Ferragosto: 65% di negozi aperti in Toscana

Ferragosto: 65% di negozi aperti in Toscana

L’intero mese di agosto non è più sinonimo di chiusura per le attività economiche delle città, soprattutto in quelle a forte vocazione turistica, la settimana clou, quella di Ferragosto, vedrà una percentuale di attività aperte che si attesta attorno al 65% nelle città e al 50% nei centri minori. Per avere un riferimento temporale negli anni ’80, nella settimana di Ferragosto, la percentuale di attività chiuse era pari al 90%, mentre negli anni ’90 era dell’80%. Sono dati resi noti oggi da Confesercenti Toscana.

Dobbiamo prendere atto che stiamo attraversando un periodo di forti cambiamenti, e gli imprenditori devono essere in grado di stare al passo e rispondere alle esigenze dei consumi – afferma Nico Gronchi Presidente Confesercenti Toscana –. Stiamo andando incontro ad una nuova concezione delle città: città aperte h24, con luci che non si spengono mai ed attività che non abbassano mai la saracinesca.”

E’ profondamente cambiata l’idea di Ferragosto nelle nostre città, le attività rimangono ‘aperte per ferie’ per riuscire a rispondere alle richieste dei turisti e dei residenti che non partono per le ferie, ha continuato Gronchi – In Toscana dovremmo essere bravi a sfruttare il tema delle ‘aperture per ferie’ per spostare l’attenzione verso quei centri minori che non riescono ad attirare l’attenzione dei turisti. L’obiettivo è promuovere, anche, le località minori sfruttando la vicinanza ai principali poli di attrazione”.

Sorride, poi, anche l’industria turistica regionale. Dopo i primi cinque mesi con valori di crescita, grazie al buon andamento dei primi due mesi, del periodo pasquale e ai risultati importanti registrati nei ponti di primavera, anche i primi dati relativi ai due mesi estivi (giugno e luglio) inducono all’ottimismo. Si registra una crescita di 2,5 punti in percentuale rispetto allo stesso periodo del 2016 con una crescita maggiore per la clientela straniera, con valori positivi anche per la domanda italiana. Complice anche il gran caldo le località balneari hanno registrato valori positivi con punte molto elevate nei week end, ma valori positivi si sono registrate anche nelle località montane e nelle città d’arte. Sono queste le indicazioni emerse dall’indagine del Centro Studi Turistici di Firenze presso un campione di 695 imprese ricettive regionali.

I dati dell’indagine campionaria presso le strutture ricettive sono confermati dalla analisi della disponibilità di camere sui vari portali delle OLTA; infatti, in base al monitoraggio del CST la saturazione dell’Offerta Ricettiva Regionale Disponibile Onlineper il week end di Ferragosto (dal 12 al 16 agosto 2017 – 4 notti) dovrebbe attestarsi a circa l’87%% (oltre 2 punti in aumento rispetto alla stessa rilevazione del 2016), con punte più elevate per le località balneari, le località montane e di campagna.

Le destinazioni. La tendenza positiva della domanda turistica è attesa in tutte le aree della Toscana, con valori percentuali più alti per le località della costa ma anche per le città d’arte. A farla da padrone sono, quindi, le località balneari dove si rileva un tasso di occupazione delle camere disponibili online intorno al 96%; dati importanti anche per le città d’arte con un tasso di occupazione fra l’80% e l’85%, con punte significative per Firenze, Siena e Pistoia. Bene anche le località montane e collinari che raggiungono tassi di occupazione online intorno al 90%.

L'articolo Ferragosto: 65% di negozi aperti in Toscana proviene da www.controradio.it.

IL “GREY CAT FESTIVAL” ACCENDE LA MAREMMA SULLE NOTE DEL JAZZ

Grey Cat Festival

Torna la 23esima edizione del prestigioso “Grey Cat Festival”: dal 1 al 20 Agosto da Grosseto a Follonica, da Scarlino a Castiglion della Pescaia eventi e concerti con alcuni tra i maggiori artisti sulla scena internazionale.

Con ventitre edizioni alle spalle Grey Cat si presenta come una delle manifestazioni più prestigiose e longeve nel quadro nazionale dei festival di musica jazz. Ne è uno dei punti di forza l’armonico inserimento nel territorio maremmano, con la capacità di coinvolgimento del territorio, avendo interessato nei suoi anni di attività, oltre ad i Comuni di Grosseto e Follonica – tradizionali sedi di una importante parte delle iniziative – anche i comuni di Roccastrada, Scarlino, Arcidosso, Monte Argentario, Capalbio, Castiglione della Pescaia, Massa Marittima, Pitigliano, caratterizzandosi di fatto come un sistema in rete, volto a realizzare un importante equilibrio tra proposta di qualità e razionalizzazione delle energie ed aspettative presenti sul territorio.

rea-2-e1496323101683

Le ultime edizioni hanno visto la partecipazione di importanti artisti di livello internazionale e nazionale ed un nutrito programma di produzioni originali tra cui l’omaggio a Michel Petrucciani che, su ideazione di Stefano “Cocco” Cantini, direttore artistico del Festival, da anni costituisce un forte momento di identità di Grey Cat. Dal 2007 il festival propone un’appendice invernale: arte, musica, mostre, sempre in location particolari e ricche di storia.

RB_Mandekan_Cubano1_Rebecca_Meek-Copia-e1495790387697

Il cartellone parte il 1 Agosto a Gavorrano nel Grossetano presso la Rocca di Frassinello dove alle 20 si esibirà Danilo Rea al piano. Le improvvisazioni di Rea spaziano su qualsiasi repertorio: dai capisaldi del jazz, passando per le canzoni italiane, fino alle arie d’opera. Il tutto sarà condito da una degustazione  alla Cantina e aperitivo con i vini di Rocca di Frassinello, di salumi e formaggi locali. Mercoledì 2 Agosto si continua al Teatro all’aperto Le Ferriere di Follonica con Richard Bona e il Mandekan Cubano: un concentrato di energia, in cui si esplora l’alchimia di ritmi africani a Cuba. Sempre presso il teatro Le Ferriere Sabato 5 Agosto alle 21:30 è la volta di uno dei maggiori sassofonisti della scena jazz e non solo: Kevin Garrett. Domenica 6 Agosto è invece la volta di Gegè Telesforo, cultore della musica nera, polistrumentista, compositore, ma anche produttore discografico, conduttore radiotelevisivo ed entertainer, che si esibirà alle 21:30 a Piazza Silvieri di Follonica.

Grey Cat

Martedì 8 Agosto Enrico Rava si esibirà con la sua band presso il teatro all’aperto La Ferriere di Follonica. Posto Unico 18/16€ + d.p. L’inedito quartetto “Linee di Demarcazione” si esibirà presso il Castello di Scarlino a Scarlino Mercoledì 9 Agosto. Posto Unico € 15/13. Venerdì 11 Agosto, invece, è la volta di Barbara Casini e iil Duo Taufic a Piazza del Museo Archeologico di Vetulonia alle 21:30. Ingresso libero. Ospite d’eccezione Sabato 12 Agosto presso il Castello di Scarlino alle 21:3: Antonella Ruggiero e il suo trio porteranno in scena un repertorio che spazierà dagli Anni ’30 agli Anni ’50, attraversando il musical di Broadway, ma anche il fado portoghese, il repertorio cubano, la canzone francese, il tango argentino e il repertorio italiano. Posto unico 18/16 € + d.p. Si continua Domenica 13 alle 21:30 presso il Teatro delle Rocce a Gavorrano con la The Art Ensemble di Chicago. Posto unico € 20/18 + d.p. I “Musica Nuda” invece, presenteranno il loro nuovo album “Leggera” Lunedì 14 presso Villa Ginori Conti a Castelnuovo Val di Cecina alle 21:30.

Spinetti_Magoni_PH_Massimo_Zannoni01

Le note di Jimi Hendrix infiammeranno il Ferragosto  con la “Purple Whales” presso il Museo S. Pietro all’Orto a Massa Marittima. Posto unico € 5. Mercoledì 16 Agosto è la volta del “Raffaele Pallozzi Trio” presso il parco Fonte di Vandro a Sassofortino alle 21:30. Ingresso Libero. Alla Rocca degli Alberti di Monterotondo Marittimo Stefano Scalzi si esibirà Giovedì 17 Agosto alle 21:30. Mercoledì 19 Agosto, invece, alle 21:30 il Cassero Senese di Grosseto si animerà sulle note di Francesco Bearzatti e della Tinissima Quartet. Posto Unico € 15/13. Infine, si chiude questa edizione con l’esibizione del “Roberto Gatto Quartet” Domenica 20 Agosto presso il Cassero Senese di Grosseto alle 21:30. Posto Unico € 15/13.

 

 

The post IL “GREY CAT FESTIVAL” ACCENDE LA MAREMMA SULLE NOTE DEL JAZZ appeared first on Controradio.

Ferragosto nei musei fiorentini

Ferragosto nei musei fiorentini.

 

Cadendo di venerdì, Ferragosto sarà quest’anno l’inizio di un lungo fine settimana che offre interessanti opportunità a chi decide di trascorrere l’apice estivo visitando i musei del Polo fiorentino.
Tutti i principali musei del Polo Fiorentino funzioneranno a pieno regime durante l’intero weekend: la Galleria degli Uffizi e la Galleria dell’Accademia, tutti i musei di Palazzo Pitti (Galleria Palatina, Museo degli Argenti, Galleria d’arte moderna, Galleria del Costume, Museo delle porcellane) e il Giardino di Boboli; il Museo delle Cappelle Medicee, il Museo di Palazzo Davanzati.
Tra i musei con ingresso libero, saranno visitabili durante tutto il fine settimana il Cenacolo di Andrea del Sarto e le ville medicee de La Petraia, Poggio a Caiano e Cerreto Guidi, mentre il Giardino della Villa medicea di Castello sarà aperto solo venerdì e sabato.
Da sottolineare che il Museo nazionale del Bargello e il Museo di San Marco saranno aperti per Ferragosto e sabato 16, ma resteranno chiusi per turno domenica 17.
Quindi solo sabato mattina saranno visitabili il Cenacolo di Ognissanti e il Cenacolo di Fuligno.
Da non scordare, inoltre, che venerdì 15 agosto la Galleria degli Uffizi, la Galleria dell’Accademia, il Museo delle Cappelle Medicee e il Museo nazionale del Bargello resteranno aperti straordinariamente anche dalle 19 alle 21.
In tutti i casi è consigliabile la prenotazione, chiamando il numero di Firenze Musei 055-294883.

Le mostre
Assai corposo è anche il carnet delle mostre che in questo periodo arricchisce l’offerta dei musei del Polo Fiorentino, le prime delle quali sono parte integrante del programma dell’edizione 2014 di “Un anno ad arte”.
Alla Galleria degli Uffizi prosegue infatti la mostra “Puro semplice e naturale nell’arte a Firenze tra Cinque e Seicento” che punta ad illustrare una precisa identità dell’arte fiorentina, attraverso un ricco e serrato contrappunto tra pittura e scultura, articolato in nove sezioni che raggruppano circa ottanta opere e trentacinque artisti.
Alla Galleria dell’Accademia è allestita la mostra “La fortuna dei Primitivi. Tesori d’arte dalle collezioni italiane fra Sette e Ottocento” che si propone di offrire un punto critico-bibliografico su questo importantissimo fenomeno culturale riguardante la storia del gusto e del collezionismo in Italia, tra la fine del Sette e l‘inizio dell’Ottocento, che esercitò tra l’altro una rilevante influenza diretta sulla formazione delle grandi raccolte d’arte pubbliche nei maggiori paesi europei.
Molto interessante anche la mostra “Sacri splendori. Il tesoro della “Cappella delle reliquie” in Palazzo Pitti” in svolgimento negli spazi del Museo degli Argenti, la quale, attraverso un minuzioso lavoro di archivio, intende restituire un’immagine di queste preziosissime collezioni, testimonianza della profonda devozione della famiglia granducale e al contempo simbolo di prestigio e di magnificenza, fonte di denaro e coagulo di identità collettiva.
Le sale della Galleria Palatina di Palazzo Pitti ospitano la mostra “Jacopo Ligozzi “Pittore Universalissimo” (Verona 1547 – Firenze 1627)” (arricchita da una sezione distaccata dell’esposizione nella Sala detti del Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi) che indaga la lunga e complessa vicenda artistica di questo pittore.
E se al Museo delle Cappelle Medicee prosegue la mostra “Arte e Politica. L’Elettrice Palatina e l’ultima stagione della committenza medicea in San Lorenzo” dedicata a Anna Maria Luisa de’ Medici, alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti è da vedere la selezione di abiti in mostra dal titolo “Donne del Novecento”, mentre alla Villa medicea di Poggio a Caiano si può ammirare “Contrappunti. Arte contemporanea nella Villa medicea di Poggio a Caiano”, una serie di opere selezionate dal Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato e presentate al piano terra e al secondo piano della villa in un confronto diretto fra la ricerca artistica, pittorica e plastica dei toscani Roberto Barni, Massimo Barzagli, Alberto Moretti, Gianni Ruffi e l’opera video del cinese Yang Jiechang (realizzata nella vicina Carmignano) con lo straordinario patrimonio della residenza che nei secoli fu dei Medici, degli Asburgo Lorena, dei Bonaparte e dei Savoia.