Caccia: associazioni animaliste diffidano presidente Rossi

Caccia: associazioni animaliste diffidano presidente Rossi

Le associazioni Enpa, Lac, Lav, Lipu e Wwf, dopo la delibera approvata lo scorso 27 agosto dalla giunta regionale e con la quale si consente la caccia a partire dai giorni 1 e 2 settembre, in anticipo rispetto all’apertura prevista per legge alla terza domenica di settembre, hanno inviato una diffida al presidente della giunta regionale Enrico Rossi, chiedendo di ritirare l’atto, tutelando così l’amministrazione regionale da eventuali responsabilità.

Infatti, si legge in una nota, “nel caso in cui i cacciatori dovessero uccidere illegittimamente anche un solo uccello, le associazioni sono pronte a chiedere l’intervento della Corte dei Conti per procurato danno erariale, in quanto gli animali selvatici rappresentano un patrimonio indisponibile dello Stato”.

“Storno, tortora, colombaccio, merlo, gazza, ghiandaia, cornacchia grigia, alzavola, germano reale e marzaiola potranno quindi essere uccisi nonostante risulti che la Regione non abbia ottenuto il parere positivo dell’Ispra, come invece imposto dalla legge sulla caccia, prosegue la nota. Mentre il fatto che la delibera sia stata approvata con soli cinque giorni di anticipo rispetto alla data di apertura della caccia, rende impossibile – evidentemente non a caso – un eventuale ricorso al Tar di Firenze che ne consenta l’annullamento in tempi utili per fermare i fucili dei cacciatori”.

A tale proposito, le associazioni ricordano come, solo un paio di mesi fa, l’ex presidente e un dirigente della provincia di Bolzano, siano stati riconosciuti responsabili di aver procurato un danno allo Stato per avere consentito l’uccisione di animali selvatici in maniera illegittima, motivo per cui la Corte dei Conti li ha condannati al pagamento di una somma superiore al milione di euro. “Un’eventualità che si potrebbe configurare anche per i firmatari della delibera – concludono – motivo per cui abbiamo richiesto il ritiro urgente della delibera, a tutela dei loro portafogli e degli animali selvatici”.

L'articolo Caccia: associazioni animaliste diffidano presidente Rossi proviene da www.controradio.it.

Giostra dell’orso: appello Enpa “mancano garanzie, stop a palio”

Giostra dell’orso: appello Enpa “mancano garanzie, stop a palio”

L’Ente nazionale protezione animali torna a chiedere uno stop alla Giostra dell’orso in programma a Pistoia il prossimo 25 luglio.

La manifestazione, segnata nel 2014 dalla morte di due cavalli, per la quale è in corso un processo, non è in grado, secondo l’Enpa, “di garantire la sicurezza degli animali”. In particolare, l’associazione contesta la riduzione del tempo minimo di gara da 29 a 26 secondi, esasperando così le condizioni di agonismo e di velocità in cui si svolge la
‘competizione’. “Per i non addetti ai lavori – spiega l’ente – tre secondi in meno possono sembrare un’inezia, ma per un cavallo possono fare la differenza; basta un nulla perché la
gara finisca in tragedia”. Questa criticità è stata già segnalata per tempo al Comune. A farlo è stata la sezione pistoiese della protezione animali, che ha scritto una lettera
sottolineando tutte le criticità e, quindi, tutti i pericoli del palio. Ad oggi, però, le istituzioni locali non hanno ancora fornito riscontro”. Tra i punti portati all’attenzione del
sindaco c’è anche quello relativo ai protocolli veterinari da seguire in caso di infortuni. “Una delibera comunale risalente al 2015 – riprende l’Enpa – prevedeva l’obbligo per il Comune di
normare al riguardo. Tuttavia, questi protocolli non ci risultano essere stati allegati al regolamento della Giostra. Per cui chiediamo di prenderne visione il prima possibile”.
“Anche ammesso che venissero adottate tutte le cautele e le misure possibili per garantire l’incolumità dei cavalli – conclude -, ciò non toglie che palii, sagre e manifestazioni
simili rappresentano una grave forma di sfruttamento, e quindi motivo di sofferenza per gli animali. Perciò chiediamo a tutti i cittadini di dare un segnale forte e di disertare la Giostra
dell’Orso; per il Comune e gli organizzatori sarebbe un messaggio fortissimo”.

L'articolo Giostra dell’orso: appello Enpa “mancano garanzie, stop a palio” proviene da www.controradio.it.

Animali: Guardie Zoofile Enpa sequestrano cane maltrattato a Prato

Animali: Guardie Zoofile Enpa sequestrano cane maltrattato a Prato

Le Guardie Zoofile dell’ Enpa hanno sequestrato un cane, di razza simil Chow-Chow, poiché segregato stabilmente in una piccola gabbia all’interno di un magazzino, gestito da cittadini di origine cinese, a Prato. Sono in corso ulteriori indagini.

La segnalazione alle Guardie Zoofile è pervenuta dal Comando della Polizia Municipale di Prato a seguito di una telefonata pervenuta alla Centrale Operativa da parte di un cittadino, veniva comunicato il maltrattamento di un cane, detenuto all’interno di una ditta di confezioni.

Sul luogo è stato effettuato l’accertamento da parte del personale del Nucleo Provinciale delle Guardie Zoofile dell’Enpa, in relazione alla detenzione del cane, chiuso all’interno di una gabbia ricavata da un trasportino per merci di dimensioni di m. 1,50 x 0,80, stabulato stabilmente e costretto in cattività.

Nell’animale appariva evidente lo stato di sofferenza: giaceva sui propri escrementi, era legato anche a catena stretta al collo, in evidente stato di magrezza, con nodi e pelo infeltrito, in totale stato di abbandono e senza cibo e acqua. La gabbia era esposta alle intemperie in mancanza di un adeguato riparo dalle eventi atmosferici.

L’assenza del titolare della ditta al quale era affidato il cane o comunque al legale detentore, nonché la impossibilità di una corretta gestione dell’animale da parte di qualsiasi persona lì presente e la palese sofferenza dell’animale, hanno fatto scattare il provvedimento di sequestro d’iniziativa della P.G. operante e l’affidamento in custodia giudiziaria al Canile del Comune di Prato.

Sono in corso indagini per verificare la legale detenzione dell’animale, nonché la provenienza e gli accertamenti amministrativi del caso. Del fatto è stata avvisata la Procura della Repubblica di Prato, per abbandono e maltrattamento di animali.

L'articolo Animali: Guardie Zoofile Enpa sequestrano cane maltrattato a Prato proviene da www.controradio.it.