Arte: è morto il pittore toscano Giampaolo Talani 

Arte: è morto il pittore toscano Giampaolo Talani 

Cordoglio per la scomparsa di Talani è stato espresso dal sindaco di Firenze, Dario Nardella: “Da oggi ci vedrai da lassù. La tua amata Firenze ti conserverà nel cuore e stringerà tra le braccia le opere che le hai donato, per sempre”.

E’ morto stamani, in ospedale a Pisa dove era ricoverato, il pittore e scultore Giampaolo Talani. Nato nel 1955 a San Vincenzo, in provincia di Livorno, dopo il Liceo Artistico a Lucca e a Firenze, frequenta l’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove ha come maestro Goffredo Trovarelli.
Ha eseguito numerose opere per la sua cittadina di nascita, affrescando nella chiesa di San Vincenzo, con le tavole per lo scalone del Municipio e con la scultura il Marinaio, che, alta sette metri, domina il nuovo porto turistico di San Vincenzo.

Il legame con Firenze si nota dalle numerose opere dell’autore per la città, come l’affresco ‘Partenze’ nella stazione di Santa Maria Novella a Firenze, con la personale intitolata ‘Rosa dei Venti’ a Palazzo Vecchio e con la collocazione temporanea di una scultura alta tre metri nel loggiato degli Uffizi. Nel 2016 la sua statua ‘Fiorenza’ è stata installata in piazza San Jacopino.

Anche il critico d’arte Vittorio Sgarbi ha sottolineato il grande slancio che Talani ha ridato alla cossidetta “Arte di Stato”, attraverso le sue opere pubbliche, come il busto di Garibaldi in bronzo, che viene collocato in due copie al Quirinale e al Senato italiano, a conclusione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia, il dipinto ‘L’ombra dell’eroe’ , nella Pinacoteca del Quirinale, e l’affresco ‘Mille uomini’, che entra nella collezione del Museo centrale del Risorgimento al Vittoriano di Roma.

Nel giugno 2009, Talani è l’unico artista italiano invitato a Berlino per l’apertura delle celebrazioni del ventennale della caduta del muro, con l’opera ‘Die Mauer – Gli ombrelli della libertà’. Anche la statua Abfahrt-Partenza, che si trova davanti alla nuova stazione ferroviaria di Berlin Hauptbahnhof, porta il nome dell’artista livornese. 

La camera ardente si terrà da questo pomeriggio a San Vincenzo (Livorno) presso la sala consiliare della Torre. Domani pomeriggio i funerali, sempre a San Vincenzo

L'articolo Arte: è morto il pittore toscano Giampaolo Talani  proviene da www.controradio.it.

Pd: Chiti, “Boschi? Gentiloni doveva fare in modo che salutasse”

Pd: Chiti, “Boschi? Gentiloni doveva fare in modo che salutasse”

Al posto del premier avrei fatto in modo che Boschi salutasse”. Lo dice il senatore toscano Vannino Chiti, rispondendo – in un’intervista dal Fatto Quotidiano – a una domanda sul caso banche.

“Occuparsi del proprio territorio non mi pare un problema, e certi attacchi nei suoi confronti sono stati vergognosi”, prosegue Chiti, ma “io rimprovero a lei e a tutto il Pd errori politici. E il primo è stata la mozione del Pd su Bankitalia, autogol clamoroso. Boschi conosceva quel testo? Gentiloni non è stato coinvolto”.

Il secondo errore è stata la Commissione: “Andava fatta nella prossima legislatura, con una chiara conclusione temporale”. “Io ero contrario alla scissione – sottolinea parlando poi di LeU – le fratture non hanno mai giovato alla sinistra. Ma stimo Pietro Grasso, e penso che vada ricostruito un centrosinistra plurale, al più presto”. Paventa per il Pd il rischio di scomparire, dopo le elezioni, “in caso di alleanza con Forza Italia. In quel caso verrebbe meno la speranza di ricostruirlo”.

Spiega che non si ricandiderà: “lavorerò per la riunificazione della sinistra. Ma devo ancora capire come”. Chiti risponde anche sui suoi rapporti con Renzi. Ricorda che “da coordinatore della Margherita, lui appoggiò la mia candidatura nel collegio uninominale di Firenze. A coordinare il mio comitato elettorale era Dario Nardella. E il mio avversario era Denis Verdini”. E sul legame tra Verdini e Renzi osserva: “Hanno relazioni pre-politiche. Il senatore aveva rapporti con il padre e la sua famiglia”, poi “Verdini è stato il ponte tra Renzi e Berlusconi: è un pragmatico”.

L'articolo Pd: Chiti, “Boschi? Gentiloni doveva fare in modo che salutasse” proviene da www.controradio.it.

San Valentino, bando per allestimento a verde floreale al Piazzale

San Valentino, bando per allestimento a verde floreale al Piazzale

Firenze, “Nell’ambito di una serie di iniziative consistenti nell’allestimento a verde e nell’addobbo con fiori di luoghi particolarmente rappresentativi della città, l’Amministrazione intende realizzare, per il 14 febbraio 2018 (San Valentino) e per il successivo periodo fino al 2 aprile 2018, un allestimento a verde floreale al Piazzale Michelangelo allo scopo di evocare l’insieme dei sentimenti che i cittadini e i visitatori nutrono per Firenze”.

Così si legge in un avviso pubblico del Comune di Firenze per la ricerca di soggetti per la realizzazione di un allestimento a verde floreale al Piazzale Michelangelo nel periodo dal 14 febbraio, giorno di San Valentino, al 2 Aprile 2018.

L’area interessata coincide con la porzione ovest del piazzale, affacciata sul centro storico. I soggetti pubblici o privati interessati all’iniziativa, che dovrà essere gratuita, hanno l’obbligo d’inviare la propria disponibilità in busta chiusa alla direzione ambiente del Comune entro e non oltre le 12 del 29 gennaio.

L’apertura delle buste sarà effettuata, in seduta pubblica, alle 16.30 del 29 gennaio, negli uffici della direzione ambiente. Un’apposita commissione esaminerà le offerte, verificando la correttezza della documentazione, e poi stilerà la graduatoria.

In caso di valutazione di due o più proposte si procederà al loro esame attribuendo i punteggi secondo una serie di criteri tra i quali la qualità della soluzione progettuale complessiva proposta, la qualità del materiale offerto, il valore della prestazione e l’anticipo sulla consegna del prato pronto. Nel caso di presentazione di una sola proposta la commissione esprimerà solo un parere di congruità/validità.

Da parte sua il Comune consentirà al soggetto individuato di promuovere la propria immagine, associando nome/marchio/logo/attività/prodotto all’ evento, sia sui canali dell’amministrazione (pubblicità diretta), sia sui canali propri (pubblicità indiretta), sia all’esterno di essi. Tutto ciò limitatamente al periodo di durata dell’installazione.

A garanzia l’aggiudicatario dovrà fornire una fideiussione per coprire gli obblighi assunti, nonché quelli di ritiro del materiale vegetale fornito.

I soggetti interessati potranno presentare richieste di chiarimenti inviandoli al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: direz.ambiente@pec.comune.fi.it.

ll testo dell’avviso pubblico:

L'articolo San Valentino, bando per allestimento a verde floreale al Piazzale proviene da www.controradio.it.