Tramvia linea per Bagno a Ripoli nel 2023

Tramvia linea per Bagno a Ripoli nel 2023

Firenze, la Tramvia da piazza della Libertà a Firenze a via Granacci a Bagno a Ripoli passando per i viali di circonvallazione fino a piazza Piave e poi sui lungarni fino al ponte da Verrazzano, per raggiungere il viale Europa e poi proseguire sul territorio ripolese per circa un chilometro.

Questo il progetto della linea 3.2 della tramvia di Firenze, illustrato dai sindaci di Bagno a Ripoli e Firenze Francesco Casini e Dario Nardella, dall’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, e dai tecnici di Tram spa, durante un’assemblea pubblica svoltasi giovedì a Bagno a Ripoli.

L’obiettivo è l’entrata in esercizio della linea nel 2023, come spiega una nota del Comune di Bagno a Ripoli, a servizio della linea, precisa la stessa nota, saranno realizzati un parcheggio scambiatore di circa 400 posti lungo il viale Europa in prossimità del capolinea, su terreni in parte incolti da tempo e l’area di deposito in prossimità del cimitero del Pino in posizione defilata rispetto alla visuale principale della piana di Ripoli.

Entrambe le opere saranno inserite in un contesto ‘verde’ ottenuto attraverso la piantumazione di numerose alberature ad alto fusto e a basso impatto paesaggistico. A fianco al capolinea del tram verrà posizionato anche il capolinea degli autobus urbani 24, 48 e 49.

L'articolo Tramvia linea per Bagno a Ripoli nel 2023 proviene da www.controradio.it.

Agguato Piazza Dalmazia, Nardella: “Politica non sfrutti intolleranza”

Agguato Piazza Dalmazia, Nardella: “Politica non sfrutti intolleranza”

“Io credo che ci sia una parte di politica che invia messaggi ambigui e confonde il sacrosanto principio della legalità che riguarda tutti con l’intolleranza verso soggetti di etnie diverse”. Lo ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella, a margine della cerimonia commemorativa di Samb Modou e Diop Mor, i due senegalesi uccisi in piazza Dalmazia a Firenze, il 13 dicembre 2011, dal simpatizzante di estrema destra Gianluca Casseri poi morto suicida.

“Oggi tutti, i politici per primi – ha aggiunto – hanno una grande responsabilità, quella di non usare la fragilità delle persone e i sentimenti di intolleranza e egoismo. Quando la politica, per scopo di consenso elettorale, soffia sul fuoco sfruttando le paura dei cittadini si macchia di una responsabilità gravissima. Il principio di legalità è al di sopra di ogni forma di discriminazione”.

Sull’assenza di esponenti della destra alla cerimonia, Nardella ha risposto affermando “che questa non è una commemorazione politica. Io indosso la fascia tricolore e rappresento tutta la città, mi piacerebbe vedere qui i rappresentanti della destra a affermare i principi sacrosanti della nostra Costituzione”.

Il sindaco ha sottolineato che ciò che è successo il 13 dicembre 2011 “è una ferita profonda nel cuore della città di Firenze”, da sempre una città “aperta”. Per il sindaco “non basta ricordare, ma bisogna lavorare sull’educazione, così si costruisce una comunità vera”.

Intanto gli studenti di Firenze del liceo Dante, Da Vinci, Castelnuovo e Agnoletti (Sesto Fiorentino) hanno deciso di trasformare le insegne delle loro scuole, intitolandole alla memoria delle due vittime: Samb Modou e Mor Diop.

“Sono stati uccisi solo per il colore della loro pelle – spiega Gabriele Minelli della Rete degli Studenti Medi – noi crediamo nell’antirazzismo, caratteristica fondamentale per uno Stato democratico. Per questo dobbiamo dire con forza che Firenze è antirazzista, nonostante il clima d’odio che sta crescendo.”

L'articolo Agguato Piazza Dalmazia, Nardella: “Politica non sfrutti intolleranza” proviene da www.controradio.it.

Nardella, parole Giannarelli su aeroporto con ‘conseguenze civili e penali’

Nardella, parole Giannarelli su aeroporto con ‘conseguenze civili e penali’

?Firenze, “Le dichiarazioni di Giannarelli e di chi era con lui, sono di una tale gravità da indicare un livello mai visto di irresponsabilità, che non può non avere a mio avviso conseguenze civili e penali”, lo ha detto ai microfoni di Controradio il sindaco di Firenze, Dario Nardella.

Le parole del sindaco Nardella arrivano a commento della conferenza stampa sull’Aeroporto di Firenze, tenuta mercoledì dal capogruppo M5s in Consiglio regionale della Toscana Giacomo Giannarelli, con l’ex generale Luciano Battisti e l’ex pilota militare Domenico Leggiero, nel corso della quale era stata lamentata l’inadempienza del decreto del 2003 che prescriveva interventi di messa in sicurezza della pista di Peretola ed è stato criticato il progetto della nuova pista.

“Se oggi l’aeroporto dovesse essere tecnicamente non sicuro – ha continuato Nardella a Controradio – dovrebbe essere chiuso dalle autorità governative. Bisognerebbe che Giannarelli si consultasse con il ministro delle Infrastrutture, che è del suo partito: sono dichiarazioni gravi, rilasciate con una superficialità imbarazzante, che denotano un grande imbarazzo da parte dei politici del M5s, i quali non vogliono lo sviluppo dell’aeroporto con la nuova pista, e cercano qualsiasi ragione, anche la più bizzarra, per evitarlo”.

L’intervista a Dario Nardella a cura di Raffaele Palumbo:

L'articolo Nardella, parole Giannarelli su aeroporto con ‘conseguenze civili e penali’ proviene da www.controradio.it.

Nardella: “Aprire case anziani soli, a giovani studenti”

Nardella: “Aprire case anziani soli, a giovani studenti”

“Stiamo lavorando ad un progetto interessante insieme all’assessorato al sociale, ovvero, aprire le case delle persone anziane, quelle che vivono sole, e sono disponibili, ai giovani studenti, in modo da favorire l’incontro tra generazioni”. Lo ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella, a margine del pranzo di Natale a Palazzo Vecchio, offerto dall’enoteca Pinchiorri agli anziani di Montedomini.

Con questo progetto i giovani studenti potranno, ha proseguito Nardella, “spendere un po’ di tempo per assistere l’anziano che in cambio lo ospita a casa sua”. Si tratta di “un modo originale con cui possiamo aiutare chi ha bisogno a vincere la solitudine”.

Il sindaco ha ricordato anche l’aumento del “contributo per l’assistenza familiare agli anziani non autosufficienti” e il ‘piano casa’, dove “c’è un’attenzione particolare per gli anziani, soprattutto per quelli soli, con il contributo affitti che è stato rinnovato anche per quest’anno”.

L'articolo Nardella: “Aprire case anziani soli, a giovani studenti” proviene da www.controradio.it.

Aeroporti, M5S: “Valore indubbio, ma regole rispettate”

Aeroporti, M5S: “Valore indubbio, ma regole rispettate”

“Firenze non tollera, non ha mai tollerato e non tollererà mai, di farsi mettere i piedi in testa, perché la nostra città è una città forte, unita, e quando in gioco c’è il futuro della nostra comunità e della nostra terra, è bene che certi partiti politici facciano un serio esame di coscienza”. Lo ha detto il sindaco di Firenze, Dario Nardella – in riferimento alla nuova pista di Peretola – a margine del pranzo di Natale a Palazzo Vecchio, offerto dall’enoteca Pinchiorri agli anziani di Montedomini.

“Leggiamo di ulteriori attacchi al ministro Toninelli per aver esercitato una sua piena facoltà: proporre una revisione del ‘vecchio e localistico’ piano nazionale degli aeroporti in chiave di sistema paese, integrazione e con particolare attenzione all’intermodalità. Già, perché il governo del cambiamento vuole riformare il trasporto aereo, e con esso il sistema degli aeroporti italiani.” E’ quanto affermano, in merito alla vicenda Peretola, i senatori del Movimento 5 Stelle dell’VIII commissione Lavori pubblici e trasporti del Senato e la senatrice toscana Laura Bottici.

“Il Movimento non mette in discussione il valore strategico delle singole realtà aeroportuali ma le modalità di ripartizione dei fondi pubblici a loro destinati, sì; specie quando questi sono slegati da logiche di sistema. L’aeroporto di Firenze ha la sua importanza, nessuno la mette in dubbio, ma è altrettanto evidente che ci siano delle problematiche – non di secondo piano – su come sia stato portato avanti il progetto. L’assenza della valutazione d’impatto ambientale, prevista dalla normativa, e da presentarsi prima del master plan, sono un esempio”, aggiungono.

“Sui lavori dello scalo fiorentino – sottolineano – anche sul piano di utilizzo del materiale di scavo si è seguito l’iter in modo non corretto. Nessuno vuole fare dispetti al sindaco di Firenze, ma le leggi non sono testi da interpretare come più fa comodo. Questo governo ha a cuore gli aeroporti italiani e sta lavorando su un servizio intermodale in cooperazione con FS, processo già iniziato per collegare le città di interesse non solo turistico col principale hub di Fiumicino, garantendo così collegamenti più veloci e magari con voli diretti. Si lavora dunque a un progetto strutturale, per facilitare la mobilità dei cittadini e ampliare l’offerta di voli e le varie altre opzioni di spostamento. Le regole però vanno rispettate, altrimenti è difficile fare il bene della collettività”, concludono.

“Non mi sorprende – ha continuato il primo cittadino di Firenze, Dario Nardella – che vi sia un fronte larghissimo, che non riguarda solo la politica ma anche il mondo del sindacato, dei lavoratori, delle imprese, a favore dell’aeroporto e contro la mistificazione della realtà” di cui oggi si fanno portavoce “alcuni esponenti politici”.

Il sindaco si è detto “fiducioso sul fatto che Firenze andrà avanti su questa battaglia per la pista dell’aeroporto perché è una battaglia per il lavoro, è una battaglia per la qualità della vita di migliaia di persone che oggi hanno aerei a 50 metri dalla testa e per la crescita di tutta la Toscana che non può diventare una regione di serie B.”

Sempre sulla questione dell’aeroporto di Peretola si è tenuta oggi una conferenza presso la sede della Regione Toscana, tenuta da Giacomo Giannarelli. Gimmy Tranquillo ha raccolto l’intervista.

 

 

 

L'articolo Aeroporti, M5S: “Valore indubbio, ma regole rispettate” proviene da www.controradio.it.