Agriturismi toscani, annullate tutte le prenotazioni

Agriturismi toscani, annullate tutte le prenotazioni

Firenze, persa la primavera, con le prenotazioni per la Pasqua e i ponti già cancellate, per gli agriturismi toscani inizia a traballare anche la stagione estiva: ad oggi le strutture toscane hanno registrato l’annullamento di tutte le prenotazioni già fino alla fine del mese di maggio e il timore è che nei prossimi giorni si dovrà cominciare a cancellare anche le poche presenti per il mese di giugno.

Agriturist-Confagricoltura Toscana stima che i danni già sofferti dalle strutture degli agriturismi toscani siano pari ad almeno 25 milioni di euro, con una media di 8-9 mila euro andati in fumo per ciascuna azienda agricola che vede nella ricettività una importante integrazione di reddito.

Alle perdite dovute ai pernottamenti cancellati, si somma il mancato introito per tutte le attività collaterali che restano bloccate: degustazioni, pasti, matrimoni, cooking class, visite, attività nelle fattorie didattiche.

Il colpo per la Toscana è particolarmente forte: è la Regione con il più alto numero di agriturismi con 4.600 aziende e circa 64mila posti letto; conta una media di quasi 900mila arrivi all’anno, pari a 4 milioni di presenze, oltre il 31% del totale delle presenze in regione. Del fatturato nazionale pari a 550 milioni l’anno, 140 vengono generati negli agriturismi toscani.

Le perdite subite ad oggi ammontano già al 40% e il timore è che aumenteranno ulteriormente nei prossimi mesi: secondo Agriturist-Confagricoltura Toscana, le misure di sostegno al reddito e i rinvii previsti dagli attuali provvedimenti del Governo sono del tutto insufficienti per fronteggiare la situazione.

L'articolo Agriturismi toscani, annullate tutte le prenotazioni proviene da www.controradio.it.

Vino toscano: vendite -90% a marzo

Vino toscano: vendite -90% a marzo

Firenze, nella prima metà del mese di marzo le vendite di vino toscano attraverso i canali diversi dalla grande distribuzione (detti Horeca, ovvero quelli che riforniscono bar, ristoranti, alberghi, catering) hanno subito un calo del 90%.

Il dato drammatico arriva anche dall’ultima rilevazione Nielsen: Nella GDO il vino ha subito un calo di vendite del 20%: ma quello dei supermercati è un canale distributivo che pesa soltanto il 30% per il vino toscano, venduto per il 70% attraverso canali diretti e Horeca. Il risultato è il disastro del settore.

La denuncia arriva da Confagricoltura Toscana, “Rischiamo il collasso ben prima di altri settori del comparto agricolo legato a generi di prima necessità dice Francesco Colpizzi, presidente della Federazione Vitivinicola di Confagricoltura Toscana – Sono chiuse le vendite dirette nelle fattorie, i ristoranti, gli alberghi ed i winebar. Se poi teniamo conto del fatto che le aziende vitivinicole per il proprio business contano anche sulle attività turistico-ricettive fonte di ricavi oggi azzerati, è chiaro che oltre alla chiusura di migliaia di aziende e alla perdita di migliaia di posti di lavoro, rischiamo anche l’abbandono e il degrado delle campagne, con ricadute deteriori in termini sociali e ambientali”.

“Non vogliamo abdicare al nostro ruolo e non vogliamo abbandonare i campi, ma dobbiamo essere messi nelle condizioni di poterlo fare – prosegue Colpizzi -. La priorità è una sola: serve liquidità per proteggere le imprese, per proteggere il livello e la qualità occupazionale. Non possiamo fermarci, anche se le nostre vendite sono prossime allo zero: nei vigneti la ripresa vegetativa è imminente e richiede interventi, il vino nelle cantine è un prodotto biologicamente vivo che ha bisogno di cure quotidiane. I provvedimenti adottati dal Governo sono del tutto insufficienti. Per questo abbiamo avanzato sia alla Regione Toscana che alle istituzioni nazionali una serie di proposte”.

Confagricoltura chiede una moratoria di almeno 24 mesi sulle operazioni a lungo, medio e breve termine; occorre nuova finanza pari ad almeno la metà del volume di affari realizzato l’anno scorso, attraverso mutui trentennali garantiti dallo Stati e finanziamenti a 12/60 mesi assistiti dalla garanzia del vino dato in pegno. Serve anche lo strumento della Vendemmia Verde per eliminare tra maggio e giugno parte dei grappoli e contenere la prossima vendemmia per calmierare gli squilibri di mercato; senza escludere la distillazione facoltativa anche per produrre alcol utile in questo momento a fini sanitari. sarà poi necessario il varo di un “Piano Strategico di sostegno all’export vitivinicolo toscano” articolato su missioni di settore, piani di comunicazione integrata, sui mercati consolidati ed emergenti con previsione di misure straordinarie promozionali e di sostegno alla domanda di vino sia per il mercato estero che interno.

L'articolo Vino toscano: vendite -90% a marzo proviene da www.controradio.it.

Confagricoltura Toscana, disastro: dopo il virus la gelata

Confagricoltura Toscana, disastro: dopo il virus la gelata

Arezzo, dopo le pesanti perdite già accumulate per il blocco di molte attività legato al contrasto dell’epidemia di coronavirus, è arrivato il gelo sulle produzioni ortofrutticole toscane: la prima gelata si è verificata lunedì notte e la seconda mercoledì notte, hanno portato le temperature a scendere fino ad oltre 3 gradi sotto lo zero sia nell’interno della regione che sulla costa.

“Nell’interno è andato perso circa il 30% del prossimo raccolto di albicocche, susine e di alcune varietà di pesche – dice Antonio Tonioni, presidente della sezione ortofrutta di Confagricoltura Toscana -. Qui le aziende si sono in qualche modo difese perché molte sono dotate di impianti antigelo. Sulla costa, invece, l’impatto del gelo è stato devastante perché paradossalmente proprio in questa zona le temperature sono scese più che altrove: è perso fra il 70% e il 100% del raccolto di albicocche e di susine, le pesche nettarine sono perse al 70%. Questa è la stima dei danni della prima gelata. I danni della seconda gelata, quella di mercoledì, li dobbiamo ancora contare”.

Un disastro per un comparto che contava sulla nuova stagione per provare a rimettersi in piedi dopo la batosta subita a causa della chiusura di tutte le mense dovuta ai provvedimenti restrittivi adottati dal Governo per contenere i contagi: “Per molte aziende il fatturato si è azzerato in 24 ore. Tutto il prodotto che era destinato alle mense adesso verrà avviato alla trasformazione che lo paga 5 centesimi al chilo a fronte di costi di produzione fino a 10 volte superiori – aggiunge Tonioni -. Ora ci prepariamo ad affrontare una stagione di raccolte decimata dal gelo. E non dimentichiamo che veniamo da un 2019 dove la tempesta di vento e grandine aveva già lasciato molti produttori in ginocchio. Questa epidemia ci sta facendo capire quanto sia importante il cibo e la sua distribuzione: serve immediatamente un’iniezione di liquidità, una politica forte che sostenga l’accesso al credito per tante imprese che altrimenti non si rialzeranno più”.

L'articolo Confagricoltura Toscana, disastro: dopo il virus la gelata proviene da www.controradio.it.

Olio: con il caldo torna la mosca, per gli agricoltori è corsa contro il tempo

Olio: con il caldo torna la mosca, per gli agricoltori è corsa contro il tempo

“Riceviamo oramai quotidianamente segnalazioni dai nostri associati di attacchi persistenti della mosca olearia. Non sono più casi isolati quelli di chi si ritrova sulle piante olive già con vermi e bachi. Per questo invitiamo tutti gli olivicoltori toscani a concludere il prima possibile la raccolta delle olive e a fare presto, molto presto” questo l’appello-allarme che lancia Orlando Pazzagli, presidente sezione prodotto olivicolo di Confagricoltura Toscana dopo il ritorno della mosca olearia a causa delle piogge e del caldo anomalo degli ultimi giorni registrato in Toscana.

“E’ evidente che oramai i cambiamenti climatici sono nodi strutturali che vanno sciolti perché incidono sempre più pesantemente sulle nostre capacità produttive e quindi sul nostro sistema economico e occupazionale” spiega Pazzagli. “Da noi, qui in Toscana, soprattutto sulla costa, – continua il presidente della sezione prodotto olivicolo di Confagricoltura Toscana – stiamo registrando temperature ben sopra la media storica stagionale. E’ un caldo anomalo che sta da una parte anticipando la maturazione delle olive e dall’altra costituisce un habitat favorevole alla mosca olearia che così non solo è più forte, ma si trova anche di fronte a un banchetto abbondante perché le nostre produzioni sono ancora sulle piante”.

“Il problema – precisa Pazzagli – riguarda tutta la Toscana, ma dato che tra Siena, Arezzo e Firenze si producono meno olive c’è meno preoccupazione. Mentre la situazione sta diventando drammatica fra Livorno e Grosseto dove abbiamo circa l’80% della produzione toscana”.

“Il rischio è alto e non va sottovalutato – conclude Pazzagli – perché basta pochissimo per far abbassare la qualità del nostro olio. Con troppa acidità infatti usciamo dai parametri previsti per l’olio toscano per entrare nel più generico e meno appetibile olio italiano. Da qui il nostro appello a fare presto e bene. I frantoi sono già aperti dallo scorso 1 ottobre ma c’è tempo solo fino al 7 dicembre per considerare frangitura di olio toscano”.

L'articolo Olio: con il caldo torna la mosca, per gli agricoltori è corsa contro il tempo proviene da www.controradio.it.

Confagricoltura Toscana: “Stop ai dazi o l’agricoltura toscana rischia l’estinzione”

Confagricoltura Toscana: “Stop ai dazi o l’agricoltura toscana rischia l’estinzione”

“La speranza è che Ue e Usa si siedano a un tavolo e raggiungano subito la pace perché anche in una guerra commerciale così come nelle guerre vere le vittime saranno famiglie e imprese e tante se ne conteranno in Toscana”, così Marco Neri, presidente di Confagricoltura Toscana, commenta la guerra dei dazi. “In una lotta tra giganti resta schiacciato quel tessuto di imprese che rappresenta l’ossatura dell’economia italiana”, ha dichiarato.

Neri ricorda che l’export agroalimentare toscano nel 2018 verso gli USA è stato pari ad oltre 663 milioni di euro, in calo del 3,3% rispetto al 2017. Essi sono il primo mercato di sbocco: infatti il totale export verso tutto il mondo è 2,2 miliardi. Nel primo semestre 2019, si legge nel comunicato, export agroalimentare toscano verso gli Stati Uniti vale oltre 317 milioni di euro, in linea con il 2018.

L’agroalimentare rappresenta infatti il 5% del totale export regionale. Alcuni prodotti agroalimentari inoltre sono sovrabrand rispetto al made in Tuscany e quindi sono straordinari ambasciatori della toscana nel mondo. Rappresentano un potenziale di immagine delle cui ricadute beneficiano anche tutti gli altri settori produttivi.

“Le nostre aziende agricole – spiega ancora Neri – vivono una fase molto difficile strette da una parte dalla crisi dei consumi interni delle famiglie italiane. Inoltre, la pressione sempre più insopportabile delle grande distribuzione abbassa costantemente i prezzi riducendo i ricavi. Se a questa situazione negativa fosse aggiunto anche un blocco diretto o indiretto all’export allora sarebbe un disastro probabilmente irrecuperabile”.

“La politica dovrebbe occuparsi subito di questa emergenza e quindi da una parte far capire alla Ue che la trattativa con gli Usa per bloccare sul nascere lo scontro commerciale va fatta e va portata a buon fine. Dall’altra – conclude – servono, sia a livello nazionale che regionale, misure di sostegno agli agricoltori e agli allevatori proprio per prevenire situazioni che una volta innescate non sono più recuperabili”.

L'articolo Confagricoltura Toscana: “Stop ai dazi o l’agricoltura toscana rischia l’estinzione” proviene da www.controradio.it.