Catasto impianti termici e sistema informativo certificazioni: nasce l’Agenzia energetica regionale

 FIRENZE - Grande affluenza al convegno "Il sistema informativo regionale sull'efficienza energetica (SIERT): Catasto Impianti Termici (CIT) e Certificazione energetica degli Edifici (APE)" che si è svolto oggi, nell'ambito della manifestazione KLIMAHOUSE TOSCANA 2018. Il Convegno è stato organizzato da Agenzia Fiorentina per l'Energia in collaborazione con l'Assessorato all'Ambiente della Regione Toscana.

Oltre 300 i presenti, manutentori ed installatori di impianti termici oltre ai progettisti ed agli operatori del settore.

SIERT è il nuovo Sistema Informativo della Regione Toscana a cui ogni territorio provinciale si sta adeguando, una piattaforma unica suddivisa in due applicativi: CIT (Catasto Impianti Termici), dedicato ai controlli di efficienza energetica degli impianti termici, di climatizzazione invernale e/o estiva; APE (Sistema Informativo Certificazione Energetica) dedicato alla gestione degli APE – attestati di prestazione energetica – che misurano le performance energetiche degli immobili.

"Questa iniziativa – ha detto l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni, intervenendo in apertura dei lavori - segna il passaggio da un sistema frazionato fra vari territori a un unico livello regionale. Si tratta non solo di una riorganizzazione, ma della costituzione di un nuovo strumento, l'agenzia energetica regionale, al servizio di operatori e utenti per l'attuazione di una nuova politica ambientale di contrasto ai cambiamenti climatici. In questo senso sappiamo quanto è importante il patto di collaborazione con le imprese, finalizzato a fornire al cittadino tutte le informazioni per compiere scelte consapevoli e orientate alla sostenibilità. La grande partecipazione di oggi ci conferma la bontà della strada intrapresa".

Durante il Convegno è stato spiegato come è nato e come si evolverà nel tempo attraverso le sue funzioni il SIERT. Come previsto, dal 1Gennaio 2017 tutta la materia relativa ai controlli di efficienza energetica degli impianti termici, di climatizzazione invernale e/o estiva, è tornata sotto la competenza della Regione Toscana.

L'uso del SIERT comporta un grande cambiamento ed un significativo vantaggio per il lavoro delle ditte di manutenzione e installazione di impianti termici che da ora in poi dovranno confrontarsi con un unico sistema di riferimento valido sull'intero territorio Regionale che vedrà semplificato il lavoro sul catasto degli impianti termici presenti in Toscana. Ancora in via di definizione, invece, è la sezione relativa agli APE, che costituirà un importante strumento di gestione e di accesso ai dati relativi agli Attestati di Prestazione Energetica degli immobili toscani.

Tra non molto, dunque, i cittadini, ovvero i proprietari delle unità immobiliari (i cui dati di efficienza energetica siano stati trasmessi al Sistema Informativo tramite i normali adempimenti), i soggetti certificatori, gli ispettori, i notai (per l'esercizio delle loro funzioni relative al trasferimento della proprietà delle unità immobiliari) ed i Comuni avranno possibilità di accedere ai dati presenti in piattaforma. La Regione Toscana avrà a disposizione un catasto aggiornato che fotografa la situazione dei consumi e dell'efficienza energetica per usi civili su tutto il territorio.

Sabato 14 a Firenze il convegno: “Il sistema informativo regionale sull’efficienza energetica”

FIRENZE - Si svolge sabato 14 aprile il convegno "Il Sistema Informativo sull'efficienza Energetica della Regione Toscana SIERT: Catasto Impianti Termici (CIT) e Certificazione energetica degli Edifici (APE)", organizzato dall'Agenzia Fiorentina per l'Energia in collaborazione con l'assessorato all'ambiente della Regione.

Il convegno si tiene nell'ambito della manifestazione KLIMAHOUSE TOSCANA 2018, presso il Mandela Forum di Firenze e sarà aperto dall'intervento dell'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni.

Obiettivo del convegno: illustrare agli addetti ai lavori l'attuale situazione in Toscana, che a seguito di una razionalizzazione normativa ed organizzativa, porterà in carico ad una unica agenzia regionale le attività legate al catasto degli impianti termici ed ai relativi accertamenti ed ispezioni.

Inoltre, il catasto includerà gli Attestati di Prestazione Energetica (APE) ed i relativi controlli. Saranno affrontate anche importanti tematiche in materia di legislazione, normativa tecnica, efficienza e sicurezza.

 

Scarlino Energia, Regione e sindacati: garantire il rapporto di lavoro

FIRENZE – Nuova riunione questo pomeriggio in Regione per fare il punto sulla situazione di Scarlino Energia, con il consigliere del presidente Rossi per le politiche del lavoro Gianfranco Simoncini che ha incontrato sindacati e rappresentanti dell'azienda.

Durante la disamina della situazione dei lavoratori fermi da quando la sentenza del Consiglio di Stato ha bloccato il cogeneratore di Scarlino, si è preso atto che l'iter per la VIA sta proseguendo e presumibilmente si concluderà entro maggio, cosicché in estate dovrebbero poter ripartire le attività.

Ma dato che questo percorso non è in linea con quello degli ammortizzatori sociali che invece termineranno il 18 aprile, dopo una discussione tra le parti, la Regione ha chiesto all'azienda di valutare innanzitutto la possibilità di non attivare le procedure di licenziamento per una parte dei lavoratori.

Se tuttavia questo non fosse possibile, Simoncini ha chiesto di arrivare a un accordo con le organizzazioni sindacali che riduca al massimo i costi sociali della vicenda dal punto di vista economico prima di tutto e preveda quindi la possibilità di una riassunzione dei lavoratori compreso il mantenimento di tutti i diritti finora acquisiti e ad oggi presenti.

Al termine dell'incontro la Regione ha ribadito che continuerà a seguire, su richiesta delle parti, il tavolo di unità di crisi.

Efficienza energetica, Fratoni domani a Grosseto sul Treno Verde

FIRENZE – Anche l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni salirà domani a bordo del Treno Verde, la campagna di Legambiente e del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane che domani e sabato sarà in Toscana.

Il convoglio, che sta percorrendo le tappe in Italia di quello che già è stato fatto e di quello che resta da fare per un futuro 100%, sarà in sosta alla stazione di Grosseto da domani, venerdì 9 e domani sabato 10 marzo: obiettivo del viaggio di quest'anno è chiedere all'Europa obiettivi più stringenti e sfidanti nel Pacchetto Energia e Clima 2030, ancora in fase di discussione, e all'Italia di svolgere un ruolo da leader per dare maggiore concretezza e solidità al cambiamento già in atto per traghettare il nostro Paese verso la totale decarbonizzazione del proprio sistema energetico.

L'assessore Fratoni alle 10,30 di domani presso il binario 3 della stazione di Grosseto parteciperà all'iniziativa "Efficienza energetica e Rinnovabili negli edifici: opportunità e prospettive per un modello diffuso" iniizativa in cui saranno presentati i Comuni Rinnovabili Toscana con la premiazione delle migliori buone pratiche di efficientamento energetico e riqualificazione edilizia in chiave ecocompatibile presenti in Toscana.

Al via Energicamente, Fratoni: “Un’opportunità per formare cittadini più consapevoli”

FIRENZE– Meno sprechi, più risparmi, più fai bene al pianeta: l'uso intelligente dell'energia è lo strumento più prezioso per combattere gli effetti dei cambiamenti climatici. Questo è il principale messaggio che la multiutility italiana Estra e Legambiente vogliono lanciare con Energicamente, il progetto che si propone di avvicinare i ragazzi alle diverse dimensioni dello Smart Living attraverso un innovativo percorso ludico didattico da fare in classe. All'iniziativa hanno già aderito oltre 70 scuole toscane e circa 350 a livello nazionale, per un totale di quasi 12.000 alunni.

Energicamente comprende anche dei corsi di formazione per gli insegnanti e un'iniziativa di alternanza scuola-lavoro per gli studenti delle secondarie di II grado delle province di Arezzo, Prato, Siena, Ancona e Ascoli Piceno.

"Informazione e ambiente - ha detto l'assessore Federica Fratoni, presentando l'iniziativa - rappresentano oggi un binomio sempre più stretto, per l'effetto che la prima esercita nei processi sociali e nella costruzione dei saperi, e per la peculiarità stessa che caratterizza le tematiche ambientali ormai interdisciplinari.  Una piattaforma come quella che propone Energicamente è ideale per diffondere informazioni e nello stesso tempo promuovere la conoscenza e la cultura della sostenibilità ambientale. Viviamo in un periodo storico in cui il fattore ambientale è diventato, e sarà, sempre più centrale, basti pensare alle grandi questioni legate ai cambiamenti climatici e al risparmio energetico; in questo contesto educare e sensibilizzare i cittadini alla tutela ambientale, a partire proprio dalla scuola, significa creare maggiore responsabilità e contribuire al buon governo del territorio".

La costruzione di città più sostenibili comincia dai piccoli gesti quotidiani. Oltre il 40% del risparmio energetico che l'Europa si è data come obiettivo da raggiungere entro il 2020 dipende ad esempio dall'impiego di elettrodomestici di nuova generazione e dal loro corretto utilizzo, che da solo consentirebbe di evitare il quantitativo di energia prodotto da 200 centrali elettriche di medie dimensioni in un anno, con un risparmio stimato al 2020 di 79 miliardi di euro l'anno. In termini di emissioni, ciò equivarrebbe a togliere dalle strade 150 milioni di automobili di media cilindrata.

Pochi sanno che, senza le norme europee che hanno accompagnato la diffusione di elettrodomestici efficienti negli ultimi 15 anni, come l'etichetta energetica, la bolletta della famiglia media italiana sarebbe esattamente il doppio di quella odierna. Già scegliendo apparecchi di classe A e superiori, ogni famiglia potrebbe risparmiare quasi 400 euro l'anno.

"Con Energicamente vogliamo gettare delle basi concrete per un futuro più sostenibile, partendo dalla scuola e dall'entusiasmo dei ragazzi. Crediamo che l'innovazione digitale, messa a servizio dell'efficienza energetica, sia la chiave di volta per promuovere stili di vita sempre più intelligenti e responsabili. Insieme a Legambiente abbiamo quindi studiato questo progetto educativo e lo proponiamo in Toscana e su scala nazionale per contribuire a creare una nuova cultura dell'energia e dello Smart Living", ha sottolineato Francesco Macrì, presidente di Estra.

"Energicamente offre importanti stimoli educativi alle scuole, gli insegnanti e le famiglie. La piattaforma utilizza i nuovi linguaggi digitali per far crescere la conoscenza sui temi energetici in maniera divertente e creativa, affrontando la sfida climatica non in termini teorici, ma declinandola nello stile di vita individuale e in azioni concrete da fare in casa, a scuola, nel proprio quartiere. Il percorso punta a rafforzare le competenze scientifiche e tecnologiche dei ragazzi e, nello stesso tempo, quelle di una cittadinanza sempre più attiva e responsabile", ha aggiunto Vanessa Pallucchi, membro della Segreteria Nazionale e Responsabile scuola, formazione e qualità culturale di Legambiente.

Il progetto Energicamente

Le componenti fondamentali di Energicamente (www.energicamenteonline.it) sono:

Il percorso ludico didattico per le scuole primarie e secondarie di I grado, a cui si sono già iscritti più di 70 istituti in Toscana e 350 in tutta Italia, per un totale di circa 12.000 alunni. Attraverso lezioni interattive, quiz e giochi online, i ragazzi sono invitati a scoprire come usare meglio l'energia nella vita quotidiana, sfruttare le tecnologie smart per rendere più vivibili le città, disegnare un futuro più sostenibile parlando anche di mobilità alternativa e fonti rinnovabili.

Le classi accedono al percorso registrandosi come team nella EstraCommunity e, oltre a sviluppare i contenuti presentati da simpatici personaggi animati, possono partecipare al concorso di merito Energia in Squadra, che premierà il miglior progetto multidisciplinare dedicato all'energia con la possibilità di ospitare un EstraDay, ovvero una giornata speciale per l'intera scuola in cui rivivere i contenuti di Energicamente e giocare.

Anche le famiglie sono invitate a segnalare il progetto alle scuole dei propri figli e accedere al concorso Ri-Energy, il cui regolamento sarà pubblicato entro la fine di novembre. Rispondendo a qualche domanda sulle abitudini domestiche in fatto di consumo e risparmio energetico, si potrà partecipare all'estrazione di alcuni premi.

La formazione per gli insegnanti, che offre un supporto metodologico alla progettazione, gestione e valutazione del percorso ludico didattico, promuovendo competenze di cittadinanza. I corsi, per cui si sono già registrati oltre 100 docenti, si svolgono online attraverso la piattaforma e-learning Moodle e vengono riconosciuti dal MIUR con un attestato di formazione da 20 ore. I contenuti approfondiscono i temi di Energicamente e propongono una serie di attività da fare in classe, con indicazioni per svolgere anche indagini e ricerche aggiuntive sul territorio.

L'alternanza scuola-lavoro per le secondarie di II grado delle province di Arezzo, Prato, Siena, Ancona e Ascoli Piceno. Il progetto, della durata di 30 ore, coinvolgerà complessivamente 150 studenti con l'obiettivo di sensibilizzarli e formarli sui temi energetici di maggiore attualità, orientando anche le professionalità esistenti nel campo della green economy.

I ragazzi lavoreranno in gruppi eterogenei da 30 persone, ciascuno dei quali declinerà il proprio percorso in base alla realtà locale, le risorse o le problematiche del territorio, attraverso un approccio partecipativo. Gli studenti potranno ad esempio realizzare un'indagine audit sull'edificio scolastico e studiare un intervento di efficientamento energetico, elaborando anche un piano di comunicazione rivolto alla cittadinanza e ai media. Potranno progettare percorsi didattici peer to peer sui temi dell'energia e della sostenibilità, ipotizzando un intervento-pilota in una scuola di grado inferiore. Potranno misurarsi con il territorio, sia coinvolgendo stakeholder locali, sia promuovendo azioni in ambiti specifici come i trasporti pubblici cittadini.