Accoglienza migranti: indagato il presidente del consorzio Multicons di Montelupo

Accoglienza migranti: indagato il presidente del consorzio Multicons di Montelupo

Chiusa una parte dell’inchiesta del pm Leopoldo de Gregorio. Secondo quanto riportato oggi dalla stampa locale Stefano Mugnaini sarebbe accusato anche di avere tolto il cellulare ad un giovane che stava fotografando una scena di violenza.

Due le inchieste della magistratura fiorentina: la prima nell’agosto del 2016 sulle condizioni delle strutture di accoglienza e sul trattamento degli ospiti. L’altra  per un presunto pestaggio di un profugo. Dopo una protesta di un gruppo di migranti in un centro di Vinci, è stata aperta la prima inchiesta dell’agosto 2016 sulle condizioni in cui vivevano 40 profughi residenti rispetto alla qualità del cibo e delle strutture che li ospitavano. L’altra  per un presunto pestaggio di un ospite avvenuto lo scorso anno. 

Secondo le accuse, Mugnaini avrebbe colpito con un manico di scopa un ragazzo che protestava nel centro di Castelfiorentino ed avrebbe impedito ad un altro ospite di fotografare la scena, sottraendogli il telefono assieme a due suoi collaboratori che lo avrebbero immobilizzato e colpito. Una settimana dopo l’accaduto avrebbe sporto denuncia nei confronti dei due migranti accusandoli di avergli provocato un trauma distorsivo ed escoriazioni.

Mugnaini secondo quanto riportato oggi da la Repubblica sarebbe ora indagato per lesioni, rapina e calunnia. Il legale difensore al momento non avrebbe rilasciato dichiarazioni per conto del suo assistito.

Nel dicembre scorso la prefettura di Firenze aveva annunciato nuovi accertamenti «sulle presunte irregolarità nella gestione e negli assetti societari e proprietari sul consorzio Multicons» azienda – che attraverso la cooperativa sociale Servizi Toscani gestisce oltre 500 migranti per ciascuno dei quali lo Stato versa 30 euro al giorno e che ha chiuso il 2016 con un fatturato di 5,5 milioni di euro. In parallelo anche la guardia di finanza aveva effettuato delle verifiche nella sede di via del Lavoro a Montelupo, centro nevralgico gestito dal presidente Stefano Mugnaini, finito già nel mirino della procura della Repubblica per un presunto pestaggio di un profugo ospite di una struttura. McMulticons era già finita in passato, nel 2011 e nel 2015, nel mirino delle fiamme gialle di Empoli per reati fiscali.

Sul versante sindacale era stata poi aperta una vertenza da parte della Cgil a tutela di diciassette ex dipendenti che lamentavano violazione nei contratti di lavoro.

L’articolo Accoglienza migranti: indagato il presidente del consorzio Multicons di Montelupo proviene da www.controradio.it.