Biomasse per le aree montane, venerdì Remaschi ad Arezzo

FIRENZE - "La valorizzazione energetica dei biocombustibili legnosi per lo sviluppo sostenibile delle aree montane" è il titolo dell'evento di apertura di Italia Legno Energia. L'iniziativa, promossa dall'Associazione italiana energie agroforestali in collaborazione con UNCEM Toscana, avrà luogo venerdì 22 marzo alle 10.00 presso la sala convegni della Fiera di Arezzo con la partecipazione dell'assessore alle foreste e politiche per la montagna Marco Remaschi.

Più della metà del territorio della Toscana è infatti coperto da boschi e foreste: un patrimonio in crescita  da tutelare e valorizzare ai fini ambientali e produttivi, utilizzando la legna e i suoi derivati come energia rinnovabile alternativa alle fonti fossili, ma anche per incentivare l'economia e l'occupazione delle aree montane. Per questo è importante promuovere l'utilizzo di biomasse di origine forestale da destinare alla produzione di calore, con la conseguente valorizzazione della filiera del cippato, biocombustibile sostenibile di origine locale.

Il programma prevede una tavola rotonda con i contributi, oltre che di Marco Remaschi, di Marco Bussone, presidente di UNCEM, Fabio Romeo del ministero dell'Ambiente-Ispra, Raoul Romano del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria, Luca Marmo responsabile politiche per la Montagna di Anci Toscana e sindaco di San Marcello Piteglio. Le conclusioni saranno affidate a Secondo Scanavino, presidente Confederazione italiana agricoltori. Al convegno è atteso anche il ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio.
 

Biomasse per le aree montane, venerdì Remaschi ad Arezzo

FIRENZE - "La valorizzazione energetica dei biocombustibili legnosi per lo sviluppo sostenibile delle aree montane" è il titolo dell'evento di apertura di Italia Legno Energia. L'iniziativa, promossa dall'Associazione italiana energie agroforestali in collaborazione con UNCEM Toscana, avrà luogo venerdì 22 marzo alle 10.00 presso la sala convegni della Fiera di Arezzo con la partecipazione dell'assessore alle foreste e politiche per la montagna Marco Remaschi.

Più della metà del territorio della Toscana è infatti coperto da boschi e foreste: un patrimonio in crescita  da tutelare e valorizzare ai fini ambientali e produttivi, utilizzando la legna e i suoi derivati come energia rinnovabile alternativa alle fonti fossili, ma anche per incentivare l'economia e l'occupazione delle aree montane. Per questo è importante promuovere l'utilizzo di biomasse di origine forestale da destinare alla produzione di calore, con la conseguente valorizzazione della filiera del cippato, biocombustibile sostenibile di origine locale.

Il programma prevede una tavola rotonda con i contributi, oltre che di Marco Remaschi, di Marco Bussone, presidente di UNCEM, Fabio Romeo del ministero dell'Ambiente-Ispra, Raoul Romano del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria, Luca Marmo responsabile politiche per la Montagna di Anci Toscana e sindaco di San Marcello Piteglio. Le conclusioni saranno affidate a Secondo Scanavino, presidente Confederazione italiana agricoltori. Al convegno è atteso anche il ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio.
 

Biomasse per le aree montane, venerdì Remaschi ad Arezzo

FIRENZE - "La valorizzazione energetica dei biocombustibili legnosi per lo sviluppo sostenibile delle aree montane" è il titolo dell'evento di apertura di Italia Legno Energia. L'iniziativa, promossa dall'Associazione italiana energie agroforestali in collaborazione con UNCEM Toscana, avrà luogo venerdì 22 marzo alle 10.00 presso la sala convegni della Fiera di Arezzo con la partecipazione dell'assessore alle foreste e politiche per la montagna Marco Remaschi.

Più della metà del territorio della Toscana è infatti coperto da boschi e foreste: un patrimonio in crescita  da tutelare e valorizzare ai fini ambientali e produttivi, utilizzando la legna e i suoi derivati come energia rinnovabile alternativa alle fonti fossili, ma anche per incentivare l'economia e l'occupazione delle aree montane. Per questo è importante promuovere l'utilizzo di biomasse di origine forestale da destinare alla produzione di calore, con la conseguente valorizzazione della filiera del cippato, biocombustibile sostenibile di origine locale.

Il programma prevede una tavola rotonda con i contributi, oltre che di Marco Remaschi, di Marco Bussone, presidente di UNCEM, Fabio Romeo del ministero dell'Ambiente-Ispra, Raoul Romano del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria, Luca Marmo responsabile politiche per la Montagna di Anci Toscana e sindaco di San Marcello Piteglio. Le conclusioni saranno affidate a Secondo Scanavino, presidente Confederazione italiana agricoltori. Al convegno è atteso anche il ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio.
 

Biomasse per le aree montane, venerdì Remaschi ad Arezzo

FIRENZE - "La valorizzazione energetica dei biocombustibili legnosi per lo sviluppo sostenibile delle aree montane" è il titolo dell'evento di apertura di Italia Legno Energia. L'iniziativa, promossa dall'Associazione italiana energie agroforestali in collaborazione con UNCEM Toscana, avrà luogo venerdì 22 marzo alle 10.00 presso la sala convegni della Fiera di Arezzo con la partecipazione dell'assessore alle foreste e politiche per la montagna Marco Remaschi.

Più della metà del territorio della Toscana è infatti coperto da boschi e foreste: un patrimonio in crescita  da tutelare e valorizzare ai fini ambientali e produttivi, utilizzando la legna e i suoi derivati come energia rinnovabile alternativa alle fonti fossili, ma anche per incentivare l'economia e l'occupazione delle aree montane. Per questo è importante promuovere l'utilizzo di biomasse di origine forestale da destinare alla produzione di calore, con la conseguente valorizzazione della filiera del cippato, biocombustibile sostenibile di origine locale.

Il programma prevede una tavola rotonda con i contributi, oltre che di Marco Remaschi, di Marco Bussone, presidente di UNCEM, Fabio Romeo del ministero dell'Ambiente-Ispra, Raoul Romano del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria, Luca Marmo responsabile politiche per la Montagna di Anci Toscana e sindaco di San Marcello Piteglio. Le conclusioni saranno affidate a Secondo Scanavino, presidente Confederazione italiana agricoltori. Al convegno è atteso anche il ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio.
 

Geotermia, avviato il percorso partecipativo per aree non idonee

FIRENZE - E' iniziato il percorso partecipativo per la definizione delle aree non idonee per l'installazione di impianti per la produzione di energia geotermica in Toscana. C'è tempo fino al 10 maggio per inviare al Garante della informazione e della partecipazione per il governo del territorio della Regione Toscana un form con il quale si contribuisce alla modifica del PAER, Piano Ambientale ed Energetico regionale.

Ad oggi il PAER individua aree non idonee alla produzione di energia elettrica da impianti eolici, a biomasse e fotovoltaico.

Scopo della modifica è appunto definire le aree non idonee anche per l'attività geotermoelettrica, aree che tengano conto delle caratteristiche e dei vincoli paesaggistici e ambientali insistenti sulle diverse zone della Toscana, nonché della presenza di produzioni agricole di particolare pregio.