Concorsi truccati: Cassazione revoca sequestri a 3 docenti

Concorsi truccati: Cassazione revoca sequestri a 3 docenti

La Cassazione, accogliendo i ricorsi della difesa, ha annullato i decreti di sequestro disposti nei riguardi dei docenti di diritto tributario Francesco Tesauro, Angelo Contrino e Eugenio della Valle, indagati nell’ambito dell’inchiesta della procura di Firenze sui concorsi universitari truccati.

Lo hanno reso noto gli avvocati Lorenzo Zilletti e Olivero Mazza, legali di Tesauro. La Cassazione, si evidenzia, ribaltando la decisione del tribunale del riesame di Firenze, ha disposto la restituzione dei supporti informatici già sequestrati ai tre professori e delle copie forensi che erano state estrapolate.

“L’importante decisione della Corte – affermano Mazza e Zilletti – sancisce l’illegittimità di sequestri indiscriminati dei contenitori di dati informatici, riconoscendo meritevoli di tutela il diritto alla riservatezza e al segreto professionale”.

L'articolo Concorsi truccati: Cassazione revoca sequestri a 3 docenti proviene da www.controradio.it.

Donna crocifissa: Cassazione conferma condanna venti anni

Donna crocifissa: Cassazione conferma condanna venti anni

La corte di di Cassazione ha ammesso il ricorso della difesa ma ha poi confermato la condonna: omicidio volontario. L’uomo è stato condannato a venti anni di carcere.

La prima sezione penale della Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 20 anni per Roberto Viti, l’idraulico che il 5 maggio 2014 a Firenze seviziò in un gioco sessuale una prostituta romena causandone la morte.

La Suprema Corte ha ammesso il ricorso della difesa ma poi ha confermato la condanna, per omicidio volontario sotto il profilo del dolo eventuale, decisa dalla corte di appello di Firenze.

La difesa di Viti, avvocati Eraldo e Francesco Stefani, aveva promosso il ricorso dopo la sentenza di appello del 3 novembre 2016 anche sostenendo la riqualificazione del reato in omicidio preterintenzionale o in omicidio colposo. Anche alla luce della Cassazione, adesso Viti, al netto della detenzione già trascorsa, deve ancora scontare circa 16 anni.

L'articolo Donna crocifissa: Cassazione conferma condanna venti anni proviene da www.controradio.it.