Firenze, FdI: pedonalizzare via De’ Neri

Firenze, FdI:  pedonalizzare via De’ Neri

Bandire un concorso internazionale di idee per realizzare un nuovo arredo urbano rivolto ai fruitori delle attività commerciali di somministrazione, ampliando la carreggiata con la rimozione dei marciapiedi. Questi i contenuti di una mozione firmata da Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d’Italia, e sottoscritta anche da Arianna Xekalos, capogruppo M5S, e da Cristina Scaletti de ‘La Firenze Viva’.

 

Bandire un concorso internazionale di idee per realizzare un nuovo arredo urbano rivolto ai fruitori delle attività commerciali di somministrazione, ampliando la carreggiata con la rimozione dei marciapiedi. Inoltre, offrire nuovi servizi ai turisti e ai fruitori, compresa una pulizia nell’intera giornata per restituire a tutta la zona decoro e bellezza; infine, pensare anche a creare un vero e proprio brand che rappresenti la strada, con le sue peculiarità, nel mondo.

Questi i contenuti di una mozione firmata da Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d’Italia, e sottoscritta anche da Arianna Xekalos, capogruppo M5S, e da Cristina Scaletti de ‘La Firenze Viva’.

“Non è con un’ordinanza fatta l’1 settembre quando la stagione estiva è alle spalle ma si avvicinano le elezioni che si risolve il problema di via de’ Neri – spiega Torselli in merito alla mozione – specie se poi l’ordinanza in questione dà il surreale ‘ordine’ di mangiare il panino camminando. E non si può neppure pensare di dichiarare guerra ad attività che richiamano clienti da tutto il mondo; la soluzione, secondo noi, è al contrario quella di valorizzare queste attività, studiando soluzioni che possano durare nel tempo.

“Soluzioni – continua il capogruppo –  che potrebbero al contempo creare un valore aggiunto per la città di Firenze, aggiungendo la ‘strada del food’ alle sue tante attrattive, e consentire ai residenti della zona e a tutti i fiorentini di potersi riappropriare di un’area oggi preda del degrado”

L'articolo Firenze, FdI: pedonalizzare via De’ Neri proviene da www.controradio.it.

Palazzo Vecchio annulla assegnazione impianto sport “Cerreti” ad Aics

Palazzo Vecchio annulla assegnazione impianto sport “Cerreti” ad Aics

Aics nella domanda di partecipazione aveva dichiarato di non avere debiti, ma da successivi approfondimenti è emerso un buco di oltre 8.000 euro.

Sta per essere annullata, in via di autotutela da Palazzo Vecchio, l’aggiudicazione all’associazione Aics, l’Associazione italiana di cultura e sport, dell’assegnazione della gestione dell’impianto sportivo ‘Cerreti’ a Firenze. Lo comunica, in una nota, la stessa amministrazione comunale.

In pratica, si spiega, nella domanda di partecipazione alla gara, che richiedeva l’assenza di debiti con il Comune, Aics ha sostenuto di non averne, mentre da successive verifiche è risultato che sussisteva, al momento della presentazione della domanda, un debito da parte di Aics di oltre 8.000 euro. Ciò ha comportato, informa Palazzo Vecchio, “la decadenza dai benefici conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera e pertanto, nel presente caso, l’annullamento dell’ammissione alla gara e dell’aggiudicazione disposta.

La riscontrata non veridicità della dichiarazione presentata per l’ammissione alla gara obbliga alla segnalazione dei fatti all’Anac e all’autorità giudiziaria per quanto di competenza”. Anomalie nella presentazione della domanda erano state segnalate recentemente al Consiglio comunale attraverso interrogazioni sull’argomento da parte di Fdi, Fi e della consigliera civica Cristina Scaletti.

L'articolo Palazzo Vecchio annulla assegnazione impianto sport “Cerreti” ad Aics proviene da www.controradio.it.