Firenze, droga: escort percossa fa arrestare spacciatore

Firenze, droga: escort percossa fa arrestare spacciatore

I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze hanno arrestato un 31enne, pregiudicato, trovato in possesso di hashish, cocaina e materiale per il confezionamento di droga, dopo che al 112 era pervenuta una richiesta d’intervento da parte di una escort.

La donna sosteneva di essere stata lievemente percossa da un cliente, che lei stessa aveva poco prima raggiunto nell’appartamento di Firenze dell’uomo.
Giunti sul posto i militari si sono fatti descrivere dalla donna il suo aggressore, quindi hanno raggiunto l’uomo, di origine marocchina e lo hanno identificato. I militari però hanno notato che era anche agitato e in condizioni psicofisiche alterate. A quel punto è stata perquisita la camera. I sospetti si rivelavano fondati.

In diversi punti erano occultati due involucri con 72 grammi di hashish, una dose di cocaina, una forbice intrisa di sostanza stupefacente, una bilancia di precisione e diverso materiale utile al confezionamento in dosi della sostanza, nonché 730 euro in banconote di vario taglio, ritenuta il provento dello spaccio.
Il 31enne veniva, pertanto, dichiarato in stato di arresto per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti e posto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione.

L'articolo Firenze, droga: escort percossa fa arrestare spacciatore proviene da www.controradio.it.

Sovigliana (Vinci): chiusa discoteca per spaccio

Sovigliana (Vinci): chiusa discoteca per spaccio

Il provvedimento è scattato ai sensi dell’articolo 100 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, in seguito agli accertamenti svolti nel corso della notte tra il 31 ottobre e il primo novembre dai militari della Compagnia di Empoli con l’ausilio del Nucleo cinofili e del personale dell’Ispettorato del lavoro in arrivo da Firenze e degli agenti della polizia municipale dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa.

Venne rinvenuta sostanza stupefacente occultata nei pressi del guardaroba e della hall della discoteca, il ‘Mind Club’, confezionata e pronta per attività di spaccio, e nell’occasione due frequentatori minorenni vennero trovati in possesso di sostanza stupefacente per uso personale. Entrambi furono segnalati.

Sempre nel corso dei controlli, la polizia municipale rilevò una serie di gravi violazioni delle prescrizioni indicate nella licenza comunale e relative alla sicurezza del locale. Si trattava principalmente della violazione dei limiti di capienza e dell’assenza di un sistema di videosorveglianza così come richiesto dal Comune. Ad aggravare il quadro anche gli esiti di ripetuti controlli mirati a contrastare il fenomeno dello spaccio e del consumo di stupefacenti che hanno portato anche all’arresto di un frequentatore del locale per detenzioni di sostanze stupefacenti a fini di spaccio. Era la notte tra il 24 e il 25 febbraio scorso. E nell’occasione tre avventori vennero trovato in possesso di droga per uso personale.

A marzo, tra il 10 e l’11, nel corso di un analogo servizio antidroga i militari trovarono e sequestrato droga già suddivisa in dosi, nascosta nei pressi di un’uscita di sicurezza della discoteca e quattro avventori vennero segnalati come consumatori perché trovati in possesso di droga per uso personale. A questo si aggiungono, tra l’altro, anche frequenti interventi eseguiti dalle forze dell’ordine riguardo ad aggressioni patite da avventori della discoteca, a loro dire, percossi o malmenati dagli addetti alla sicurezza o da altri avventori.

Nella giornata odierna, in esecuzione a quanto disposto dalla Questura di Firenze, i carabinieri della stazione di Vinci hanno notificato ai gestori del Mind Club di Sovigliana di Vinci il decreto di sospensione per la durata di quindici giorni dell’autorizzazione a svolgere attività all’interno della struttura.

Da qui la decisione di applicare la sospensione, alla luce del fatto che “sussistono le condizioni di pericolo per l’odine pubblico e la sicurezza dei cittadini poiché il locale in questione è divenuto luogo di abituale frequentazione di soggetti, anche di minore età, dediti quantomeno al consumo di stupefacenti. Soprattutto il locale viene utilizzato come luogo ove occultare la sostanza stupefacente destinata all’attività di spaccio. Non meno importante è che la medesima attività è stata teatro di frequenti episodi di violenza che in talune occasioni hanno visto il diretto coinvolgimento degli addetti alla sicurezza del locale”.

L'articolo Sovigliana (Vinci): chiusa discoteca per spaccio proviene da www.controradio.it.

Droga: in viaggio con 20kg di “amnesia”, arrestato

Droga: in viaggio con 20kg di “amnesia”, arrestato

Nel portabagagli dell’auto fermata ieri notte dalla pattuglia della Polstrada c’erano 20 involucri, contenenti ciascuno un chilo di amnesia: stupefacente diffuso tra i giovani e composto da marijuana tagliata con metadone ed eroina.

In viaggio col pitbull, messo a guardia dei 20 chili di “amnesia”, è stato arrestato dalla Polstrada di Lucca in autostrada mentre si dirigeva in Liguria. La quantità di droga, micidiale e provoca gravi danni cerebrali a chi la usa, avrebbe fruttato quasi 250.000 euro.

E’ accaduto ieri sera sull’A/12 quando il trafficante, di 23 anni, notando una pattuglia ha cambiato andatura, procedendo a scatti. I poliziotti si sono insospettiti e, insieme a un altro equipaggio, gli hanno intimato l’alt: i sospetti si sono rafforzati intravvedendo nell’abitacolo un pitbull poco rassicurante.

Fermata la vettura dell’uomo originario dell’Albania e residente nel Pisano, un agente si è guadagnato la fiducia del cane, anche offrendogli delle crocchette da mangiare, mentre i colleghi hanno proceduto alla perquisizione.

Nel portabagagli c’erano 20 involucri, contenenti ciascuno un chilo di amnesia, stupefacente diffuso tra i giovani e composto da marijuana tagliata con metadone ed eroina.

L'articolo Droga: in viaggio con 20kg di “amnesia”, arrestato proviene da www.controradio.it.

Droga: in viaggio con 20kg di “amnesia”, arrestato

Droga: in viaggio con 20kg di “amnesia”, arrestato

Nel portabagagli dell’auto fermata ieri notte dalla pattuglia della Polstrada c’erano 20 involucri, contenenti ciascuno un chilo di amnesia: stupefacente diffuso tra i giovani e composto da marijuana tagliata con metadone ed eroina.

In viaggio col pitbull, messo a guardia dei 20 chili di “amnesia”, è stato arrestato dalla Polstrada di Lucca in autostrada mentre si dirigeva in Liguria. La quantità di droga, micidiale e provoca gravi danni cerebrali a chi la usa, avrebbe fruttato quasi 250.000 euro.

E’ accaduto ieri sera sull’A/12 quando il trafficante, di 23 anni, notando una pattuglia ha cambiato andatura, procedendo a scatti. I poliziotti si sono insospettiti e, insieme a un altro equipaggio, gli hanno intimato l’alt: i sospetti si sono rafforzati intravvedendo nell’abitacolo un pitbull poco rassicurante.

Fermata la vettura dell’uomo originario dell’Albania e residente nel Pisano, un agente si è guadagnato la fiducia del cane, anche offrendogli delle crocchette da mangiare, mentre i colleghi hanno proceduto alla perquisizione.

Nel portabagagli c’erano 20 involucri, contenenti ciascuno un chilo di amnesia, stupefacente diffuso tra i giovani e composto da marijuana tagliata con metadone ed eroina.

L'articolo Droga: in viaggio con 20kg di “amnesia”, arrestato proviene da www.controradio.it.

Carrara, droga: arresto per “Il Vecchio del Monte”

Carrara, droga: arresto per “Il Vecchio del Monte”

L’uomo, soprannominato “il vecchio del monte”, nascondeva in una fattoria, sui monti di Carrara, ingenti quantità di hashish, marijuana, cocaina e funghi allucinogeni, che i carabinieri hanno trovato ovunque: sotto il letame nell’aia, tra il mangime degli animali, dentro i tronchi degli alberi.

Spacciatore di droga fin dagli anni ’80, oggi ha 69 anni ed ha una pensione di 550 euro al mese: lo hanno arrestato, per spaccio, dopo aver creato un giro di smercio arrivato fino a Genova. Arrestato anche il figlio, 31 anni. L’operazione è dei carabinieri di Massa Carrara e l’accusa è di detenzione di sostanze stupefacenti.

Le indagini coordinate dalla procura di Massa sono durate quasi un anno per la difficoltà di controllare il via vai di persone in una zona molto impervia. La fattoria era nascosta in un bosco, dove non prendono i cellulari e non arrivano le auto. L’uomo e il figlio si spostavano a cavallo o a piedi. I carabinieri si sono travestiti da cercatori di funghi per effettuare i pedinamenti.

Durante il blitz nella fattoria nello scorso weekend i carabinieri hanno sequestrato 150 panetti di hashish per un totale di 15 chili, sei grammi di funghi allucinogeni, 50 grammi di cocaina, un chilo di marijuana e 12 mila euro in contanti, nascosti sotto i materassi. Lo stupefacente ha valore allo spaccio finale di 100 mila euro.

L'articolo Carrara, droga: arresto per “Il Vecchio del Monte” proviene da www.controradio.it.