Migranti: ex deputato Gelli, “a Firenze limitati diritti”

Migranti: ex deputato Gelli, “a Firenze limitati diritti”

“Firenze ha deciso di limitare i diritti e le libertà di alcune persone in base alla loro condizione di richiedenti asilo o protezione umanitaria”. Ha commentato così in una nota l’ex deputato Federico Gelli

“In galera ci devono andare le persone che hanno commesso reati e che, come stabilisce la nostra Costituzione, sono stati riconosciuti colpevoli con una sentenza passata in giudicato. Questo è il principio base di ogni Stato di diritto. Nessuno può essere privato della libertà personale sulla base della propria condizione. La Prefettura di Firenze, invece, ha deciso di limitare i diritti e le libertà di alcune persone proprio in base alla loro condizione di richiedenti asilo o protezione umanitaria. Si sta apertamente violando ogni norma, a partire dalla nostra Costituzione”.

Lo ha detto Federico Gelli, già deputato e già presidente della Commissione d’inchiesta parlamentare sul sistema d’accoglienza dei migranti nella XVII legislatura, commentando, in una nota, la decisione della Prefettura di Firenze di vietare ai richiedenti protezione ospitati nei Cas di uscire dopo le 20 e di far controllare i pacchi che ricevono.

“Ha fatto bene la Cgil a denunciare questa palese violazione dello Stato di diritto – spiega Gelli – perché si tratta di un precedente pericoloso, che va subito fermato. Non è possibile pensare che quei migranti siano persone di serie B e quindi dotate di diritti inferiori a quelli di tutti noi”. Secondo Gelli “lungo questa strada si crea marginalità ed esclusione e si alimenta un clima di paura e quindi di odio, che non potrà mai farci fare passi in avanti verso l’obiettivo di una convivenza pacifica e serena fra persone diverse”.

L'articolo Migranti: ex deputato Gelli, “a Firenze limitati diritti” proviene da www.controradio.it.

Terzo settore: verso la prima Conferenza regionale

Terzo settore: verso la prima Conferenza regionale

A Pisa, Firenze e Siena le tre tappe di avvicinamento alla Conferenza che per la prima volta vedrà l’intero sistema del terzo settore toscano riflettere e confrontarsi sul futuro assetto delle politiche di welfare e sviluppo locale, anche alla luce della recente riforma

Pisa, Firenze e Siena ospiteranno le tre tappe di avvicinamento alla prima Conferenza regionale del terzo settore che si terrà al Mandela Forum di Firenze il prossimo 9 febbraio. Tre incontri preliminari che avranno lo scopo di ‘scaldare i motori’ della Conferenza che la Regione Toscana sta organizzando insieme alle principali reti associative, al Forum Terzo Settore Toscana e con la collaborazione di Cesvot.
Un appuntamento importante che per la prima volta vedrà l’intero sistema del terzo settore toscano riflettere e confrontarsi sul futuro assetto delle politiche di welfare e sviluppo locale, anche alla luce della recente riforma.
Ai tre incontri, che si svolgeranno tra ottobre e novembre, sono invitate a partecipare le associazioni di volontariato, di promozione sociale, le cooperative sociali, gli enti iscritti all’anagrafe delle Onlus e tutti i soggetti del terzo settore della Toscana. L’idea di anticipare la Conferenza regionale del terzo settore con tre tappe territoriali nasce con lo scopo di promuovere la discussione, facilitare il confronto e la partecipazione anche delle realtà associative più piccole e decentrate della regione.
Il primo dei tre appuntamenti sarà a Pisa venerdì 5 ottobre (Auditorium A. Maccarrone), seguiranno Firenze (Auditorium Cto Aou Careggi) venerdì 19 ottobre e Siena venerdì 9 novembre (Auditorium Confesercenti). A questo link il programma dei tre incontri e tutte le info per partecipare.
Agli incontri parteciperanno l’assessore al Diritto alla Salute e al Welfare della Regione Toscana Stefania Saccardi e il presidente di Cesvot Federico Gelli. Sono inoltre previsti gli interventi della dirigente della Regione Paola Garvin, che presenterà una fotografia del terzo settore toscano, e del direttore di Cesvot Paolo Balli che, invece, entrerà nel merito dei temi scelti per la Conferenza.
“Quello che stiamo vivendo è un periodo di grandi trasformazioni, che mette in discussione gli stessi presupposti della vita sociale su cui si basa il nostro Paese – dice Stefania Saccardi, assessore al Diritto alla Salute e al Welfare della Regione Toscana – La recente riforma del Terzo settore ci impone di partecipare, istituzioni e soggetti delle economie solidali, a percorsi di programmazione e progettazione condivisi, per individuare nuovi punti di approdo dell’intero sistema di welfare toscano. Anche per questi motivi abbiamo deciso di convocare la prima Conferenza regionale del Terzo settore nel febbraio 2019 e di promuovere alcuni incontri di avvicinamento a quell’importante appuntamento, che si svolgeranno in autunno nelle tre aree vaste: il primo sarà appunto quello di Pisa del 5 ottobre. Saranno occasioni importanti di ascolto e condivisione per giungere preparati e motivati alla conferenza di febbraio. Le voci del Terzo settore toscano possono portare un contributo determinante per rielaborare insieme le politiche di welfare e di promozione dei diritti di tutti”.
“La Conferenza regionale del terzo settore – dichiara Federico Gelli, presidente di Cesvot – sarà un appuntamento fondamentale per tutti gli enti del terzo settore della Toscana, anche per fare il punto rispetto alla prima fase di attuazione della riforma. Come Cesvot siamo al lavoro per offrire alla Regione tutto il nostro supporto organizzativo e per coinvolgere quanto più possibile le associazioni toscane nel percorso di preparazione alla Conferenza. La Toscana dell’associazionismo e della solidarietà – conclude Gelli – vanta numeri importanti: 3.400 associazioni di volontariato, 2.557 associazioni di promozione sociale e 580 cooperative sociali che svolgono nel loro insieme un ruolo cruciale per il benessere delle nostre comunità, sia nei settori del socio-sanitario che in quelli di tutela e promozione dei beni culturali, dei diritti e dell’ambiente”.

L'articolo Terzo settore: verso la prima Conferenza regionale proviene da www.controradio.it.

Pd: segretario regionale Toscana: scontro Pescini-Gelli

Pd: segretario regionale Toscana: scontro Pescini-Gelli

Dieci giorni alla presentazione delle candidature e il Pd non ha scelto un segretario regionale per la Toscana. Gelli si candida contro Pescini, la cui elezione sembrava sicura, rimescolando le carte.

Si smuovono le acque per la candidatura a segretario regionale della Toscana, un Pescini che sembrava non avesse nemmeno bisogno di un elezione ma semplicemente di una nomina, visto la mancanza di avversari, si trova di fronte Gelli che ha deciso di candidarsi.

Pescini era il campione di Renzi&Co, diplomatico organico e diffidente verso ogni posizione estrema, scelto da un gruppo in cerca di continuità e di garanzie di sopravvivenza, ben consapevole che le liste per il parlamento passano sempre dalle mani del segretario regionale.

Campione che sembrava destinato a vincere a tavolino finchè all’orizzonte non è apparsa l’ombra di uno sfidante, l’ex deputato Federico Gelli che Renzi e compagnia avevano cercato di escludere. Pescini potrebbe fare il pieno nel Chianti ma Gelli può contare sul volontariato di tutta la regione, è una faccia conosciuta nel mondo della sanità ed è stato vicepresidente della regione, un valido avversario.

Il Pd, all’alba dello scontro, è preoccupato e cerca un ‘piano B’, ma nessuno sembra soddisfacente. In una Toscana, baluardo del partito, che dovrebbe segnare il punto della rinascita, si è creata una frattura interna, minacce anche dall’esterno da una Susanna Ceccardi (Lega) che punta al palazzo regionale.

Cosa fare? Si è gia provveduto a interpellare il grande Capo chiedendogli di districare il nodo, la risposta di Renzi è: calma, “Me ne occupo da sabato in poi”.

 

L'articolo Pd: segretario regionale Toscana: scontro Pescini-Gelli proviene da www.controradio.it.

Regione e Cesvot insieme per adeguarsi alla riforma

Regione e Cesvot insieme per adeguarsi alla riforma

🔈Firenze, Regione e Cesvot (Centro Servizi Volontariato Toscana) hanno stipulato un accordo di collaborazione che prevede azioni di supporto per lo sviluppo e la gestione delle attività del terzo settore.

L’accordo tra Regione e Cesvot è stato concepito alla luce della recente riforma del terzo settore che prevede una serie di adempimenti che tutte le associazioni e gli enti dovranno adottare entro il 3 febbraio 2019.

Il progetto prevede, oltre l’ordinaria attività di consulenza erogata da Cesvot alle associazioni di volontariato, 27 giornate di consulenza itinerante su tutto il territorio regionale. In ciascuna delle sedi delle delegazioni territoriali di Cesvot tutti gli enti del terzo settore potranno incontrare professionisti della materia, che offriranno loro, su appuntamento, tutta l’assistenza necessaria per aiutarli a definire il nuovo statuto.

Il servizio di consulenza, gratuito, è rivolto alle organizzazioni di volontariato e a tutti gli enti del terzo settore con sede in Toscana. Gli enti costituiti prima dell’entrata in vigore del Codice del terzo settore (3 agosto 2017) dovranno rispondere alle esigenze di adeguamento statutario entro il 3 febbraio 2019. Nella nostra regione gli adempimenti riguardano: 3.399 associazioni di volontariato, 2.442 associazioni di promozione sociale, 1.806 enti iscritti all’anagrafe delle onlus.

Il servizio sarà offerto da un team di esperti capaci di rispondere alle richieste in modo personalizzato. Da ottobre 2017 ad oggi, oltre 2.500 persone hanno partecipato agli incontri di formazione e di aggiornamento proposti da Cesvot sulla riforma, anche in partnership con la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e l’Anci. La Regione finanzia questo progetto con 65.000 euro.

Per il 9 febbraio 2019, Regione Toscana, con la collaborazione di Cesvot, sta organizzando la prima Conferenza regionale del terzo settore, che coinvolgerà tutto il mondo del volontariato e della cooperazione sociale. Un appuntamento molto importante, che vedrà tra gli 800 e i 1.000 partecipanti. Regione e Cesvot sono già al lavoro per l’organizzazione di questo evento, che si terrà al Mandela Forum.

Il modello è quello già sperimentato per la Conferenza regionale dello sport: una giornata di lavoro che permetterà di ascoltare il mondo del volontariato e della cooperazione sociale. In preparazione dell’evento, il prossimo ottobre nelle tre aree della Toscana (nord ovest, centro e sud est) si terranno incontri con le organizzazioni locali del terzo settore.

I contenuti e le finalità dell’accordo, le iniziative in programma, sono stati illustrati dall’assessore al diritto alla salute e al welfare Stefania Saccardi, assieme al presidente del Cesvot Federico Gelli.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Federico Gelli e Stefania Saccardi:

Sul sito Cesvot tutti gli aggiornamenti e le scadenze sulla nuova normativa: http://www.cesvot.it/archivio-atti-normativi/riforma-del-terzo-settore-aggiornamenti-e-strumenti-utili-sulla-nuova-normativa

L'articolo Regione e Cesvot insieme per adeguarsi alla riforma proviene da www.controradio.it.

Pieroni (PD): candidature frutto logica fedeltà a capo

Pieroni (PD): candidature frutto logica  fedeltà  a capo

Così in una nota il consigliere regionale del Pd Andrea Pieroni, pisano, che si chiede tra l’altro come sia stato possibile che a Pisa, “non ci sia stata la forza politica di assicurare la ricandidatura di Federico Gelli, parlamentare uscente, nonostante i due documenti a supporto della direzione provinciale?

“Sconcerto” per la scelta delle candidature del Pd, “frutto di cooptazione e fedeltà”. Così in una nota il consigliere regionale del Pd Andrea Pieroni, pisano, che si chiede tra l’altro come sia stato possibile che a Pisa, “non ci sia stata la forza politica di assicurare la ricandidatura di Federico Gelli, parlamentare uscente, nonostante i due documenti a supporto della direzione provinciale? Possibile che non ci sia stata la volontà politica di proporre una candidatura forte ed autorevole dell’area pisana che potesse fare da traino anche in vista delle imminenti elezioni comunali?”. La riflessione di Pieroni “è frutto – spiega lo stesso consigliere – della constatazione di come, anche nella scelta delle candidature, ci sia stato un ulteriore arretramento dai territori, una crescente sordità verso le proposte delle comunità politiche locali, che devono essere invece il nerbo di una forza politica plurale e radicata”. Ma “lo sconcerto sulle liste passa in secondo piano se paragonato alla prospettiva, che molti osservatori politici tracciano con sempre maggiore frequenza, di un Pd destinato a cambiare la propria radice genetica, trasformandosi da partito aperto, inclusivo, dialogante, plurale, a partito costruito ad immagine e somiglianza del capo, imperniato sui meccanismi di cooptazione e fedeltà”.

L'articolo Pieroni (PD): candidature frutto logica fedeltà a capo proviene da www.controradio.it.