Caso Scieri: Cassazione, è competente il giudice ordinario

Caso Scieri: Cassazione, è competente il giudice ordinario

Sarà la magistratura ordinaria ad occuparsi del processo per l’omicidio di Emanuele Scieri, il parà ucciso a Pisa il 13 settembre 1999. Lo ha deciso la prima sezione penale della Corte di Cassazione, risolvendo così il conflitto di giurisdizione insorto tra il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale militare di Roma e il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Pisa.

La Corte ha dichiarato la giurisdizione del giudice ordinario, disponendo la trasmissione degli atti al Gip del Tribunale di Pisa.  Il prossimo 29 marzo è prevista la ripresa dell’udienza preliminare, davanti al gip di Pisa, del procedimento per la morte del giovane parà siracusano ucciso nella caserma “Gamerra” di Pisa nell’agosto 1999.

Una vicenda per la quale sono indagati per omicidio volontario con l’aggravante dei futili motivi i tre ex caporali della Folgore Alessandro Panella, Luigi Zabara e Andrea Antico e i due ex ufficiali, accusati di favoreggiamento, Enrico Celentano, all’epoca dei fatti comandante dei paracadutisti, e Salvatore Romondia.

Per gli stessi fatti è in corso l’udienza preliminare anche presso il gup del Tribunale militare di Roma. Il reato contestato dal procuratore generale militare Marco De Paolis ai soli Panella, Zabara e Antico è quello di “Violenza ad inferiore mediante omicidio pluriaggravato, in concorso”.

Inevitabile il conflitto di giurisdizione tra i due uffici giudiziari, risolto in queste ore dalla Cassazione in favore del magistrato ordinario.

L’avvocata Alessandra Furnari, legale della famiglia Scieri, nei giorni scorsi ha chiesto al giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Pisa, Pietro Murano, di citare in giudizio come responsabile civile il ministero della Difesa nel processo. La decisione sulla citazione del ministero sarà presa dal gup nella prossima udienza fissata per il 29 marzo.

E’ stata invece ammessa la costituzione di parte civile della famiglia Scieri al processo mentre il giudice ha respinto la richiesta dell’associazione ‘Giustizia per Lele’, perché ha ritenuto che non vi fosse il diritto soggettivo previsto dal codice penale per vedere riconosciuta la costituzione.

“Dispiace per l’esclusione dal processo dell’associazione – ha commentato Francesco Scieri, fratello di Emanuele – ma continuerà a essere il megafono della voce della famiglia e a battersi insieme a noi per arrivare finalmente a ottenere giustizia”.

L'articolo Caso Scieri: Cassazione, è competente il giudice ordinario proviene da www.controradio.it.

Scieri: inchiesta Pisa, 5 avvisi chiusura indagini

Scieri: inchiesta Pisa, 5 avvisi chiusura indagini

Sulla morte di Scieri sta procedendo anche la magistratura militare che ai primi di giugno chiesto il rinvio a giudizio per tre ex caporali accusati di violenza a inferiore mediante omicidio pluriaggravato in concorso

La polizia ha notificato a cinque persone l’avviso di conclusione delle indagini preliminari della procura di Pisa in relazione alla morte di Emanuele Scieri, l’allievo parà della Folgore morto il 13 agosto 1999 nella caserma Gamerra di Pisa. Le indagini, condotte dalla squadra Mobile di Firenze e dalla sezione di pg della polizia della procura pisana nell’estate del 2018 portarono a una misura cautelare per omicidio. Una conferenza stamPa, col procuratore di Pisa Alessandro Crini, si terrà stamani alle 11 in procura.

Sulla morte di Scieri sta procedendo anche la magistratura militare che ai primi di giugno chiesto il rinvio a giudizio per tre ex caporali accusati di violenza a inferiore mediante omicidio pluriaggravato in concorso: il 17 luglio fissata l’udienza preliminare. Gli indagati sono i tre ex caporali Alessandro Panella, Luigi Zabara e Andrea Antico, l’unico ancora in servizio nell’Esercito.
Gli stessi tre ex caporali sono stati accusati dalla procura ordinaria di Pisa di omicidio volontario: Alessandro Panella fu anche arrestato nell’estate 2018 in esecuzione di una misura cautelare perchè gli inquirenti temevano potesse scappare negli Usa dove da tempo viveva. Tra gli indagati dalla procura di Pisa anche l’ex comandante della Folgore. gen.Enrico Celentano (da tempo in pensione), al quale è stato contestato di aver reso false dichiarazioni al pm.
Impulso alle nuove indagini è stato dato dalla commissione parlamentare di inchiesta che nel dicembre 2017 concluse i lavori trasmettendo gli atti alla procura di pisa

E’ un ex ufficiale in congedo della Folgore il quinto indagato nell’inchiesta della procura di Pisa per la morte di Emanuele Scieri, il giovane siracusano deceduto nella caserma Gamerra di Pisa, sede del centro di addestramento dei paracadutisti, il 13 agosto 1999 e trovato senza vita solo tre giorni dopo. Secondo quanto si apprende, l’ex militare è accusato di favoreggiamento dalla magistratura pisana che gli contesta una telefonata fatta ad Alessandro Panella, uno dei tre indagati accusati di omicidio, un’ora dopo il ritrovamento del cadavere di Scieri. Un colloquio, secondo gli inquirenti, che sarebbe servito a preconfezionare una tesi difensiva di fronte alle indagini avviate sulla morte del giovane siciliano.

L'articolo Scieri: inchiesta Pisa, 5 avvisi chiusura indagini proviene da www.controradio.it.

“Scieri precipitò da torretta perchè fu colpito mentre fuggiva da violenze commilitoni”

“Scieri precipitò da torretta  perchè fu colpito mentre fuggiva da violenze commilitoni”

Così il pm Crini sulla ricostruzione che han portato a contestare l’omicidio volontario aggravato motivi abbietti e futili.

A scieri “prima fu ordinato di svestirsi parzialmente poi fu percosso” e quando si rivestì per sfuggire alle violenze “tentò di salire sulla scala della torretta” arrampicandosi “dalla parte esterna”. Sarebbe stato inseguito da Panella “passato da dentro” che lo avrebbe “continuato a colpire: lo testimoniano le lesioni a mani e corpo di Scieri, che gli fanno perdere la presa e precipitare da 10 metri”. Lo scrive il procuratore capo di Pisa, Alessandro Crini, in merito alla ricostruzione che han portato a contestare l’omicidio volontario aggravato motivi abbietti e futili.

“In questi due anni di lavoro l’attuale catena di comando del Capar”, il centro addestramento paracadutisimo che ha sede alla caserma Gamerra di Pisa, “ha dato piena collaborazione al nostro lavoro” ha aggiunto  Crini in merito all’inchiesta sulla morte di Emanuele Scieri, l’allievo parà della Folgore deceduto il 13 agosto 1999 nella caserma Gamerra.
Il procedimento aperto dalla procura di Pisa ha portato oggi alla notifica di 5 avvisi di conclusione indagini.

Crini ha poi spiegato che il caso Scieri arriva nuovamente “alla procura di Pisa dalla commissione parlamentare d’inchiesta che ci suggerisce di interrompere la prescrizione del reato di omicidio preterintenzionale contestando il reato ad alcuni soggetti e ci sottopone a verifica due caporali istruttori”, Luigi Zabara e Andrea Antico, “e ci viene indicato un terzo soggetto emerso come particolarmente violento all’epoca, che è Alessandro Panella. Da qui deduciamo di poter indagare per omicidio volontario anziché preterintenzionale”. Crini ha anche spiegato che l’inchiesta ha cercato “di ricostruire contesto e antefatto” portando alla scoperta di “una situazione molto incandescente dentro il Capar e apprendiamo che già in quei giorni c’era stato avvicendamento ai vertici proprio per queste tensioni che esistevano”.

 

L'articolo “Scieri precipitò da torretta perchè fu colpito mentre fuggiva da violenze commilitoni” proviene da www.controradio.it.

“Il parà Scieri fu ucciso”, chiuse indagini per tre

“Il parà Scieri fu ucciso”, chiuse indagini per tre

Ne è convinta – apprende l’ANSA – la procura militare di Roma, diretta da Marco De Paolis, che ha emesso un avviso di conclusione indagini per il reato di “Violenza ad inferiore mediante omicidio pluriaggravato, in concorso”.

Emanuele Scieri, il giovane allievo paracadutista della Folgore, originario di Siracusa, morto il 13 agosto 1999 nella caserma ‘Gamerra’ di Pisa, fu ucciso da tre caporali che, nell’intenZione di punirlo perché stava telefonando, lo percossero, lo costrinsero a salire su una torre da cui lo fecero cadere e lo lasciarono agonizzante a terra. Ne è convinta – apprende l’ANSA – la procura militare di Roma, diretta da Marco De Paolis, che ha emesso un avviso di conclusione indagini per il reato di “Violenza ad inferiore mediante omicidio pluriaggravato, in concorso”.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

L'articolo “Il parà Scieri fu ucciso”, chiuse indagini per tre proviene da www.controradio.it.