Convento S. Marco a Firenze: pochi frati, si avvicina la chiusura

Convento S. Marco a Firenze: pochi frati, si avvicina la chiusura

Il convento domenicano di San Marco, importante realtà religiosa fiorentina attiva dal ‘400, dove hanno vissuto pensatori ed artisti, tra i quali il Beato Angelico , Savonarola, e, nello scorso secolo anche il ‘sindaco santo’ di Firenze, Giorgio La Pira, si avvia verso la chiusura.

Ventilata da tempo per il progressivo assottigliamento della comunità di frati che vi risiedono, attualmente ne sono rimasti sei nella struttura, è ora ufficiale: come racconta oggi la stampa locale, l’ordine dei Domenicani ha firmato il decreto di soppressione del convento, e adesso solo Papa Francesco, al quale alcuni dei frati di San Marco si appellano, potrebbe scongiurare la decisione.

Non è servita una petizione internazionale che ha fatto il giro del mondo, finendo per essere sottoscritta da oltre 18mila firmatari, né il passo indietro ai domenicani chiesto dallo stesso cardinale e arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori. Quando diventerà effettiva la chiusura, i frati verranno trasferiti in altre strutture domenicane, prima tra tutte quella vicina del complesso di Santa Maria Novella.

Non ci saranno effetti per le attività della chiesa, che proseguiranno inalterate, così come per quelle del museo (dove sono custoditi capolavori del Beato Angelico, Frà Bartolomeo, Ghirlandaio). La biblioteca invece perderà la sua autonomia e diventerà un fondo ‘collegato’ a quella di Santa Maria Novella.

L'articolo Convento S. Marco a Firenze: pochi frati, si avvicina la chiusura proviene da www.controradio.it.