Firenze eletta vicepresidente di Eurocities

Firenze eletta vicepresidente di Eurocities

Firenze è stata eletta ‘vicepresidente di Eurocities’, l’elezione è avvenuta venerdì ad Edimburgo, dove il sindaco Nardella ha partecipato al meeting annuale ‘Cities4Europe, Europe for citizens’ di Eurocities.

Quello di Eurocities è un network che riunisce le 140 principali città europee (tra cui Berlino, Vienna, Milano, Parigi, Londra, Versavia, Barcellona e 45 città partners, per un totale di 39 paesi e 130 milioni di cittadini) per affrontare in modo condiviso le sfide strategiche a livello locale, di cui Firenze era già città membro del direttivo. La presidenza è andata, invece, alla città di Stoccolma, guidata dalla sindaca Anna Konig Jerlmyr.

EurocitiesIl sindaco Dario Nardella, accompagnato dall’assessore al bilancio Lorenzo Perra e dal consigliere comunale delegato per le politiche giovanili Cosimo Guccione, ieri ha partecipato al dibattito sul tema ‘Implementation and strengthening the EU urban agenda’ ed oggi alla sessione politica ‘Building our future together’.

La ‘Urban Agenda’ di Eurocities è una pietra miliare per l’Europa e per le città. Riconosce l’importanza delle città europee permettendo loro di sedersi al tavolo delle decisioni di Bruxelles.

Per questo gli obiettivi del manifesto sono molteplici tra cui la collaborazione tra tutti i livelli di governo per avere maggiore incisività, condividendo responsabilità e azioni da intraprendere; portare le istanze delle città nella prossima commissione europea, rafforzare il rapporto con l’Eu, trovando soluzioni per i problemi delle città, per poter avvicinare l’Europa ai cittadini e proteggere le nostre democrazie partendo dal coinvolgimento diretto dei cittadini.

Durante l’iniziativa il sindaco Nardella ha incontrato Lord Provost Frank Ross sindaco di Edimburgo, città gemellata con Firenze.

L'articolo Firenze eletta vicepresidente di Eurocities proviene da www.controradio.it.

Firenze: su sito comune mappa street art

Firenze: su sito comune mappa street art

La mappa è online, sul sito del Comune, all’indirizzo https://www.google.com/maps/d/viewer?mid=1FEPuXN9g0dXGpm-647bfqD BMWto&ll=43.78178810718298%2C11.24760480000009&z=13; al suo interno sono indicati anche spazi particolari dove ‘graffitare’

Firenze mappa della ‘street art’ in città. Oltre 50 spazi segnalati di creatività urbana, con grandi murales, graffiti e interventi con adesivi, ‘stencil’ e affissioni che caratterizzano ormai da qualche anno le strade della città, oltre ai luoghi scelti Comune dove sarà possibile realizzare nuovi interventi artistici. La mappa è online, sul sito del Comune, all’indirizzo https://www.google.com/maps/d/viewer?mid=1FEPuXN9g0dXGpm-647bfqD BMWto&ll=43.78178810718298%2C11.24760480000009&z=13; al suo interno sono indicati anche spazi particolari dove ‘graffitare’, dai negozianti privati che mettono a disposizione i bandoni ai muri lungo la ferrovia, dal retro dei pannelli della tramvia ai muri di alcuni istituti scolastici, dai piloni del viadotto all’Indiano ai muri dei sottopassi delle Cure, del Gignoro e di piazza Alberti. Ma anche percorsi nel parco delle Cascine e l’arredo urbano in piazza Nannotti.
E’ in arrivo anche un nuovo sito (www.firenzestreetart.com) che vuole dare visibilità ulteriore ai luoghi di creatività e produzione della street art fiorentina, integrando il lavoro già fatto dal Comune per fare il punto sull’arte underground a Firenze. Il progetto del sito è realizzato da Fondazione Stensen e Gold, in collaborazione con Graffiti a domicilio, Street Levels Gallery, e con il supporto di TheSign – Comics&ArtsAcademy Firenze.
“I murales aggiungono colore negli angoli della nostra città – hanno dichiarato l’assessore alle politiche giovanili, Andrea Vannucci, e il collaboratore del sindaco per le politiche giovanili, Cosimo Guccione -. Il senso di questa mappa è riconoscere uno spazio in città per le nuove forme di espressione artistica al fine di creare spazi di libera espressione del pensiero”.

L'articolo Firenze: su sito comune mappa street art proviene da www.controradio.it.