Chianti: nasce l’ufficio che gestisce i conflitti tra gli inquilini

Chianti: nasce l’ufficio che gestisce i conflitti tra gli inquilini

Il progetto è promosso da Casa Spa e dai Comuni del Chianti fiorentino
Prima esperienza in Italia. I sindaci: “con questo nuovo servizio che favorisce la pacifica convivenza tra gli inquilini contrastiamo le marginalità e diamo un supporto concreto alle persone che risiedono negli alloggi Erp”

“Case con l’anima sociale”, da gestire non solo come edifici, come strutture, progettate e costruite per rispondere ai bisogni primari delle fasce deboli della popolazione, ma come luoghi del vivere civile nel rispetto dell’abitare solidale. Si chiama ufficio di gestione sociale e nasce in Italia come la prima esperienza che interviene sulla vita domestica e familiare dei condomini di case Erp, una nuova attività promossa da Casa Spa e dai Comuni del Chianti fiorentino.

E’ il nucleo operativo di un progetto che in forma sperimentale prende le mosse dalla Toscana, dai territori dell’Unione comunale del Chianti fiorentino, per attivare un servizio che mira a supportare i cittadini residenti nelle case popolari. Sarà attivo già dal primo agosto, secondo quanto stabilito dal protocollo d’Intesa che questa mattina, nella sala riunioni del Comune di Tavarnelle, è stato sottoscritto dal presidente dell’Unione comunale del Chianti Fiorentino David Baroncelli e dal presidente di Casa Spa Luca Talluri, alla presenza dei sindaci Paolo Sottani, Giacomo Trentanovi e Massimiliano Pescini e delle assessore alle Politiche sociali Giulia Casamonti e Cristina Faini. E’ un progetto che scaturisce da un bisogno reale e sempre più diffuso legato alla molteplicità di problematiche di natura sociale e all’esigenza di promuovere maggiormente percorsi legati alla pacifica convivenza negli alloggi Erp.

“Si tratta di un’operazione ambiziosa – dichiara Luca Talluri – che mira ad individuare e far fronte alle esigenze e alle difficoltà poste dai singoli condomini degli appartamenti, un tema di grande attualità che non può essere delegato esclusivamente alla parte politica e alle amministrazioni comunali ma deve essere gestito in maniera sistemica e organica con un servizio che lavora permanentemente e favorisce la creazione di una rete territoriale, tesa al coinvolgimento delle assistenti sociali, della macchina socio-sanitaria, delle associazioni locali, della Polizia Locale e delle forze dell’ordine”.

Il primo a partire, dopodomani insieme a Bagno a Ripoli, con la realizzazione del progetto è il territorio del Chianti, costituito dai Comuni di Barberino Val d’Elsa, Greve in Chianti, San Casciano e Tavarnelle Val di Pesa. Le attività dell’Ufficio inizieranno da una sorta di mappatura delle esigenze e delle caratteristiche sociali dei nuclei e dei fabbricati per poi intervenire direttamente attraverso colloqui, incontri e contatti specifici con le famiglie che presentano istanze di aiuto e si trovano in situazioni di disagio e scontro con i vicini di casa. “E’ un servizio necessario che risponde ad un’esigenza concreta e reale – dichiarano i sindaci David Baroncelli, Paolo Sottani, Giacomo Trentanovi e Massimiliano Pescini – con la realizzazione del progetto l’approccio infrastrutturale si converte in un approccio sociale, avremo a disposizione senza alcun costo ulteriore per gli enti pubblici di un servizio che gestisce un’attività non sporadica o affidata al trasferimento casuale di informazioni ma metodica e regolare che permetterà un maggiore controllo, contrasterà le marginalità, aiuterà i nostri cittadini a dirimere problematiche di varia entità, da quelle più semplici a quelle più complesse, un front office a supporto dell’inquilino che articolerà l’attività in procedura, istruzione e prassi”.

L'articolo Chianti: nasce l’ufficio che gestisce i conflitti tra gli inquilini proviene da www.controradio.it.

Atti vandalici a Tavarnelle, imbrattati spazi pubblici, strade e abitazioni private

Atti vandalici a Tavarnelle, imbrattati spazi pubblici, strade e abitazioni private

Il sindaco David Baroncelli sporge querela contro ignoti e apostrofa l’episodio “inaccettabile e incivile, metteremo in atto tutte le misure necessarie contro i responsabili“I danni, ingenti, che abbiamo subito, non possono essere liquidati come una semplice bravata”

Atti di vandalismo negli spazi pubblici di Tavarnelle. Muri, strade, cartelli, cassonetti e spazi pubblici sono stati imbrattati con  svastiche, richiami anarchici e acronimi offensivi nei confronti delle forze dell’ordine, ed altre scritte. In una notte, quella a cavallo tra sabato e domenica scorsi, un’azione incivile ed estesa ha sporcato un intero paese, deturpando nel corso dello stesso episodio vie e spazi pubblici, come il Centro Giovani ed edifici privati del capoluogo.

“E’ un fatto grave, per chi lo ha commesso e chi lo subisce, che non possiamo accettare e condanniamo fermamente – dichiara indignato il sindaco David Baroncelli – che testimonia quanto il livello di maleducazione e di indifferenza verso il patrimonio pubblico sia cresciuto e si sia manifestato con questo atto nel nostro territorio, lo stesso luogo in cui i responsabili presumibilmente risiedono; non ci limitiamo a prenderne atto, ci attiviamo con tutti gli strumenti a nostra disposizione per identificare i responsabili e adottare le opportune misure perché atti del genere non si ripetano più e i soggetti coinvolti e l’intera comunità prendano coscienza dei gesti compiuti”. Ma il sindaco Baroncelli non si limita alle parole. La denuncia morale, rivolta agli esecutori degli atti, che hanno costretto Tavarnelle a svegliarsi domenica mattina deturpata in varie aree del capoluogo, è stata immediatamente seguita da una querela contro ignoti sporta dal primo cittadino al Comando dei Carabinieri di Tavarnelle.

“I danni, ingenti, che abbiamo subito, non possono essere liquidati come una semplice bravata – prosegue il sindaco – è un messaggio deleterio che rischia di essere esempio e cattiva lezione se non rispondiamo fermamente a quanto accaduto. E’ un fatto di educazione che non c’è, di rispetto che manca, e mi domando quanto possa essere legato all’impronta educativa, un’opera di denigrazione, depotenziamento e svuotamento di significati come quella che si è verificata a Tavarnelle non può essere ignorata o risolta superficialmente con un mero rammarico del degrado del nostro tempo; è un problema culturale, di giustizia, di etica e di rispetto per il quale adotteremo le misure necessarie fino a sanzionare adeguatamente i comportamenti scorretti”.
Le indagini, finalizzate all’identificazione degli autori del gesto, sono al momento in corso.

L'articolo Atti vandalici a Tavarnelle, imbrattati spazi pubblici, strade e abitazioni private proviene da www.controradio.it.

Sambuca, Giardino “Mastodontico”: inaugurazione del nuovo spazio “incantato”

Sambuca, Giardino “Mastodontico”: inaugurazione del nuovo spazio “incantato”

Apre domenica 22 aprile alle ore 16.30 il giardino “Mastodontico” di Sambuca: dalla preistoria ai frutti della tradizione, un nuovo stile outdoor invita ad esplorare il lungo Pesa; una festa musicale con la partecipazione della Bandaccia di Marcialla per l’inaugurazione.

Un giardino incantato lungo il fiume dalle origini preistoriche: è il nuovo spazio all’aperto che il Comune mette a disposizione delle famiglie per ritrovarsi, socializzare e condividere il tempo libero in un’area arcaica del territorio.

Tradizioni e frutti antichi si concentrano nel Parco dell’Abate, un’ampia zona a verde, estesa su 3mila metri quadrati dove la preistoria e la vita animale che abitava la Valdipesa milioni di anni fa, come il celebre Mastodonte, antenato dell’elefante, incontrano la natura contemporanea, tra i nuovi percorsi sensoriali aperti e accoglienti di Sambuca.

Le piante parlano di identità locale e narrano le origini e i frutti della terra, che connotano con i loro profumi e i loro sapori, le diverse stagioni dell’anno e scelgono una delle zone di maggior pregio del Chianti per entrare in contatto con lo stile outdoor della frazione tavarnellina.

Dall’utilizzo della cassa di espansione alla realizzazione di un parco urbano e di un’area naturalistica che risponde alla necessità di ampliare le opportunità del territorio invitando famiglie e visitatori a riscoprire e vivere il lungo Pesa, esplorare boschi e ambienti tipici del paesaggio fluviale del Chianti. Si è conclusa l’opera che ha mirato alla realizzazione di un ampio parco in via San Giovanni Gualberto, antistante il complesso residenziale dell’Abate, che recupera la tradizione florovivaistica della terra toscana con la piantumazione di varie specie vegetali.

Si tratta di una grande festa di comunità, arricchita dagli interventi musicali della Bandaccia di Marcialla, che inaugurerà il parco proponendo un’originale contaminazione ambientale in cui il giardino all’italiana si combina con il landscape di origine britannica. Un contesto di qualità che invita ad allungare lo sguardo verso il paesaggio fluviale della Pesa.

“Il giardino all’europea, nato da un’opera di recupero di una zona degradata, che mescola e fonde stili diversi, da quello geometrico all’impostazione inglese affidata all’accostamento degli elementi naturalil, è un parco che accoglie le coltivazioni originarie della macchia chiantigiana, quali corbezzolo, corniolo, gelso, melograno, lazzeruolo, sorbo, vite da uva, oltre ai classici nocciolo, peri selvatici, meli, nespolo. Un ambiente è riservato poi alle essenze inebrianti di varie specie di fiori, tra cui il gelsomino”.

Al taglio del nastro, oltre al sindaco Baroncelli, saranno presenti l’architetto Marco Parrini, autore del progetto, e il presidente del Consorzio Marco Bottino. La Pro Loco offrirà ai partecipanti una ricca merenda.

Il parco dell’Abate nasce in una terra antichissima: tra le foreste di Sambuca 2,5milioni di anni fa vivevano infatti i mastodonti di Sambuca, pachidermi simili agli elefanti. Il passaggio degli animali preistorici è testimoniato dal rinvenimento, avvenuto proprio in questa zona nel 1967, di un palato con due molari. Si trattava di mammiferi di 6-8 tonnellate e alti alla spalla circa 2.50 metri, con dimensioni vicine agli attuali elefanti africani, e dominarono gli ambienti euroasiatici. Il resto fossile, rinvenuto a Sambuca e appartenuto ad una specie di Mastodonte (Anancus arvernensis), è custodito oggi presso il Museo di Geologia e Paleontologia .

Un investimento, pari a 150mila euro, reso possibile dalla collaborazione tra il Comune di Tavarnelle e il Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno. Ad aver permesso il finanziamento il contributo del Consorzio e gli oneri comunali di urbanizzazione.

L'articolo Sambuca, Giardino “Mastodontico”: inaugurazione del nuovo spazio “incantato” proviene da www.controradio.it.