Protocollo Siena, Rossi: “La Regione vicina alla città e al suo territorio”

SIENA - "Grazie a tutti quelli che sono qui, alla vicepresidente Barni, all'assessore Saccardi, ai consiglieri presenti. Attribuisco un ruolo molto importante a questo Protocollo. La Regione è vicina a Siena dal 2010, quando c'è stata la crisi dell'Università, poi quella del Monte dei Paschi. Per l'Università c'è stata la ripresa, la crisi del Monte dei Paschi pesa ancora. Ma c'è una strategia per ricostruire un progetto di città. Per il Monte dei Paschi sono favorevole a una commissione d'inchiesta che faccia chiarezza ma bisogna avere la forza di guardare avanti.

E' quanto ha detto oggi pomeriggio Enrico Rossi, dopo aver firmato il Protocollo per interventi a favore della città di Siena e del suo territorio. Con il presidente della Regione, hanno siglato il protocollo il sindaco di Siena Bruno Valentini, il presidente della Provincia di Siena Fabrizio Nepi e il direttore generale dell'Azienda ospedaliero universitaria senese Pierluigi Tosi. Alla firma erano presenti anche la vice presidente Monica Barni e l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi.

"Come Regione vogliamo essere vicini alla città", ha continuato il presidente Rossi. "Staremo accanto al sindaco e alla città perché tutto vada al meglio possibile. Con questo protocollo parliamo di cose che già sono in essere. Per il turismo abbiamo allargato la possibilità di accesso ai Fondi europei da parte delle imprese. Importante il ruolo dell'agricoltura. Poi c'è la partita delle infrastrutture. Non era in carico a noi, ma nel passaggio delle competenze ci siamo presi in carico la Cassia e il completamento della variante che ancora manca. Dateci il tempo che serve e arriveremo a fare fino in fondo il nostro dovere. Anche stamani a Roma abbiamo ribadito davanti al ministro Del Rio la chiusura dei lavori della Siena-Grosseto. Ancora, le linee ferroviarie: nessuna chiusura di nessuna tratta. E poi la sanità, la cultura, la ricerca, l'edilizia residenziale. La Regione è vicina alla città di Siena e al suo territorio".

Il sindaco di Siena Bruno Valentini ha sottolineato come "Con questo accordo ci prendiamo degli impegni precisi. Due giorni fa abbiamo avuto qui Obama, che è venuto a omaggiare la nostra cultura e la nostra bellezza artistica. Una conferma del ruolo di Siena nel mondo. Se vogliamo che questa Regione abbia una prospettiva di governo unitaria, non può permettersi di non avere con se' mezza Toscana. Dopo lo choc del Monte dei Paschi e con una prospettiva di rilancio, entro un anno saremo in grado di mettere autonomamente in campo investimenti in tutti i settori. Siena non è ai margini dello sviluppo della Toscana. La Regione ha più bisogno di Siena che il contrario. Oggi è un giorno importante. Insieme al l'accelerazione degli investimenti che abbiamo messo in campo autonomamente, registro di avere la nostro fianco la Regione".
 
"Quando le istituzioni riescono a lavorare insieme - ha commentato il presidente della Provincia di Siena Fabrizio Nepi - si riesce a fare una programmazione migliore. Da oggi vogliamo ripartire per costruire un nuovo modello di città e di territorio. Le Province italiane hanno enormi difficoltà nel programmare e trovare le risorse nei settori della viabilità. Dobbiamo partire dalle infrastrutture per rendere accessibili i nostri territori".  
 
Soddisfatto anche il direttore generale dell'Azienda ospedaliero universitaria senese Pierluigi Tosi: "Sono quasi alla fine del mio mandato - ha detto - I nostri professionisti hanno alzato la testa e hanno cominciato a produrre e a mostrare le nostre eccellenze. Grazie a tutti, un ringraziamento anche al Rettore".
 
   

Siena, firmato da Enrico Rossi il protocollo per interventi a favore della città e del territorio

SIENA - Firmato oggi pomeriggio a Siena, nel Palazzo Pubblico, sede del Comune, il Protocollo per interventi a favore della città di Siena e del suo territorio. A siglare il protocollo sono stati il presidente della Regione Enrico Rossi, il sindaco di Siena Bruno Valentini, il presidente della Provincia di Siena Fabrizio Nepi e il direttore generale dell'Azienda ospedaliero universitaria senese Pierluigi Tosi. Alla firma erano presenti anche la vicepresidente della Regione Monica Barni e l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi.

Il protocollo individua priorità che perseguono l'obiettivo di sviluppo e continuità delle azioni progettuali intraprese per Siena, funzionali allo sviluppo della città, della sua sanità e del suo territorio. E prevede una serie di interventi in vari settori, in particolare: strade, ferrovie, aeroporto di Ampugnano; sanità; cultura; Università e ricerca; edilizia residenziale pubblica.

La città di Siena - si dice nel protocollo - costituisce uno dei più importanti centri storici e artistici d'Italia, patrimonio Unesco dal 1995, rappresenta un esempio straordinario di città medievale esercitando un richiamo turistico a livello mondiale per la presenza di notevolissimi monumenti in un insieme urbanistico di grande suggestione; è sede universitaria ricca di storia e di una grande tradizione del sapere; oltre al turismo, ha attività economiche di rilievo, sia nel settore industriale (alimentari, farmaceutica, elettrotecnica), sia in quello terziario (credito, commercio agro-alimentare). Anche secondo Irpet - sottolinea sempre il protocollo - al potenziamento come luoghi dell'innovazione delle città universitarie è legato lo sviluppo economico futuro, e di conseguenza il benessere, dell'intera regione.

Queste le priorità individuate dal protocollo:

1. Infrastrutture

1.1 Strade
Viabilità regionale: SR 2 Cassia

  • variante Monteroni-Monsindoli (tronco da Isola d'Arbia a Monteroni d'Arbia), di competenza della Provincia e per il quale è stato nominato un Commissario regionale: completamento della progettazione, procedure di gara, esecuzione dei lavori;
  • variante Monteroni-Monsindoli (tronco da Isola d'Arbia a Monsindoli): garantire la copertura finanziaria dell'intervento.

Strada di Grande Comunicazione E78 Due Mari

  • completamento della tratta Siena-Grosseto, portando a termine i lavori dei lotti 5, 6, 7 e 8; avviare i lavori dei lotti 4 e 9 finanziati dal Contratto di Programma ANAS 2015 per euro 237 milioni; concludere la progettazione da parte di ANAS del lotto 0 che deve trovare copertura finanziaria nella prossima programmazione ANAS

Raccordo autostradale Siena-Firenze e Tangenziale ovest di Siena

  • completare la manutenzione straordinaria in corso da parte di ANAS;
  • trovare copertura finanziaria (da parte di ANAS) per gli interventi di manutenzione straordinaria previsti per il 2016-2019  (per un importo complessivo di euro 28 milioni)

1.2 Ferrovie
Azioni per potenziare e ammodernare la rete ferroviaria della provincia, per agganciarla all'Alta Velocità e per ridurre i tempi di percorrenza, migliorando la puntualità, la regolarità e la frequenza del servizio.

Linea Empoli-Siena-Chiusi

  • monitorare la progettazione del potenziamento della Linea Empoli – Siena, raddoppio fra Empoli e Granaiolo , coperto con risorse statali;
  • avviare, da parte di RFI, approfondimenti e progettazioni per il potenziamento della linea lenta Chiusi-Roma-Firenze e raddoppio con rettifica del tracciato della tratta Poggibonsi - Siena;
  • studiare un nuovo modello di servizio per la linea Siena-Chiusi più adeguato alle esigenze di mobilità del territorio, con eventuale adeguamento tecnologico e/o potenziamento infrastrutturale da parte di RFI

1.3 Aeroporto di Ampugnano
L'aeroporto di Ampugnano può rappresentare un'opportunità per accrescere la competitività del territorio e per lo svolgimento di alcuni servizi di utilità pubblica. In questo senso occorre monitorare la gestione operativa del servizio affidata nel 2016 da ENAC al nuovo gestore nell'ambito della concessione ventennale, quale aeroporto aperto a traffico di aviazione generale.

2. Sanità

  • Acquisto, da parte dell'AOU, di alcuni degli immobili dell'attuale polo didattico dell'Università, così che quest'ultima possa disporre di risorse per realizzare il nuovo polo didattico.
  • Rinnovo, adeguamento e riqualificazione di numerose attrezzature sanitarie e tecnologiche aziendali dell'AOU; adeguamento di alcune sale operatorie e successiva realizzazionedel nuovo blocco operatorio; ristrutturazione/rinnovo di alcuni reparti di degenza; realizzazione dell'officina trasfusionale.
  • Verifica tra Comune, Regione, e Università sul futuro del plesso ospedaliero: disponibilità allo svolgimento di un'analisi in merito alla eventuale realizzazione di un nuovo plesso.
  • Garantire un adeguato turnover dei docenti universitari, anche a sostegno delle scuole di specializzazione.
  • Realizzazione del nuovo Hospice (già finanziato) e realizzazione della Casa della salute.
  • Istituire a Siena la centrale del 118 per la USL Toscana sud est.
  • "Implementazione Distretto Scienze della Vita": favorire l'integrazione e la valorizzazione delle politiche territoriali del Polo senese all'interno del Distretto Regionale Scienze della Vita, il cui soggetto gestore è Toscana Life Sciences (TLS), per promuovere progetti e azioni integrate tra i diversi attori pubblici e privati (Regione, Comune, Provincia, Università, Azienda Ospedaliero Universitaria, Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Fondazione Toscana Life Sciences, GlaxoSmithKline -GSK- ed altre aziende del settore) al fine di promuovere lo sviluppo delle attività di ricerca, il supporto alla brevettazione e al trasferimento tecnologico, l'incubazione e l'attrazione di progetti innovativi.
  • "Conferenza scienze della vita": organizzare a Siena gli Stati Generali delle Scienze della Vita per fare il punto sullo stato di ricerca e sviluppo del settore.
  • "Precision medicine": creare una piattaforma pubblico-privata ad accesso aperto di Precision Medicine, che abbia nel Medical Research Center gestito da TLS, uno degli hub naturali di sviluppo.
  • "Ufficio Coordinamento Regionale Brevetti e Trasferimento Tecnologico": creare una struttura di coordinamento regionale finalizzata al trasferimento tecnologico che, partendo dall'esperienza  dell'Ufficio per la valorizzazione della ricerca biomedica e farmaceutica (UvaR), consenta di integrare le politiche di settore e allineare le azioni strategiche messe in atto nei diversi settori, partendo dall'esperienza e dalle attività dei Distretti tecnologici.

3. Cultura

  • Adeguamento del Complesso museale del Santa Maria della Scala ai requisiti previsti dal sistema regionale di accreditamento per i musei; potenziamento del profilo di offerta culturale.
  • Accordo per la valorizzazione del Sistema Museale Cittadino di Siena, con l'obbiettivo di creare una visione strategica comune, per raggiungere alcune finalità:

- valorizzazione dal punto di vista culturale; promozione della conoscenza, miglioramento delle condizioni di fruizione dei luoghi ed istituti della cultura
- valorizzazione dal punto di vista territoriale; creazione di reti, potenziamento del turismo e miglioramento dell'accessibilità

  • Azioni di sistema per l'offerta museale, per valorizzare i musei minori, ridurre i costi di gestione, rafforzare la funzione educativa-divulgativa;
  • Promozione delle eccellenze musicali: Accademia Chigiana, Siena Jazz, Conservatorio Rinaldo Franci.

4. Università e ricerca

  • Percorso sperimentale di specializzazione della ricerca nel campo della medicina preventiva per malattie epato-bilio-pancreatiche e gastrointestinali, malattie cardiache, sindrome metabolica e diabete, anche in relazione alle potenzialità dell'area di Chianciano Terme, in connessione con lo sviluppo e la promozione della filiera enogastronomica, valorizzando gli enti presenti sul territorio.
  • Sviluppo di un modello sperimentale di accoglienza per studenti universitari stranieri e italiani non coperti dal DSU, anche per la valorizzazione degli immobili pubblici cittadini.

5. Edilizia residenziale pubblica

Realizzazione di un complesso di 33 appartamenti (sei-sette idonei per disabili), già cantierabile per edilizia ERP, per il quale è previsto un primo impegno per la fase di progettazione esecutiva, e successivamente per la realizzazione dell'intervento, per un importo complessivo di 5 milioni.  

Tutte le priorità oggetto del protocollo - che sarà valido fino alla fine della legislatura - saranno realizzate attraverso la stipula di successivi protocolli, accordi di programma, ecc, con il coinvolgimento di tutti i soggetti istituzionali e del mondo economico, sociale, culturale e associativo locale.

Una cabina di regia monitorerà l'avanzamento annuale di quanto previsto nel protocollo.

Siena, firmato da Enrico Rossi il protocollo per interventi a favore dello sviluppo dell’area

SIENA - Firmato oggi pomeriggio a Siena, nel Palazzo Pubblico, sede del Comune, il Protocollo per interventi a favore della città di Siena e del suo territorio. A siglare il protocollo sono stati il presidente della Regione Enrico Rossi, il sindaco di Siena Bruno Valentini, il presidente della Provincia di Siena Fabrizio Nepi e il direttore generale dell'Azienda ospedaliero universitaria senese Pierluigi Tosi. Alla firma erano presenti anche la vicepresidente della Regione Monica Barni e l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi.

Il protocollo individua priorità che perseguono l'obiettivo di sviluppo e continuità delle azioni progettuali intraprese per Siena, funzionali allo sviluppo della città, della sua sanità e del suo territorio. E prevede una serie di interventi in vari settori, in particolare: strade, ferrovie, aeroporto di Ampugnano; sanità; cultura; Università e ricerca; edilizia residenziale pubblica.

La città di Siena - si dice nel protocollo - costituisce uno dei più importanti centri storici e artistici d'Italia, patrimonio Unesco dal 1995, rappresenta un esempio straordinario di città medievale esercitando un richiamo turistico a livello mondiale per la presenza di notevolissimi monumenti in un insieme urbanistico di grande suggestione; è sede universitaria ricca di storia e di una grande tradizione del sapere; oltre al turismo, ha attività economiche di rilievo, sia nel settore industriale (alimentari, farmaceutica, elettrotecnica), sia in quello terziario (credito, commercio agro-alimentare). Anche secondo Irpet - sottolinea sempre il protocollo - al potenziamento come luoghi dell'innovazione delle città universitarie è legato lo sviluppo economico futuro, e di conseguenza il benessere, dell'intera regione.

Queste le priorità individuate dal protocollo:

1. Infrastrutture

1.1 Strade
Viabilità regionale: SR 2 Cassia

  • variante Monteroni-Monsindoli (tronco da Isola d'Arbia a Monteroni d'Arbia), di competenza della Provincia e per il quale è stato nominato un Commissario regionale: completamento della progettazione, procedure di gara, esecuzione dei lavori;
  • variante Monteroni-Monsindoli (tronco da Isola d'Arbia a Monsindoli): garantire la copertura finanziaria dell'intervento.

Strada di Grande Comunicazione E78 Due Mari

  • completamento della tratta Siena-Grosseto, portando a termine i lavori dei lotti 5, 6, 7 e 8; avviare i lavori dei lotti 4 e 9 finanziati dal Contratto di Programma ANAS 2015 per euro 237 milioni; concludere la progettazione da parte di ANAS del lotto 0 che deve trovare copertura finanziaria nella prossima programmazione ANAS

Raccordo autostradale Siena-Firenze e Tangenziale ovest di Siena

  • completare la manutenzione straordinaria in corso da parte di ANAS;
  • trovare copertura finanziaria (da parte di ANAS) per gli interventi di manutenzione straordinaria previsti per il 2016-2019  (per un importo complessivo di euro 28 milioni)

1.2 Ferrovie
Azioni per potenziare e ammodernare la rete ferroviaria della provincia, per agganciarla all'Alta Velocità e per ridurre i tempi di percorrenza, migliorando la puntualità, la regolarità e la frequenza del servizio.

Linea Empoli-Siena-Chiusi

  • monitorare la progettazione del potenziamento della Linea Empoli – Siena, raddoppio fra Empoli e Granaiolo , coperto con risorse statali;
  • avviare, da parte di RFI, approfondimenti e progettazioni per il potenziamento della linea lenta Chiusi-Roma-Firenze e raddoppio con rettifica del tracciato della tratta Poggibonsi - Siena;
  • studiare un nuovo modello di servizio per la linea Siena-Chiusi più adeguato alle esigenze di mobilità del territorio, con eventuale adeguamento tecnologico e/o potenziamento infrastrutturale da parte di RFI

1.3 Aeroporto di Ampugnano
L'aeroporto di Ampugnano può rappresentare un'opportunità per accrescere la competitività del territorio e per lo svolgimento di alcuni servizi di utilità pubblica. In questo senso occorre monitorare la gestione operativa del servizio affidata nel 2016 da ENAC al nuovo gestore nell'ambito della concessione ventennale, quale aeroporto aperto a traffico di aviazione generale.

2. Sanità

  • Acquisto, da parte dell'AOU, di alcuni degli immobili dell'attuale polo didattico dell'Università, così che quest'ultima possa disporre di risorse per realizzare il nuovo polo didattico.
  • Rinnovo, adeguamento e riqualificazione di numerose attrezzature sanitarie e tecnologiche aziendali dell'AOU; adeguamento di alcune sale operatorie e successiva realizzazionedel nuovo blocco operatorio; ristrutturazione/rinnovo di alcuni reparti di degenza; realizzazione dell'officina trasfusionale.
  • Verifica tra Comune, Regione, e Università sul futuro del plesso ospedaliero: disponibilità allo svolgimento di un'analisi in merito alla eventuale realizzazione di un nuovo plesso.
  • Garantire un adeguato turnover dei docenti universitari, anche a sostegno delle scuole di specializzazione.
  • Realizzazione del nuovo Hospice (già finanziato) e realizzazione della Casa della salute.
  • Istituire a Siena la centrale del 118 per la USL Toscana sud est.
  • "Implementazione Distretto Scienze della Vita": favorire l'integrazione e la valorizzazione delle politiche territoriali del Polo senese all'interno del Distretto Regionale Scienze della Vita, il cui soggetto gestore è Toscana Life Sciences (TLS), per promuovere progetti e azioni integrate tra i diversi attori pubblici e privati (Regione, Comune, Provincia, Università, Azienda Ospedaliero Universitaria, Fondazione Monte dei Paschi di Siena, Fondazione Toscana Life Sciences, GlaxoSmithKline -GSK- ed altre aziende del settore) al fine di promuovere lo sviluppo delle attività di ricerca, il supporto alla brevettazione e al trasferimento tecnologico, l'incubazione e l'attrazione di progetti innovativi.
  • "Conferenza scienze della vita": organizzare a Siena gli Stati Generali delle Scienze della Vita per fare il punto sullo stato di ricerca e sviluppo del settore.
  • "Precision medicine": creare una piattaforma pubblico-privata ad accesso aperto di Precision Medicine, che abbia nel Medical Research Center gestito da TLS, uno degli hub naturali di sviluppo.
  • "Ufficio Coordinamento Regionale Brevetti e Trasferimento Tecnologico": creare una struttura di coordinamento regionale finalizzata al trasferimento tecnologico che, partendo dall'esperienza  dell'Ufficio per la valorizzazione della ricerca biomedica e farmaceutica (UvaR), consenta di integrare le politiche di settore e allineare le azioni strategiche messe in atto nei diversi settori, partendo dall'esperienza e dalle attività dei Distretti tecnologici.

3. Cultura

  • Adeguamento del Complesso museale del Santa Maria della Scala ai requisiti previsti dal sistema regionale di accreditamento per i musei; potenziamento del profilo di offerta culturale.
  • Accordo per la valorizzazione del Sistema Museale Cittadino di Siena, con l'obbiettivo di creare una visione strategica comune, per raggiungere alcune finalità:

- valorizzazione dal punto di vista culturale; promozione della conoscenza, miglioramento delle condizioni di fruizione dei luoghi ed istituti della cultura
- valorizzazione dal punto di vista territoriale; creazione di reti, potenziamento del turismo e miglioramento dell'accessibilità

  • Azioni di sistema per l'offerta museale, per valorizzare i musei minori, ridurre i costi di gestione, rafforzare la funzione educativa-divulgativa;
  • Promozione delle eccellenze musicali: Accademia Chigiana, Siena Jazz, Conservatorio Rinaldo Franci.

4. Università e ricerca

  • Percorso sperimentale di specializzazione della ricerca nel campo della medicina preventiva per malattie epato-bilio-pancreatiche e gastrointestinali, malattie cardiache, sindrome metabolica e diabete, anche in relazione alle potenzialità dell'area di Chianciano Terme, in connessione con lo sviluppo e la promozione della filiera enogastronomica, valorizzando gli enti presenti sul territorio.
  • Sviluppo di un modello sperimentale di accoglienza per studenti universitari stranieri e italiani non coperti dal DSU, anche per la valorizzazione degli immobili pubblici cittadini.

5. Edilizia residenziale pubblica

Realizzazione di un complesso di 33 appartamenti (sei-sette idonei per disabili), già cantierabile per edilizia ERP, per il quale è previsto un primo impegno per la fase di progettazione esecutiva, e successivamente per la realizzazione dell'intervento, per un importo complessivo di 5 milioni.  

Tutte le priorità oggetto del protocollo - che sarà valido fino alla fine della legislatura - saranno realizzate attraverso la stipula di successivi protocolli, accordi di programma, ecc, con il coinvolgimento di tutti i soggetti istituzionali e del mondo economico, sociale, culturale e associativo locale.

Una cabina di regia monitorerà l'avanzamento annuale di quanto previsto nel protocollo.

Protocollo per Siena, mercoledì 24 maggio la firma con Enrico Rossi

FIRENZE - Mercoledì 24 maggio, nella sede del Comune di Siena, piazza Il Campo, verrà siglato un protocollo per interventi a favore della città di Siena e del suo territorio. A firmare saranno il presidente della Regione Enrico Rossi, il sindaco di Siena Bruno Valentini, il presidente della Provincia di Siena Fabrizio Nepi e il direttore generale dell'Azienda ospedaliero universitaria senese Pierluigi Tosi. Alla firma sarà presente anche l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi.

Per i colleghi che vorranno essere presenti, la firma è prevista per le ore 16 nella Sala delle Lupe in Palazzo Pubblico, a Siena.

Il protocollo prevede una serie di interventi in vari settori. In particolare: strade, ferrovie, aeroporto di Ampugnano; sanità; cultura; Università e ricerca; edilizia residenziale pubblica.

Salone del libro Torino, il programma di venerdì 19 maggio

TORINO - Laboratori, presentazioni, incontri di confronto e riflessione sui temi che riguardano la lettura e il mondo del libro. Anche la seconda giornata del Salone del Libro sarà particolarmente densa di appuntamenti per lo stand della Toscana - regione ospite a Torino - oggi visitato anche dal presidente del Senato Pietro Grasso, dal ministro della cultura Dario Franceschini e dal presidente della Fondazione per il Salone del libro Massimo Bray, oltre che dal direttore del Salone, Nicola Lagioia.

Lo stand aprirà ancora una volta con due laboratori per le scuole organizzate dall'associazione La Nottola di Minerva.

Alle 13 l'incontro "A tu per tu con la lingua italiana", presenti Claudio Marazzini dell'Accademia della Crusca e Daniela Mori di Unicoop Firenze.

Alle 14 un laboratorio di lettura per adulti con gli scrittori Simimona Baldanzi, Tito Barbini e Andrea Bocconi, con le letture di Letizia Fuochi. Alle 15 l'incontro "Oltre le mura: quando le biblioteche vanno fuori di se' senza diventare folli", coordinato dalla direttrice della biblioteca San Giorgio di Pistoia, Maria Stella Rasetti.

Alle 16 protagonisti i gruppi di lettura e le esperienze di condivisione del piacere di leggere, in un confronto moderato da Cecilia Cognigni delle Biblioteche Civiche Torinesi, con Cecilia Caleo e Bianca Verri.

Alle 17 la presentazione dell'ottava edizione del festival Dialoghi sull'uomo di Pistoia, nell'ambito delle iniziative a cura di Pistoia Capitale della Cultura.

Alle 18 l'incontro "Lavorare insieme per la valorizzazione degli archivi e delle biblioteche" coordinato dalla vicepresidente e assessore alla cultura Monica Barni, occasione per presentare anche il portale Archivi di Toscana.

CHiusura dello stand con i 30 anni di Tempo Reale, mentre in sala due alle ore 1830 è previsto un incontro sui Cammini di Toscana, con Simona Baldanzi e Diego Fontana, coordinato da Paolo Ciampi.

Appuntamento anche fuori stand, in Sala Autori alle ore 1630 con Scrittori di Toscana. Valerio Aiolli, Marco Vichi ed Emiliano Gucci presenteranno le loro ultime novità in un incontro coordinato dall'agenzia Toscana Notizie.