Novoli, ex area Fiat: arrivano pista ciclabile, parcheggi di superficie, campo giochi e area cani

Novoli, ex area Fiat: arrivano pista ciclabile, parcheggi di superficie, campo giochi e area cani

Una piazza verde di quartiere, una pista ciclabile per collegare via di Novoli e viale Guidoni e nuovi parcheggi pubblici di superficie nell’area ovest. Oltre al completamento del parco con nuovo campo giochi e area cani.

Questo è il disegno di completamento dell’ex area Fiat di Novoli che ha avuto oggi il via libera della giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore all’Urbanistica, Giovanni Bettarini,con l’adozione della variante al piano. La variante al piano di recupero di completamento riguarda l’ultimazione degli interventi previsti dal piano di recupero in area ovest e l’aggiornamento del disegno urbano di previsione.

Il piano prevede di realizzare nell’area ovest parcheggi pubblici di superficie, in modo da garantire la fruibilità e l’omogeneità dei posti auto sul territorio. Gli interventi mantengono inalterata la ripartizione delle superfici fra le destinazioni d’uso previste e non modificano il carico urbanistico. È prevista, infatti, la realizzazione di quattro complessi immobiliari distinti. La variante, inoltre, si pone l’obiettivo di migliorare le infrastrutture viarie che delimitano l’area, promuovendone il completamento e l’adeguamento funzionale.

In particolare, la variante prevede: il completamento dei marciapiedi lungo via di Novoli, con la realizzazione di un ampio percorso che risponde anche alla funzione di pista ciclabile, per ricollegare fra loro i tratti di pista ciclabile già realizzati; il completamento del marciapiede di viale Guidoni e la realizzazione dell’accesso al nuovo parcheggio pubblico di superficie. La nuova viabilità prevede un percorso ciclo-pedonale che ricollega i due assi principali del quartiere: via di Novoli e viale Guidoni. Il percorso previsto si sviluppa a partire dal tratto già esistente su via di Novoli, costeggia il parco San Donato, per poi proseguire sul perimetro del Palazzo di Giustizia e raggiungere la sede della Cassa di Risparmio. Le aree di parcheggio pubblico di superficie, di piccole e medie dimensioni, sono distribuite uniformemente all’interno dell’area Ovest e lungo viale Guidoni in prossimità del Palazzo di Giustizia.

Gli stalli di sosta dei parcheggi di superficie sono intervallati da alberature che ne garantiscono l’ombreggiamento: sono previste specie autoctone, il Pyrus calleriana (pero da fiore) e il Celtis australis (bagolaro). La piazza pedonale pubblica si configura come uno spazio unitario, compreso all’interno dell’area pedonale, attrezzato secondo criteri di valorizzazione degli spazi di relazione. Come avviene per la piazza Ugo di Toscana, già realizzata in area Est, la piazza pedonale rappresenta il fulcro vitale attorno al quale si sviluppa l’insediamento dell’area Ovest. La piazza pubblica si estende da via Val di Pesa alla strada lato parco ed è delimitata, su gli altri due lati, da due percorsi pedonali e carrabili per i mezzi di soccorso e per i residenti. La piazza rappresenta un’area verde per il quartiere, con una fascia continua perimetrale pavimentata. Il completamento del parco segue il progetto complessivo previsto dal piano di recupero di completamento, aggiornato con l’inserimento di un edificio per servizi e di un campo da gioco. L’area destinata alla corsa libera dei cani, ricavata all’interno del parco, viene ampliata e perimetrata con una nuova recinzione. L’area è completata con arredi, quali panchine, fontanella con abbeveratoio e cestini portarifiuti. Il completamento del parco è a totale carico degli operatori.

L'articolo Novoli, ex area Fiat: arrivano pista ciclabile, parcheggi di superficie, campo giochi e area cani proviene da www.controradio.it.

Firenze: rinvenuti in due abitazioni, due corpi senza vita

Firenze: rinvenuti in due abitazioni, due corpi senza vita

Due interventi da parte dei Vigili del Fuoco di Firenze che hanno rinvenuto in Via del Pescolino ed in Via Luca Giordano, rispettivamente il corpo di un uomo nato nel 1925 ed il corpo di una donna di 84 anni, entrambi senza vita.

Nel dettaglio, i Vigili del Fuoco del Comando di Firenze sono intervenuti per un soccorso a persona in Via del Pesciolino. Una volta entrati all’interno dell’abitazione è stato rinvenuto il corpo di un uomo di 94 anni, per il quale il personale sanitario del 118 ha constatato il decesso.

L’altro intevento dei Vigili del Fuoco del Comando di Firenze, distaccamento di Pontassieve, invece, in Via Luca Giordano. Anche in questo caso, una volta arrivati sul posto, il personale sanitario del 118 era già entrato nell’abitazione, all’interno della quale è stato rinvenuto il corpo di una donna di anni 84. Per la donna il personale sanitario ha stato constatato il decesso.

 

 

L'articolo Firenze: rinvenuti in due abitazioni, due corpi senza vita proviene da www.controradio.it.

Firenze: progetto per ricoprire città con piante anti-smog

Firenze: progetto per ricoprire città con piante anti-smog

“Firenze potrebbe diventare un laboratorio mondiale nella lotta all’inquinamento dove le piante sono utilizzate per risolvere i problemi dell’ambiente”. Ad annunciarlo è il botanico Stefano Mancuso in un video su facebook condiviso dal sindaco di Firenze Dario Nardella.

“Diventare la prima città del mondo ad avere un quartiere completamente coperto di piante – aggiunge il botanico -. Io sono disponibile”. Lo stesso Nardella sottolinea che “lo scienziato Stefano Mancuso, nella classifica delle 20 persone che salveranno il pianeta, sceglie Firenze come laboratorio mondiale di città verde e ecosostenibile, io dico si può fare. Perché il nostro impegno per l’ambiente è cosa concreta”.

Nel video Mancuso spiega che “l’ambiente è il vero problema dei prossimi anni e qualsiasi amministrazione, internazionale o locale, deve aver chiaro che intervenire è fondamentale per il nostro futuro. Oltre il 70% dell’anidride carbonica si produce in ambiente urbano ed è qui che bisogna intervenire prima che si diffonda in atmosfera”, “grazie all’uso delle piante. Dobbiamo coprire le nostre città di piante, è una rivoluzione che ci è richiesta. Non basta mettere le piante nei luoghi canonici ma dobbiamo coprire di piante i nostri palazzi”, interi quartieri, e così “l’ambiente ne gioverebbe moltissimo con una riduzione dell’anidride carbonica e degli inquinanti”.

Per Mancuso, “è una soluzione radicale” che “richiede coraggio e nuove idee. Conosco Dario Nardella, ho parlato con lui di questi problemi molte volte, e so che di questi problemi si preoccupa”.

L'articolo Firenze: progetto per ricoprire città con piante anti-smog proviene da www.controradio.it.

Bus Catalogna, Bussetti: “archiviazione inaccettabile”

Bus Catalogna, Bussetti: “archiviazione inaccettabile”

“Sono trascorsi 3 anni dal quel tragico 20 maggio 2016 in cui 13 studentesse impegnate nel progetto Erasmus morirono per un incidente stradale. Sette di loro erano italiane. L’archiviazione dell’inchiesta da parte della magistratura spagnola è un colpo durissimo per le famiglie delle vittime e per tutti noi. Una decisione inaccettabile e incomprensibile. Vogliamo sapere cosa è successo. Mi stringo intorno ai genitori e ai parenti delle ragazze strappate alla vita troppo presto”.

Lo scrive su Facebook il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, in seguito alla notizia della terza archiviazione stabilita dalla magistratura spagnola in merito al procedimento sulla morte delle 13 studentesse. E’ stato lo stesso giudice  istruttore del tribunale di Amposta, che aveva già disposto una precedente archiviazione, a decidere di non riaprire il processo, scrivendo nelle motivazioni “che non ci sono i presupposti”.

L'articolo Bus Catalogna, Bussetti: “archiviazione inaccettabile” proviene da www.controradio.it.

Auto fuori strada a Regello, morto un giovane di 23 anni

Auto fuori strada a Regello, morto un giovane di 23 anni

Firenze, un ragazzo di 23 anni, è morto la notte scorsa dopo che la sua auto è finita fuori strada a Donnini, nel comune di Reggello.

Da quanto spiegato dai vigili del fuoco, intervenuti insieme ai sanitari inviati dal 118, un’auto, condotta da un uomo nato nel 1993, si è ribaltata finendo la sua corsa contro alcune piante.

Il personale sanitario del 118, intervenuto sul posto, non ha purtroppo potuto fare altro che constatare il decesso del giovane.

Al momento non si conoscono le cause dell’incidente ma , da quanto emerso non risulterebbe il coinvolgimenti di altri veicoli.

L'articolo Auto fuori strada a Regello, morto un giovane di 23 anni proviene da www.controradio.it.