Giorno della Memoria 2018

Giorno della Memoria 2018,tutti gli eventi in programma, a livello istituzionale e nelle situazioni locali, per ricordare l’atrocità dell’Olocausto

LE CELEBRAZIONI UFFICIALI

Il 27 gennaio 1945 il campo di sterminio di Auschwitz fu liberato dai soldati russi e quella data è stata scelta come simbolo per perpetuare la memoria di una delle più grandi atrocità di cui l’umanità si è resa capace. Una giorno della memoria, per non dimenticare. Come ogni anno Firenze si appresta a celebrarlo, per dare il proprio contributo all’elaborazione di quella tremenda lezione storica.

Le manifestazioni istituzionali prevedono, la mattina del 27 gennaio, alle ore 8, l’esposizione delle bandiere a mezz’asta in Palazzo Vecchio.

Alle ore 9, in vari luoghi della città verranno deposte corone di alloro presso i monumenti e le lapidi poste a memoria della deportazione e dei campi di sterminio.

MEETING AL MANDELA FORUM

Venerdì 26 gennaio, ore 9,30, Nelson Mandela Forum, Viale Paoli

VII edizione del Meeting regionale degli studenti in occasione del Giorno della Memoria

1938-2018, Razzismo di Stato-Stato di Diritto, 80 anni dalle leggi “razziali” del fascismo, 70 anni dalla promulgazione della Costituzione della Repubblica italiana e della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Video, interventi, testimonianze, riflessioni.

IN BIBLIOTECA

Biblioteca delle Oblate
25 gennaio, ore 17.30, Sala Storica, Leggere per non dimenticare, presentazione del libro di Sabina Fedeli Gli occhiali del sentimento. Ida Bonfiglioli: un secolo di storia nella memoria di un’ebrea ferrarese (La Giuntina, 2017). Presenta Daniel Vogelmann
6 febbraio, ore 17, Sala Conferenze,p resentazione del libro La tela di Sonia. Affetti, famiglie, arte nelle memorie di una maestra ebrea a cura di Marta Baiardi, A. Cecconi, S. Sorri, (La Giuntina, 2018).

Dal 10 gennaio Proposte di lettura e bibliografie di approfondimento in Sezione Contemporanea e in Sezione Bambini e Ragazzi.

Biblioteca Palagio di Parte Guelfa Q.1
27 gennaio, Scaffale tematico – Per non dimenticare

Biblioteca Pietro Thouar Q.1
27 gennaio, ore 16.30, Sezione ragazzi, La memoria dei bambini Dalla lettura di alcune sequenze del Diario di Anna Frank nella nuova versione a fumetti di Ari Folman e David Polonsky (Einaudi, 2017) al laboratorio di “traduzione” in immagini del libro I bambini di Terezin: poesie e disegni dal lager 1942-1944 (Feltrinelli, 1980). Per bambini da 8 a 13 anni, su prenotazione.

27 gennaio, ore 16.30, Altana, Gramsci oggi. Dalle Lettere ai Quaderni. Testi gramsciani scelti e interpretati da Ilaria Onorato.

Biblioteca Fabrizio De André Q.1
Mostra bibliografica dedicata alle persecuzioni del popolo ebraico.

Biblioteca Mario Luzi Q.2
19 gennaio, ore 17, Presentazione dello spettacolo di Doretta Boretti, Non perdiamo tempo, incominciamo!, in scena sabato 27 gennaio alle 17.00 al Teatrodante Carlo Monni di Campi Bisenzio, per la regia di Gabriella Del Bianco

Biblioteca del Galluzzo Q.3
Bibliografia dedicata

BiblioteCaNova Isolotto Q.4
26 gennaio, ore 10-13, Ricordarsi di non dimenticare. Letture di brani tratti da libri e filmati che trattano i temi della discriminazione, della diversità e della gestione dei conflitti. Laboratorio didattico L’albero della memoria: la Shoah raccontata ai bambini.
30 gennaio, ore 17-19, Un viaggio insieme ai ragazzi di oggi nella memoria di ieri Il Premio Rusich, a cura di Silvia Rusich e Franco Quercioli. Rassegna dei lavori prodotti dalle scuole, premiati nei concorsi effettuati dal 2008 al 2015.

Biblioteca Orticoltura Q.5
Scaffale con bibliografia tematica

Biblioteca Filippo Buonarroti Q.5
Dal 17 al 31 gennaio Scaffale con bibliografia tematica
27 gennaio, ore 10.30, Narrazioni sull’Olocausto attraverso gli occhi dei bambini. Letture ad alta voce per tutti.

ALTRI EVENTI

Teatro Affratellamento/ Guerra e patrimonio artistico

Venerdì 26 gennaio, ore 17.30, teatro Affratellamento, via Giampaolo Orsini 73, in occasione della ‘Giornata della Memoria’ la Commissione Cultura Q.3, in collaborazione con l’associazione Culturale Altroteatro, organizza l’evento Resistere per l’arte, guerra e patrimonio artistico in Toscana, letture teatralizzate tratte dall’omonimo libro di Alessia Cecconi con proiezione di foto d’epoca. Si racconta la storia di uomini come Cesare Fasola, Ugo Procacci, Giovanni Poggi, Enzo Carli, Leonetto Tintori, Bruno Farnesi, Rodolfo Siviero, che hanno rischiato la vita per salvare capolavori ancora oggi ammirati nei musei di tutto il mondo.

Villa Pozzolini/ Dante, Bartali, Chaplin, tre grandi che aiutano a capire

‘Navigando e pedalando nella Memoria’, a cura dell’associazione “E20 eccezionali eventi”

26 gennaio, ore 17, “Finchè il mar non fu sopra di noi richiuso” : letture commenti e riflessioni. Il canto e la memoria: il XXVI canto dell’Inferno, nel quale Dante incontra Ulisse, è considerato uno dei più belli e significativi della Divina Commedia. Per Primo Levi il ricordo di questi versi è uno strumento di salvezza dentro l’inferno del lager, ed è così che la memoria, oltre ad essere strumento di resistenza passiva, diviene anche dovere morale.

2 febbraio, ore 17, Chaplin e la memoria delle persecuzioni: il grande dittatore, visione e commento di alcune parti del film. Charlie Chaplin, oltre ad aver rivoluzionato la comicità, è divenuto simbolo della protesta contro le persecuzioni antisemite della Germania nazista ed icona del cinema di tutti i tempi. Lanciò il suo messaggio di pace all’alba della seconda guerra mondiale.

9 febbraio, ore 17, Quel Ginettaccio… la vita e le imprese di Gino Bartali. Il racconto di un uomo che salvò la vita a 800 ebrei. I grandi campioni vengono ricordati per le loro imprese sportive, eppure la stella Bartali brilla anche per altruismo e umanità.

18 febbraio, Visita guidata alla Sinagoga di via Farini. Per info e prenotazioni eventi20@yahoo.it 3703059139

Le poesie di Dora Gabe

La Fondazione il Fiore e la Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze propongono una conferenza di Virginia Ghelarducci, giovane filosofa livornese dottoranda alla University of London e apprezzata traduttrice dal bulgaro, sulla poetessa e autrice per bambini Dora Gabe. Una figura fondamentale della letteratura bulgara, quasi sconosciuta in Italia, che permette di affrontare il tema della memoria attraverso alcune sue poesie dedicate all’Olocausto e più in generale alle proprie radici ebraiche.
La conferenza, intitolata “Riflessioni sull’Olocausto nella poesia di Dora Gabe”, si terrà giovedì 25 gennaio, ore 16,30 nella sede della Biblioteca Umanistica (piazza Brunelleschi 3-4, ingresso libero). Per ulteriori info Fondazione il Fiore 055-225074

Agli Uffizi omaggio a Carlo Levi

Gallerie degli Uffizi, 26 gennaio, ore 9, “Mi par d’essere caduto dal cielo, come una pietra in uno stagno”. Omaggio a Carlo Levi (scrittore, pittore, antifascista, ebreo).

Dmitrij Šostakovič al Teatro del Maggio Musicale

Sabato 27 gennaio, ore 15.30, Dmitrij Šostakovič e le ceneri di Babij Jar, incontro a cura di Rosanna Giaquinta, segue esecuzione del Quartetto in do minore op. 110. In collaborazione con il Gabinetto G.P. Vieusseux.

Visita a Casa Siviero

Domenica 28 gennaio, ore 10.30 e ore 11.30, La casa di zio Giorgio e zia Matilde. Visita guidata al villino di Lungarno Serristori, oggi museo Casa Siviero

Info: 055-4382652 casasiviero@regione.toscana.it www.museocasasiviero.it

Lettura in Sinagoga

Domenica 28 gennaio, ore 15.30, Il silenzio dei vivi di Elisa Springer Letture scelte con accompagnamento di musiche ebraiche, ingresso libero

Info: 055 2346654 sinagoga.firenze@coopculture.it

Biblioteca Nazionale, evento in ricordo di Primo Levi

Martedì 30 gennaio, ore 17, la Biblioteca Nazionale rende omaggio alla figura di Primo Levi con la presentazione di Questo è un uomo biografia del grande scrittore a cura di Daniele Pugliese. Ne parleranno Massimo Bucciantini, docente di storia della scienza e delle tecniche all’Università di Siena, Renzo Martinelli, rappresentante della Comunità ebraica di Firenze, e Maria Cristina Carratù, giornalista de “La Repubblica”. Info: bnc-fi@beniculturali.it tel. 055 241151

Università: riflessioni, letture e musica

Lunedì 29 gennaio, ore 9, nell’atrio del Rettorato (Piazza San Marco, 4), il rettore dell’Università Luigi Dei ricorderà gli universitari fiorentini allontanati da aule e cattedre, a seguito delle leggi razziali. A seguire, in Aula magna, alle 9.30, gli attori della Compagnia teatrale universitaria “Binario di Scambio” leggeranno alcuni brani di poesia e prosa (testi di Giuseppe Ungaretti, Fernando Pessoa, Nelson Mandela e Primo Levi). Il Coro universitario interpreterà brani tratti da Leonardo Cohen, Mozart e U2, mentre il violinista Gabriele Centorbi, accompagnato al pianoforte da Patrizio Paoli, eseguirà “Méditation” dal Thais di Jules Massenet.

AL GIARDINO BARDINI ‘PIUME 2021′: I MIGRANTI RILEGGONO DANTE

migranti rileggono Dante Giardino Bardini

Il 18 giugno presso il Giardino Bardini a Firenze lo spettacolo ‘Piume 2021-Legato con amore in un volume” su Dante: sul palcoscenico migranti e detenuti. Le prove nel centro di accoglienza Slataper.

Per due mesi il Centro Slataper di accoglienza per migranti, gestito da Il Cenacolo, è stato sede per le prove del nuovo spettacolo dedicato a Dante promosso da Culter. All’iniziativa hanno partecipato oltre 150 persone fra cui migranti, detenuti, persone a rischio di emarginazione sociale. Lo spettacolo ‘Piume 2021- Legato con amore in un volume ciò che per l’universo si squaderna’ andrà in scena, all’alba e al tramonto, il 18 giugno al Giardino Bardini, a Firenze.

La struttura da centro di accoglienza si è trasformata in vero e proprio luogo d’integrazione grazie ad un laboratorio. Il centro è gestito da quasi due anni dalla cooperativa Il Cenacolo, aderente al Consorzio Co&So, ed è luogo di assistenza delle persone più svantaggiate: dalle famiglie in condizioni di precarietà economica, ai single con figli in forte disagio abitativo, dagli anziani rimasti soli fino ai richiedenti asilo.

In quasi due anni di attività sono state accolte 150 persone. L’associazione culturale Culter, che organizza lo spettacolo, lo scorso anno aveva trasformato il Campanile di Giotto nello straordinario palcoscenico di un’originale performance corale dedicata al tema del volo nella Divina Commedia in cui decine di persone recitavano una selezione di terzine tratte dalla Divina Commedia. “Vogliamo creare vera integrazione – spiega Andrea Ricotti, direttore di Slataper – non basta impegnare i migranti nelle attività in città.

Serve anche rendere i centri di accoglienza luoghi aperti alla cittadinanza, visitabili e trasparenti, creando all’interno di essi progetti che vadano proprio nell’ottica di un’interazione continua e costante tra gli ospiti del centro e cittadini”.

The post AL GIARDINO BARDINI ‘PIUME 2021′: I MIGRANTI RILEGGONO DANTE appeared first on Controradio.

750 anniversario della nascita di Dante

Al via domani 14 maggio le celebrazioni ufficiali per il 750 anniversario della nascita di Dante Alighieri. Firenze ricorderà il suo nobile concittadino con la decima edizione dei Cento Canti, con una sfilata di Gonfaloni e un concerto alla Basilica di Santa Croce.

Il Comune di Firenze nel tributare il suo omaggio al poeta e cittadino Dante Alighieri nell’anno in cui ricorrono i settecentocinquanta anni della nascita, patrocina quattro iniziative, co-finanziate dal Mibact, che vogliono riassumere, per ogni tipo di pubblico, la complessità della sua figura e della sua opera, sia come padre della lingua italiana sia come personaggio che ispira ancora oggi varie forme di produzione artistica, dimostrando in ogni tempo la sua contemporaneità. La giornata inaugurale dell’anno dedicato a Dante sarà domani, 14 maggio, giorno in cui si svolgerà la cerimonia che ricorda sia la nascita del poeta, avvenuta presumibilmente in questo periodo, sia la sua importanza per l’unità della nazione italiana di cui Firenze fu capitale proprio nel 1865, anno in cui fu alzata la statua a Dante nei pressi del santuario delle glorie italiche.

L’Accademia della Crusca in collaborazione con l’Opera del Vocabolario Italiano, sancita da una Convenzione quinquennale fra l’Accademia e il CNR, si propone di realizzare un Vocabolario che raccolga l’intero patrimonio lessicale contenuto nelle opere di Dante, latine e volgari, consultabile in versione sia informatica che cartacea. Il Progetto consentirà alle due istituzioni di valorizzare e mettere a frutto le vaste esperienze che entrambe hanno maturato in campo linguistico, filologico, lessicografico e informatico.

La Società Dantesca Italiana propone un calendario ricco di iniziative che includono sia momenti musicali che letterari, cercando il coinvolgimento di un vasto pubblico, con conferenze (7,14,21,28 maggio) sia per studiosi che per appassionati.

Virgilio Sieni, direttore della Biennale di Venezia per la Danza, uno dei protagonisti della scena contemporanea europea, con la sua Accademia sull’arte del gesto, dirige una produzione inedita dal titolo “BALLO 1265” , che consiste in 33 canti in forma di danza. Lo spettacolo debutterà a Firenze, in Palazzo Vecchio nel Salone dei Cinquecento, dal 28 al 30 dicembre 2015.
L’Associazione Culter -“All’improvviso Dante 100 canti per Firenze” organizza da anni un progetto di formazione alla lettura e all’approfondimento della Divina Commedia che ha come esito una grande performance popolare in cui tutti i partecipanti diventano protagonisti dando voce, insieme, all’intera Divina Commedia.

Il percorso di formazione coinvolge ogni anno giovani, anziani, famiglie, personaggi dello spettacolo, rappresentanti delle istituzioni fiorentine, scuole elementari, medie e superiori, detenuti delle case circondariali, lavoratori di Aziende pubbliche e private. La decima edizione sarà dedicata appunto ai 750 anni dalla nascita di Dante, in concomitanza con i 150 anni di Firenze Capitale, i due anniversari coincidono anche con quello che per i cantori sarà il compleanno dei 10 anni di una storia in comune.

Il programma di domani
Alle 9.15 in Piazza della Signoria il sindaco insieme al presidente del Comitato promotore delle celebrazioni del 150° anniversario di Firenze Capitale d’Italia, in collaborazione con la Società Dantesca Italiana, presiederanno la rievocazione della sfilata dei gonfaloni con cui al tempo di Firenze capitale fu inaugurata la statua di Dante in Piazza Santa Croce. In quest’occasione i cantori dell’Associazione Culter, organizzatori dell’evento “All’improvviso Dante 100 canti per Firenze”, dopo il ritrovo in piazza della Signoria dei gonfaloni delle città che parteciparono alla commissione della statua di Dante in Piazza Santa Croce nel 1865, leggeranno come d’abitudine il proprio Canto singolarmente o in gruppo e a seguire il Sindaco leggerà il I° Canto dell’Inferno sull’Arengario di Palazzo Vecchio.

Da Piazza della Signoria partirà il corteo che arriverà in Piazza Santa Croce dove, sul sagrato della Basilica, i cantori di Culter reciteranno tutti insieme il corale del XXXIII° Canto del Paradiso. Il corteo entrerà nella basilica di Santa Croce dove il Sindaco e le Autorità renderanno omaggio al grande poeta nazionale e a seguire si svolgerà un concerto organizzato da Padre Antonio Di Marcantonio dal titolo ” Alla Ricerca di Dante”, un’azione musicale di Federico Bonetti Amendola che si terrà alla Basilica di Santa Croce (invito in allegato).

Alle 13 il sindaco racconterà le ulteriori iniziative su Dante alla scalinata di piazza Stazione, davanti all’ufficio informazioni turistiche.
13/05/2015 13.14
Comune di Firenze

Majewski presenta Onirica

Un grande evento speciale domani 8 aprile al cinema Odeon di Firenze con l’anteprima di ONIRICA FIELD OF DOGS alla presenza del regista, il grande Lech Majewski. Dopo il successo di pubblico e critica de “I colori della passione. The Mill & The Cross” (2011) – l’incredibile viaggio nel dipinto di Pieter Bruegel “La salita al calvario” – l’artista, poeta, pittore, compositore, scrittore, produttore, regista teatrale e film maker polacco, Lech Majewski, si accosta al capolavoro di Dante Alighieri con il nuovo lungometraggio “Onirica”, una visionaria e spettacolare storia d’amore contemporanea che trova ispirazione nella potenza artistica e visiva della Divina Commedia.


Adam è miracolosamente sopravvissuto ad un incidente d’auto in cui hanno perso la vita la sua amata, Basia, e il suo migliore amico, Kamil. Adam, promettente professore di letteratura all’Università, decide di abbandonare la carriera, ma non la sua ossessione per la Divina Commedia, unica vera consolazione. Solo dormendo Adam riesce a trovare sollievo: vive una vita parallela in una dimensione onirica, popolata da strane visioni e immagini dantesche; solo qui riesce a vedere e a parlare ai suoi cari. Le visioni scaturite dall’immaginazione di Adam e i fantasmi della poesia diventano particolarmente pronunciati quando una serie di calamità colpisce la nazione. Il 2010 si rivela un anno sconvolgente per la Polonia: catastrofi naturali, inondazioni, l’esplosione dell’aereo presidenziale, schiantatosi in circostanze misteriose. Una tragedia nazionale si impone su una tragedia personale. Adam inizia un cammino per rielaborare il proprio dolore e per riprendere in mano la sua vita. Riuscirà infine a ricongiungersi con la sua amata, come Dante con Beatrice?
ONIRICA FIELD OF DOGS (Polonia, Italia, Svezia, 102′) – Versione originale in polacco con sottotitoli in italiano
Un film di LECH MAJEWSKI con MICHAŁ TATAREK, ELŽBIETA OKUPSKA
Martedì 8  Aprile ore 20.30 Anteprima alla presenza del regista
Il film sarà replicato: martedì 15 aprile (ore 16 e 18) e mercoledì 16 aprile (ore 17)

I luoghi di “Inferno”

“Palazzo Vecchio assomiglia a una gigantesca torre degli scacchi. Con la sua solida facciata squadrata e gli spalti merlati, l’edificio è situato a guardia dell’angolo sudorientale di piazza della Signoria.”. Così scrive Dan Brown nel suo ultimo best-seller, Inferno, ambientato a Firenze e in larga parte in Palazzo Vecchio. Così, seguendo i passi del professor Robert Langdon, il pubblico potrà conoscerne la storia rivivendo le ambientazioni e le scene e del romanzo, grazie all’ associazione MUS.E Firenze che ha ideato il tour I luoghi di “Inferno”.

Le sale pubbliche – ma anche gli ambienti più segreti – diventano teatro di ricerche, inseguimenti e colpi di scena centrati su un’opera precisa:“Eccoci arrivati, finalmente… Si era aspettata di trovarsi davanti le sembianze di Dante defunto, invece tutto ciò che vide fu il rivestimento di raso rosso della teca e il sostegno a cui di solito era appesa la maschera mortuaria.”

Orari: lunedì, mercoledì, venerdì h15 – martedì, giovedì, sabato, domenica h10.00 Durata: 75′
Per informazioni : http://www.musefirenze.it/listaattivita/i-luoghi-di-inferno/