Leu: Rossi a Franceschini, governo di scopo per diminuire precari

Leu: Rossi a Franceschini, governo di scopo per diminuire precari

Il presidente della Regione Toscana ed esponente Leu, Enrico Rossi, risponde sul suo profilo Facebook  all’intervista del ministro per i Beni e le Attività culturali Dario Franceschini sul Corriere della Sera, sottolineando la priorità di ridurre il lavoro a tempo determinato in caso di un governo di scopo.

Rossi ha scritto sul suo profilo Facebook, in merito alle parole di Franceschini: “Uno scopo serio per un governo di scopo. Censis dice che nel 2017 le assunzioni sono state, quasi, 9 su 10 a tempo determinato mentre diminuiscono le ore di lavoro per occupato. Vuol dire precarietà e povertà. Un governo di scopo deve darsi anche lo scopo di diminuire il precariato riportando, dopo un periodo di prova, il lavoro a tempo indeterminato ad essere la forma prevalentemente di ingresso nel mondo del lavoro”, conclude Rossi.

Franceschini ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera, nella quale afferma che da un governo di scopo può nascere un meccanismo virtuoso per fare riforme: “La verita’ e’ che siamo in un’impasse”. Quindi, “è il momento di scrivere le regole tutti insieme. Le riforme a maggioranza non funzionano; ma siccome oggi nessuno ha la maggioranza, il quadro e’ perfetto per fare le riforme, perche’ nessuno le puo’ imporre agli altri”.

Franceschini ha parlato anche di superamento del Bicameralismo: “Monocameralismo e legge elettorale. L’insieme di questi elementi puo’ dare stabilita’ al sistema Paese. Non ho nessun titolo per impegnare il Pd: mi rivolgo a Di Maio, a Salvini, a Berlusconi, a Martina e al mio stesso partito; da una situazione che pare perduta puo’ nascere un meccanismo virtuoso. Questa puo’ essere la legislatura perfetta”. Per Franceschini “il governo diventa figlio di questo schema. Dovrebbe accompagnare e acconsentire il processo. Certo non per un tempo infinito”.

L'articolo Leu: Rossi a Franceschini, governo di scopo per diminuire precari proviene da www.controradio.it.