Madre Renzi: aperta e subito rinviata udienza per bancarotta

Madre Renzi: aperta e subito rinviata udienza per bancarotta

E’ stata aperta e subito rinviata a settembre, in tribunale a Cuneo, l’udienza filtro per Laura Bovoli, madre dell’ex premier Matteo Renzi, accusata di bancarotta fraudolenta ed emissione di fatture per operazioni inesistenti.

La madre dell’ex sindaco di Firenze, rinviata a giudizio lo scorso febbraio, è accusata di bancarotta fraudolenta e emissione di fatture per operazioni inesistenti per i rapporti che la società di famiglia, la Eventi 6 di Rignano sull’Arno, intratteneva con una società cuneese di volantinaggio, la Direkta, fallita nel 2014. L’indagine, condotta dalla guardia di finanza, aveva coinvolto anche Mirko Provenzano, amministratore della Direkta Srl, già condannato per reati fiscali, che aveva patteggiato la bancarotta.

La donna e il marito Tiziano Renzi sono inoltre indagati dalla procura di Firenze per un’accusa di bancarotta relativa al fallimento della cooperativa Marmodiv, della quale secondo gli inquirenti sarebbero stati amministratori di fatto e sono coinvolti nell’inchiesta per bancarotta fraudolenta e false fatture relative alle cooperative Delivery service Italia ed Europe Service.

Laura Bovoli, assistita dall’avvocato Federico Bagattini, legale di fiducia dei genitori di Renzi che per la vicenda Cuneese si avvale della collaborazione dell’avvocato Stefano Bagnera, non era presente in aula.

L'articolo Madre Renzi: aperta e subito rinviata udienza per bancarotta proviene da www.controradio.it.

Genitori Renzi, Tiziano indagato in nuova inchiesta

Genitori Renzi, Tiziano indagato in nuova inchiesta

Il reato ipotizzato per Tiziano Renzi sarebbe quello di traffico di influenze.

Tiziano Renzi sarebbe indagato dalla procura di Firenze con l’accusa di traffico di influenze illecite. La notizia è riportata sul quotidiano la Verità e sul settimanale Panorama in edicola oggi.

La nuova inchiesta sarebbe alle prime fasi, tanto che neppure il legale del padre dell’ex premier, avvocato Federico Bagattini, ne sarebbe stato al corrente, e sarebbe partita dall’indagine che ha portato Tiziano Renzi e la moglie, Laura Bovoli, a processo per presunte fatture false emesse dalle loro società. Bocche cucite alla procura, che a febbraio aveva ottenuto gli arresti del padre dell’ex premier e della moglie, poi revocati, nell’ambito di un’inchiesta per bancarotta fraudolenta e fatturazioni per operazioni inesistenti. In base a quanto riportato su la Verità e su Panorama, gli accertamenti che avrebbero portato all’iscrizione di Tiziano Renzi sul registro degli indagati per traffico di influenze, sarebbero relativi al periodo in cui il figlio era presidente del Consiglio dei ministri.

L'articolo Genitori Renzi, Tiziano indagato in nuova inchiesta proviene da www.controradio.it.

Genitori Renzi, Tiziano indagato in nuova inchiesta

Genitori Renzi, Tiziano indagato in nuova inchiesta

Il reato ipotizzato per Tiziano Renzi sarebbe quello di traffico di influenze.

Tiziano Renzi sarebbe indagato dalla procura di Firenze con l’accusa di traffico di influenze illecite. La notizia è riportata sul quotidiano la Verità e sul settimanale Panorama in edicola oggi.

La nuova inchiesta sarebbe alle prime fasi, tanto che neppure il legale del padre dell’ex premier, avvocato Federico Bagattini, ne sarebbe stato al corrente, e sarebbe partita dall’indagine che ha portato Tiziano Renzi e la moglie, Laura Bovoli, a processo per presunte fatture false emesse dalle loro società. Bocche cucite alla procura, che a febbraio aveva ottenuto gli arresti del padre dell’ex premier e della moglie, poi revocati, nell’ambito di un’inchiesta per bancarotta fraudolenta e fatturazioni per operazioni inesistenti. In base a quanto riportato su la Verità e su Panorama, gli accertamenti che avrebbero portato all’iscrizione di Tiziano Renzi sul registro degli indagati per traffico di influenze, sarebbero relativi al periodo in cui il figlio era presidente del Consiglio dei ministri.

L'articolo Genitori Renzi, Tiziano indagato in nuova inchiesta proviene da www.controradio.it.

Coniugi Renzi, assenti all’udienza preliminare

Coniugi Renzi, assenti all’udienza preliminare

Udienza organizzativa, assenti genitori di Matteo Renzi. Presente invece Luigi Dagostino, l’altro imputato del processo.

Breve udienza tecnica, organizzativa, al tribunale di Firenze per l’inizio del processo che vede imputati Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell’ex premier Matteo Renzi, in un procedimento per presunte fatture false emesse da loro società. I coniugi Renzi non erano in aula, presente invece l’imprenditore Luigi Dagostino, imputato insieme ai genitori dell’ex segretario del Pd.

Il processo è stato rinviato al 20 maggio dopo che il tribunale ha incaricato un perito per le trascrizione delle intercettazioni effettuate nel corso dell’inchiesta, e ammesso le prove portate da accusa e difesa. Fissato anche il calendario delle prossime udienze.

Tiziano Renzi e Laura Bovoli sono imputati di utilizzo di fatture false. Il processo ha per oggetto due fatture emesse nel 2015 dalle società Party (20.000 euro più Iva) e Eventi 6 (140.000 più Iva), per consulenze sulla fattibilità di un’area ristorazione e per studiare attività utili a convogliare turisti asiatici al centro commerciale The Mall che fa capo al ‘re degli outlet’ Luigi Dagostino. Le fatture furono pagate alle società dei Renzi dalla Tramor di Dagostino. Ma secondo i pm Luca Turco e Christine von Borries le consulenze oggetto degli importi sarebbero state finte, ossia le società dei Renzi avrebbero intascato denaro per “operazioni inesistenti”, per prestazioni mai compiute.

Per le difese invece le consulenze furono fatte e vennero regolarmente saldate. Parlando della posizione del suo assistito, l’avvocato Alessandro Traversi afferma che “non c’è dolo nella condotta di Dagostino. Avendo pagato integralmente le fatture contestate, manca l’elemento della finalità dell’evasione fiscale”, che è connaturato all’utilizzo di fatture false, “anzi ha pagato un’Iva superiore al dovuto, quindi tale finalità non esiste”. Il calendario prevede altre udienze il 3 giugno, 8 luglio, 15 luglio e 7 ottobre. L’udienza è anche la prima tenuta al tribunale di Firenze dal giudice Fabio Gugliotta, da poco in organico nel capoluogo toscano, ed è stata preceduta da un saluto a lui rivolto dallo stesso avvocato Traversi a nome del foro fiorentino.

“E’ stata un ‘udienza tecnica, di passaggio – ha spiegato l’avvocato Federico Bagattini, difensore dei genitori di Renzi -. Non era necessaria la presenza dei miei assistiti, che invece parteciperanno alle udienze per le quali ci sarà bisogno che siano in aula e quando sarà utile.”

L'articolo Coniugi Renzi, assenti all’udienza preliminare proviene da www.controradio.it.

Gip Firenze conferma domiciliari genitori Renzi

Gip Firenze conferma domiciliari genitori Renzi

La giudice per le indagini preliminari di Firenze, Angela Fantechi, ha confermato la misura cautelare degli arresti domiciliari per Tiziano Renzi e la moglie Laura Bovoli. Il gip così non ha accolto la richiesta di revoca presentata lunedì scorso dall’avvocato Federico Bagattini, difensore della coppia, durante l’interrogatorio di garanzia.

Sulla richiesta di revoca degli arresti domiciliari, la Procura già martedì scorso aveva espresso il suo parere contrario, ritenendo ancora necessaria la misura cautelare.

La revoca degli arresti domiciliari “per la totale insussistenza delle esigenze cautelari” era stata chiesta invece dall’avvocato Bagattini, legale dei genitori dell’ex premier Matteo Renzi.

Nel provvedimento del gip ha disposto gli arresti domiciliari per Renzi senior e Laura Bovoli, eseguito lunedì 18 febbraio, si motivano gli arresti domiciliari con “il pericolo di reiterazione del reato” ipotizzando il rischio che la società Eventi6 “si possa avvalere di altre cooperative” per continuare a commettere i reati di bancarotta fraudolenta e di emissione di fatture false.

L'articolo Gip Firenze conferma domiciliari genitori Renzi proviene da www.controradio.it.