Firenze, commercianti: “Ztl 24h è un flop: va ritirata”

Firenze, commercianti: “Ztl 24h è un flop: va ritirata”

“Con Ztl no stop perdita giro affari locali fino a 30%” denunciano Confesercenti e Confcommercio Firenze: “nessun cambiamento parcheggi o sollievo ai residenti: ritiratela.”

La sperimentazione della ztl non stop in centro a Firenze ha cambiato poco o nulla in merito al numero delle soste irregolari, sull’uso dei parcheggi a servizio del centro storico e su quello del servizio navetta (sospeso da Firenze Parcheggi perché improduttivo), ma, al contrario, ha depresso gli affari dei locali nell’area; dunque deve essere ritirata. E’, in sintesi, quanto espresso oggi da Confesercenti e Confcommercio Firenze.

Rispetto all’impatto della chiusura ‘rafforzata’ del centro storico, le associazioni hanno parlato di diminuzione degli affari nei locali con picchi di calo fino al 30% degli incassi. “La chiusura fa più male che bene alla città. Per tutelare la vivibilità del centro e il rispetto delle regole è più che sufficiente un presidio maggiore da parte della polizia municipale. Mettere a rischio le imprese non serve” è stato spiegato.

“A questo punto, visto che il sindaco in Consiglio comunale aveva dichiarato la sua disponibilità a rivedere a trenta giorni lo stato del provvedimento, chiediamo che l’Amministrazione torni sui suoi passi e consideri chiuso in via definitiva il periodo sperimentale di prova dell’ampliamento della ztl”, dicono il presidente di Fipe-Confcommercio Toscana Aldo Cursano e il presidente di Confesercenti Città di Firenze Santino Cannamela. Mercoledì, 19 luglio, fanno sapere le associazioni, saranno ricevuti a Palazzo Vecchio dagli assessori Del Re e Giorgetti per discutere dell’argomento.

 

 

L'articolo Firenze, commercianti: “Ztl 24h è un flop: va ritirata” proviene da www.controradio.it.

PROTESTA ARTISTI DI STRADA DAVANTI A PALAZZO VECCHIO

artisti di strada protesta Firenze

La protesta va contro il nuovo regolamento che disciplina postazioni in città e trasferisce alcuni artisti da piazzale degli Uffizi a San Lorenzo per cinema all’aperto: “vogliamo criteri per anzianità di servizio.”

Protesta, colorata, degli artisti di strada, oggi di fronte a Palazzo Vecchio, contro il nuovo regolamento che disciplina le postazioni in città, e contro il trasferimento di alcuni di loro dal piazzale degli Uffizi a piazza San Lorenzo per la durata dell’iniziativa del cinema all’aperto nell’area antistante la galleria. Una cinquantina i manifestanti: i pittori esponevano grandi tavolozze, i mimi sfilavano con il volto dipinto, i musicisti si sono esibiti in performance estemporanee.

Il nuovo regolamento, già approvato dalla giunta, attende il voto del Consiglio comunale, dove dovrebbe sbarcare a settimane. Gli artisti di strada, come hanno spiegato alcuni dei partecipanti alla protesta, vorrebbero nella nuova norma criteri premiali per l’ ‘anzianità di servizio’ nell’assegnazione delle postazioni, introdurre la valutazione per titoli e un tavolo di confronto permanente con l’amministrazione comunale.

Oltre ad una mappa per valorizzare arti di strada e combattere abusivismo, sarà prevista la georeferenziazione e ablita la tassa per postazioni fuori dal centro, l’esenzione dal canone per l’occupazione del suolo pubblico fuori dall’area Unesco e promozione online con una mappa per valorizzare le arti di strada.

The post PROTESTA ARTISTI DI STRADA DAVANTI A PALAZZO VECCHIO appeared first on Controradio.

CALCIO STORICO, FINALE ROSSI – BIANCHI

calcio storico

L’Amministrazione comunale di Firenze ha dato l’ok per la finale del calcio storico del 24 giugno tra Rossi e Bianchi. Visionate tutte immagini e referti arbitrali Azzurri-Bianchi: Azzurri sconfitti a tavolino.

L’Amministrazione comunale ha visionato tutte le immagini della semifinale del Calcio storico fiorentino disputatasi ieri tra Azzurri e Bianchi e ha letto attentamente tutti i referti arbitrali, che trovano perfetta rispondenza nelle immagini visionate. L’Amministrazione comunale ha deciso che la partita del 24 giugno si svolgerà tra la Parte Rossa e la Parte Bianca, nel pieno rispetto del regolamento.
Ai sensi dell’articolo 9 comma 10 del regolamento, infatti, è previsto che: “Qualora il giocatore o allenatore o altro membro di squadra espulso, per qualunque motivo, si rifiuti di lasciare il terreno di gioco, nonostante il comando del Maestro di Campo, verrà decretata irrevocabilmente la interruzione della partita con sconfitta a tavolino del colore il cui giocatore, allenatore o altro membro della squadra espulso non abbia lasciato il terreno di gioco. Sarà inoltre comminata una sanzione economica euro 5.000 per ogni giocatore non uscito dal campo e la revoca del contributo annuale. Nel caso di recidiva nel biennio, la sanzione amministrativa sarà raddoppiata”.

Il comma 11, visionato dall’Amministrazione, prevede invece che: “Sarà inoltre valutato l’atteggiamento dei Capitani ed ogni altra figura di cui all’art. 7 al fine di sanzionare atteggiamenti di scarsa incisività nel far rispettare il provvedimento d’espulsione”. Oggi pomeriggio si riunirà la commissione disciplinare per emettere le sanzioni individuali nei confronti dei calcianti e del Colore della partita Azzurri – Bianchi; domani per la partita Rossi – Verdi. Sarà poi possibile ricorrere alla commissione di appello che si riunirà entro questa settimana.

The post CALCIO STORICO, FINALE ROSSI – BIANCHI appeared first on Controradio.

CALCIO STORICO, FINALE ROSSI – BIANCHI

calcio storico

L’Amministrazione comunale di Firenze ha dato l’ok per la finale del calcio storico del 24 giugno tra Rossi e Bianchi. Visionate tutte immagini e referti arbitrali Azzurri-Bianchi: Azzurri sconfitti a tavolino.

L’Amministrazione comunale ha visionato tutte le immagini della semifinale del Calcio storico fiorentino disputatasi ieri tra Azzurri e Bianchi e ha letto attentamente tutti i referti arbitrali, che trovano perfetta rispondenza nelle immagini visionate. L’Amministrazione comunale ha deciso che la partita del 24 giugno si svolgerà tra la Parte Rossa e la Parte Bianca, nel pieno rispetto del regolamento.
Ai sensi dell’articolo 9 comma 10 del regolamento, infatti, è previsto che: “Qualora il giocatore o allenatore o altro membro di squadra espulso, per qualunque motivo, si rifiuti di lasciare il terreno di gioco, nonostante il comando del Maestro di Campo, verrà decretata irrevocabilmente la interruzione della partita con sconfitta a tavolino del colore il cui giocatore, allenatore o altro membro della squadra espulso non abbia lasciato il terreno di gioco. Sarà inoltre comminata una sanzione economica euro 5.000 per ogni giocatore non uscito dal campo e la revoca del contributo annuale. Nel caso di recidiva nel biennio, la sanzione amministrativa sarà raddoppiata”.

Il comma 11, visionato dall’Amministrazione, prevede invece che: “Sarà inoltre valutato l’atteggiamento dei Capitani ed ogni altra figura di cui all’art. 7 al fine di sanzionare atteggiamenti di scarsa incisività nel far rispettare il provvedimento d’espulsione”. Oggi pomeriggio si riunirà la commissione disciplinare per emettere le sanzioni individuali nei confronti dei calcianti e del Colore della partita Azzurri – Bianchi; domani per la partita Rossi – Verdi. Sarà poi possibile ricorrere alla commissione di appello che si riunirà entro questa settimana.

The post CALCIO STORICO, FINALE ROSSI – BIANCHI appeared first on Controradio.

Liberi da slot machine

Approvato dal Consiglio comunale alla mozione presentata dai consiglieri Giovanni Fittante (IdV) e Salvatore Scino(Pd) contro il gioco d’azzardo. L’atto, varato ieri dall’assemblea cittadina, prevede un bollino di qualità “liberi da slot machine” e l’adesione del Comune al manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d’azzardo.

La mozione propone anche che, attraverso l’Anci, Governo e Parlamento, vengano varate nuove forme che limitino l’utilizzo del denaro nei giochi di Stato. Contemporaneamente è finito il lavoro di raccolta firme promosso dall’IdV per la predisposizione di una legge contro il gioco d’azzardo . Domani, mercoledì 29 aprile, il Segretario Regionale dell’Italia dei Valori della Toscana, Giovanni Fittante, si recherà a Roma per consegnare al Parlamento assieme al segretario nazionale Ignazio Messina le sottoscrizioni raccolte, che saranno poi unite a quelle provenienti dalle altre regioni e portata al Parlamento a sostegno della petizione con cui si chiede una legge contro il gioco d’azzardo.
“Dobbiamo trovare un modo per combattere questa piaga che, come una vera malattia, non conosce né destra né sinistra, né poveri né ricchi, ma annienta la dignità della persona, la sua salute fisica e mentale, trascinando con sé nella rovina l’intera famiglia”, commenta Giovanni Fittante, esprimendo soddisfazione per l’approvazione del Consiglio della mozione presentata da lui insieme a Scino. “Ringrazio quanti hanno voluto sottoscrivere la nostra petizione – dice Fittante- e ci hanno dato una mano, nella consapevolezza che si tratta di una battaglia che va aldilà di ogni schieramento politico”.