Omicidio Elisa: effettuate autopsie, sabato funerali

Omicidio Elisa: effettuate autopsie, sabato funerali

Sono state eseguite oggi le autopsie sui corpi di Elisa Amato e Federico Zini, gli ex fidanzati trovati senza vita sabato mattina accanto al campo sportivo di San Miniato, nell’auto della trentenne pratese.

Il funerale di Elisa Amato sarà celebrato dal vescovo di Prato Franco Agostinelli nella chiesa di San Pietro e della Visitazione a Galciana alle 15 di sabato 2 giugno. Lo stesso giorno, alle 16, nella chiesa di Balconevisi a San Miniato, sarà celebrato l’estremo saluto a Federico Zini.
Mentre appare chiara la dinamica generale della vicenda – un omicidio-suicidio compiuto a colpi di pistola da Federico Zini, calciatore di 25 anni che non accettava la fine della relazione – è più complesso comprendere i tempi e le modalità dell’azione criminale del giovane.
Alcune risposte potranno emergere dai risultati dell’autopsie quando saranno resi noti dal perito della procura che dovrà anche stabilire se la donna è stata uccisa a Prato e poi portata a San Miniato o se qui l’uomo l’ha costretta ad andare minacciandola con la pistola con la quale ha poi fatto fuoco.
Di seguito le affermazioni di Elena Amato, la sorella di Elisa.

“C’erano le avvisaglie:  mia sorella ne era consapevole anche se forse non abbastanza e anche i genitori lo erano perché mia sorella stessa aveva chiesto espressamente a loro di aiutarlo in questa situazione per fargli accettare il fatto che questo amore non poteva andare avanti”.

“Federico era un ragazzo che pedinava mia sorella Elisa, che tutte le volte che si allontanava da lui andava sempre nel luogo di lavoro, la aspettava alla stazione di Prato dove lei scendeva quando tornava da lavoro o sotto casa in piena notte. Una cosa che accadeva quasi quotidianamente”.

“E’ stato più volte chiesto a mia sorella – ha aggiunto – di fare una denuncia di stalking cosa che lei per amore anche nei confronti di questo ragazzo, perché gli voleva bene e non lo voleva far soffrire, non ha mai voluto fare”.

 

L'articolo Omicidio Elisa: effettuate autopsie, sabato funerali proviene da www.controradio.it.

Omicidio Elisa: Zini ha sparato almeno 4 colpi

Omicidio Elisa: Zini ha sparato almeno 4 colpi

La procura di Pisa conferirà domani l’incarico medico legale per effettuare l’autopsia sul corpo di Elisa. L’esame autoptico servirà a definire modalità e orari dell’omicidio-suicidio e potrebbe essere effettuato già domani o comunque nei primi giorni della settimana

E’ una pistola di fabbricazione ceca calibro 9×21 l’arma con cui Federico Zini ha sparato contro la ex fidanzata Elisa Amato e poi si è suicidato. L’arma è stata trovata nell’auto coi due cadaveri. Secondo i carabinieri di Pisa, Zini avrebbe sparato almeno quattro colpi, forse cinque: esami tecnici e autopsia saranno più precisi su questo punto. Il serbatoio della pistola può contenere almeno 12 colpi. Inoltre, da accertamenti investigativi risulta che Zini avrebbe imparato a usare la pistola in un poligono per il tiro a segno sportivo e la famiglia era al corrente di questa attività del figlio. Infine, gli accertamenti degli inquirenti potrebbero prendere in esame i cellulari dei due ex fidanzati e il traffico di chiamate e messaggi.

La procura di Pisa conferirà domani l’incarico medico legale per effettuare l’autopsia sul corpo di Elisa. L’esame autoptico servirà a definire modalità e orari dell’omicidio-suicidio e potrebbe essere effettuato già domani o comunque nei primi giorni della settimana. E’ inoltre molto
probabile che venga fatta l’autopsia anche sul corpo di Federico Zini,  per ricavare anche da questo tipo di accertamenti più informazioni possibili.

L'articolo Omicidio Elisa: Zini ha sparato almeno 4 colpi proviene da www.controradio.it.

Omicidio Elisa: Zini ha sparato almeno 4 colpi

Omicidio Elisa: Zini ha sparato almeno 4 colpi

La procura di Pisa conferirà domani l’incarico medico legale per effettuare l’autopsia sul corpo di Elisa. L’esame autoptico servirà a definire modalità e orari dell’omicidio-suicidio e potrebbe essere effettuato già domani o comunque nei primi giorni della settimana

E’ una pistola di fabbricazione ceca calibro 9×21 l’arma con cui Federico Zini ha sparato contro la ex fidanzata Elisa Amato e poi si è suicidato. L’arma è stata trovata nell’auto coi due cadaveri. Secondo i carabinieri di Pisa, Zini avrebbe sparato almeno quattro colpi, forse cinque: esami tecnici e autopsia saranno più precisi su questo punto. Il serbatoio della pistola può contenere almeno 12 colpi. Inoltre, da accertamenti investigativi risulta che Zini avrebbe imparato a usare la pistola in un poligono per il tiro a segno sportivo e la famiglia era al corrente di questa attività del figlio. Infine, gli accertamenti degli inquirenti potrebbero prendere in esame i cellulari dei due ex fidanzati e il traffico di chiamate e messaggi.

La procura di Pisa conferirà domani l’incarico medico legale per effettuare l’autopsia sul corpo di Elisa. L’esame autoptico servirà a definire modalità e orari dell’omicidio-suicidio e potrebbe essere effettuato già domani o comunque nei primi giorni della settimana. E’ inoltre molto
probabile che venga fatta l’autopsia anche sul corpo di Federico Zini,  per ricavare anche da questo tipo di accertamenti più informazioni possibili.

L'articolo Omicidio Elisa: Zini ha sparato almeno 4 colpi proviene da www.controradio.it.