BTC – La fiera degli evventi

E’ in corso alla Fortezza da Basso la 29° edizione di BTC, l’unica fiera in Italia per il mercato degli eventi,12-13 novembre 2013. Un comparto produttivo che produce valore economico, di conoscenza, di business e di brand per i territori, ma che nel nostro Paese non riesce ad esprimere pienamente le sue potenzialità.

*
Con questa edizione di BTC, la fiera si connota ancora di più come momento strategico per sensibilizzare le istituzioni sul valore del turismo congressuale, il luogo dove trovare nuovi stimoli e nuove risposte. Il mercato ha risposto molto positivamente alle novità di quest’anno: il fronte espositivo è cresciuto del 22% (rispetto al 2012), con un centinaio di new entry. In totale sono 313 i seller presenti a fronte di 300 gli hosted buyer provenienti da 22 Paesi (soprattutto da Europa, Russia, Brasile, India, Cina, Giappone, Stati Uniti) che avvieranno nuovi contatti con l’offerta italiana, per portare convention ed eventi aziendali nel nostro Paese. Un forte incremento si registra anche sul fronte dei pre-accrediti online.Sul fronte espositivo internazionale da segnalare tra i nuovi ingressi Israele, Polonia, Messico.L’Italia è presente con l’offerta congressuale di  Toscana, Puglia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Liguria, Emilia Romagna, Basilicata, Città di Torino.
In mattinata, dopo la conferenza di apertura, verrà presentato il Comitato di Coordinamento per lo sviluppo del congressuale italiano: unità di intenti tra istituzioni pubbliche e associazioni di categoria. Parteciperanno: Enit, Regioni, Federcongressi&eventi, Federturismo Confindustria, Assoturismo, Confcommercio.
Evento clou del pomeriggio sarà il primo Italian Politicians Forum – tra gli appuntamenti più attesi a BTC, con la partnership organizzativa di Triumph Group – che ha l’obiettivo di illustrare a politici e amministratori locali dinamiche, caratteristiche e problematiche salienti di questo mercato, con una forte focalizzazione sul ruolo della politica e uno sguardo attento a case history di successo internazionali. Le trattative agli stand tra buyer ed espositori della meeting industry saranno affiancate dal ricco programma di seminari, che a oggi ha già registrato oltre 700 adesioni: green meeting, crowdsourcing, trend emergenti, nuove tecnologie e meeting design, social media nei fatturati alberghieri, gamification, personal branding, innovazione e brand naming sono alcuni degli argomenti che verranno affrontati.Gli espositori presenti in fiera rappresentano tutti le categorie di fornitori della filiera congressuale: catene alberghiere, alberghi, convention bureau, consorzi turistici e club di prodotto; e poi centri congressi, dimore storiche, location per eventi, agenzie di comunicazione, di marketing e di spettacolo, DMC, fornitori di servizi tecnologici, allestitori, società di trasporto.