Tre nuovi itinerari per scoprire la Firenze artigiana

Tre nuovi itinerari per scoprire la Firenze artigiana

 Ci sono i profumi della Firenze di un tempo, delle sue spezie e delle sue erbe, ci sono i luoghi del burattino Pinocchio e degli artigiani del suo tempo, e quelli del poeta Dante Alighieri. Sono questi i temi cardine dei tre nuovi itinerari presentati  da Confartigianato Firenze e dal Comune di Firenze, alla presenza dell’assessora al Turismo Cecilia Del Re, nell’ambito del progetto Autentica Firenze.

Si tratta di un’iniziativa promossa da Confartigianato in collaborazione con il Comune di Firenze che propone delle “vere esperienze fiorentine”. Autentica Firenze (www.autenticafirenze.com), infatti, permette di scoprire itinerari insoliti che coinvolgono gli artigiani, oltre che le bellezze cittadine, con la possibilità di entrare nei loro laboratori scoprendone la storia, l’arte e i colori. Percorsi rivolti ai turisti, ma anche agli stessi fiorentini che possono entrare a contatto con un pezzo di storia della loro città.

Il primo dei tre nuovi itinerari presentati è “L’arte del profumo”, che coinvolge tre eccellenze fiorentine: Spezierie Palazzo Vecchio, Aromantique e Erboristeria San Simone. (per maggiori dettagli: https://autenticafirenze.com/itinerario/larte-del-profumo/).

Il secondo si chiama “Pinocchio il burattino” ed è un tour nei luoghi della celebre opera di Carlo Collodi, pseudonimo del fiorentino Carlo Lorenzini. Oltre al Museo del Giocattolo e al Ristorante Pinocchio sono coinvolti gli artigiani della Bottega d’Arte Maselli, Viviani Pelletteria, e Paolo Penko Bottega Orafa (https://autenticafirenze.com/itinerario/burattino/).

Infine, il “Tour di Dante”, dalla statua che ritrae l’autore della Divina Commedia in Santa Croce, a Borgo dei Greci, piazza San Firenze, piazza della Signoria, fino al quartiere di Dante, la chiesa di Santa Margherita dei Cerchi, via del Corso e il Battistero. Una visita che prevede soste alle botteghe artigiane a tema, come Paolo Penko bottega orafa, Signum legatoria. Insieme agli artigiani, presenti le guide che hanno curato gli itinerari: Maria Francesca Parra, Elena Petrioli e Riccardo Starnotti.

“Un progetto alla scoperta di una Firenze viva e autentica – ha detto l’assessore Del Re -, che resiste e apre le porte ai visitatori per offrire uno spaccato delle attività artigianali e dei luoghi della cultura che sono alle origini della nostra storia. Un modo diverso di pensare al turismo, che non si limita alla bellezza immediata ma va a indagare lo spirito dei luoghi e delle attività che li animano. Su questo lavoriamo con sempre maggiore convinzione, a partire dall’esperienza del portale Feel Florence, ormai punto di incontro e promozione della Firenze insolita. La Firenze autentica è anche in Feel Florence, come portale aperto alle proposte in grado di valorizzarla”.

“Autentica Firenze – commenta Alessandro Sorani, presidente di Confartigianato Imprese Firenze –è un progetto fondamentale nell’ambito del turismo fiorentino perché permette di valorizzare la storia reale della città, i suoi protagonisti. Prendere parte a questi percorsi significa entrare a contatto diretto con chi l’ha modellata grazie alla propria arte e alla propria maestria, poi tramandata di generazione in generazioni fino agli artigiani di oggi, che ispirandosi agli antichi mestieri hanno dato loro nuova vita con idee moderne e fantasia. La sinergia tra le guide turistiche e il mondo dell’artigianato è indispensabile per ripartire con slancio in questa estate, in cui ci auspichiamo di registrare numeri il più vicino possibile al periodo pre-pandemico, con le nostre botteghe finalmente in grado di ospitare visitatori da tutto il mondo. Ringrazio coloro che rendono possibile questo progetto, nella speranza che la collaborazione sia sempre più forte”.

L'articolo Tre nuovi itinerari per scoprire la Firenze artigiana da www.controradio.it.

🎧 Confartigianato Firenze, instant doc per non dimenticare artigiani

🎧 Confartigianato Firenze, instant doc per non dimenticare artigiani

Firenze, “Le nostre mani non si sono mai fermate” è il titolo del video realizzato da Confartigianato Firenze in collaborazione con la Camera di Commercio di Firenze e Fondazione CR Firenze.

Nel Podcast l’intervista al Presidente di Confartigianato Firenze, Alessandro Sorani, acura di Gimmy Tranquillo.

“Gli artigiani fiorentini non si sono mai fermati – dice Confartigianato Firenze – Nemmeno durante il lockdown. Neppure quando la città si è svuotata. Le loro abili mani, capaci di creare capolavori apprezzati in tutto il mondo, hanno continuato a lavorare con passione e orgoglio”.

A raccontarlo è un instant doc, realizzato da Confartigianato Firenze in collaborazione con la Camera di Commercio di Firenze e Fondazione CR Firenze, da oggi disponibile sui canali social dell’associazione e dei suoi partner.

“Le nostre mani non si sono mai fermate”, questo il titolo del video che – attraverso suggestive riprese – permette a chi guarda di entrare nelle botteghe per osservare da vicino il lavoro di questi instancabili artisti. Sullo sfondo, Firenze in tutta la sua bellezza.

“Siamo orgogliosi di presentare questo video che testimonia la resistenza con la quale gli artigiani hanno continuato a lavorare, anche nei mesi più duri della pandemia –  ha spiegato Alessandro Sorani, presidente di Confartigianato Firenze – C’è chi ha sperimentato cose nuove, chi ha portato avanti la propria produzione per poter spedire all’estero, c’è chi ha attivato l’e-commerce, capendo che il digitale d’ora in poi sarà uno strumento indispensabile. Questo video è per noi anche l’auspicio di una rinascita, di una nuova primavera dell’artigianato, simbolo irrinunciabile della nostra città”.

“In un momento storico che non ha precedenti per le difficoltà economiche e sanitarie che ci troviamo ad affrontare, dobbiamo agire in sinergia, rimanendo uniti e compatti nel rilanciare il territorio e i suoi protagonisti – ha sottolineato Leonardo Bassilichi, presidente Camera di Commercio di Firenze – Affiancare gli artigiani e sostenerli in questa difficile fase significa rilanciare il territorio. Perché l’artigianato è sicuramente uno dei fattori fondamentali che rendono Firenze unica”.

“Questo video è uno strumento assai efficace per promuovere una delle espressioni più importanti della cultura e della storia del nostro territorio quale è l’artigianato – ha aggiunto Luigi Salvadori, presidente di Fondazione CR Firenze – Ed è ancora più opportuno in questo momento di grande difficoltà economica anche per questo comparto. Il ‘fatto a mano’ è nel DNA di Firenze ed è riconosciuto nel mondo; sono certo che il video può contribuire a rilanciarlo con la forza che solo l’immagine riesce ad avere”

“È stato davvero emozionante per la nostra troupe entrare nelle botteghe artigiane di Firenze per eseguire le riprese – ha commentato Matteo Gazzarri, art director Riprese Firenze.  – Guardare questi artisti lavorare è stata un’esperienza che ci ha messo davanti non solo all’abilità del saper fare ma anche a tante storie da raccontare. Dietro il più piccolo oggetto, dietro ogni lavorazione ci sono esperienze condivise e tramandate di generazione in generazione. Un vero patrimonio collettivo”.

L'articolo 🎧 Confartigianato Firenze, instant doc per non dimenticare artigiani proviene da www.controradio.it.

Confartigianato: la rivolta degli estetisti

Confartigianato: la rivolta degli estetisti

Firenze, “Tutto il settore andrà in mano agli abusivi, così al lavoro nero aggiungiamo il problema sanitario”, a parlare è Marzia Mancini, una degli estetisti fiorentini, che racconta la rabbia della categoria il giorno dopo l’annuncio della chiusura prolungata di almeno un mese delle loro attività.

Nell’area fiorentina sono 2.500 le imprese del settore benessere, quindi acconciatura, estetisti, tatuaggi e piercing, per un totale di 8mila addetti. In tre mesi, marzo aprile e maggio, si stima una perdita economica di 21 milioni di euro, pari a quasi il 20% del fatturato annuo, senza contare le ripercussioni sull’occupazione.

“La situazione è drammatica. Siamo pronti a manifestare nonostante le restrizioni – commenta Claudio Barbetti, presidente Benessere Confartigianato Firenze – L’intero comparto è già in estrema difficoltà e l’intensificazione delle pratiche abusive, con estetiste e parrucchieri a domicilio ad esempio, rende la situazione non più controllabile.  Il mix di lockdown e concorrenza sleale sta generando già ampie perdite e con il protrarsi della chiusura la quota di mercato regolare erosa dal sommerso non può che aumentare”.

Una situazione esplosiva, “sia dal punto di vista economico che sanitario. Un paradosso, soprattutto in Toscana dove abbiamo la normativa più stringenti in termini di sicurezza e salute – continua Barbetti – Ci candidiamo ad essere la regione pilota per sperimentare una sorta di cantiere per la sicurezza nei centri benessere e per i tatuatori, così da poter riaprire prima e garantire la sopravvivenza di tante attività economiche”. Le attività del comparto benessere hanno un’ampiezza media di 100 metri quadrati, con 2/3 dipendenti e un rapporto tra cliente e lavoratore a uno a uno.

“Siamo l’unico settore che garantiva la sanificazione e l’uso dei dispositivi di protezione già prima dell’emergenza covid-19. Figuriamoci ora – racconta Marzia Mancini – Sterilizziamo tutto e usiamo le protezioni non certo da ora, siamo attrezzati per ripartire molto più di altri settori che hanno ripreso l’attività.  Non possiamo più sostenere la chiusura.  Questi mesi sono per noi importantissimi”. E mentre gli imprenditori e i dipendenti rischiano di perdere il lavoro, “gli abusivi aumento. Quelli che lavorano in casa propria o vanno a domicilio chi li controlla? – si chiede Marzia – Il nostro settore è in mano a loro, oggi più che mai.”

Niccolò Cavicchi fa il tatuatore: “Lavoriamo sempre rispettando le norme igienico-sanitarie per evitare la trasmissione di malattie, non vedo perché proprio noi dobbiamo essere penalizzati. Io e i miei collaboratori siamo a casa e non tutti abbiamo ricevuto i 600 euro. Dobbiamo riaprire prima, stiamo accumulando perdite su perdite. Così facendo spingiamo solo l’abusivismo”

L'articolo Confartigianato: la rivolta degli estetisti proviene da www.controradio.it.

Cassa integrazione richiesta da 82% delle aziende artigiane

Cassa integrazione richiesta da 82% delle aziende artigiane

Firenze, 81,7% delle aziende artigiane associate a Confartigianato Imprese ha fatto richiesta di Cassa integrazione in deroga: l’artigianato fiorentino è fermo e, in molti casi, anche chi potrebbe lavorare preferisce non farlo per timore del contagio.

Il segretario generale dell’associazione di categoria, Jacopo Ferretti spiega i numeri della Cassa integrazione: “La gran parte dei settori è ferma. Ci sono alcuni ambiti ristretti che vanno in controtendenza come, ad esempio, le farmacie e le parafarmacie, o le imprese attive nella sanificazione degli ambienti che durante il mese di marzo hanno avuto un’impennata di richieste pari al 140%”.

I primi numeri di Confartigianato Imprese raccontano anche le abitudini e le scelte dei fiorentini: “I fiorentini stanno premiando le botteghe, i negozi di vicinato che vendono generi alimentari e di prima necessità per i quali l’aumento di fatturato è mediamente fra il 20 e il 30%, con punte del 40% e oltre per i panifici. Chi ha un negozio sotto casa lo premia, potendosi così risparmiare le file davanti ai supermercati: è un segnale che i cittadini stanno dando in modo chiaro e che dovrebbe essere colto per riprogrammare le strategie future di gestione del tessuto commerciale nei centri abitati”.

Ci sono infine categorie di artigiani che potrebbero lavorare, ad esempio idraulici ed elettricisti, ma hanno scelto di rimanere fermi e ricorrere comunque agli ammortizzatori sociali: “I cantieri sono chiusi e quindi per queste categorie il lavoro si ridurrebbe agli interventi nelle abitazioni private – conclude Ferretti -. Ma domina la paura del contagio, soprattutto fra i lavoratori che hanno timore ad entrare nelle case: per questo molti piccoli imprenditori hanno comunque scelto di fermarsi e mettere i dipendenti in cassa integrazione”.

L'articolo Cassa integrazione richiesta da 82% delle aziende artigiane proviene da www.controradio.it.

Parco di Villa Montalvo: arriva la seconda edizione di Follow Your Pet

Parco di Villa Montalvo: arriva la seconda edizione di Follow Your Pet

Animali, una grande festa “per loro e con loro”: oggi e domani nel Parco di Villa Montalvo (Campi Bisenzio) sarà possibile provare le nuove discipline sportive insieme al proprio cane, saranno presenti ospiti speciali a quattro zampe e tante altre attività per i bambini e le famiglie, nella seconda edizione di Follow Your Pet.

Come “testare” il fiuto del proprio cane nel riconoscere un determinato odore o nel ritrovare una persona? E come metterne alla prova le capacità di soccorso in acqua nelle vesti di “cane bagnino”? Le nuove discipline sportive da praticare insieme al proprio cane, come il Mantrailing, il Nosework o il Canicross e i diversi tipi di sport acquatici (Freestyle, Speed Water, Splash!) sono solo alcune delle novità della seconda edizione di Follow Your Pet.

follow your pet
Florence, Italy – 2018, September 22: Dog Agility poles slalom during a competition, at “Follow Your Pet” 2018 expo.

La manifestazione, che vede al centro cani, gatti, cavalli, rettili e rapaci e quest’anno anche api, furetti ed altri animali “non convenzionali”, come suricati, cincillà e pappagalli – andrà in scena oggi e domani nel parco di Villa Montalvo a Campi Bisenzio. Organizzata da Exposervice in collaborazione con Csen, Anfi, Ordine dei medici veterinari di Firenze e Prato, Confartigianato Firenze e con il patrocinio di Regione Toscana, Città metropolitana di Firenze e Comune di Campi Bisenzio, rientra nel calendario di eventi “La meglio genìa” del Comune di Campi Bisenzio.

Per gli amanti dei gatti, nel corso della due-giorni verranno presentate razze feline da tutto il mondo, comprese quelle “nude” come lo Spynx e Peterbald. Ci sarà anche lo Khmer della Cambogia, arrivato da pochissimo in Italia. Tra i cani, non mancheranno gli ospiti speciali a quattro zampe, con le loro storie: Sun esperto di pet therapy, Gandalf bloodhound “in pensione” che ha partecipato a numerose operazioni di ricerca e salvataggio, Brando, Pablo, Lizzy & Co gli “angeli del mare” della Scuola Italiana Cani Salvataggio Firenze autori questa estate di numerosi salvataggi sulle spiagge toscane, i “cani antiveleno” del Nucleo Investigativo Antiveleno delle Guardie Zoofile dell’ENPA addestrati nel riconoscimento di esche e bocconi avvelenati.

follow your pet

Medici veterinari forniranno pillole informative, per i bambini ci saranno moltissime attività tra cui laboratori con materiali di recupero e una caccia a tesoro a tema pet. Tra le curiosità, uno show dog cooking per la preparazione dei pasti per i propri pet e i consigli degli esperti del settore su come far bello il proprio cane.

“Quest’anno Follow Your Pet si sposta in uno spazio all’aperto, un grande parco poco distante da Firenze – afferma Alessandro Sanesi, patron di Follow Your Pet -. Sarà una festa per gli amanti degli animali e della natura a ingresso gratuito, pensata per tutta la famiglia. Due giorni da trascorrere con i nostri amici animali, con tante attività da provare dal vivo insieme a loro ed occasioni per conoscerli da vicino e scoprire come prendercene cura al meglio”.

“Siamo lieti di ospitare un evento di tale portata – afferma il Sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi – che contribuirà a valorizzare ulteriormente il Parco di Villa Montalvo confermandone la vocazione di spazio a disposizione di manifestazioni di eccellenza per l’intera area metropolitana”.

Fra le attività segnalate dal programma troviamo:

Dimostrazioni e prove aperte: sarà possibile assistere a dimostrazioni di discipline sportive con gli educatori cinofili Csen e di soccorso nautico (con la SICS) e soccorso sportivo in acqua (con le unità cinofile dei gruppi toscani affiliati a CSEN, come AILA, SAUCS e Orsi del Tirreno) e far partecipare il proprio cane a moltissime prove aperte: approccio all’acqua, dog balance fit, canicross, agility, obedience, rally-O, nosework, e anche il disc dog che vede il ritorno del campione italiano Riccardo Vignali, tra i primi a portare in Italia questa disciplina. E poi ancora si potrà mettere alla prova il proprio amico a quattro zampe nelle vesti di sheep dog al lavoro sul gregge, nella ricerca olfattiva, nei giochi cognitivi. Gli allievi del centro equestre La Valle Equitazione si esibiranno in una dimostrazione di volteggio equestre. La manifestazione ospiterà una gara di Agility Biathlon valevole per il circuito regionale CSEN e una gara di Rally O del circuito nazionale CSEN.

Non solo cani e gatti: l’Antica Falconeria Toscana sarà presente con esemplari di falchi, gufi, poiane. Esperti falconieri illustreranno le caratteristiche degli animali e le tecniche di caccia e di volo. Protagonisti della manifestazione saranno anche i cavalli e i pony, i conigli, mentre gli amanti degli animali a sangue freddo potranno scoprire di più su serpenti e sauri. Ci sarà spazio anche per un incontro dedicato ai furetti domestici a cura dell’Associazione Furettomania che illustrerà come prendersene cura in maniera corretta. Insieme all’Associazione Culturale Vivascienza si potranno conoscere da vicino animali non convenzionali ormai diventati pet, come suricata, moffetta, ratto, cincillà, pappagallo, scoprendone abitudini e modalità di gestione come animali da compagnia. Si parlerà per la prima volta anche delle api e del loro ciclo biologico e sarà possibile osservare le arnie con l’Apicoltura Dolci Voli.

Area kids: la Valle Equitazione terrà attività didattiche di avvicinamento al mondo del cavallo. Incontri didattici interattivi di educazione cinofila del cane saranno curati da K9 Academy, che svolgerà anche prove di cinofilia dei piccoli e baby agility. E poi ancora ci saranno laboratori creativi, giochi e laboratori a tema animali con materiali di riciclo, come costruire un giocattolo per il proprio cane, truccabimbi, una speciale caccia a tesoro a tema pet a cura de La fabbrica dei sogni, il gioco per bambini dello yoga degli animali e un baby dog cooking per realizzare golosi bocconcini per gli amici pelosi.

Pillole informative: tante le presentazioni di diverse razze canine a cura degli allevatori e una serie di importanti pillole informative dei medici veterinari sui più svariati temi legati alla salute e al benessere: fisioterapia, agopuntura, alimentazione casalinga vs industriale, pet therapy, primo soccorso veterinario. Numerose anche le presentazioni di razze feline nell’Area Anfi, tutta dedicata ai gatti, dove gli esperti forniranno anche utili informazioni su come comportarsi quando arriva un gattino in casa, come scegliere il meglio per la sua alimentazione, come orientarsi con vaccini e sterilizzazione, come saper riconoscere il suo linguaggio.

Food, moda e fotografia: a Follow Your Pet andrà in scena un’expo amatoriale canina, pensata anche per chi non vi ha mai partecipato, preceduta da un incontro con esperti del settore che daranno consigli su come preparare il proprio cane a una sfilata e come toelettarlo.

follow your pet

Mani in pasta per lo show dog cooking in cui i più piccoli prepareranno biscottini per i quattro zampe utilizzando ingredienti normalmente presenti nella dispensa di casa. Infine, sulla pagina facebook di Follow Your Pet è possibile partecipare al contest fotografico #Separatiallanascita postando un selfie con il proprio amico a quattro zampe. L’autore della foto più simpatica potrà farsi ritrarre durante la manifestazione dal fotografo Gianmarco Folcolini, autore della mostra “Tutto il padrone” e ricevere così in regalo il proprio ritratto di coppia.

All’interno della manifestazione è prevista un’area street food così da consentire al pubblico di organizzare al meglio la propria giornata all’interno del parco.

L'articolo Parco di Villa Montalvo: arriva la seconda edizione di Follow Your Pet proviene da www.controradio.it.