Sabato raccolta straordinaria di materiali scolastici con Unicoop Firenze

Sabato raccolta straordinaria di materiali scolastici con Unicoop Firenze

In oltre 40 Coop.Fi della regione sarà possibile acquistare e donare tutto ciò che serve nello zaino. Quanto raccolto sarà raddoppiato dalla cooperativa e arriverà, attraverso le associazioni di volontariato, ai bambini delle famiglie in difficoltà economiche. Da Caritas segnali preoccupanti: indicativamente un terzo di richieste di aiuto in più quest’anno rispetto al 2019

Dare un aiuto a quei bambini e ragazzi che vivono in difficoltà economiche e alle famiglie che non hanno le risorse per acquistare il corredo scolastico. La prima campanella si sta avvicinando e, complice la crisi economica che ha colpito un’ampia parte della popolazione, mettere insieme l’occorrente per il primo giorno di scuola può essere un problema per alcune famiglie. Nasce così l’idea di Unicoop Firenze di organizzare una giornata in cui soci e clienti verranno invitati ad acquistare e donare quaderni, penne, matite e tutto ciò che serve nello zaino. Quanto raccolto verrà poi raddoppiato dalla cooperativa e distribuito, attraverso le associazioni di volontariato sul territorio, alle famiglie in condizione economiche precarie.

L’appuntamento è per il 12 settembre in 42 punti vendita della cooperativa – elenco al link https://www.coopfirenze.it/raccoltaperlascuola. Parteciperanno alla raccolta alcune centinaia di volontari che all’ingresso ricorderanno l’iniziativa e all’uscita raccoglieranno i prodotti donati, il tutto nel rispetto delle norme anticontagio. Nei punti vendita i prodotti di utilizzo comune per la scuola verranno evidenziati in apposite isole e i negozi verranno allestiti con totem che spiegano l’iniziativa.

La necessità di una raccolta solidale di materiale scolastico da destinare ai ragazzi delle famiglie in difficoltà viene evidenziata anche da Caritas nelle sue ultime rilevazioni. La povertà, che è aumentata a causa della crisi economica che ha seguito l’emergenza sanitaria, ha colpito soprattutto le famiglie con minori a carico, che nei primi mesi del Coronavirus hanno avuto difficoltà a procurarsi i beni alimentari, ma adesso, con la precarietà economica che continua e la perdita di reddito di diversi componenti delle famiglie toscane, riguarda anche l’acquisto di altri prodotti, come quelli per la scuola. La necessità di provvedere a fornire quaderni, penne, matite e tutti gli altri prodotti richiesti dalla scuola viene segnalata anche dalle molte realtà sul territorio che si occupano di attività di dopo scuola per i più giovani, già messi duramente alla prova dal lockdown e dalla sospensione della scuola.

“La Fondazione Il Cuore si scioglie lavora ogni giorno a stretto contatto con le associazioni di volontariato del territorio che nelle scorse settimane ci hanno segnalato la difficoltà di un numero sempre maggiore di famiglie ad acquistare l’occorrente per la scuola per i propri bambini. Abbiamo così ricalcato la formula della raccolta alimentare per chiedere a soci e clienti di aiutare chi vivrà l’inizio di questo nuovo anno scolastico in condizioni precarie. Abbiamo già ricevuto l’adesione di moltissimi volontari ed invitiamo chi farà la spesa nei Coop.Fi sabato prossimo a contribuire a regalare un bel primo giorno di scuola anche ai bambini delle famiglie più fragili” afferma Irene Mangani, vicepresidente della Fondazione Il Cuore si scioglie.

“Come già accaduto per la raccolta alimentare dello scorso luglio, Unicoop Firenze raddoppia tutto ciò che verrà donato da soci e clienti sabato prossimo – afferma Daniele Lanini, direzione soci Unicoop Firenze – l’intervento rientra nella campagna Nessuno Indietro, lanciata a giugno per sostenere le famiglie toscane più colpite dalla crisi. Dall’emergenza alimentare a quella scolastica, l’obiettivo è supportare le associazioni di volontariato a cui arrivano le richieste di aiuto. Richieste che sempre più spesso riguardano i vari ambiti della vita familiare, fra questi la necessità di provvedere al materiale scolastico per i più piccoli”.

DANIELE LANINI INTERVISTATO DA CHIARA BRILLI

“Famiglie con più componenti e con minori a carico. Sono queste le realtà che maggiormente sono state penalizzate dall’emergenza – afferma Marcello Suppressa, delegato regionale Caritas Toscana – pensiamo a quei nuclei in cui lavora un solo componente e dove da marzo non entra più nessun reddito. Sempre più spesso ci troviamo di fronte a situazioni dove si fatica a rispondere anche ai bisogni più elementari, come può essere quello di un quaderno, una penna o uno zaino per andare a scuola. Ma al tempo stesso è qui che è necessario intervenire, per sostenere i più giovani, a rischio dispersione scolastica e non solo”.

“Iniziative come questa raccolta solidale di materiale scolastico sono un segnale importante di attenzione per i più giovani – spiega Zaira Conti, presidente e fondatrice del Progetto Villa Lorenzi – chi vive da vicino realtà come Villa Lorenzi sa le difficoltà che i bambini delle famiglie più fragili si trovano ad affrontare ogni giorno. Sono spesso loro, i ragazzi in età scolare, coloro che più hanno sofferto i danni dell’emergenza sanitaria e del lockdown ed è a loro che va tutto il nostro supporto in questa fase delicata della ripartenza delle attività”.

I punti vendita dove sarà possibile donare sono:

Agliana – Arezzo viale Amendola – Bagno a Ripoli – Barberino di Mugello – Borgo San Lorenzo – Caldine – Campi Bisenzio – Cascina – Navacchio – Castelfiorentino – Certaldo – Colle di Val d’Elsa – Empoli via Raffello Sanzio – Figline Valdarno – Firenze via Carlo del Prete – Firenze Coverciano – Firenze Gavinana – Firenze Le Piagge – Firenze piazza Pietro Leopoldo – Firenze Ponte a Greve – Fucecchio – Imprruneta – Lastra a Signa – Lucca viale Puccini – Montecatini Massa e Cozzile – Montemurlo – Montevarchi via dell’Oleandro – Pisa Cisanello – Pistoia viale Adua – Poggibonsi via Salceto – Pontassieve – Pontedera via Terracini – Prato via delle Pleiadi – San Casciano Val di Pesa – San Giovanni Valdanro – San Miniato – Sansepolcro – Scandicci via Aleardi – Sesto Fiorentino via Petrosa – Sien via delle Grondaie – Tavarnelle Val di Pesa – Vecchiano – Volterra

L'articolo Sabato raccolta straordinaria di materiali scolastici con Unicoop Firenze proviene da www.controradio.it.

Parte il crowdfunding per l’orto dei bambini all’Istituto Degli Innocenti

Parte il crowdfunding per l’orto dei bambini all’Istituto Degli Innocenti

Al via la nuova sfida solidale della Fondazione Il Cuore si scioglie per realizzare l’Orto dei Bambini, uno spazio verde dove i piccoli ospiti di una delle strutture di accoglienza dell’Istituto degli Innocenti potranno svolgere attività per sviluppare socialità e manualità e imparare a rispettare il ciclo della vita e delle piante. La raccolta fondi inizia quest’oggi e si può contribuire fino al 2 novembre online o partecipando agli eventi sul territorio, come le visite guidate al Museo degli Innocenti e alla Misericordia di Firenze.

Laboratori di pittura e di cucina, un percorso per conoscere i tempi dalla semina al raccolto e uno per scoprire la terra, lente di ingrandimento alla mano. Sono quelli che si svolgeranno nell’Orto dei Bambini, il nuovo progetto della Fondazione Il Cuore si scioglie onlus, in collaborazione con l’Istituto degli Innocenti.

Obiettivo del progetto di crowdfunding “pensato con il cuore” in partenza oggi e presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa all’Istituto degli Innocenti è raccogliere i fondi per sistemare l’area dove sorgerà l’Orto, metterla in sicurezza ed acquistare gli attrezzi necessari per i laboratori.

Erano presenti alla conferenza stampa: la presidente dell’Istituto degli Innocenti, Maria Grazia Giuffrida, il direttore generale Giovanni Palumbo, l’assessore al Welfare del Comune di Firenze, Andrea Vannucci, Claudio Vanni, responsabile delle relazioni esterne di Unicoop Firenze e consigliere della Fondazione Il Cuore Si Scioglie Onlus e Daniele Lanini, responsabile dei progetti di crowdfunding della Fondazione Il Cuore si scioglie.

Il progetto Orto dei Bambini parte dall’idea di recuperare uno spazio inutilizzato all’interno di Casa Bambini, il servizio socio-educativo residenziale rivolto ai bambini da 0 a 6 anni con situazioni familiari tali da mettere a rischio la loro crescita, ospitato all’Istituto degli Innocenti.

Attraverso la realizzazione dell’Orto e le attività connesse, si intende stimolare i bambini ad utilizzare i propri sensi per mettersi in “contatto con la natura” e sviluppare abilità diverse, come l’esplorazione, l’osservazione e la manipolazione.

L’Orto dei Bambini è una delle iniziative del “Progetto Opportunità” pensate per migliorare lo sviluppo e il benessere dei bambini accolti nell’Istituto e per incoraggiarli a un’interazione con il mondo esterno, promuovendo attività ludico-ricreative e didattiche da svolgere in gruppo, per un armonioso percorso di crescita e per garantire una pluralità di esperienze – che contribuiscono alla determinazione della personalità e della fiducia in se stessi – verranno realizzate delle attività negli spazi dell’Istituto e nell’ambiente esterno legate al rapporto con la natura e con gli animali.

Per contribuire all’Orto dei Bambini e al Progetto Opportunità, si può donare sulla piattaforma digitale Eppela dal link www.eppela.com/progettipensaticonilcuore oppure partecipare agli eventi di raccolta fondi che uniscono solidarietà e cultura, come le visite al Museo degli Innocenti, con colazione sulla terrazza del Caffè del Verone, in programma il 6, 12, 20 e 26 ottobre alle 10.

“L’Istituto degli Innocenti e la Fondazione Il Cuore si scioglie si sono uniti in una sfida di solidarietà bellissima – ha detto l’assessore a Welfare Andrea Vannucci – rivolta ai bambini ospitati agli Innocenti, che arrivano da situazioni di fragilità, e il Comune non poteva far mancare il proprio appoggio. L’Orto dei Bambini è un progetto molto interessante che consentirà ai piccoli di fare esperienze nuove a contatto con la natura, che contribuiranno al loro sereno sviluppo e al loro benessere”. “Mi auguro che aderiscano in tanti al crowdfunding – ha continuato Vannucci -. Sono certo che per l’ennesima volta i fiorentini dimostreranno di avere un grande cuore per coloro che hanno più bisogno e in tanti doneranno dei fondi per sistemare l’area che ospiterà l’Orto”.

“Come in altre occasioni chiamiamo “a raccolta” gli amici degli Innocenti per chiedere un aiuto per realizzare un altro importante progetto per i nostri piccoli ospiti che provengono da situazioni di disagio familiare nell’ottica di dare loro nuove opportunità di crescita in un ambiente sereno dove sviluppare anche la fiducia in se stessi – commenta la presidente dell’Istituto degli Innocenti, Maria Grazia Giuffrida – Lo facciamo con una modalità nuova, tramite una piattaforma digitale e grazie alla Fondazione il Cuore si scioglie che ha già dimostrato la sua vicinanza all’Istituto che da sei secoli difende i bambini”.

“La campagna Pensati con il Cuore – spiega Daniele Lanini, responsabile dei progetti di crowdfunding della Fondazione Il Cuore si scioglie – ha l’obiettivo di sostenere le numerose realtà che ogni giorno in Toscana si impegnano nel campo della solidarietà, cercando di contribuire insieme al bene comune del nostro territorio. Con l’Istituto degli Innocenti proseguiamo una collaborazione iniziata mesi fa, ci unisce l’attenzione per l’infanzia e per le situazioni di fragilità. Insieme anche questa volta siamo riusciti a coniugare esperienze culturali e solidarietà”.

In tre anni di attività la campagna di raccolta fondi online/offline Pensati con il cuore ha mobilitato, fra donazioni e contributo della Fondazione, oltre 840mila euro, realizzando la totalità degli oltre 50 progetti proposti e coinvolgendo oltre 20mila persone.

L'articolo Parte il crowdfunding per l’orto dei bambini all’Istituto Degli Innocenti proviene da www.controradio.it.