‘SINO ITALIAN DESIGN’: FIRMATO ACCORDO FIRENZE-SHANGAI PER AMPLIAMENTO

Sino Italian Design
foto presa da Facebook

Il centro si occuperà non solo di design ma anche di artigianato. Nardella: “Firenze è ponte tra Italia e Cina.” Vicesindaco Shangai:  “c’è cooperazione solida in scambi culturali e creativi.” Tra i partecipanti alla cerimonia dirigente cinese Bo e stilista Stefano Ricci.

E’ stato siglato oggi a Firenze un accordo per ampliare le attività del Sino Italian Design center nato cinque anni fa da un patto tra il capoluogo toscano e la municipalità di Shangai. Il centro, da ora in poi, si occuperà non solo di design, ma anche di artigianato. Lo ha spiegato, a margine della firma, il sindaco Dario Nardella. “Ora questa struttura sarà dedicata anche a questo settore, in cui Firenze è eccellenza mondiale”, ha detto.

“E abbiamo chiesto – ha  poi spiegato il sindaco – alla delegazione cinese di credere che Firenze sia un vero e proprio ponte dell’Italia verso la Cina investendo in settori come il biomedicale, il manifatturiero avanzato, l’hitech, settori dove noi possiamo, grazie a questa collaborazione con i cinesi, nell’area metropolitana, portare imprese e produrre nuovi posti di lavoro. Questo rapporto speciale che Firenze ha costruito negli anni con Shangai, che è oggi tra le primissime grandi capitali industriali, economiche e finanziarie del mondo, per noi è una straordinaria opportunità di crescita, di occupazione e di sviluppo.

Infine ci siamo dati l’obiettivo di creare, da subito, un gruppo operativo paritetico, quindi con i tecnici della delegazione di Shangai e quelli di Firenze – ha conclusi il sindaco di Firenze – che su scala metropolitana e regionale ovviamente lavoreranno perché si possano concretamente attuare questi indirizzi di collaborazione che ci siamo dati”. Alla cerimonia, oltre alla delegazione cinese della quale fa parte il vicesindaco di Shangai e dirigente del Partito comunista cinese Zhou Bo, hanno partecipato il presidente della Camera di commercio Leonardo Bassilichi e lo stilista Stefano Ricci.

“Negli scambi culturali e creativi tra Cina e Italia, la cooperazione è solida e le prospettive sono grandi; negli ultimi mesi si è aperto un nuovo capitolo della cooperazione tra Cina e Italia” ha commentato Zhou Bo, membro del comitato permanente di Shanghai del partito comunista cinese e vicesindaco della Municipalità di Shanghai. “Nel mese di febbraio di quest’anno, si è tenuta a Pechino la prima riunione del meccanismo di cooperazione culturale sino-italiana – ha ricordato -. I rappresentanti dei due paesi hanno trovato un comune accordo sulla cooperazione culturale e comunicativa.

Il mese scorso, il primo ministro Paolo Gentiloni ha partecipato al forum della cooperazione internazionale “Una cintura e una via” a Pechino e parlato con il presidente Xi Jinping e il primo ministro Li Keqiang. Hanno raggiunto un accordo generale per rafforzare ulteriormente la cooperazione tra i due paesi. Ed ora si è aperto un nuovo capitolo della cooperazione tra Cina e Italia”. La lunga storia, ha poi aggiunto, “la splendida cultura, la moda, e design italiano sono unico in tutto il mondo. Con il supporto dei professionisti di diversi ambiti lavorativi di Firenze, negli ultimi 5 anni la cooperazione bilaterale  ha continuato a promuovere diversi punti cardine tra le nostre culture. Questo nostro centro a Firenze diventa quindi il luogo privilegiato per il design, la cultura e il commercio tra Cina e Italia”.

The post ‘SINO ITALIAN DESIGN': FIRMATO ACCORDO FIRENZE-SHANGAI PER AMPLIAMENTO appeared first on Controradio.

‘SINO ITALIAN DESIGN’: FIRMATO ACCORDO FIRENZE-SHANGAI PER AMPLIAMENTO

Sino Italian Design
foto presa da Facebook

Il centro si occuperà non solo di design ma anche di artigianato. Nardella: “Firenze è ponte tra Italia e Cina.” Vicesindaco Shangai:  “c’è cooperazione solida in scambi culturali e creativi.” Tra i partecipanti alla cerimonia dirigente cinese Bo e stilista Stefano Ricci.

E’ stato siglato oggi a Firenze un accordo per ampliare le attività del Sino Italian Design center nato cinque anni fa da un patto tra il capoluogo toscano e la municipalità di Shangai. Il centro, da ora in poi, si occuperà non solo di design, ma anche di artigianato. Lo ha spiegato, a margine della firma, il sindaco Dario Nardella. “Ora questa struttura sarà dedicata anche a questo settore, in cui Firenze è eccellenza mondiale”, ha detto.

“E abbiamo chiesto – ha  poi spiegato il sindaco – alla delegazione cinese di credere che Firenze sia un vero e proprio ponte dell’Italia verso la Cina investendo in settori come il biomedicale, il manifatturiero avanzato, l’hitech, settori dove noi possiamo, grazie a questa collaborazione con i cinesi, nell’area metropolitana, portare imprese e produrre nuovi posti di lavoro. Questo rapporto speciale che Firenze ha costruito negli anni con Shangai, che è oggi tra le primissime grandi capitali industriali, economiche e finanziarie del mondo, per noi è una straordinaria opportunità di crescita, di occupazione e di sviluppo.

Infine ci siamo dati l’obiettivo di creare, da subito, un gruppo operativo paritetico, quindi con i tecnici della delegazione di Shangai e quelli di Firenze – ha conclusi il sindaco di Firenze – che su scala metropolitana e regionale ovviamente lavoreranno perché si possano concretamente attuare questi indirizzi di collaborazione che ci siamo dati”. Alla cerimonia, oltre alla delegazione cinese della quale fa parte il vicesindaco di Shangai e dirigente del Partito comunista cinese Zhou Bo, hanno partecipato il presidente della Camera di commercio Leonardo Bassilichi e lo stilista Stefano Ricci.

“Negli scambi culturali e creativi tra Cina e Italia, la cooperazione è solida e le prospettive sono grandi; negli ultimi mesi si è aperto un nuovo capitolo della cooperazione tra Cina e Italia” ha commentato Zhou Bo, membro del comitato permanente di Shanghai del partito comunista cinese e vicesindaco della Municipalità di Shanghai. “Nel mese di febbraio di quest’anno, si è tenuta a Pechino la prima riunione del meccanismo di cooperazione culturale sino-italiana – ha ricordato -. I rappresentanti dei due paesi hanno trovato un comune accordo sulla cooperazione culturale e comunicativa.

Il mese scorso, il primo ministro Paolo Gentiloni ha partecipato al forum della cooperazione internazionale “Una cintura e una via” a Pechino e parlato con il presidente Xi Jinping e il primo ministro Li Keqiang. Hanno raggiunto un accordo generale per rafforzare ulteriormente la cooperazione tra i due paesi. Ed ora si è aperto un nuovo capitolo della cooperazione tra Cina e Italia”. La lunga storia, ha poi aggiunto, “la splendida cultura, la moda, e design italiano sono unico in tutto il mondo. Con il supporto dei professionisti di diversi ambiti lavorativi di Firenze, negli ultimi 5 anni la cooperazione bilaterale  ha continuato a promuovere diversi punti cardine tra le nostre culture. Questo nostro centro a Firenze diventa quindi il luogo privilegiato per il design, la cultura e il commercio tra Cina e Italia”.

The post ‘SINO ITALIAN DESIGN': FIRMATO ACCORDO FIRENZE-SHANGAI PER AMPLIAMENTO appeared first on Controradio.

Florence Design Week

Da mercoledì 27 a domenica 31 maggio tornerà Florence Design Week, il festival internazionale dedicato al design, alla creatività e alle arti visive giunto quest’anno alla sua VI edizione.

Il tema di quest’anno sarà “Creative Cities” e vedrà Firenze al centro di un grande viaggio, uno scambio culturale tra le maggiori città design-oriented del mondo: sarà infatti un’edizione dedicata alla cultura delle città a misura d’uomo, alle smart cities, alla sostenibilità, all’eco-lusso e al tourism design (in concomitanza con Expo Tuscany – La Toscana ad Expo) e proporrà un city-break internazionale alla scoperta delle più creative destinazioni turistiche.
L’obiettivo sarà pensare alla città come cultura, architettura, paesaggi e infrastrutture, ma anche come luogo di servizi, produzioni locali, comunità, luoghi dell’immaginazione, culla di talenti, rituali e tradizioni e valori umani: laddove la creatività trae ispirazione, il design la trasforma in realtà al servizio di residenti, turisti e professionisti.

Il Festival si aprirà con la proclamazione del vincitore del Design Contest Award per poi proseguire con attività internazionali per unire networking e creatività.
Giovedì 28 maggio alle ore 19.00 presso la Sala Ottagonale del Complesso delle Murate l’Associazione Culturale Italo-Ungherese della Toscana (con il Consolato Onorario della Repubblica Ceca per la Toscana e il supporto di Visegrad Fund) ci accompagnerà alla mostra “V4 Young Design & Spring Emotions” con un evento speciale per promuovere la cultura dell’Europa Centrale e favorire così il dialogo interculturale, nello spirito “Life Beyond Tourism”. L’allestimento è stato ideato e progettato da 8 giovani designer, di età inferiore ai 35 anni, che si raccontano tramite le loro opere di gioielleria, ceramica e vetro: OndřejBatoušek (Repubblica Ceca), Andrea Ďurianová (Slovacchia), Simona Janišová (Slovacchia), Janka Juhos (Ungheria), Zoltan Lubloy (Ungheria), Agata& Jan Lutyk (Polonia), JanjaProkić (Repubblica Ceca) i più talentuosi designers juniores selezionati tra quattro dei paesi del Patto di Varsavia.
Sempre alle Murate la città di Innsbruck presenta l’esposizione “Design your Innsbruck!”, un viaggio attraverso l’architettura, il design e le strade della città di Innsbruck: evento speciale la soundperformance di Lissie Rettenwander prevista per venerdì 29 Maggio dalle ore 19.00. Per i visitatori della mostra in palio un week-end presso l’Adler Design Hotel di Innsbruck!
Ad inebriare l’atmosfera delle due mostre ci penserà “Caffè dal Mondo” project by FraMa Soc. Coop. ONLUS – Firenze, che accompagnerà anche le visite e gli appuntamneti di business networking di IDES.
Ricoridamo che ogni giorno al Caffè Letteraio delle Murate ci saranno appuntamenti e soste culinarie, tra le installazioni del progetto AltreMani, “Punti di vista”.

Proseguendo l’itinerario in città, presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze incontreremo il progetto di Art Tour International Magazine “From sea to shining sea”, mostra dedicata alla Campagna Save the Arctict curata e ideata da Viviana Puello (Art Direction). Partecipano Viviana Puella (Art Director), Alan Grimandi (VideoProduction), Marie Copps (fotografia), Sharon Ross (pittura) Suzanne Duncan (Fotografia).
Dall’Artico ai vicoli di Firenze, con la mostra Piccoli Spazi Urbani In-Visibili, di Corso Specialistica Design 1° e 2° anno di LABA Libera Accademia di Belle Arti – Coordinamento prof. Francesco Armato e prof. Angelo Minisci.

Art Expertise Firenze ci svelerà il tema “Creative Cities” visto dagli occhi di un gruppo di artisti internazionali presso l’elegante Palazzo Borghese; imperdibile l’elegante finissage previsto per domenica 31 Maggio alle ore 17.00. Tra gli artisti: Mareen Haschke, Hanna Saarikoski, Stefano Cianti, Nokat, Giovanna Coppola, Stefano Durante, Helene Mukhtar, Marco Barnabino, Vanessa Modafferi, Chiara Guidotto, Patrizia Milione, Christos Ex Agrafon, Domenico Montesano.

Presso il Grand Hotel Minerva vi lascerete incantare dalle note e dai materiali di “Creative Cities International Design Projects” a cura di De.Sign e Laboratorio AltreMani e Jenia Design (Italia), Rogier Ruys – Art Into Music (Olanda), Shanko Rugs (Islanda), ospite speciale l’Architetto Oreste Ruggiero.

Tra le locations che ospiteranno i designers e gli artisti di Florence Design Week, un ricco circuito OFF si snoderà tra il Museo Gucci e il Museo Ferragamo, in un itinerario insolito di studi aperti, shops e gallerie che vi farà strada in questo giro del mondo a Firenze: Sara Amrhein, La Corte Arte Contemporanea, Officine Nora, Spazio Glicine, Anna Rose, Ottod’ame, The White Garage, la Sera MK Textile Atelier ed altri vi aspettano per una settimana all’insegna della creatività, nell’atmosfera elegante che Firenze ancora oggi ci regala nei giorni più belli dell’anno.

Da quest’anno per tutti gli amici del Festival dal 25 Maggio al 1 Giugno, sarà possibile iscriversi ad un futuro incontro o al video corso “Psicologia del Design e dell’Abitare” in partenza da fine agosto 2015 in Italia o al corso di “Events Design & Communication” da fine Giugno a Barcellona e ricevere uno sconto del 10 % sulla quota di iscrizione. Per informazioni e iscrizioni scrivere a psicologiaartedesign@gmail.com.
Il festival vede il patrocinio e la co-promozione con il Comune di Firenze, il patrocinio di Regione Toscana e Provincia di Firenze; tra i partners dell’iniziativa l’Associazione Culturale Italo-Ungherese della Toscana con il Consolato Onorario della Repubblica Ceca per la Toscana, la Città di Innsbruck, l’ambasciata del Brasile, e SIDA Shenzhen Industrial Design Profession Association.

Per maggiori informazioni: www.florencedesignweek.com

Avanguardia al Museo Novecento

Avanguardia al Museo Novecento

MUSEO NOVECENTO AVANGUARDIA, SPERIMENTAZIONE E RINNOVAMENTO: DAL TEATRO ALLA DANZA LE PAROLE CHIAVE DEL NOVECENTOL’avanguardia del Novecento raccontata attraverso la musica e il teatro; l’architettura e il design che hanno reso Firenze nota nel mondo; il Maggio Musicale Fiorentino e il rinnovamento che porta la sua continua ricerca nel campo della danza. E’ un Novecento a tutto tondo quello che verrà analizzato negli appuntamenti di aprile al Museo.

Fino al 17 aprile prosegue inoltre il workshop The time design bureau di Albert Mayr cominciato lo scorso 24 marzo: gestire meglio il proprio tempo quotidiano è possibile? Attraverso gli incontri individuali o di gruppo l’artista aiuterà i partecipanti a capirlo.

 

Incontri

Firenze Novecento
Un’indagine interdisciplinare attraverso le arti del XX secolo, condotta dagli esperti che hanno collaborato alle ricerche scientifiche per l’apertura del  Museo Novecento.

Mercoledì 1 aprile ore 17.30
Giovanna Uzzani
I luoghi dell’arte: cenacoli, gallerie e istituzioni
Viaggio attraverso i decenni: dai cenacoli cosmopoliti degli inizi del secolo all’effervescenza della new wave anni Ottanta.

Mercoledì 8 aprile, ore 17.30
Marinella Guatterini
Adieu et au revoir. La danza a Firenze lungo tutto il secolo
L’incedere armonioso di Isadora Duncan è l’immagine che avvampa all’inizio del secolo breve. A Firenze sfilano le pioniere della danza libera e i campioni di un balletto sulle punte, internazionale e moderno, subito intercettato e poi coltivato dal Maggio Musicale Fiorentino. A fine secolo nuova danza, ricerca e la nascita di festival importanti trasformano la città nella capitale giovanile del rinnovamento.

Mercoledì 15 marzo ore 17.30
Gregorio Moppi
Ridestare la bella addormentata nell’orto: il transito del Novecento musicale a Firenze
Dalla turbolenta première cittadina di Arnold Schönberg nel 1924, alla festosa serata in onore di John Cage nel 1992, una riflessione sui protagonisti e gli eventi che hanno segnato la storia dell’avanguardia musicale a Firenze.
 
Mercoledì 22 aprile ore 17.30
Luca Scarlini
Il teatro: tra intrattenimento popolare e sperimentazioni d’avanguardia
Il teatro,  luogo di indagine estetica e di impegno politico, ma anche di evasione dialoga con la storia della città del Novecento. Un percorso in cui le sperimentazioni delle avanguardie si affiancano all’intrattenimento del vernacolo, e le realtà amatoriali convivono con le ricerche di artisti e scrittori.

Mercoledì 29 aprile ore 17.30
Andrea Branzi con Francesca Balena Arista
Firenze, una capitale mancata. Architettura e design
La storia dell’architettura e del design a Firenze, inquadrata all’interno delle trasformazioni sociali e culturali della città, consente di cogliere le specificità locali del difficile rapporto tra società e modernità, tra tradizione e innovazione.

Novecento presenta

Lunedì 13 aprile, ore 18.00
Paolo Rusconi
Nella bottega di Corrente.
Inquietudini giovanili e produzione artistica alla fine degli anni Trenta
L’irruzione dei giovani artisti della rivista milanese “Corrente di vita giovanile” (1938-1940) condizionò fortemente  il dibattito artistico alla fine del decennio. Il carattere spesso polemico del loro intervento e la messa a punto di nuovi linguaggi aperti ad una dimensione europea stabilirono, non senza contraddizioni, un canone artistico che avrebbe attraversato gli anni della guerra.
Presentazione della mostra Resistere nel tempo. Guttuso, Manzù e le “Memorie di una resistente borghese” alla presenza del Sindaco del Comune di Pelago Renzo Zucchini, del Presidente del Consiglio comunale Giacomo Peroni e del Presidente della Fondazione Corrente di Milano Gianni Cervetti.

 

Workshop The time design bureau di Albert Mayr

Al Time Design Bureau è possibile sperimentare una nuova forma d’arte: un approccio creativo alla gestione del proprio tempo quotidiano. Il nostro tempo è scandito dalle esigenze del lavoro, degli obblighi di famiglia, e da mille altri impegni: che spazio può esserci per un approccio creativo? Il Time Design vuole dimostrare che è possibile coniugare criteri funzionali e formali, che, anzi, per ogni attività una struttura temporale gratificante è anche molto più produttiva di un’altra basata su criteri di sola efficienza (o ritenuti tali). Ad ogni incontro, individuale o di gruppo, si aprirà una riflessione sugli aspetti conflittuali del nostro tempo, individuandone esigenze e preferenze, discutendo dei parametri possibili di negoziazione temporale nel lavoro, in famiglia e con gli amici.

Sarà possibile dialogare con Mayr nei seguenti giorni, dalle ore 16.30 alle 18.

venerdì 3 aprile
martedì 7 aprile
venerdì 10 aprile
martedì 14 aprile
venerdì 17 aprile

Gli incontri sono a cura di Valentina Gensini.
Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Informazioni
Museo Novecento, piazza Santa Maria Novella
Tel. 055-2768224, 055-2768558 (da lunedì a sabato 9.30-13.00 e 14.00 -17.00, domenica e festivi 9.30-12.30),
Mail info@muse.comune.fi.it
Web www.museonovecento.it

 

 

OPEN DAY 2014 Accademia di Belle Arti di Firenze

OPEN DAY 2014 Accademia di Belle Arti di Firenze
Mercoledì 9 aprile – orario 10/16: visite guidate, offerta didattica, sbocchi professionali per l’Open Day 2014 dell’Accademia di Belle arti di Firenze, iniziativa dedicata agli studenti delle scuole medie secondarie interessati a proseguire un percorso artistico.

OPEN DAY 2014 Accademia di Belle Arti di Firenze

Alle ore 10 il Direttore Prof. Giuseppe Andreani saluterà e accoglierà gli studenti nell’aula del Cenacolo.
Dalle 10.30 alle 16 sono in programma visite guidate insieme alle Prof.sse Monica Franchini, Franca Corradini, Serena Conti e Rosa Manigrasso, oltre a momenti di approfondimento di temi quali gli sbocchi professionali, il polo tecnico, la molteplicità dell’offerta didattica. Le scuole di Pittura, Scultura, Decorazione, Grafica e Scenografia si apriranno ai visitatori e le aule saranno allestite con le opere degli studenti. I docenti delle varie scuole saranno a disposizione dei visitatori, per fornire informazioni sulla didattica e sull’organizzazione dei corsi, anche attraverso l’esposizione di progetti, video ed elaborati.
Info tel. 055-215449 – orientamento@accademia.firenze.it