“Premio di tutte le arti” Fondazione Elisabetta e Mariachiara Casini

“Premio di tutte le arti” Fondazione Elisabetta e Mariachiara Casini

🔈Firenze, domenica si celebra la Giornata mondiale della memoria delle vittime della strada, per la prima volta riconosciuta anche dallo Stato Italiano, ed in questa occasione Palazzo Vecchio torna a ospitare il “Premio di Tutte le arti”, si tratta di una iniziativa che coniuga la celebrazione dell’arte con il ricordo delle vittime sulla strada che è promosso dalla “Fondazione Elisabetta e Mariachiara Casini” presieduta da Doretta Boretti.

La cerimonia di premiazione si terrà nel Salone dei Cinquecento a partire dalle 10.30 e sarà presente anche l’assessore alla sicurezza urbana e Polizia Municipale Federico Gianassi. Quest’anno il tema scelto è stato “La magia dell’arte nelle ombre della vita”, il premio è dedicato dalla letteratura alla pittura, alla scultura, alla musica, alla danza, al canto, alla recitazione, al cinema, al giornalismo.

La premiazione di domenica sarà preceduta sabato alle 10.30 dall’inaugurazione della mostra itinerante della Biennale che quest’anno sarà ospitata in due location: la Sala d’Arme dove esporrà Andrea Stella (vincitore di un premio della Fondazione) e la Zeffirelli’s Tea Room dove saranno presentate le opere di Lucia Zei, Claudia Gioa, Letizia Lo Verde, Fabio Deiana e Pablo Treviño (vincitori di premi nella sezione giovani pittura e scultura). La prima mostra sarà aperta sabato e domenica, la seconda rimarrà visitabile fino 24 novembre. Ingresso libero.

Gimmy Tranquillo ha intervistato l’assessore Gianassi e  Doretta Boretti presidente Fondazione Elisabetta e Mariachiara Casini Onlus:

L'articolo “Premio di tutte le arti” Fondazione Elisabetta e Mariachiara Casini proviene da www.controradio.it.

Firenze, sicurezza: presto attive 800 telecamere

Firenze, sicurezza: presto attive 800 telecamere

Firenze sarà a breve la terza città italiana per numero di telecamere di sicurezza: alle 480 oggi in funzione se ne aggiungeranno altre 250 entro marzo, con l’obiettivo di portarle a breve a 800.

Lo ha annunciato l’assessore comunale alla sicurezza di Firenze Federico Gianassi, intervenendo oggi alla firma di una convenzione per l’uso delle immagini della rete di videosorveglianza comunale da parte del comando provinciale della guardia di finanza. Con questa convenzione le centrali operative collegate con la rete sono ora 18 in tutta l’area fiorentina.

“Proseguiamo con l’implementazione della rete comunale – ha spiegato Gianassi – grazie ai fondi del ‘Patto per Firenze’ siglato due anni fa dall’allora presidente del Consiglio, Matteo Renzi e dal sindaco Nardella, e continueremo con altri investimenti. Già oggi siamo la quarta città italiana per numero assoluto di telecamere e con queste nuove installazioni diventeremo la terza”. Un intervento, ha aggiunto l’assessore, “nell’interesse dei cittadini, che lo apprezzano, perché ci consente ad avere più aree controllate e di fare prevenzione; nel caso questa non bastasse, possiamo aiutare la polizia giudiziaria e la procura ad individuare i responsabili di atti gravi, come è già succeso”.

Con Gianassi, Filippo Cioni, della direzione servizi tecnici di Palazzo Vecchio, e il comandandante provinciale della Guardia di Finanza, generale Benedetto Lipari. “Utilizzaremo il sistema per i nostri compiti specifici in ambito economico finanziario – ha spiegato il comandante – ma servirà anche a integrare il sistema di telecontrollo delle nostre pattuglie ‘Grifo’, indispensabile per poterle guidare e orientare dove serve, nel modo migliore”

L'articolo Firenze, sicurezza: presto attive 800 telecamere proviene da www.controradio.it.

Festa della Polizia Municipale, l’open day in piazza della Signoria

Festa della Polizia Municipale, l’open day in piazza della Signoria

Nell’ambito del 164esimo anniversario della fondazione della Polizia Municipale di Firenze si è svolta oggi la cerimonia con la consegna dei riconoscimenti nel Salone dei Cinquecento alla presenza del sindaco Nardella. In piazza nove stand per scoprire le attività svolte dal corpo

Una cerimonia nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio alla presenza del sindaco Nardella e un open day con nove stand in piazza Signoria dedicato ai cittadini che vogliono conoscere il lavoro quotidiano degli agenti. Queste le attività svolte oggi nell’ambito del 164esimo anniversario della fondazione della Polizia Municipale di Firenze.

Le celebrazioni sono iniziate alle 8.30 con la deposizione della corona ai caduti nel piazzale del Comando di Porta al Prato e proseguite alle 9.30 con messa nella chiesa di San Carlo in via dei Calzaiuoli. Poi il corteo si è spostato in piazza Signoria, alle 10.30, dove è avvenuta la cerimonia che alle 11 si è spostata nel Salone dei Cinquecento, presenti sindaco Dario Nardella, dell’assessore alla sicurezza urbana e Polizia Municipale Federico Gianassi e del comandante Alessandro Casale. Sono stati consegnati i riconoscimenti ad agenti e ufficiali che si sono particolarmente distinti sul lavoro.

Ma quest’anno l’anniversario numero 164 della fondazione del corpo ha un momento dedicato ai cittadini. Dalle 10.30 alle 18 in piazza Signoria saranno presenti nove stand che raggrupperanno tutti i nuclei e reparti e per l’intera giornata gli agenti e gli ufficiali della Polizia Municipale illustreranno la loro attività, anche con dimostrazioni. È presente Piper, il primo cane antidroga, che mostra ai presenti come lavora quotidianamente per scovare gli stupefacenti nascosti. Nello stand dell’Autoreparto e dell’infortunistica stradale gli agenti illustrano il funzionamento del pretest dell’alcol e dell’etilometro e del test antidroga e mostrano il funzionamento di dispositivi quali scout speed e telelaser. I cittadini possono anche provare degli occhiali speciali che simulano la visuale di una persona in stato di ebbrezza. Nello spazio dedicato alla polizia di prossimità sono presenti i vigili di quartiere e viene proiettato un video sull’incontro sul tema truffe agli anziani effettuato al Parterre. Presso gli stand è possibile chiedere informazioni sulla Polizia Municipale e viene distribuita  una brochure che illustra tutte le attività che svolge in città.

L'articolo Festa della Polizia Municipale, l’open day in piazza della Signoria proviene da www.controradio.it.

Amato (PaP): “Residenti espulsi dal centro storico, politica della Casa fallimentale”

Amato (PaP): “Residenti espulsi dal centro storico, politica della Casa fallimentale”

“E’ fallimentare la politica della Casa dell’amministrazione per ripopolare il centro storico quando in nove mesi 478 residenti, 209 famiglie del centro storico, sono stati sfrattati dai turisti, per fare spazio ad affittacamere e Airbnb”. Lo afferma Miriam Amato, consigliera aderente a Potere al Popolo, dopo la risposta alla sua interrogazione in Consiglio da parte dell’assessore al patrimonio Gianassi.

“E’ fallimentare anche la svendita dei 42 alloggi, di fatto Erp, all’Invimit – sottolinea la consigliera – vengono ricavati poco più di 3 milioni di euro e si tratta di alloggi anche del centro storico come quelli in via dei Pepi, in via dello Sprone e del Leone”.”Si fa troppo poco per ridurne l’emorragia di residenti dal centro e sopratutto per limitare la conversione di appartamenti in case vacanza o Airbnb” conclude Amato.

”I dati del Sunia sugli sfratti anche in centro storico sono sconvolgenti – aggiunge la consigliera – e non basta che l’amministrazione abbia recentemente annunciato di alloggi per 17 nuove famiglie alle Murate per settembre”. “Oltretutto è miopia politica – prosegue Amato – che alla ex scuola dei marescialli dei carabinieri di piazza Stazione l’amministrazione confermi di non prevedere anche housing sociale”.

 

L'articolo Amato (PaP): “Residenti espulsi dal centro storico, politica della Casa fallimentale” proviene da www.controradio.it.

Via de’Neri: ordinanza ad hoc dopo aggressione

Via de’Neri: ordinanza ad hoc dopo aggressione

Via de’Neri è al centro del ciclone degli ultimi giorni, troppi turisti che affollano i marcapiedi per mangiarvi e talvolta scoppiano disordini, come l’aggressione avvenuta ieri, perciò dal comune arriva un’ordinanza ad hoc.

Dal comune arriva un’ordinanza ad hoc per Via de’Neri dopo l’aggressione di un commerciante da parte di turisti spagnoli.

Nelle parole di condanna di Cecilia del Re e Federico Gianassi  “Per i fatti inaccettabili avvenuti. In città non ci sono zone franche, ci auguriamo che i colpevoli vengano puniti”, riecheggia il pugno di ferro del Comune che vuole una stretta sui bivacchi di “Borg’unto”.

Palazzo Vecchio decide di intervenire emanando un’ordinanza urgente per vietare per motivi di ordine pubblico il consumo dei cibi in Via de’Neri fuori dalle attività commerciali. Il provvedimento prevede un raddoppio del presidio dei vigili, dalle ore 12 alle 15 e dalle 16 alle 21, pena multe.

Questa ordinanza fa fronte alla necessità di dotare i vigili di strumenti più efficaci rispetto al regolamento della polizia municipale che vieta i bivacchi e di ostruire il passaggio dei pedoni ma non vieta di consumare un gelato o un panino per strada.

L’ordinanza non lascerà però i consumatori senza un luogo dove mangiare, presto infatti compariranno cartelli informativi sul divieto, sulle multe e sul luogo dove poter andare a consumare senza incorrere in sanzioni.

 

 

L'articolo Via de’Neri: ordinanza ad hoc dopo aggressione proviene da www.controradio.it.