Estate fiorentina: riaprirà la cavea del Maggio, eventi anche in periferia

1,1 milioni di euro per una stagione di 15 festival di respiro internazionale che dureranno dal maggio a ottobre Ammontano a oltre 1,1 milioni di euro, in aumento rispetto all'edizione 2019, le risorse per l'Estate fiorentina, che durerà da maggio a ottobre e avrà un'attenzione particolare alla cavea del Maggio musicale fiorentino e alle periferie. Estate fiorentina: riaprirà la Cavea del Maggio, tanti eventi anche in periferia Sono due gli avvisi pubblici previsti quest'anno, entrambi da 500mila euro, per l'organizzazione degli eventi. Il primo si è chiuso nei giorni scorsi e a breve ci saranno i risultati: si tratta, è stato spiegato, "di un bando dedicato a festival e rassegne di respiro nazionale o internazionale, di particolare prestigio e di elevata qualità culturale e artistica, proposti da soggetti di comprovata esperienza e capacità organizzativa (almeno triennale) che abbiano realizzato almeno una manifestazione similare nel triennio precedente, che riescano a mettere insieme più operatori culturali e abbiano una programmazione triennale". Sono individuati 15 festival e rassegne, per ognuno dei quali è previsto un contributo economico, che spaziano dalla musica jazz al cinema. L'altro bando, che chiuderà il 27 febbraio, riguarda eventi e progetti diffusi in città che devono garantire il carattere e l'originalità multidisciplinare della kermesse fiorentina e valorizzare i luoghi della città più periferici o comunque meno frequentati dai fiorentini e turisti. L'avviso prevede progetti negli spazi estivi assegnati a soggetti terzi come Fortezza da Basso, piazza delle Murate e parco dell'Anconella. Con una delibera di giunta è stato approvato un progetto di valorizzazione della Cavea del Maggio con eventi da realizzarsi nel mese di luglio fino al 10 agosto. Tanti i luoghi individuati nei singoli quartieri: particolare attenzione, con un bando ad hoc che scadrà il 18 febbraio, sarà per il Parco dell'Argingrosso. "Presentiamo anche quest'anno l'Estate con largo anticipo - ha sottolineato l'assessore Tomasso Sacchi - È un progetto ormai maturo che da qualche anno si configura come un grande incentivo alle varie realtà culturali cittadine. Nel 2020 vogliamo investire in particolare nella cavea, straordinario spazio all'aperto che sarà animato da concerti e altri eventi e che fa parte di un rilancio culturale complessivo del grande parco delle Cascine. Vogliamo inoltre dedicare in maniera ancora più convinta l'Estate alle zone meno centrali di Firenze e per questo nel bando ci saranno 15 punti in più, il massimo possibile, per chi presenta un progetto per le periferie, nella convinzione che la cultura e gli eventi sono il miglior antidoto alla mancanza di cura e decoro".

Estate Fiorentina, pubblicato il bando per festival e rassegne 2020-2022

Estate Fiorentina, pubblicato il bando per festival e rassegne 2020-2022

Pubblicato il 24 dicembre il nuovo bando del Comune di Firenze per i festival e le grandi rassegne dell’Estate Fiorentina che questa volta sarà valido per un triennio, dal 2020 al 2022. La scadenza per la presentazione delle domande è il 27 gennaio 2020. Inoltre a gennaio sarà pubblicato un secondo avviso riguardante gli eventi “diffusi” dell’Estate Fiorentina. Lo rende noto Palazzo Vecchio.

La novità più importante, sottolinea un comunicato, è che aumentano di numero i festival – che saranno 15 – e che per ogni singolo progetto culturale è stabilito il sostegno economico del Comune di Firenze, 500mila euro l’anno complessivamente. Inoltre l’Estate Fiorentina conferma anche per i prossimi tre anni la formula ‘estesa’, ovvero quella che copre il periodo fra l’1 maggio e il 31 ottobre.

Il bando, ha spiegato l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi, “per i grandi festival è stato pubblicato entro la fine di quest’anno e immediatamente dopo le feste uscirà il secondo
bando sui progetti diffusi che completerà l’Estate Fiorentina e che prevederà un ulteriore stanziamento ad hoc. Abbiamo deciso di dare una prospettiva triennale ai nostri operatori per far sì che la nostra Estate possa crescere ulteriormente. Se le agenzie della Commissione Europea ci hanno indicato primi in Europa per vivacità culturale è anche grazie al grande lavoro fatto in questi cinque anni da amministrazione e operatori”. Al bando potranno partecipare – come di consueto – associazioni culturali, enti no profit, società cooperative a finalità mutualistiche, associazioni di promozione sociale, di volontariato e imprese sociali che operano nel settore culturale e ricreativo del tempo libero.

L'articolo Estate Fiorentina, pubblicato il bando per festival e rassegne 2020-2022 proviene da www.controradio.it.

Firenze, Sandro Veronesi presenta “Il Colibrì” al Cenacolo di Santa Croce

Firenze, Sandro Veronesi presenta “Il Colibrì” al Cenacolo di Santa Croce

Sandro Veronesi torna nella sua Firenze: il suggestivo spazio del Cenacolo nel complesso di Santa Croce ospiterà l’autore mercoledì 30 ottobre alle ore 19,00, per un incontro a più voci dedicato alla grande letteratura contemporanea e alla presentazione del suo nuovo lavoro, “Il Colibrì”.

L’incontro chiude Intemporanea Festival, a cura di Pinangelo Marino, per Estate Fiorentina 2019, cartellone di eventi del Comune di Firenze. Sarà l’occasione per presentare in anteprima toscana il nuovo libro dell’autore già Premio Strega nel 2006 per Caos calmo, “Il Colibrì”, appena edito da La nave di Teseo.

A dialogare con lo scrittore sarà Giorgio van Straten, romanziere e traduttore fiorentino, già direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di New York. La conversazione tra i due autori sarà arricchita dalle letture sceniche dell’attore Gianluigi Tosto, tratte dall’ultimo romanzo di Sandro Veronesi.

Dopo quattro anni, Veronesi torna con un nuovo lavoro, “Il Colibrì”. Capace di prodezze inimmaginabili, il colibrì è tra gli uccelli più piccoli al mondo ed ha la capacità di rimanere quasi immobile, a mezz’aria, grazie a un frenetico e rapidissimo battito di ali. Come lui è il protagonista del racconto, Marco Carrera. Continue sospensioni e coincidenze fatali si alternano ad atroci perdite e amori assoluti nella vita di Marco, che non precipita mai fino in fondo. Il suo movimento incessante e frenetico è necessario per rimanere in stasi o per dettare i tempi e i modi della caduta: la vita di Marco è una storia di sopravvivenza, non per questo meno autentica. Intorno a lui, Veronesi costruisce altri personaggi indimenticabili, che abitano un’architettura romanzesca perfetta. Il tempo del racconto passa dai primi anni Settanta fino a un cupo futuro prossimo, quando all’improvviso splenderà il frutto della resilienza di Marco Carrera: è una bambina, si chiamerà Miraijin.

“Il Colibrì” è un romanzo sulla forza struggente della vita, capace di incantare e commuovere: Marco Carrera è un personaggio talmente vivo da diventare compagno di viaggio nella vita del lettore e ricorderà il Pietro Paladini di “Caos calmo”, capolavoro dell’autore toscano con 400 mila copie vendute. Pubblicato nel 2005, vincitore nel 2006 del Premio Strega e nel 2008 del Prix Fémina e del Prix Méditerranée, Caos calmo è stato tradotto in venti paesi ed è stato stampato nuovamente dal 2016 grazie a La Nave di Teseo.

La produzione di Sandro Veronesi annovera oltre venti lavori dal suo esordio nel 1988, tra cui anche libri di inchiesta giornalistica. Ha vinto con “La forza del passato” (2000) il Premio Viareggio e il Premio Campiello, mentre ha ottenuto il Premio Bagutta 2014 per Terre Rare, che ha venduto più di 50 mila copie.

L'articolo Firenze, Sandro Veronesi presenta “Il Colibrì” al Cenacolo di Santa Croce proviene da www.controradio.it.

Si conclude l’Estate Fiorentina 2019, oltre un milione di presenze

Si conclude l’Estate Fiorentina 2019, oltre un milione di presenze

Si chiude la kermesse lunga sei mesi ricchi di eventi e con oltre un milione di presenze, l’assessore Sacchi: “Vitalità, qualità ed eterogeneità i tratti distintivi di Firenze”.

Oltre un milione di presenze e oltre un milione di budget per sei mesi di programmazione, 1400 eventi tra musica, danza, teatro, performance e festival, 150 soggetti culturali coinvolti. Questi i numeri principali dell’Estate Fiorentina 2019, la kermesse che si è aperta a maggio scorso e si chiude in questi giorni dopo sei mesi festeggiando con un appuntamento musicale questa sera alla Manifattura Tabacchi.

Numeri, come sottolinea l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi, che è stato per cinque anni curatore dell’Estate, “in costante aumento: siamo passati da un budget di 450 mila euro del 2015 con 96 soggetti coinvolti all’investimento record di quest’anno. La nostra Estate è cresciuta in maniera sorprendente con un susseguirsi di stagioni sempre più ricche ed eterogenee, creando un unicum del suo genere a livello nazionale. In questi anni abbiamo in particolare dedicato grande attenzione alle periferie, portando eventi anche nelle piazze e nelle aree meno centrali, ma abbiamo anche ritrovato alcuni luoghi, come la Manifattura Tabacchi, le Cascine o il Forte di Belvedere, animati anche attraverso le produzioni dell’Estate”.

“Ma il successo dell’Estate – prosegue l’assessore – è soprattutto la grande vitalità e qualità delle offerte arrivate dalle tante associazioni, enti e soggetti culturali di cui è ricca Firenze e che hanno concorso alla creazione di un contenitore eterogeneo, stimolante, adatto a tutti i gusti e pubblici, che ha letteralmente invaso la città rendendola ancora più viva e bella”.

“Per questo – conclude – chiudiamo questa edizione con grande orgoglio, consapevoli che da qui sono nate alcune tra le idee più importanti e innovative del paese a livello di festival e di produzione artistica e di aver offerto una programmazione capillare e quotidiana, diffusa e variegata, nell’ottica di una sempre più numerosa partecipazione dei cittadini e dei visitatori alle centinaia di eventi proposti”.

Tra le presenze, da segnalare 180 mila persone per Firenze Rocks, 100 mila per Estate in manifattura, 35 mila per Firenze Jazz Festival, 32 mila per l’Eredità delle donne, 23mila per Musart, 10 mila per i concerti alla Cavea e 13 mila per l’Estate a San Salvi.

Nelle prossime settimane sarà pronto il bando per l’Estate Fiorentina 2020. Per salutare e ringraziare tutti gli operatori è stata organizzata per stasera dalle 18.30 alla Manifattura Tabacchi una festa a ingresso libero alla quale parteciperanno anche il sindaco Dario Nardella e l’assessore Sacchi. Dj set a cura del cantautore Dente.

Gimmy Tranquillo ha intervistato l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi.

L'articolo Si conclude l’Estate Fiorentina 2019, oltre un milione di presenze proviene da www.controradio.it.

“Super Estate!”, la lunga Estate Fiorentina si chiude con Dente

“Super Estate!”, la lunga Estate Fiorentina si chiude con Dente

Si chiama “Super Estate!” ed è la festa di saluto e di ringraziamento della lunga Estate Fiorentina 2019, la kermesse che da maggio per sei mesi ha riempito la città di eventi e manifestazioni: giovedì 24 ottobre, dalle 18.30, le associazioni culturali e quanti hanno collaborato sono invitati all’appuntamento che si svolgerà alla Manifattura Tabacchi.

Saranno presenti per i saluti il sindaco Dario Nardella e l’assessore alla cultura Tommaso Sacchi, che per cinque anni è stato curatore dell’Estate. Ospite speciale il cantautore italiano Dente che curerà il dj set.

“Sarà un modo originale per dire grazie ai tantissimi che hanno portato il loro contributo alla realizzazione dell’Estate – afferma l’assessore Sacchi – e per darci appuntamento all’anno prossimo con nuove idee e proposte. L’Estate finisce ma non fermiamo la voglia di fare, di collaborare, di creare nuovi progetti”.

Dente è un cantautore italiano: ha pubblicato 6 album, ha collezionato svariate collaborazioni e vinto numerosi premi. Per la serata proporrà un dj set con musica del repertorio italiano degli anni 50/60, con una playlist che spazia da Rita Pavone ad Adriano Celentano, da Clem Sacco a Mina, da Caterina Caselli alla Equipe 84.

L’ingresso alla serata è libero. L’evento è realizzato in collaborazione con Manifattura Tabacchi.

L'articolo “Super Estate!”, la lunga Estate Fiorentina si chiude con Dente proviene da www.controradio.it.