Morti ospedale Piombino: Bonino condannata a ergastolo

Morti ospedale Piombino: Bonino condannata a ergastolo

L’infermiera Fausta Bonino è stata condannata all’ergastolo per quattro delle morti sospette di pazienti in corsia e assolta per gli altri sei casi perché il fatto non sussiste. Assolta anche per abuso di ufficio. La sentenza è stata letta dopo cinque ore di camera di consiglio dal giudice Marco Sacquegna.

Il processo si è tenuto in rito abbreviato. L’infermiera 57/enne era accusata di omicidio volontario plurimo per le morti sospette di 10 pazienti nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Piombino tra il 2014 e il 2015. La procura aveva chiesto l’ergastolo, mentre la difesa, con la stessa Bonino che aveva da sempre proclamato la sua innocenza, aveva sostenuto l’impossibilità tecnica del coinvolgimento dell’infermiera e chiesto l’assoluzione per non aver commesso il fatto per nove dei pazienti deceduti e in un caso perché il caso non sussiste. “Ci ha sorpreso il frazionamento dei casi – ha commentato l’avvocato difensore Cesarina Barghini – e certamente faremo appello”.
“Non è giusto, non ho fatto nulla”. Così, parlando in lacrime, l’infermiera Fausta Bonino all’uscita dall’aula del tribunale di Livorno dopo aver ascoltato la sentenza di condanna all’ergastolo. La donna era accompagnata dal marito e da uno dei due figli.

“Una sentenza che lascia perplessi perché sono stati considerati dal giudice soltanto i quattro decessi in cui i campioni sono stati esaminati a Careggi dove era stato trovato anticoagulante”. Questo invece il commento dell’avvocata  difensore di Fausta Bonino, avvocato Cesarina Barghini, riguardo alla sentenza di condanna all’ergastolo per omicidio volontario di quattro pazienti dell’ospedale di Piombino morti in seguito a somministrazione di dosi letali di eparina. “Di questi quattro – ha proseguito -, due erano già stati scartati nella ricostruzione in sede di incidente probatorio. Quindi solo la motivazione della sentenza ci potrà far capire come il giudice sia arrivato a questa conclusione. Aspettiamo di vedere le motivazioni perché questa è una sentenza che lascia insoddisfatti un po’ tutti anche probabilmente lo stesso pm perché smonta tutti i criteri del suo impianto accusatorio e pure le parti civili costituite, che sono rimaste escluse”. Le motivazioni sono attese entro 90 giorni.

L'articolo Morti ospedale Piombino: Bonino condannata a ergastolo proviene da www.controradio.it.

Piombino, difesa infermiera indagata: ‘Stiamo asfaltando le accuse’

Piombino, difesa infermiera indagata: ‘Stiamo asfaltando le accuse’

L’infermiera in questione è Fausta Bonino, la 57enne accusata di omicidio volontario plurimo per le morti sospette di 10 pazienti nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Piombino (Livorno).

“Stiamo asfaltando la tesi accusatoria”. Lo ha detto Cesarina Barghini, avvocato difensore di Fausta Bonino durante una pausa del processo a Livorno in cui sta intervenendo la difesa. Bonino è l’infermiera 57enne accusata di omicidio volontario plurimo per le morti sospette di 10 pazienti nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Piombino tra il 2014 e il 2015.

“Stiamo smontando tutte le teorie del pubblico ministero – ha aggiunto il difensore – E’ quello che dobbiamo fare perché la realtà è questa. Non è nemmeno un lavoro particolarmente faticoso se non fosse per la tensione di cercare le intercettazioni e mettere insieme le cose”. “Però – ha aggiunto – è un lavoro che si fa volentieri perché teniamo a valorizzare la giustizia e la verità: cioè che Fausta ovviamente non c’entra nulla come abbiamo detto sin dall’inizio. Quindi speriamo che tutti questi profili siano recepiti anche dal giudice”.

“E’ una fatica star dietro a tutto quello che viene detto contro Fausta – ha aggiunto l’avvocato Barghini – e a controbatterlo. Però poi alla fine lo facciamo con una certa facilità perché gli atti parlano chiaro. Non c’è altro da aggiungere. Sono passati tre anni di indagini e stiamo continuando a dirci le stesse cose che sono già state dette al riesame: non c’è niente, non c’era niente prima e non c’è niente ora, dopo tre anni”.

“Ho le palpitazioni, scusate” ha detto ai giornalisti Fausta Bonino oggi all’uscita dal tribunale. Ed alla domanda “come pensa che vada a finire questa vicenda?”, Fausta Bonino ha risposto con una parola: “Andrà a finire bene”.

“Almeno in due casi c’è un’impossibilità tecnica di aver somministrato l’eparina al paziente da parte di Fausta Bonino”. Lo spiega oggi Aldo Appiani, consulente medico della difesa. “Inoltre in un terzo caso – ha proseguito il consulente – i dati scientifici sono abbastanza chiari nell’indicare che l’eparina sia stata somministrata dopo la fine dell’intervento in sala operatoria, dove la Bonino non aveva accesso. Questo anche secondo la perizia del giudice nell’incidente probatorio. In altri casi, almeno quattro, ci sono forti dubbi che il tempo di somministrazione dell’eparina coincida con la presenza della Bonino. Già questo contraddice le ipotesi avanzate dall’accusa ovvero che ci sia un assassino unico”.

L'articolo Piombino, difesa infermiera indagata: ‘Stiamo asfaltando le accuse’ proviene da www.controradio.it.

Morti sospette ospedale Piombino: pm chiede ergastolo per Fausta Bonino

Morti  sospette ospedale Piombino: pm chiede ergastolo per  Fausta Bonino

L’arringa della difesa è fissata per l’udienza del 22 marzo mentre il 5 aprile sono in programma le eventuali repliche e la sentenza. “È successo quello che ci aspettavamo – ha commentato l’avvocato difensore Cesarina Barghini – ma noi abbiamo i margini per rispondere”.

Si è conclusa con la richiesta dell’ergastolo da parte del pm Massimo Mannucci la prima parte dell’udienza in rito abbreviato per Fausta Bonino, l’infermiera 57enne accusata dalla procura livornese di omicidio volontario plurimo per le morti sospette di 10 pazienti avvenute nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Piombino tra il 2014 e il 2015.

“Io l’unica cosa che posso dire è che non ho fatto nulla. Cose che non ho mai fatto, è stata dura ascoltarlo – ha detto in lacrime la Bonino all’uscita dall’aula – Io mi sono sempre comportata bene è impossibile che sia finita in questo incubo”. Oggi dopo le conclusioni del pubblico ministero nella seconda parte dell’udienza ci saranno le conclusioni anche delle parti civili. “È successo quello che ci aspettavamo – ha commentato l’avvocato difensore Cesarina Barghini – ma noi abbiamo i margini per rispondere”. L’arringa della difesa è fissata per l’udienza del 22 marzo mentre il 5 aprile sono in programma le eventuali repliche e la sentenza.

L'articolo Morti sospette ospedale Piombino: pm chiede ergastolo per Fausta Bonino proviene da www.controradio.it.

Livorno: rito abbreviato per infermiera Piombino accusata 10 omicidi

Livorno: rito abbreviato per infermiera Piombino  accusata 10 omicidi

Il gup del tribunale di Livorno ha deciso di accogliere, in udienza preliminare, la richiesta di rito abbreviato presentata dalla difesa di Fausta Bonino, l’infermiera 57enne accusata dalla procura livornese di omicidio volontario plurimo per le morti sospette di 10 pazienti avvenute nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Piombino (Livorno) tra il 2014 e il 2015.

Bonino sarà dunque giudicata solo sulla base degli elementi di prova raccolti nella fase di indagine preliminare. Per l’accusa quelle morti furono causate dall’utilizzo, “deliberato e fuori dalle terapie prescritte”, di eparina in dosi tali da “determinare il decesso” per improvvise emorragie. Il giudice ha deciso il rinvio a giudizio invece per Michele Casalis, primario del reparto di rianimazione di Piombino, accusato di omicidio colposo plurimo. La sua colpa, in sostanza, è quella di negligenza, imperizia e violazione dei protocolli terapeutici.

Davanti al gup si sono costituite parte civile la Asl e gli avvocati Roberto Napoleoni, Alessandra Pallini e Carlo Castaldi per le parti offese. Il giudice ha fissato per la discussione dell’abbreviato le udienze del primo marzo, per la conclusione del pubblico ministero e delle parti civili, del 22 marzo per quelle della difesa e del 5 aprile l’udienza con le repliche e camera di consiglio per emissione della sentenza.

“La scelta dell’abbreviato – ha commentato il legale della difesa Cesarina Barghini – è determinata esclusivamente dalla volontà di chiudere questo procedimento che è durato fin troppo, e mettere fine a questa sofferenza di Fausta e farla uscire da un incubo. In un dibattimento non vedo cosa di altro si sarebbe potuto portare – ha aggiunto – perché agli atti c’è già tutto quello che poteva esserci. Non prendiamo in considerazione nemmeno lo sconto di pena perché noi non prendiamo in considerazione l’ipotesi di una condanna. Sconto peraltro che nel caso di Fausta non ci sarebbe nemmeno”.

La richiesta di rinvio a giudizio era stata depositata nel luglio scorso dal pm Massimo Mannucci e dal procuratore capo Ettore Squillace Greco. Nel corso delle indagini della procura erano emersi 14 decessi sospetti, ma dopo l’incidente probatorio quattro casi erano stati archiviati. A Fausta Bonino, l’accusa contesta di aver agito con premeditazione e con altre aggravanti, tra le quali il fatto di aver agito su pazienti già in precarie condizioni di salute.

L'articolo Livorno: rito abbreviato per infermiera Piombino accusata 10 omicidi proviene da www.controradio.it.

Difesa infermiera Piombino chiede il rito abbreviato

Difesa infermiera Piombino chiede il rito abbreviato

La difesa di Fausta Bonino, l’infermiera 57enne accusata dalla procura livornese di omicidio volontario plurimo per le morti sospette di 10 pazienti avvenute nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Piombino (Livorno) tra il 2014 e il 2015, ha presentato istanza al giudice chiedendo il rito abbreviato.

L’ udienza preliminare, come riporta oggi la stampa locale, è prevista per il 18 gennaio. Convocate anche le parti lese, i parenti delle vittime e l’Asl. Per l’accusa quelle morti furono causate dall’utilizzo, “deliberato e fuori dalle terapie prescritte”, di eparina in dosi tali da “determinare il decesso” per improvvise emorragie.
Il legale di Bonino, Cesarina Barghini, spiega che “non abbiamo chiesto di fare il rito abbreviato per una riduzione della pena”, “non avremmo nessun vantaggio dalla scelta del rito speciale”, “lo abbiamo scelto perché siamo profondamente certi della innocenza di Fausta Bonino. Vogliamo porre fine nel tempo più rapido possibile a questo supplizio al quale Fausta Bonino è stata sottoposta ingiustamente da quasi tre anni”.

Oltre all’infermiera, che deve rispondere, tra l’altro, di omicidio aggravato e continuato, dovrà comparire anche il primario Michele Casalis del reparto di anestesia e rianimazione, accusato di omicidio colposo plurimo: per il suo ruolo avrebbe dovuto vigilare sul personale del reparto e quindi anche sulla Bonino. La sua colpa, in sostanza, è quella di negligenza, imperizia e violazione dei protocolli terapeutici.

L'articolo Difesa infermiera Piombino chiede il rito abbreviato proviene da www.controradio.it.