toccherà moltissime città in Europa, facendo tappa anche a Milano (Ippodromo SNAI San Siro) il 10 giugno, prima di approdare a Firenze Rocks.
Ad oggi i Green Day hanno vinto 5 Grammy Awards e sono stati inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame.

I Weezer, band multi-platino vincitrice di un Grammy Award, hanno recentemente pubblicato il nuovo singolo dal titolo “The End of the Game”, che anticipa il quattordicesimo album in studio “Van Weezer”. L’ispirazione per il nuovo album arriva dalle radici musicali metal della band. Rivers è un grande fan dei KISS, Brian adora i Black Sabbath, Pat ama Van Halen e i Rush e Scott è da sempre fan degli Slayer e dei Metallica.

I biglietti per la data saranno disponibili per l’acquisto in anteprima esclusiva per i titolari di carte Intesa Sanpaolo a partire dalle ore 10.00 di lunedì 23 settembre 2019 sul sito www.ticketone.it/intesasanpaolo per 48 ore. La messa in vendita generale avverrà a partire dalle ore 11.00 di mercoledì 25 su www.ticketmaster.it, www.ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati.

L'articolo Green Day primi headliner per Firenze Rocks 2020 proviene da www.controradio.it.

Torna dal 19 al 21 settembre la XIII edizione di Nextech Festival

Torna dal 19 al 21 settembre la XIII edizione di Nextech Festival

Dal 19 al 21 settembre a Firenze torna la nuova edizione di Nextech Festival. Il festival di musica elettronica è organizzato da Musicus Concentus e da Atomic Event ed è realizzato con il contributo dell’Estate Fiorentina 2019 del Comune di Firenze. Presenti Max Cooper,Giulio Aldinucci,Digitalism, Teo Naddi, Radio Slave, Dj Rush, Raffaele Attanasio,  e Wooden Crate.

“L’associazione Musicus Concentus  è ormai di casa, con il Comune di Firenze vanta una collaborazione lunga ben 13 anni, è una realtà quindi che ben conosciamo, capace di organizzare festival  di altissima qualità. Nextech anche quest’anno porta a Firenze la migliore musica elettronica”, ha detto l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi.

Il festival inizierà giovedì 19 settembre al Teatro Puccini con la live performance di Max Cooper, uno degli artisti più interessanti in circolazione, capace di mischia la musica con i suoi studi scientifici, ottenendo risultati mai visti prima. In apertura dell’evento ci sarà anche Giulio Aldinucci, senese classe 1981, attivo da anni come compositore negli ambiti della sperimentazione musicale elettroacustica e della ricerca sul paesaggio sonoro.

Venerdì 20 settembre al Club 21 invece ci saranno i Digitalism, duo tedesco nato nel 2004 dall’incontro tra Jens Moelle e Ismail “Isi” Tuefekci. A rappresentare Firenze ci sarà Teo Naddi, il cui dj set spazia attraverso sonorità broken beat, house e techno. Naddi è tra i co-fondatori di Oltrarno Recordings, un’etichetta discografica che, tra Firenze e Berlino, produce dischi di musica “sperimentale” e da “club”.

La serata finale di venerdì 21 del Festival invece si svolgerà in Fortezza Da Basso con Radio Slave, i cui dj set spaziano con maestria dalla house alla techno, dall’acido al tribale senza soluzione di continuità; e Dj Rush, ospite di numerosi festival prestigiosi quali Tomorrowland (Belgio), Dance Valley (Olanda), Summer Spirit (Germania). Presenti anche Raffaele Attanasio, pianista, arrangiatore e produttore, artista che si è esibito a fianco di nomi come Len Faki, Ben Sims, Marcel Dettmann, Ben Klock, Chris Liebing, Oscar Mulero e molti altri;  e Wooden Crate, progetto artistico di Giuseppe Gonzalez  in continua evoluzione fra techno e house.

I partners istituzionali dell’evento sono il Comune di Firenze, Network Sonoro, Fondazione CR Firenze, Regione Toscana e il Ministero dei beni e delle attività culturali.

Per informazioni vai su: http://www.nextechfestival.com/

L'articolo Torna dal 19 al 21 settembre la XIII edizione di Nextech Festival proviene da www.controradio.it.

Music Pool. Tutti i concerti in programma a settembre e ottobre

Music Pool. Tutti i concerti in programma a settembre e ottobre

Music Pool. Tutti i concerti in programma a settembre e ottobre. Da non perdere “Songs of Resistance” di Marc Ribot, l’appuntamento pisano con Enrico Rava, ad ottobre tra gli altri Tony Allen. Scopri tutte le date

 

Venerdì 13 settembre, ore 19.15
Sala Vanni
STEFANO MAURIZI
Piano Solo

Stefano Maurizi presenterà in concerto il suo nuovo album “Native Colors è il percorso interiore che attraversa la mia vita e le mie origini, riflettendosi in un autobiografia musicale e artistica, attraverso il linguaggio dei suoni del pianoforte solo.”
Sabato 14 settembre, ore 19.00
Sala Vanni
ENRICO MERLIN
Presentazione del libro MILES DAVIS 1959
Nel 1959 viene registrato ed esce nei negozi Kind of Blue, disco leggendario con un Miles Davis all’apice della propria poetica e alla testa di un sestetto irripetibile insieme a Cannonball Adderley, John Coltrane e Bill Evans. Enrico Merlin, musicologo, compositore, musicista, è uno dei maggiori esperti a livello internazionale di Davis e della sua musica.
Sabato 14 settembre, ore 20.15
Sala Vanni
FEDERICA MICHISANTI
Horn Trio
Federica Michisanti ha vinto il Top jazz 2018 della rivista Musica Jazz nella categoria nuovi talenti italiani ed il suo disco Silent Rides si è piazzato al settimo posto tra i migliori dischi italiani nello stesso anno. L’Horn Trio, è il suo nuovo progetto.
Sabato 14 settembre, ore 22.15
Piazza del Carmine
MARC RIBOT
Songs of Resistance – anteprima di A Jazz Supreme
Marc Ribot uno dei chitarristi più famosi al mondo, impossibile da inquadrare in generi musicali predefiniti in quanto intrepido sperimentatore. Songs of Resistance è uno dei recenti progetti di Marc Ribot nel quale i testi sui diritti civili e i canti dei movimenti antifascisti partigiani (con o senza la musica di accompagnamento originale) sono al centro della scena.
Domenica 15 settembre, ore 11.00
Sala Vanni
PAOLO ANGELI
22:22 Free Radiohead
Di rientro da una serie di tour di successo che lo hanno visto protagonista in giro per il mondo, con l’apice raggiunto nel live alla Carnegie Hall di New York l’anno scorso, Paolo Angeli ci consegna un concept sorprendente e inaspettato: 22:22 free Radiohead.
Pisa Jazz
Mercoledì 25 settembre, ore 21.30
Teatro Verdi, Pisa
ENRICO RAVA Special Edition
80th Anniversary World Tour
Giunto alla soglia degli 80 anni, Enrico Rava ha voluto pensare ad una Special Edition, raggruppando i musicisti che più gli sono stati vicino negli ultimi anni, per rivisitare i brani più significativi della sua carriera, rivisti in un’ottica odierna ed interpretare nuove composizioni scritte per questa occasione.
Prevendite disponibili su Ticketone.it
Pisa Jazz
Sabato 12 ottobre, ore 21:30
Lumiere, Pisa
TONY ALLEN
The Source in concerto
The Source è il primo album dell’artista nigeriano, ma di base a Parigi, uscito per l’etichetta Blue Note dopo l’allettante EP  A Tribute to Art Blakey e Jazz Messengers. Blue Note è uno dei nomi più prestigiosi del jazz e The Source riesce a coniugare l’approccio classico al jazz con uno stile assolutamente innovativo. Il jazz qui naviga verso la sua fonte originaria  in Africa, creando un suono che è totalmente accattivante. Traducendolo in termini informatici, vista la peculiarità del festival che ospita il concerto, possiamo dire che siamo davanti al “codice sorgente” della poetica musicale di una vita.

L'articolo Music Pool. Tutti i concerti in programma a settembre e ottobre proviene da www.controradio.it.

Firenze Jazz Festival: l’omaggio a Stevie Wonder

Firenze Jazz Festival: l’omaggio a Stevie Wonder

Tra gli appuntamenti in evidenza del Firenze Jazz festival giovedì 12 settembre il concerto Steveland: social sounds of Stevie Wonder e il live di di Mark Lettieri. Sulla zattera in Arno il contrabbassista danese Jesper Bodilsen

La seconda giornata del Firenze Jazz Festival spazia dall’omaggio al genio della black music Stevie Wonder ai fuoriclasse della nuova generazione guidati dal raffinato e eclettico chitarrista e compositore Mark Lettieri.
Il contrabbasso del danese Jesper Bodilsen, protagonista del secondo appuntamento sulla zattera sull’Arno giovedì 12 settembre con due ascolti, uno alle ore 19 e l’altro alle 21:30. L’artista si esibirà su una chiatta avvolta da un fascio di luce tra Ponte Vecchio e Ponte Santa Trinita.  Allievo di Niels- Henning Ørsted Pedersen, dagli anni Novanta ha lavorato con il leggendario batterista di Oscar Peterson con cui ha inciso diversi album. Sono tantissime le sue collaborazioni con artisti del calibro di Enrico Rava, Kasper Villaume, Stefano Bollani, George Colligan.Dal 2003 si è esibito in tutto il mondo con il suo celebre Danish Trio insieme al pianista Stefano Bollani e al batterista Morten Lund.

Al Santa Rosa Bistrot si esibisce il Malafede Trio con un sound che mescola jazz e rock, ambient e world music. Il trio, nato nel 2015, è uno dei progetti più interessanti e creativi degli ultimi anni che valica i confini del jazz grazie al bassista Federico Malaman, al chitarrista Riccardo Bertuzzi e al batterista Ricky Quagliato (ore 19:30).

La sua carriera è più attuale che mai e Stevie Wonder continua ad essere un punto di riferimento nella scena musicale internazionale, a lui il quintetto di Claudia Tellini dedica il concerto Steveland: social sounds of Stevie Wonder dalle ore 21 sul palco di Piazza del Carmine. I cinque migliori jazzisti toscani Emanuele Parrini, Riccardo Galardini, Nicola Vernuccio, Walter Paoli guidati dalla voce di Claudia Tellini ripropongono i brani a carattere sociale e politico del genio della black music rielaborandoli in una matrice jazz con momenti di improvvisazione e swing. I testi a cui attingono sono quelli dei primi anni della carriera musicale di Wonder, brani dedicati alla lotta per i diritti civili, impregnati di messaggi di resistenza e di critica al potere costituito. Il quintetto arrichisce il repertorio con testi di Pier Paolo Pasolini e George Orwell  con  arrangiamenti e frammenti originali del gruppo.

Il raffinato ed eclettico chitarrista e compositore texano Mark Lettieri si presenta sul palco di Piazza del Carmine alle ore 22:15 con il Mark Lettieri Trio, un gruppo di fuoriclasse completato da Wes Stephenson al basso elettrico e TaRon Locket alla batteria. Insieme spaziano tra una moltitudine di diversi stili musicali, dal gospel al r&b, dal rock al pop, dal jazz alla fusion.

Tutti gli eventi del festival sono a ingresso libero
Info e programma: www.firenzejazzfestival.it

L'articolo Firenze Jazz Festival: l’omaggio a Stevie Wonder proviene da www.controradio.it.

D.I.Y Firenze Fest 2019 – 3° edizione

D.I.Y Firenze Fest 2019 – 3° edizione

La migliore musica fiorentina al D.I.Y Firenze Fest 2019, venerdì 20 settembre dalle ore 18.00 al Titty Twister di Firenze. Scopri la line up!

LO-FI Management & Booking & Rock Contest Controradio presentano: DIY FIRENZE FEST. Dalle 18.00 alle 04.00 Musica, esposizioni artistiche, street food e dj set

PROGRAMMA:

Redtree Groove
I Redtree Groove sono un giovane gruppo fiorentino nato all’inizio dell’estate 2015 dall’incontro tra Dylan Lorimer (producer e cantante) e Martino Catalani (bassista e cantante). Si aggregano Lorenzo Niccolai alla batteria poco dopo la formazione della band, e Niccolò Frassinetti alla chitarra nel Gennaio 2018.
Il gruppo è stato selezionato fra i tre gruppi finalisti del contest “Premio Musica Futura città di Arezzo 2018” e ha suonato sul palco del Mengo Music Fest aprendo al concerto di Gemitaiz. I Redtree Groove sono vincitori del contest per band emergenti del Rock è Tratto 2018 aprendo durante la serata conclusiva dell’evento ai concerti di Casino Royale e Andrea Laszlo De Simone.
“Un Groove solido e robusto le cui radici affondano nel fertile terreno della Black Music. A coronare il tutto calde e taglienti melodie vocali si arrampicano agilmente su un groviglio di synth e chitarre.”

God of the Basement
I God of the Basement nascono nel 2016 in una Firenze che sognava la Lousiana, la California e il Sud America assieme. Si ispirano a storie di rituali esoterici, voodoo e tutte quelle diavolerie e racconti di occulto che permeano la loro città. Ne fuoriesce un sound che ammicca ai più grandi generi di nicchia, trasformandoli in un moderno pop internazionale: chitarre polverose e desertiche dai giri blues e funky, basso frizzato, ritmica ipnotica.

Handshake
Handshake è un progetto space rock: testi in lingua inglese, tanta energia e coinvolgimento emotivo sono le parole chiave di questa esperienza.
Nel 2017 esce il primo EP “Handshake”, presentato alla prima edizione del nostro festival, che li porta al terzo posto del Rock Contest Controradio e a vincere nel 2017 Il Rock è Tratto Festival.

⁄handlogic
Gli ⁄handlogic sono probabilmente il progetto alternative pop più interessante e coraggioso dell’attuale panorama discografico italiano. Il loro EP d’esordio è stato accolto con grande entusiasmo da critica ed addetti ai lavori. Proclamati vincitori del Controradio Rock Contest 2016 da una giura composta tra gli altri da Verdena, IOSONOUNCANE e colapesce, cominciano ad esibirsi negli studi Rai di Stereonotte e Babylon. Attraversano tutta la penisola con feedback notevoli da parte di tutti per poi approdare a Woodworm Label, che decide di produrre il loro nuovo, bellissimo album Nobodypanic. Tour in collaborazione con gli amici di Rocketta.

Finister
Uscito l’album “Please, Take Your Time” ad ottobre 2018, la band ha iniziato un tour in tutta Italia e tornerà a Firenze proprio al D.I.Y. Firenze Fest!La band ha condiviso il palco con artisti come: The Kooks, The Prodigy, Manu Chao, Official Motörhead, Marco Mengoni, Salmo, Motta, Irene Grandi e ha collezionato esperienze live in Italia, Inghilterra, Germania, Francia, Olanda, Belgio e Serbia.

DJ SET // 20.30-21.30 & 01.00-04.00 //

DJ CrazyD
Progetto che nasce nel 2012 e ha come protagonista un giovane Davide Dabo Bagni di appena 14 anni. Inizia nelle feste studentesche per poi sbarcare nel mondo del clubbin’ che abbandonerà solo 5 anni dopo. La passione che lo lega alla musica è però molto più duratura: all’età di 9 anni inizia a prendere lezioni di batteria e da qui i suoi orizzonti musicali passano oltre i grandi classici del rock ascoltati in famiglia (Pink Floyd, Beatles, King Crimson) per abbracciare un panorama prima più elettronico e poi maggiormente hip-hop. Dopo aver lasciato il mondo delle discoteche preferisce concentrare le sue capacità nel costruire dj set dall’ambiente rilassato e frizzante, appetibile a tutti, passando da tracce molto ricercate a brani capisaldi della cultura pop.

ESPOSIZIONI ARTISTICHE:

NIAN
Pittrice fiorentina che, dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti di Firenze, si avvicina all’arte di strada e comincia così un suo particolare e unico percorso con personaggi coloratissimi che coprono i muri di Firenze e dintorni.

Rmogrl Ottantunoventi
è un artista fiorentino che abbraccia tutte le maggiori discipline: dalla pittura, ai murales, fino alla scultura.
Riconoscibile per la tecnica geometrica e astratta con cui rappresenta le proprie opere.

Exit Enter
Exit Enter è uno street artist famoso in tutta Europa grazie ai suoi personaggi stilizzati che appaiono in tutte le città principali!

Ninjaz Numa Crew
Writer e street artist fiorentino attivo su tutto il territorio italiano da più di 10 anni, vanta collaborazioni col comune di Firenze per la realizzazione di diversi murales di grandi dimensioni, come quello alla fortezza da basso. Inoltre è il frontman della NUMA CREW che da anni gira i festival di tutta Europa esportando il rap è l hip hop italiano.

Bue2530
Bue2530 è uno dei migliori writer e Street artist di tutto il panorama italiano. Dopo anni di attività in tutta la penisola comincia a fare tatuaggi presso il Lacrima Nera Tattoo Saloon a Firenze, studio nel quale si riuniscono i migliori tatuatori. Bue si distingue subito per la sua incredibile tecnica e per l originalità dei suoi disegni.

INGRESSO:
Prevendita → 10 euro + birra
All’ingresso → 10 euro . INFO

TRUCK FOOD: Borgo 20 (schiacciateria) & Diorama (lampredotto)

SPONSORED BY: Carlsberg, Nove 7, Blue Moon Rec Studio

MEDIA PARTNER: Controradio Firenze

L'articolo D.I.Y Firenze Fest 2019 – 3° edizione proviene da www.controradio.it.