Cassa San Miniato: piano 1 mld su territorio

Cassa San Miniato: piano 1 mld su territorio

La Cassa di Risparmio di San Miniato ha rinnovato il cda ed il collegio sindacale. La nuova amministrazione ha annunicato di rendere centrale, nel proprio programma aziendale, gli investimenti sull’economia del territorio.

L’assemblea dei soci di Cassa di Risparmio di San Miniato ha nominato il nuovo cda e il collegio sindacale. Presidente, si legge in una nota, è Divo Gronchi, mentre diventa Vice Presidente Olivier Guilhamon. Entrano in cda Roberto Ghisellini, Vittorio Ratto, Jean-Philippe Laval, Lamberto Frescobaldi e Antonella Cappiello. A sua volta il cda ha nominato il toscano Massimo Cerbai direttore generale prendendo il posto di Alberto Silvano Piacentini che resta all’interno del gruppo.

La banca focalizza il suo piano industriale, sottolinea una nota, su “rilancio e crescita dei segmenti famiglie e imprese sul territorio. Nello specifico, il piano prevede nuovi finanziamenti all’economia pari a circa 1 miliardo di euro nell’arco del triennio 2018-2020, con una crescita media del 10% circa, superiore alle stime di mercato che prevedono un incremento medio degli impieghi nell’intervallo 1-1,5%.

Il Piano Industriale prevede importanti investimenti da parte del gruppo per lo stesso triennio per lo sviluppo di nuovi modelli di filiale, nuovi prodotti e l’adozione dei sistemi informativi del gruppo. Si stima che gli investimenti e i volumi di credito erogati sul territorio si traducano in una crescita dei clienti del 10% nell’arco dei tre anni”.

L’articolo Cassa San Miniato: piano 1 mld su territorio proviene da www.controradio.it.

Toscana: protocollo d’intesa sviluppo settore tessile

Toscana: protocollo d’intesa sviluppo settore tessile

E’ stato firmato questa mattina, a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, il protocollo d’intesa tra Regione, la storica azienda tessile Antica Valserchio, il Comune di Castelnuovo Garfagnana (LU), il Comune di Montale (PT), l’Istituto Superiore di Istruzione Garfagnana e l’Ufficio Territoriale IX di Lucca e Massa Carrara.

Alla firma sono intervenuti l’assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo, i sindaci di Montale, Ferdinando Betti, e di Castelnuovo Garfagnana, Andrea Tagliasacchi, l’amministratore unico di Antica Valserchio, Pierluigi Bertolani, il dirigente scolastico di ISI Garfagnana, Massimo Fontanelli, ed il dirigente dell’Ufficio Territoriale IX di Lucca e Massa Carrara, Donatella Buonriposi.

“Antica Valserchio – ha spiegato l’assessore Ciuoffo – è un’azienda tessile con una grande tradizione che vuole svilupparsi, innovare i processi produttivi e collaborare in modo più stretto con il mondo della ricerca, delle università e della formazione superiore. La Regione, da sempre impegnata a rafforzare la competitività del proprio territorio, a consolidare il sistema produttivo regionale ed ad attrarre e supportare investimenti, si è subito mostrata favorevole a collaborare. Per questo abbiamo raggiunto questo accordo che consentirà, tra l’altro, di mettere a disposizione la struttura regionale Invest in Tuscany per individuare competenze presenti sul territorio ed eventuali incentivi pubblici disponibili e promuovere il riuso o la collocazione sul mercato immobiliare dei capannoni dismessi, fino alla possibilità di un loro riutilizzo a fini formativi da parte degli istituti tecnici presenti nella zona”.

L’azienda Antica Valserchio, da sempre localizzata a Castelnuovo di Garfagnana, si è sviluppata negli anni, è passata nelle mani di più generazioni all’interno della stessa famiglia ed è riuscita ad affiancare alla tessitura manuale quella meccanica-industriale, senza alterare l’altissimo livello qualitativo del prodotto. L’azienda produce tessuti per abbigliamento, arredamento e accessori per importanti griffes del fashion.

Il protocollo d’intesa prevede anzitutto la realizzazione, nella zona industriale di Castelnuovo Garfagnana, di un nuovo sito produttivo di circa 5 mila mq che andrà a sostituire quello attuale, grazie ad un investimento complessivo di 8,5 milioni di euro (4 per la costruzione del sito e 4,5 per impianti e macchinari tecnologicamente evoluti). Inoltre, nel territorio del Comune di Montale, verrà costruito un hub logistico con lo scopo di razionalizzare, velocizzare e rendere più efficiente la catena di approvvigionamento, migliorare la gestione degli scarti di lavorazione e dar vita a una filiera a basso impatto ambientale.

Gli altri punti del protocollo riguardano poi la creazione di una filiera strutturata e specializzata toscana, sotto forma di una rete di imprese, con il coinvolgimento del tessuto produttivo sia del Distretto Tessile pratese che dell’area di Castelnuovo Garfagnana; il potenziamento dell’interscambio col mondo accademico, attraverso lo sviluppo di rapporti di collaborazione con Università ed Enti di ricerca regionali, e la valorizzazione della partecipazione al Distretto tecnologico regionale della Moda; l’accrescimento del livello di formazione delle risorse interne, mediante la riqualificazione in chiave Industria 4.0; la realizzazione di percorsi formativi, avviando forme di collaborazione con gli istituti superiori della zona per reperire manodopera specializzata ed offrire opportunità di stage in azienda.

 

L’articolo Toscana: protocollo d’intesa sviluppo settore tessile proviene da www.controradio.it.

Toscana: protocollo d’intesa sviluppo settore tessile

Toscana: protocollo d’intesa sviluppo settore tessile

E’ stato firmato questa mattina, a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, il protocollo d’intesa tra Regione, la storica azienda tessile Antica Valserchio, il Comune di Castelnuovo Garfagnana (LU), il Comune di Montale (PT), l’Istituto Superiore di Istruzione Garfagnana e l’Ufficio Territoriale IX di Lucca e Massa Carrara.

Alla firma sono intervenuti l’assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo, i sindaci di Montale, Ferdinando Betti, e di Castelnuovo Garfagnana, Andrea Tagliasacchi, l’amministratore unico di Antica Valserchio, Pierluigi Bertolani, il dirigente scolastico di ISI Garfagnana, Massimo Fontanelli, ed il dirigente dell’Ufficio Territoriale IX di Lucca e Massa Carrara, Donatella Buonriposi.

“Antica Valserchio – ha spiegato l’assessore Ciuoffo – è un’azienda tessile con una grande tradizione che vuole svilupparsi, innovare i processi produttivi e collaborare in modo più stretto con il mondo della ricerca, delle università e della formazione superiore. La Regione, da sempre impegnata a rafforzare la competitività del proprio territorio, a consolidare il sistema produttivo regionale ed ad attrarre e supportare investimenti, si è subito mostrata favorevole a collaborare. Per questo abbiamo raggiunto questo accordo che consentirà, tra l’altro, di mettere a disposizione la struttura regionale Invest in Tuscany per individuare competenze presenti sul territorio ed eventuali incentivi pubblici disponibili e promuovere il riuso o la collocazione sul mercato immobiliare dei capannoni dismessi, fino alla possibilità di un loro riutilizzo a fini formativi da parte degli istituti tecnici presenti nella zona”.

L’azienda Antica Valserchio, da sempre localizzata a Castelnuovo di Garfagnana, si è sviluppata negli anni, è passata nelle mani di più generazioni all’interno della stessa famiglia ed è riuscita ad affiancare alla tessitura manuale quella meccanica-industriale, senza alterare l’altissimo livello qualitativo del prodotto. L’azienda produce tessuti per abbigliamento, arredamento e accessori per importanti griffes del fashion.

Il protocollo d’intesa prevede anzitutto la realizzazione, nella zona industriale di Castelnuovo Garfagnana, di un nuovo sito produttivo di circa 5 mila mq che andrà a sostituire quello attuale, grazie ad un investimento complessivo di 8,5 milioni di euro (4 per la costruzione del sito e 4,5 per impianti e macchinari tecnologicamente evoluti). Inoltre, nel territorio del Comune di Montale, verrà costruito un hub logistico con lo scopo di razionalizzare, velocizzare e rendere più efficiente la catena di approvvigionamento, migliorare la gestione degli scarti di lavorazione e dar vita a una filiera a basso impatto ambientale.

Gli altri punti del protocollo riguardano poi la creazione di una filiera strutturata e specializzata toscana, sotto forma di una rete di imprese, con il coinvolgimento del tessuto produttivo sia del Distretto Tessile pratese che dell’area di Castelnuovo Garfagnana; il potenziamento dell’interscambio col mondo accademico, attraverso lo sviluppo di rapporti di collaborazione con Università ed Enti di ricerca regionali, e la valorizzazione della partecipazione al Distretto tecnologico regionale della Moda; l’accrescimento del livello di formazione delle risorse interne, mediante la riqualificazione in chiave Industria 4.0; la realizzazione di percorsi formativi, avviando forme di collaborazione con gli istituti superiori della zona per reperire manodopera specializzata ed offrire opportunità di stage in azienda.

 

L’articolo Toscana: protocollo d’intesa sviluppo settore tessile proviene da www.controradio.it.

Economia, protocollo d’intesa per sviluppo settore tessile nella valle del Serchio

FIRENZE – Ampliamento e sviluppo dell’attività attraverso la costruzione di un nuovo sito produttivo e di un hub logistico, creazione di una filiera specializzata e strutturata, potenziamento della collaborazione con il mondo accademico e della ricerca, riqualificazione delle risorse umane in un’ottica di Industria 4.0, costruzione di percorsi formativi con le scuole del territorio. Questi gli obiettivi del protocollo d’intesa firmato stamattina tra Regione, la storica azienda tessile Antica Valserchio, il Comune di Castelnuovo Garfagnana (LU), il Comune di Montale (PT), l’Istituto Superiore di Istruzione Garfagnana e l’Ufficio Territoriale IX di Lucca e Massa Carrara.

Alla firma, avvenuta stamattina a Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, sono intervenuti l’assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo, i sindaci di Montale, Ferdinando Betti, e di Castelnuovo Garfagnana, Andrea Tagliasacchi, l’amministratore unico di Antica Valserchio, Pierluigi Bertolani, il dirigente scolastico di ISI Garfagnana, Massimo Fontanelli, ed il dirigente dell’Ufficio Territoriale IX di Lucca e Massa Carrara, Donatella Buonriposi.

“Antica Valserchio – ha spiegato l’assessore Ciuoffo – è un’azienda tessile con una grande tradizione che vuole svilupparsi, innovare i processi produttivi e collaborare in modo più stretto con il mondo della ricerca, delle università e della formazione superiore. La Regione, da sempre impegnata a rafforzare la competitività del proprio territorio, a consolidare il sistema produttivo regionale ed ad attrarre e supportare investimenti, si è subito mostrata favorevole a collaborare. Per questo abbiamo raggiunto questo accordo che consentirà, tra l’altro, di mettere a disposizione la struttura regionale Invest in Tuscany per individuare competenze presenti sul territorio ed eventuali incentivi pubblici disponibili e promuovere il riuso o la collocazione sul mercato immobiliare dei capannoni dismessi, fino alla possibilità di un loro riutilizzo a fini formativi da parte degli istituti tecnici presenti nella zona”.

L’azienda Antica Valserchio, da sempre localizzata a Castelnuovo di Garfagnana, si è sviluppata negli anni, è passata nelle mani di più generazioni all’interno della stessa famiglia ed è riuscita ad affiancare alla tessitura manuale quella meccanica-industriale, senza alterare l’altissimo livello qualitativo del prodotto. L’azienda produce tessuti per abbigliamento, arredamento e accessori per importanti griffes del fashion.

Il protocollo d’intesa prevede anzitutto la realizzazione, nella zona industriale di Castelnuovo Garfagnana, di un nuovo sito produttivo di circa 5 mila mq che andrà a sostituire quello attuale, grazie ad un investimento complessivo di 8,5 milioni di euro (4 per la costruzione del sito e 4,5 per impianti e macchinari tecnologicamente evoluti). Inoltre, nel territorio del Comune di Montale, verrà costruito un hub logistico con lo scopo di razionalizzare, velocizzare e rendere più efficiente la catena di approvvigionamento, migliorare la gestione degli scarti di lavorazione e dar vita a una filiera a basso impatto ambientale.

Gli altri punti del protocollo riguardano poi la creazione di una filiera strutturata e specializzata toscana, sotto forma di una rete di imprese, con il coinvolgimento del tessuto produttivo sia del Distretto Tessile pratese che dell’area di Castelnuovo Garfagnana; il potenziamento dell’interscambio col mondo accademico, attraverso lo sviluppo di rapporti di collaborazione con Università ed Enti di ricerca regionali, e la valorizzazione della partecipazione al Distretto tecnologico regionale della Moda; l’accrescimento del livello di formazione delle risorse interne, mediante la riqualificazione in chiave Industria 4.0; la realizzazione di percorsi formativi, avviando forme di collaborazione con gli istituti superiori della zona per reperire manodopera specializzata ed offrire opportunità di stage in azienda.