Fi-Pi-Li: viabilità e cantiere, dove trovare le info in tempo reale

Fi-Pi-Li: viabilità e cantiere, dove trovare le info in tempo reale

La Regione Toscana ha avviato un serrato programma di comunicazioni via web, radio e tv. Lo scopo è informare in tempo reale gli utenti sul traffico lungo la sgc Fi-Pi-Li, a seguito del cantiere tra gli svincoli di Ginestra e Montelupo per importanti lavori di messa in sicurezza.

Lo rende noto la stessa Regione spiegando che i principali canali di informazione sono il portale regionale per la mobilità Muoversintoscana (che lavora su sito web, App, social, prodotti radiofonici e video), con aggiornamenti ogni 30 minuti, e la app Sgc Fi-Pi-Li dell’azienda Avr, che gestisce l’infrastruttura ed i lavori.

Le emittenti radiofoniche che trasmettono gli aggiornamenti, oltre a Controradio, sono: Rdf, Radio Nostalgia, Lady Radio, , Radio Toscana, Radio Firenze, Radio Lady, Radio Incontri, Radio Bruno, Radio Rosa, Novaradio, Radio Wave, Radio Sieve, Radio Italia5, Radio Effe, Radio Emme, Radio Mugello, Radio A (Radio Apuana), White Radio, Radio 3 Network, Radio Blu Toscana, Radio Studio. Tra le televisioni Italia 7, Toscana Tv, Toscana Media Channel, Tele Centro, Teletruria, Tele Iride, Antenna 3, Linea Uno, Sesta Rete. Numerosi i sit

I lavori sono attivi da lunedì 27. L’obiettivo è messa in sicurezza del tratto tra Ginestra e Montelupo fiorentino della sgc Fi-Pi-Li. La Regione Toscana il 29 maggio ha fatto il punto sul primo traffico del cantiere ed il resoconto sulle azioni messe in atto per limitare i disagi all’utenza. Tutte le info al link dell’articolo.

L'articolo Fi-Pi-Li: viabilità e cantiere, dove trovare le info in tempo reale proviene da www.controradio.it.

Controradio Elezioni 2019: dirette e speciali da domenica in fm e on line

Controradio Elezioni 2019: dirette e speciali da domenica in fm e on line

Controradio speciale elezioni – A partire da domenica notte su tutti i nostri canali seguiremo lo spoglio con dirette, approfondimenti e aggiornamenti in tempo reale.

Controradio seguirà lo spoglio elettorale delle Europee a partire dalle 23.00 di domenica in collegamento con Popolare Network. Ed ancora lunedì dalle 6.30 alle 10.00 con i risultati definitivi.
Lunedì 27 maggio dalle 14.00 in diretta non stop i risultati delle amministrative in Toscana: i commenti degli ospiti in studio e i collegamenti dai comitati elettorali.

Non perdete lo speciale elezioni di Controradio. Potrete seguirlo su: FM 93.6 – 98.9, CON LA APP Controradio Firenze, SUL SITO www.controradio.it e sulla PAGINA FACEBOOK Controradio Firenze.

CONTRORADIO …. È SEMPRE CON TE!

L'articolo Controradio Elezioni 2019: dirette e speciali da domenica in fm e on line proviene da www.controradio.it.

Critico per un giorno presenta: “Beautiful Things”

Critico per un giorno presenta: “Beautiful Things”

🎦Firenze, il socio del Controradio Club ha l’occasione di diventare “Critico per un giorno” andando a vedere gratuitamente al Cinema La Compagnia, un film per poi recensirlo, i commenti e le recensioni verranno poi postate Controradio.it e sui social!

Martedì 21 maggio alle ore 21 con Beautiful Things, il documentario di Giorgio Ferrero e Federico Biasin che vuole riflettere sul consumismo contemporaneo e su quella bulimia che ci porta ad accumulare cose, spesso inutili e superflue.

Attraverso le vite di quattro uomini (Van, Danilo, Andrea e Vito), inconsapevoli protagonisti della catena di creazione, trasporto, commercializzazione e distruzione di tutti quegli oggetti di cui sono colme le nostre vite, il film ci porta a riflettere sul nostro stile di vita, fatto di accumulo compulsivo di oggetti.

Giorgio Ferrero, intervistato da Giustina Terenzi di Controradio, ha definito il film “un viaggio nella mente di questi uomini che lavorano soli, in silenzio, con una vita che, paradossalmente, è l’esatto contrario, della nostra, che beneficiamo del loro lavoro”. Riascolta l’intervista: https://www.cinemalacompagnia.it/wp-content/uploads/beautiful-things-sinfonia-del-consumo-intervista-al-regista-giorgio-ferrero.html

Per iscriversi a #criticoperungiorno tutte le info sul sito https://www.controradio.it/

L'articolo Critico per un giorno presenta: “Beautiful Things” proviene da www.controradio.it.

Un post a teatro: “Sêmi – senza infamia e senza lode”

Un post a teatro: “Sêmi – senza infamia e senza lode”

🎦Firenze, il socio del Controradio Club ha l’occasione di diventare partecipare a “Un posta teatro” andando a vedere gratuitamente al Teatro Studio Mila Pieralli di Scandicci lo spettacolo per poi recensirlo, i commenti e le recensioni verranno poi postate Controradio.it e sui social!

Al Teatro Studio ‘Mila Pieralli’ di Scandicci, da venerdì 17 a domenica 19 maggio, StivalaccioTeatro ha presentato in anteprima nazionale “Sêmi – senza infamia e senza lode”, un thriller teatrale vestito da farsa grottesca per maschere, scritto e diretto da Marco Zoppello. Il testo è stato finalista al Premio Hystrio Scritture di Scena 2018.

“Sêmi – afferma Marco Zoppello – è un giallo surreale sulla necessità dell’individuazione del male, del nemico, sul germe della follia, sull’atto dimostrativo, sulla giustificazione della violenza, sul valore dei valori. Vogliamo raccontare – prosegue – un futuro prossimo, estremo e tragicomico: ci muoviamo in una realtà di violenza e prevaricazione, una giungla nella neve, dove il più forte cerca di distruggere il più debole, giustificando il tutto con l’ideologia”.

Alcuni soci del Controradio Club hanno avuto l’opportunità di vedere gratuitamente lo spettacolo e poi commentarlo in diretta su facebook in compagnia di Gimmy Tranquillo, e poi recensirlo. Qui di seguito i contributi:

Sêmi è una satira di natura grottesca, che si propone di mettere in scena, attraverso una scrittura accurata e brillante, un’esposizione metaforica di una delicata questione morale, quale l’inevitabile ribaltamento che ogni postura etica sembra destinata a subire, e la conseguente immersione delle azioni umane, degli individui e delle società, in un’atmosfera fluida, che non permette più di definire in modo netto bene e male (come suggerito dal sottotitolo dell’opera).Tutto questo nonostante la spasmodica necessità, per ogni posizione, di individuarne un’altra ad essa speculare, e a cui quindi contrapporsi nei suoi propositi. 
In questa operazione di denuncia, in senso concreto, quasi nessuno degli aspetti problematici della contemporaneità, quali istituzioni militari, eco terrorismo e dinamiche famigliari, viene risparmiato, suggerendo forse che questo meccanismo che affligge l’agire sia unicamente proprio del nostro presente. 
Gli intenti dell’opera sono veicolati attraverso soluzioni di scena ed espedienti narrativi di ottima formulazione, come l’utilizzo di partizioni musicali atte ad evidenziare momenti chiave e di svolta nell’azione, e di maschere di scena, che rendono il suddetto senso di grottesco, che si accompagnano anche all’ottima recitazione degli attori. (Elena e Jacopo)

L'articolo Un post a teatro: “Sêmi – senza infamia e senza lode” proviene da www.controradio.it.

Vietnam, la leggenda della macchina fotografica restituita

Vietnam, la leggenda della macchina fotografica restituita

Firenze, un’altra storia che ci arriva dal viaggio del Controradio Club in Vietnam, questa ce la racconta Francesca, la più giovane del nostro gruppo, la sua storia sottolinea come, sia la nostra guida locale Quih, sia uno dei ragazzi di uno dei villaggi da noi visitati, si siano fatti in quattro per aiutarci, andando molto al di la del dovuto.

“La penultima giornata del viaggio in Vietnam prevedeva un’escursione sul delta del Mekong, che abbiamo raggiunto in barca per poi scendere e percorrere un breve tratto a piedi.
Mentre attraversavo un ponticello di cemento, molto stretto e senza balaustre, la macchina fotografica che tenevo in mano cade, rimbalza per terra e finisce nell’acqua. Dopo un momento di sbigottimento mi rendo conto dell’assurdità della situazione: tutti i ricordi dei giorni precedenti erano in quella fotocamera, per di più subacquea, caduta nelle acque del Mekong, in quel punto molto basse ma talmente torbide e fangose da impedire di recuperarla. Subito dopo Quih, la nostra guida, si dà da fare chiedendo aiuto ai ragazzi del posto e uno di loro si tuffa e comincia a cercarla, ma senza risultato. Dopo averci assicurato che nel caso fosse riuscito a trovarla con la bassa marea della sera ci avrebbe avvisati, ci avviamo quindi verso il ristorante nel quale avevamo previsto di pranzare. La giornata procede secondo il programma prestabilito, così come la successiva, l’ultima prima della partenza.
Il giorno seguente, mentre aspettavamo nella hall dell’albergo il pullman che ci avrebbe portati all’aeroporto, quando ormai ero convinta di partire senza recuperare la macchina fotografica, succede l’inaspettato: vengo chiamata da Quih che, dopo qualche minuto di bluff in cui si scusava per ciò che era accaduto, la tira fuori dal suo zaino e me la restituisce nell’euforia generale, dal momento che una semplice disavventura personale aveva finito per coinvolgere l’intero gruppo. Penso che sia stata la vera ciliegina sulla torta di un viaggio già ricco di esperienze emozionanti.
Ciò che più colpisce è la tenacia con la quale questo ragazzo ha cercato pazientemente in quelle acque fangose la macchina fotografica di una completa sconosciuta, senza pretendere niente in cambio ma solo per pura gentilezza.
Ne ho concluso che il Vietnam è un Paese bellissimo, ma il contatto con le persone del luogo è ciò che mi ha veramente arricchita e ha distinto questo viaggio dal semplice e sfrenato turismo.
Francesca Leonelli”

A dire il vero la macchina fotografica di Francesca non è stato l’unico oggetto ‘temporaneamente’ smarrito durante il viaggio, un’altra viaggiatrice aveva smarrito il telefono cellulare ed un’altra ancora una catenina d’oro, anche questi due articoli sono stati però recuperati dalla perizia della nostra guida Quih e dalla collaborazione dei suoi connazionali, anche la catenina d’oro, che, pensate un po’, era stata smarrita in un aeroporto.

Con il nostro uomo a Saigon, Quih

Grazie a Paolo Leonelli e Mauro Desideri per le foto

L'articolo Vietnam, la leggenda della macchina fotografica restituita proviene da www.controradio.it.