Giovanisì social: dal 15 gennaio presente anche su Facebook Messenger

FIRENZE - Giovanisì sempre più social. Da lunedì 15 gennaio il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani sarà presente anche sulla piattaforma di messaggistica istantanea Facebook Messenger.

Collegandosi alla pagina Facebook di Giovanisì e attraverso l'app Messenger, i giovani toscani potranno entrare in contatto con lo staff di Giovanisì per avere informazioni sulle opportunità, le attività e le iniziative del progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani.

Lo strumento di messaggistica istantanea Facebook Messenger si aggiunge agli altri canali social e a quelli tradizionali di contatto, come il numero verde 800 098 719 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 16) e la mail dedicata info@giovanisi.it.

Approfondisci la notizia su Giovanisì.

Bottiglie incendiarie contro struttura destinata a migranti, Rossi: “Condanna senza ‘ma’ “

FIRENZE - "Vedo che di fronte a episodi come questo c'è chi tira fuori qualche ‘ma'. Non c'è spazio per alcun ‘ma': sono atti violenti, che rendono certi rigurgiti di nuovo fascismo così uguali a quello vecchio. Magistratura e forze dell'ordine faranno il loro lavoro di indagine, ma da istituzioni e società civile non può che arrivare solo una ferma condanna". Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, torna su quanto accaduto a Capriglia, frazione di Pietrasanta, dove ignoti hanno lanciati bottiglie incendiarie contro una struttura destinata ad accogliere migranti.

"La Toscana – prosegue Rossi – è una terra accogliente e anche in questi anni lo ha dimostrato, diventando protagonista di un modello che ha dato ottimi risultati, coinvolgendo cittadini e territori. Per chi tenta di inquinare con la violenza fisica e verbale la vita delle nostre comunità – conclude – non ci sarà alcuno spazio, nessuna tolleranza".

Mille euro per dieci tesi sugli stereotipi di genere

FIRENZE – La Regione premia le tesi e le pubblicazioni degli studenti delle università toscane che hanno scritto e analizzato gli stereotipi di genere.  Lo fa assieme alla Commissione regionale pari opportunità e a tutti e sette gli atenei della regione. Alla prima edizione del concorso si sono presentati in diciotto (ma sei erano di atenei fuori regione) e in dieci sono stati premiati con un assegno da mille euro ciascuno consegnato ieri sera nel corso di una cerimonia all'Università per stranieri di Siena, capofila dell'iniziativa.   

I premiati sono Sara Montis, Valentina Ripassi, Annalisa Pellecchia, Valentina Brocchi, Irene Dati, Benedetto Madonia, Ilenia Parrinello, Giulia Giannoni, Michela De Rosa, Antonia Virone.  Sei hanno studiato all'Università degli studi di Firenze, una a Pisa e tre a a Siena (compresa una studentessa dell'Università per stranieri). Le tesi riguardano discipline diverse. Spaziano dal diritto all'economia, dalla letteratura e sociologia alla pedagogia e relazioni internazionali e saranno depositate presso la biblioteca regionale "Pietro Leopoldo"  di Firenze, all'interno del Fondo della Commissione pari opportunità

Non era molto il tempo previsto dal bando per presentare i lavori ed è stata una piacevole sorpresa scoprire come, nelle università, si stiano rapidamente affermando gli studi sulle implicazioni di genere e sui loro riflessi nella vita di tutti i giorni.

"Sono davvero contenta di questo vivo interesse sul tema del rispetto delle diversità -  commenta la vice presidente ed assessore all'università e alle pari opportunità della Toscana, Monica Barni – La piaga della violenza di genere, che è anzitutto un'offesa alla dignità umana, è una questione anche di atteggiamento culturale. Ci stiamo impegnato nel coordinare e mettere in fila azioni e sinergie di attori diversi e questo progetto, sulle tesi di laurea, è un ulteriore tassello nel mosaico di interventi che stiamo portando avanti su questo tema". 

Lo stereotipo di genere condiziona infatti pesantemente la possibilità per le donne di giungere a livelli apicali nel mondo del lavoro ed in qualche caso limita addirittura la affermazione e la fruizione di diritti. Il superamento degli stereotipi e lo studio di quegli stereotipi è il primo passo verso il raggiungimento di una reale parità tra uomini e donne.

Il concorso sarà ripetuto anche nel 2018 e nel 2019: il progetto è infatti triennale.