Firenze, Comune approva bilancio 2018: “Ottima gestione della cassa”

Firenze, Comune approva bilancio 2018: “Ottima gestione della cassa”

Bilancio 2018 Comune di Firenze: 116 mln investimenti, spese per 572 mln: aumentate di 4 mln rispetto anno precedente.

Spese per 572 milioni, in crescita di 4 milioni rispetto all’anno precedente, 116 milioni di investimenti, nessun aumento di tasse e tariffe a fronte di 9 milioni di maggiori entrate grazie al recupero dell’evasione. Sono alcune delle voci del bilancio 2018 del Comune di Firenze, approvato oggi in Consiglio comunale.

Dei 572 mln di spese, il 27%, precisa una nota di Palazzo Vecchio, sono servite per il personale, mentre il 57% per l’acquisto di beni e servizi. L’indebitamento complessivo è di circa 480 milioni ed è diminuito di 10 milioni con un valore, è stato sottolineato, quattro volte inferiore al limite di legge. Palazzo Vecchio evidenzia poi “l’ottima gestione della cassa, che chiude con una consistenza finale di 114 mln”. Il complesso delle spese comunali sono state finanziate nel 2018 per 371 mln da entrate tributarie, per poco meno di 43 mln da trasferimenti correnti, per 233 mln da entrate extra tributarie, e per 80 mln da entrate in conto capitale ed indebitamento. Si conferma anche per il 2018 il consolidamento del fondo per i crediti di dubbia esigibilità, che si attesta a 235 mln.

Il Comune ha infine contratto nuovi mutui nel 2018 per 32 mln. L’incremento delle entrate tributarie di circa 9 mln è riconducibile sia all’incremento dall’Imu grazie al recupero dell’evasione, sia all’imposta di soggiorno, per effetto dell’incremento delle tariffe, dell’attività di recupero dell’evasione oltre che l’attivazione delle accordi con le piattaforme che gestiscono principalmente locazione turistica.

“Ringrazio la maggioranza per tutto l’importante lavoro svolto – ha commentato il sindaco di Firenze Dario Nardella -. Anche questa volta il bilancio è stato approvato senza problemi. Abbiamo dato una dimostrazione di compattezza come mai si è visto nella storia del Consiglio comunale di Firenze”. Il vicesindaco Cristina Giachi ha parlato di “ottimi dati di finanza pubblica”, sottolineando anche “il buon risultato nel pagamento dei debiti, siamo al di sotto dei tempi di legge previsti per il pagamento dei fornitori dell’amministrazione”. Commenti negativi tra i banchi dell’opposizione.

Francesco Torselli (Fratelli d’Italia-Firenze in movimento) ha affermato che Firenze “non è una città disastrata dal punto di vista del bilancio, bisogna essere onesti. Però ci sono alcuni aspetti che non si raccontano”. Torselli ha fatto riferimento in particolare al calo “degli investimenti” e alla tassa di soggiorno: “Anche quest’anno – ha detto – arrivano quasi 9,5 milioni in più rispetto all’anno scorso, il turismo è il petrolio di Firenze. Il Comune però investe lo 0,2% sul turismo”.

Preoccupata Arianna Xekalos (Fdi-Fim) “perché nei mesi precedenti la Corte dei conti ha evidenziato delle irregolarità per i bilanci 2015 e 2016 che purtroppo non sono state regolarizzate neanche in questo bilancio consuntivo del 2018. Questo significa che, nonostante Nardella si vanti del fatto che non ha aumentato le tasse dei cittadini, non tiene conto che la prossima giunta sarà obbligata a farlo”. Jacopo Cellai (capogruppo Forza Italia) ha affermato che “i numeri si devono collegare ai risultati ottenuti”. Tra le criticità “i parcheggi perché in termini di mobilità non si può ragionare solo di tramvia: è stato fatto pochissimo rispetto ai 6mila posti annunciati da Nardella”, ed è “stato fatto poco anche sulle imprese”.

L'articolo Firenze, Comune approva bilancio 2018: “Ottima gestione della cassa” proviene da www.controradio.it.

Firenze, Nardella presenta i candidati Pd

Firenze, Nardella presenta i candidati Pd

Tra i 36 nomi dei candidati presenti anche 5 under 30, tra cui la capolista Letizia Perini. Nardella:”Una buona lista, giusto mix tra novità ed esperienza”.

“Abbiamo una squadra affidabile. È una buona lista, molto competitiva, un giusto mix tra novità ed esperienza – dichiara Dario Nardella, attuale sindaco di Firenze – ci sono molti assessori uscenti che in questo modo possono far valere il grande lavoro fatto in questi anni, ma abbiamo anche tanti giovani e tante donne. Ho apprezzato molto la decisione che la Direzione del Partito ha preso all’unanimità di individuare come capolista la più giovane candidata e di avere una lista di persone che sanno di cosa parlano. In questa campagna elettorale dove si sentono cose assurde, improvvisate e senza alcun fondamento, noi abbiamo una lista di persone serie, competenti, che conoscono la città. Questo vale tanto per la lista per il Consiglio comunale quanto per le liste nei consigli di quartiere. E a proposito dei Quartieri abbiamo quattro conferme e una novità, una candidata presidente donna. Ricordo che l’elezione diretta del presidente del quartiere è una novità che noi abbiamo voluto e che abbiamo portato fino in fondo”.

“Sarà una partita di squadra, un gruppo affiatato – aggiunge Leonardo Bieber, coordinatore della campagna elettorale del PD – con tanti nuovi volti, pieno di persone responsabili e modello di buona amministrazione. Questa lista è frutto del voto unanime della Direzione del Partito ed è stata chiusa anche prima della scadenza di legge, fatto mai avvenuto prima. La scelta del luogo in cui l’abbiamo presentata, in piazzetta dello Sprone, non è casuale: questo posto è stato oggetto di un progetto di riqualificazione urbana. Un piccolo esempio di ciò che ha fatto questa amministrazione: dalla rinascita di una piazzetta a due passi dal Ponte Vecchio, alla Manifattura Tabacchi che sarà la più grande operazione di rigenerazione urbana dei prossimi anni. La nostra comunità è piena di ottimi amministratori, in grado di realizzare un modello di città, esportabile anche a livello nazionale, e che guarda al progresso e al futuro”.

Candidati al Consiglio Comunale Cecilia Del Re, Massimo Fratini, Sara Funaro, Federico Gianassi e Andrea Vannucci, pezzi chiave della Giunta uscente. Ma anche l’ex deputato Paolo Beni, l’attuale segretario cittadino del Pd Massimiliano Piccioli e l’ex vicepresidente a livello metropolitano Lorenza Giani, che si misurano per la prima volta con le amministrative.

A capitanare la lista è la più giovane, Letizia Perini, 25 anni. Tra gli under 30 anche Ursula Bassi, Francesca Calì, entrambe in corsa per la prima volta a Palazzo Vecchio, Laura Sparavigna, reduce da un mandato al Q4, e Petra Taddei, proveniente dal Consiglio di Quartiere 2. I candidati più esperti sono Susanna Della Felice e Fabrizio Ricci, classe 1951. Tra le new entry Francesca Merz, 35 anni, libera professionista nei beni culturali, Francesco Romano, ricercatore del CNR impegnato nella semplificazione dei rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione, Donata Bianchi, tra le fondatrici dell’associazione Artemisia contro la violenza sulle donne, Enrico Conti, ricercatore Irpet (Regionale Programmazione Economica Toscana), Francesco Pastorelli, avvocato e segretario di circolo. Provengono dai consigli di quartiere, tra gli altri, Patrizia Bonanni, Leonardo Calistri, Barbara Felleca, Ornella Grassi, Alessandra Innocenti, Franco Nutini, Renzo Pampaloni, Mirco Ruffilli.

In cerca di conferma Benedetta Albanese, Nicola Armentano, l’ex vicepresidente del Consiglio comunale Susanna Della Felice, Stefano Di Puccio, Fabio Giorgetti, Maria Federica Giuliani, Cosimo Guccione, Luca Milani, Francesca Paolieri. In pista per la presidenza dei cinque quartieri quattro candidati uscenti, Maurizio Sguanci al Q1, Michele Pierguidi al Q2, Mirko Dormentoni al Q4, Cristiano Balli al Q5, e l’ex consigliera comunale Serena Perini, che a questo giro si giocherà la presidenza del Q3.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il coordinatore della campagna elettorale del PD Leonardo Bieber:

L'articolo Firenze, Nardella presenta i candidati Pd proviene da www.controradio.it.

Bocci su 25 aprile: Anpi, candidato centrodestra non sa che Firenze è Medaglia d’Oro Resistenza

Bocci su 25 aprile: Anpi, candidato centrodestra non sa che Firenze è Medaglia d’Oro Resistenza

Sale la polemica e l’indignazione a Firenze rispetto all’annuncio del candidato di centrodestra Ubaldo Bocci di non partecipare, sulla scia del Ministro Salvini, alle celebrazioni di 25 aprile che si apprestano ad arrivare. Bocci parla di festa ideologizzata. Condanna da parte di Anpi e Fiom Cgil.

“Chissà se Bocci sa di essere candidato a sindaco di una città Medaglia d’Oro della Resistenza. Chissà se Bocci conosce almeno un poco la storia della Firenze di quei giorni – lo scrive in un post su Facebook la segreteria dell’Assocaizione nazionale partigiani di Firenze che aggiunge – O si sta con chi sceglie una società dove c’è una sola idea possibile e imposta con la violenza, oppure si sta con chi auspica e pratica una società dove la pluralità di pensiero è il valore fondante. O si sta dalla parte dei caporioni oppure si sta dalla parte dei perseguitati, dei deportati e di chi ha alzato la testa e li ha cacciati. O si sta con ciò che c’era prima della Liberazione oppure con ciò che c’è dopo.
Chi si candida a reggere la responsabilità istituzionale di una città come la nostra – prosegue la nota dell’Anpi –  dovrebbe avere ben presente queste distinzioni, che prima che politiche o ideali sono distinzioni fra l’umano e il disumano. Ognuno si schieri dalla parte che predilige, noi invitiamo tutta la cittadinanza alle feste popolari che a Firenze e provincia ricordano la fine della dittatura e l’inizio della democrazia”.

Non tarda ad arrivare anche la condanna da parte della Fiom Cgil di Fireze che si dice indignata dalle parole del candidato sindaco di Firenze Ubaldo Bocci, il  quale ha comunicato che non festeggerà il 25 Aprile.
“La Festa della Liberazione dal nazifascismo afferma il valore supremo della Libertà e della Democrazia sulla barbarie del totalitarismo e della dittatura fascista, Libertà e Democrazia riconquistate col sacrificio ed il sangue dei Patrioti Partigiani, che scelsero di mettere in gioco le loro vite per un’Italia più giusta. Se oggi è possibile avere un confronto per permettere ai cittadini fiorentini di scegliere il loro Sindaco  – sottolinea la segreteria della Fiom – è grazie alle migliaia di donne e uomini che scelsero la via dei monti. A Firenze non serve tornare al Podestà.
La Fiom Cgil di Firenze festeggerà il 25 Aprile come sempre, in Piazza Poggi, al pranzo antifascista, nel ricordo del compagno Pillo.

“La Costituzione è l’atto più alto e straordinario che abbia fatto l’Italia repubblicana, la sinistra deve ripartire dalla sua piena attuazione”, a sottolinearlo è il Sindaco di Firenze e ricandidato per il centrosinistra Dario Nardella che quasi in un botta e risposta a distanza ha ribadito l’importanza di rifarsi al dettato costituzionale nato dalla Lotta di Liberazione. Nardella è intervenuto durante la presentazione del libro documentario “Eravamo tanto Amati.  La sinistra italiana ‘verso’ i trent’anni dalla Svolta della Bolognina” questa mattina allo Stensen di Firenze.

L'articolo Bocci su 25 aprile: Anpi, candidato centrodestra non sa che Firenze è Medaglia d’Oro Resistenza proviene da www.controradio.it.

Aeroporto Peretola, Nardella: ‘Arrivata autorizzazione a procedere’

Aeroporto Peretola, Nardella: ‘Arrivata autorizzazione a procedere’

Il Mit ha dato l’approvazione definitiva al master plan dell’aeroporto di Firenze.

“Un’altra buona notizia per Firenze: finalmente è arrivato dal ministero delle Infrastrutture il decreto che autorizza lo sviluppo dell’aeroporto di Peretola con la nuova pista”. Lo ha scritto, su Twitter, il sindaco di Firenze Dario Nardella: “Un passo in avanti decisivo – ha continuato – per partire con i lavori. Firenze merita di avere il ‘suo’ aeroporto!”.

Il deputato fiorentino Gabriele Toccafondi ha scritto “Finalmente una buona notizia. Con il via libera del ministero adesso non possono esserci più scuse né ulteriori ritardi. Dobbiamo portare a casa quest’opera fondamentale per lo sviluppo di Firenze e di tutta la Toscana”. “Ci auguriamo che tutti quanti remino nella stessa direzione – aggiunge Toccafondi in una nota – e che la campagna elettorale per il Comune di Firenze non spinga qualche suddito della signora di Cascina a porre nuovi bastoni tra le ruote. L’aeroporto di Firenze è una grande vittoria anche del sindaco Nardella, ma non serve al sindaco Nardella. Serve a tutti i fiorentini”.

L'articolo Aeroporto Peretola, Nardella: ‘Arrivata autorizzazione a procedere’ proviene da www.controradio.it.

Presentati i nuovi 47 agenti Municipale

Presentati i nuovi 47 agenti Municipale

Firenze, sono stati presentati oggi in San Lorenzo i primi 47 nuovi agenti assunti a tempo indeterminato della Polizia Municipale.

Si tratta del primo contingente delle 100 assunzioni di agenti, a seguito del concorso bandito nel 2018 che, oltre alla prova preselettiva, ha visto la prova fisica, una prova scritta e una orale e infine i test psicoattitudinali.

Ai 100 contratti inizialmente previsti se ne sono aggiunti ulteriori 10 sulla base di una delibera di giunta per l’ampliamento dell’organico.

I 47 neo assunti (di cui 11 sono donne) sono entrati in servizio tra il 1° e il 5 aprile: 40 sono destinati al vigile di quartiere e 7 al reparto Analisi e strategie per interventi mirati. Sedici provengono da altre Regioni (Lombardia, Puglia, Sicilia, Liguria, Campania, Lazio, Sardegna Friuli), tra i toscani la maggioranza sono della provincia di Firenze.

Entro la fine del mese arriveranno gli altri 53 agenti per arrivare al contingente dei 100 previsti dal primo scaglione di assunzioni (79 uomini e 21 donne), età media 28 anni: i più giovani sono una donna di 19 anni e un uomo di 21 anni, la palma degli agenti più “anziani” va a cinque 32enni (tre uomini e due donne).

Sessantacinque provengono dalla Toscana (34 dalla provincia di Firenze), sei rispettivamente da Liguria, Puglia e Sicilia, cinque dalla Campania, quatto dal Lazio, due dall’Emilia Romagna, uno da altre sei regioni. Venti hanno esperienza militare e 29 hanno già ricoperto il ruolo di agente di Polizia Municipale.

Ulteriori 10 saranno assunti in estate dalla graduatoria di 290 nominativi stilata a seguito del concorso per arrivare a quota 110 nuovi agenti di Polizia Municipale.

Presenti il sindaco Dario Nardella, l’assessore alla sicurezza urbana e Polizia Municipale Federico Gianassi e il comandante della Polizia Municipale Alessandro Casale.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il Comandante Casale:

L'articolo Presentati i nuovi 47 agenti Municipale proviene da www.controradio.it.