Maltempo: neve su Appennino toscano, danni in Maremma

Maltempo: neve su Appennino toscano, danni in Maremma

Bufera di neve all’Abetone. Dalla scorsa notte si registrano nevicate sui rilievi appenninici a quote superiori a 700 metri. Interventi per il maltempo delle ultime ore in Maremma.

Per tutta la giornata di oggi, fino alla mezzanotte, è stato emanato un’allerta meteo con codice arancio per neve per le aree del Bisenzio, Mugello e Alto Mugello (Romagna-Toscana). Sono previste nevicate a quote collinari (400-600 metri) abbondanti o localmente molto abbondanti sulle zone appenniniche, in particolare sull’Alto Mugello e sui versanti emiliano-romagnoli. Sono previsti venti forti con raffiche di burrasca, in particolare sui rilievi.

Durante la scorsa notte i vigili del fuoco della Toscana sono stati impegnati in diversi interventi in seguito all’ondata di maltempo che interessa la regione, ma non si sono registrate criticità particolari.

Interventi per il maltempo delle ultime ore in Maremma. I vigili del fuoco di Grosseto, durante la notte a causa delle avverse condizioni atmosferiche, sono intervenuti ad Arcidosso sulla strada di Fontenuova, per un muro pericolante lungo la strada che è anche parzialmente caduto e a Follonica, in via Bicocchi, hanno messo in sicurezza le luminarie sulla strada pubblica che erano diventate pericolanti e che in parte sono cadute. A Scarlino sulla provinciale 84 del Braccio sono intervenuti per una pianta caduta in strada e, sempre per una pianta pericolante, sono intervenuti sulla provinciale 139 Santa Rita presso Cinigiano.

In corso un altro intervento dovuto alle avverse condizioni meteorologiche, sulla provinciale 90 a Dispensa di Roccastrada per sgombrare la sede stradale da una tettoia di un ovile che il vento forte ha divelto e portato fin sulla strada causando problemi al traffico.

L'articolo Maltempo: neve su Appennino toscano, danni in Maremma proviene da www.controradio.it.

Hashish a minorenni, pusher aggrediscono vigile urbano in piazza Indipendenza

Hashish a minorenni, pusher aggrediscono vigile urbano in piazza Indipendenza

Intervento degli agenti della polizia municipale di Firenze in piazza Indipendenza. Tutto è cominciato quando due uomini hanno avvicinato un gruppo di minorenni offrendo loro con insistenza hashish. I ragazzi hanno chiesto aiuto agli agenti della polizia municipale che, dopo aver superato la resistenza violenta degli spacciatori li hanno arrestati.

E’ accaduto sabato pomeriggio in piazza Indipendenza dove due uomini hanno offerto droga ad un gruppetto di tredicenni fiorentini. I minorenni, dopo aver rifiutato, si sono rivolti a due agenti presenti all’interno della stessa piazza.

Nel frattempo tra i due  è scoppiata una lite e uno ha spaccato una bottiglia di vetro in testa all’altro, ferendolo. Immediato l’intervento di due agenti del reparto territoriale della Municipale aiutati anche da due colleghi del reparto Antidegrado sopraggiunti in ausilio.
Gli agenti hanno deciso quindi di portare i due  presso gli uffici del Reparto Antidegrado per procedere con il fermo ma questi, per opporsi, hanno posto forte resistenza tanto che un agente della municipale è stato colpito da un cazzotto in pieno volto.

All’interno del veicolo hanno iniziato a tirare calci e pugni alla portiera nel tentativo di fuggire e non è stato facile per gli agenti della municipale calmare i due che poi sono stati identificati, denunciati all’autorità giudiziaria e tratti in arresto. Si tratta di due trentenni di nazionalità somala con regolare permesso di soggiorno e già noti alle forze dell’ordine. Uno aveva a carico un procedimento di allontanamento da Firenze; in tasca di uno dei due è stato trovato hashish, che gli agenti hanno posto sotto sequestro.

L’uomo che ha colpito l’agente della municipale sarà processato direttamente  dal giudice del tribunale di Firenze per resistenza a pubblico ufficiale, mentre il secondo arrestato è stato portato nel carcere di Sollicciano su disposizione del magistrato di turno, con l’accusa di spaccio aggravato perché rivolto nei confronti di minorenni.

“Ringrazio gli agenti impegnati quotidianamente nei numerosi servizi mirati alla tutela della piazza, che da alcune settimane sono molto sostenuti – ha detto l’assessore alla sicurezza Federico Gianassi – e che ancora una volta hanno contribuito al ripristino della legalità. Esprimo inoltre vicinanza all’agente colpito mentre stava svolgendo come ogni giorno il proprio lavoro”.

L'articolo Hashish a minorenni, pusher aggrediscono vigile urbano in piazza Indipendenza proviene da www.controradio.it.

Stop erogazione acqua in rione S.Niccolò a Firenze

Stop erogazione acqua in rione S.Niccolò a Firenze

Sospesa l’erogazione dell’acqua stamani in alcune strade del centro di Firenze stamani a causa di una perdita.

Lo riferisce Publiacqua che ha avviato lavori urgenti. L’acqua sarà temporaneamente tolta da questa mattina in Piazza dei Mozzi, via San Niccolò, via dei Bardi, Costa Scarpuccia, via Renai, via dell’Olmo. La situazione, riferisce ancora Publiacqua, “andrà normalizzandosi completamente nel corso del tardo pomeriggio”.

(notizia in aggiornamento)

L'articolo Stop erogazione acqua in rione S.Niccolò a Firenze proviene da www.controradio.it.

Omicidio in Maremma: uccide ex socio a fucilate

Omicidio in Maremma: uccide ex socio a fucilate

Dissapori legati ad affari immobiliari: sarebbero questi i motivi che hanno spinto Antonio Esposito, 70 anni, ex impresario edile adesso in pensione, originario di Napoli ma residente a Scarlino (Grosseto), a sparare ad un ex socio. Poi ha confessato il gesto prima alla moglie e quindi ai carabinieri e per lui è scattato l’arresto.

Tutto è accaduto stamani, ma solo nel tardo pomeriggio è emerso
quanto era successo.
L’uomo, stamani intorno alle 9,30, ha infatti chiamato nel suo orto, nelle campagne di Scarlino, Alessandro Toffoli, 58 anni, di Follonica, impiegato dell’Enel, con il quale aveva
condotto in passato alcuni affari immobiliari e, dopo una breve discussione, gli ha sparato tre colpi di fucile: due al petto e uno alla testa. L’arma usata è un fucile da caccia calibro 12.
Dopo aver ucciso l’ex socio, Esposito è tornato a casa ed ha raccontato tutto alla moglie: insieme a lei è andato dai carabinieri, dove si è costituito raccontando quello che aveva
fatto.
Da quanto ha riferito ai militari, Esposito vantava un debito di oltre 100mila euro, frutto di compravendite di alcuni appartamenti effettuate qualche anno fa insieme a Toffoli. Gli appartamenti erano stati poi rivenduti e, secondo Esposito, queisoldi Toffoli se li sarebbe intascati. Esposito ha accompagnato i militari prima a casa per consegnare loro il fucile e poi all’orto dove c’era il cadavere di Toffoli.

Il pm, Salvatore Ferraro, ha disposto l’arresto di Esposito con l’accusa di omicidio volontario. Il 70enne adesso si trova in camera di sicurezza nella caserma di Follonica in attesa del trasferimento al carcere di Grosseto.

L'articolo Omicidio in Maremma: uccide ex socio a fucilate proviene da www.controradio.it.

Hockey: daspo anche a giovane tifosa Forte dei Marmi

Hockey: daspo anche a giovane tifosa Forte dei Marmi

La questura di Lucca ha notificato un daspo, per la durata di due anni, a una giovane sostenitrice della squadra di hockey su pista Forte dei Marmi. Con questo salgono a quattro i divieti di accesso alla gare per i fatti accaduti lo scorso 30 settembre, in occasione dell’incontro CGC Viareggio-Hockey Forte dei Marmi disputatosi al PalaBarsacchi di Viareggio (Lucca), valevole per la semifinale di Supercoppa Italiana.

Pochi minuti prima dell’inizio della partita era stato esposto nel settore ospiti un drappo raffigurante un’immagine stilizzata del volto di Adolf Hitler.

Ciò ha innescato la reazione di un gruppo di ultras sostenitori del Viareggio, che ha minacciato di non fare iniziare l’incontro se non fosse stata rimossa l’immagine. Solo l’intervento delle forze dell’ordine ha consentito il regolare svolgimento della gara e ha impedito che si determinassero atti di violenza, rimuovendo lo striscione.

Il provvedimento, emesso al termine di un’approfondita istruttoria, è immediatamente operativo e sarà già applicato in occasione del derby in programma questa sera a Viareggio alle 20,45 tra Cgc e Forte dei Marmi.

“Non sarà consentito agli interdetti neppure di avvicinarsi al luogo dove si svolgono gli incontri, anche nelle ore antecedenti e susseguenti, o di accedere e intrattenersi nelle stazioni ferroviarie o caselli autostradali dove transitano i tifosi -si legge in un comunicato della Questura di Lucca – La violazione di tali obblighi comporta la pena della reclusione e sanzioni pecuniarie pesantissime”.

L'articolo Hockey: daspo anche a giovane tifosa Forte dei Marmi proviene da www.controradio.it.