Il bilancio 2018 del presidente Rossi – VIDEO

FIRENZE - Vicenda Bekaert e l'incendio dei Monti Pisani, ma anche gli investimenti a Piombino, gli interventi dopo l'alluvione di Livorno, il contrasto alla marginalità sociale e misure per la Salute.

Il bilancio 2018 del presidente Rossi – VIDEO

FIRENZE - Vicenda Bekaert e l'incendio dei Monti Pisani, ma anche gli investimenti a Piombino, gli interventi dopo l'alluvione di Livorno, il contrasto alla marginalità sociale e misure per la Salute.

Sopralluogo di Rossi a Calci: “Fatto già un gran lavoro. Programmeremo insieme il futuro del bosco”

CALCI (PI) - "Voglio complimentarmi con i lavoratori forestali che hanno fatto un lavoro straordinario. A loro esprimo la mia gratitudine e il mio apprezzamento, ai volontari antincendio la mia vicinanza e comprensione mantenendo alta la piena fiducia nella Magistratura".

Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, oggi a Calci per incontrare i lavoratori forestali e visitare cantieri aperti per la ripulitura delle aree bruciate durante l'incendio del 24 settembre scorso.

"Se siamo qua oggi – ha proseguito Rossi - è soprattutto per questo, per essere vicini a una comunità che sembra essere stata ferita non una, ma due volte. La volontà adesso è una sola: andare avanti. Il prossimo appuntamento è a gennaio, quando torneremo per vedere il lavoro di recupero completato e per programmare insieme la gestione della ricostruzione del bosco e l'organizzazione delle comunità di bosco".

Dopo aver constatato di persona il grande lavoro compiuto dagli operai forestali nella zona interessata dall'incendio, soprattutto quella vicino all'abitato, con la realizzazione delle palizzate, delle griglie il contenimento e con la ricostruzione anche del tessuto per mettere in sicurezza dal rischio idrogeologico, il presidente ha parlato del futuro.

"Seguiremo insieme ai Comuni interessati e alla Provincia la fase successiva a questa – ha insistito -, che è quella della rinascita della grande area verde. Il bosco per fortuna, grazie alla natura, rinasce spontaneamente, ma la spontaneità va un po' guidata. In alcuni casi ci saranno interventi di semina, in altri casi interventi di gestione della ricrescita del bosco. Ci vorranno circa 20 anni per vedere ricrescere il bosco, ma bisogna pensare che lavoriamo anche per il futuro".

"Faremo anche una programmazione di altri interventi in una dimensione regionale – ha quindi detto -, perché questo è diventato il punto: avere la capacità di mettere insieme le nostre forze. Sappiamo che i lavoratori forestali regionali sono diventati pochi, vorremmo per questo rafforzarne i ranghi che si sono assottigliati troppo".

"La Regione a Calci è intervenuta con fondi propri per gli interventi di primo soccorso, con un milione e mezzo di euro, e poi per gli interventi dei lavoratori e per quelli stradali. Soldi spesi bene. Credo . Ha concluso - che da questo evento drammatico nasca anche un modello che abbiamo messo in campo proprio per questa zona. Se dovessero capitare eventi come questo o simili a questo, la modalità di intervento messa in campo qua la riprodurremo e mi pare davvero di grande efficacia".

Vai alla galleria fotografica

Erosione, firmati gli accordi per il ripascimento con i Comuni colpiti dal maltempo di fine ottobre

PIOMBINO – Diciotto firme: le hanno apposte stamani altrettanti Comuni che si sono impegnati con la Regione Toscana a far eseguire in totale 39 interventi sulla costa toscana danneggiata dall'eccezionale ondata di maltempo dell'ottobre scorso.

"La Regione Toscana – ha detto il presidente Enrico Rossi che, come annunciato una settimana fa, è tornato a Piombino per firmare personalmente l'accordo con tutti i sindaci interessati dagli interventi - ha fatto tutto il possibile per venire incontro ai balneari. In un mondo dove siamo pieni di chiacchiere, la Regione c'è, è fattiva, quando c'è bisogno si fa trovare e prende impegni precisi. Destineremo 13 milioni di euro per il ripascimento delle spiagge danneggiate. Con i Comuni abbiamo firmato i 39 progetti che i sindaci si impegnano a far redigere come progetti esecutivi perché quelli preliminari li abbiamo già fatti noi".

"Ci ritroveremo a metà gennaio – ha proseguito Rossi -  per individuare le stazioni appaltanti e fare un punto sull'avanzamento della progettazione esecutiva. Sappiamo cosa dobbiamo fare e lavoriamo insieme con tutti i sindaci e tutti i Comuni della costa. Vogliamo ripristinare ciò che il mare ha tolto, in modo che la stagione possa esser una stagione regolare, senza problemi e difficoltà che ci sarebbero se noi non facessimo questi interventi".

Rossi ha quindi illustrato il modello messo in atto sulla costa "modello di intervento e di manutenzione della nostra costa continuo tale che si possa prolungare nel tempo".

La Regione finanzierá completamente gli interventi, senza chiedere contributi alle amministrazioni comunali che, da parte loro, dovranno fare da soggetti attuatori. Sono già stati reperiti 11 milioni (i restanti 2 milioni verranno assegnati nel 2019) e si è provveduto, grazie al Genio civile, alla progettazione preliminare. Entro il 31 gennaio i Comuni danneggiati dovranno presentare la progettazione esecutiva.

I Comuni firmatari
Bibbona, Cecina, Massa, Rio, Campo nell'Elba, Follonica, Orbetello, San Vincenzo, Capalbio, Giglio, Piombino, Scarlino, Capoliveri, Livorno, Pisa, Castiglion della Pescaia, Marciana, Porto Azzurro.   

Vai alla galleria fotografica