‘EATALY’, SI’ TOSCANA A SINISTRA: “FESTA A FIRENZE E’ REGALO A FARINETTI?”

 Eataly

E’ questa la domanda che si pone in una nota il consigliere fiorentino di Sinistra Italiana Grassi: “‘alla ‘festa del cibo di strada’ di Eataly si paga con ‘gettoni’ per eludere norme comunali, e Nardella è d’accordo.”

“Da ieri pomeriggio Via Martelli è stata invasa dai banchini della ‘festa del cibo in strada’ di Eataly. Si dice che non possano aprire nuove attività commerciali nell’area Unesco ed invece qualcuno può permettersi di ampliare la propria superficie di vendita occupando suolo pubblico. Sorprendente poi scoprire che negli stand gastronomici non si paga con soldi, ma con gettoni che i clienti possono acquistare precedentemente all’interno del negozio Eataly. Si tratta dell’ennesimo regalo del Comune a Farinetti o una iniziativa commerciale autorizzata eludendo le norme comunali?” Lo dice, in una nota, il consigliere comunale di Sinistra italiana Tommaso Grassi.

“Difficile capire la architettura e la strategia dei ‘gettoni’ se non con la volontà di eludere le norme sui mercati e sulle fiere e utilizzare procedure semplificate – aggiunge – Una festa in strada lunga quattro giorni da mattina a sera con cibi tutt’altro che economici: solo due piatti toscani su un totale di circa dieci piatti, ben lontano anche dal 70% richiesto per le attività commerciali in centro storico prima dell’ultimo regolamento”.

“Se l’azione del Comune è quella che stiamo vedendo con Eataly quello che poteva sembrare una moratoria e uno stop al cibo in strada diventa un aiuto alla rendita di chi l’attività ce l’ha già aperta e adesso ha ancora meno concorrenza. Almeno se la festa fosse stata organizzata da tutti i negozi di Via Martelli avrebbe sicuramente dato meno nell’occhio e attirato meno la nostra attenzione. Firenze riparte a sinistra presenterà a breve una interrogazione su quanto accaduto e per capire con quali modalità ed eventualmente sfruttando quali norme è stato possibile fare tutto ciò”.

The post ‘EATALY’, SI’ TOSCANA A SINISTRA: “FESTA A FIRENZE E’ REGALO A FARINETTI?” appeared first on Controradio.

Eataly Firenze

E’ stato inaugurato il nuovo negozio Eataly Firenze,in via Martelli ,nel grande locale storicamente occupato dalla libreria Marzocco. Al taglio del nastro erano presenti, tra gli altri, il sindaco Matteo Renzi, il fondatore della catena Oscar Farinetti e Monsignor Angiolo Livi. Il nuovo store fiorentino riprende il tradizionale format basato sul comprare, mangiare e imparare: dedicato al Rinascimento è disposto su tre piani nei quali si uniscono cultura e cibo, dando lavoro a 100 giovani.

“Le ultime inaugurazioni – ha detto il sindaco Renzi – Eataly le ha fatte a Chicago, Instanbul e Dubai negli ultimi venti giorni e ciò dimostra che c’è una fame di bellezza ed una fame di Italia bellissima. Ma aprire in Italia è tecnicamente un gran casino. Ci sono regole burocratiche, procedure che non sono normali – ha aggiunto – Ciò nonostante, il gruppo di Eataly continua ad investire in Italia. Grazie ad Oscar Farinetti e alle persone che lavorano con lui, che sono persone coraggiose. Le persone che lavorano per Farinetti aprono oggi in Italia nonostante che non convenga farlo – ha continuato il sindaco – Prima c’è stato Bari, oggi c’è Firenze, poi ci sarà Milano. La cosa per la quale dobbiamo dire grazie ad Oscar Farinetti – ha concluso Renzi – è il coraggio che mette in questa avventura.
Il piano terra del nuovo punto vendita ospita anche una libreria, una gelateria, un gran bar e una pasticceria, e una serie di ‘ristorantini tematici’, compreso il ristorante del ‘lampredotto’, mentre al primo piano continua l’offerta di libri che condivide gli spazi con l’‘Osteria del Vino Libero’, un’area dedicata all’acquisto di grandi vini e birre, e una prestigiosa terrazza panoramica. Completa il piano il ristorante gourmet ‘DaVinci’, guidato dal giovane chef Enrico Panero. Al secondo ed ultimo piano si trovano tre aule didattiche: ‘Eatinerari’, ‘Rinascimento’ e ‘Del Vino’, dove da febbraio partiranno corsi di educazione alimentare per piccoli e adulti.