Liberazione: domani Firenze celebra il 75esimo anniversario

Liberazione: domani Firenze celebra il 75esimo anniversario

Un intervento del sindaco Dario Nardella e la testimonianza di due partigiani saranno al centro delle celebrazioni per il 75mo anniversario della Liberazione di Firenze, in programma domenica 11 agosto.

Il primo evento della giornata, dedicata alla Liberazione di Firenze, si terrà alle 7 a Palazzo Vecchio, quando ci saranno i rintocchi della Martella, la campana della Torre di Arnolfo, che l’11 agosto 1944 annunciò alla città il ritorno alla libertà e alla democrazia.

A seguire, alle 9.45 in piazza Santa Croce si terrà la cerimonia solenne dell’alzabandiera con la deposizione di una corona di alloro da parte delle autorità civili, religiose e militari e sarà reso onore ai caduti di tutte le guerre con le preghiere di suffragio.

Al termine della cerimonia partirà un corteo diretto a Palazzo Vecchio, con al seguito i gonfaloni di Firenze, della Regione Toscana, della Città metropolitana e dei vari Comuni dell’area fiorentina, oltre ai labari della federazione delle associazioni partigiane e delle associazioni d’arma e combattentistiche.

Sull’Arengario di Palazzo Vecchio è in programma l’intervento del sindaco Dario Nardella insieme alle testimonianze di due rappresentanti dell’Anpi di Firenze: Leandro Agresti, nome di battaglia Marco, uno dei primi partigiani a salire a Monte Morello, e Riccardo Mattei, figlio della partigiana Liliana Benvenuti ‘Angela’.

In conclusione dell’iniziativa, la sera si terrà un concerto per la cittadinanza della Filarmonica ‘Giacomo Puccini’ di Prato sull’Arengario.

L'articolo Liberazione: domani Firenze celebra il 75esimo anniversario proviene da www.controradio.it.

Prato, 25 aprile: fischi a prefetto, pm chiede archiviazione

Prato, 25 aprile: fischi a prefetto, pm chiede archiviazione

Il procuratore di Prato Giuseppe Nicolosi ha chiesto al gip di archiviare le indagini per la contestazione contro il prefetto Rosalba Scialla e il questore Alessio Cesareo avvenuta il 25 aprile scorso.

Quel giorno, in occasione della cerimonia a Prato in piazza S.Maria delle Carceri per la Festa della Liberazione, partirono fischi e cori e furono mostrati cartelli contro prefetto e questore. Il fascicolo, secondo quanto appreso, è stato chiuso con una richiesta di archiviazione per insussistenza dei fatti.

L’indagine era stata avviata pochi giorni dopo il 25 aprile, in seguito a un’informativa della Digos inviata dalla questura alla procura.
Prefetto e questore furono contestati per aver consentito a Forza Nuova di manifestare a Prato il 23 marzo scorso, in occasione del centenario della creazione dei Fasci di combattimento. A proposito di questa manifestazione, è tuttora aperto in procura il fascicolo che vede indagato per apologia di fascismo l’ex leader di Forza Nuova a Prato Massimo Nigro: i magistrati vogliono chiarire gli aspetti organizzativi e le eventuali responsabilità. Pochi giorni fa, convocato in procura, Nigro si è avvalso della facoltà di non rispondere.

L'articolo Prato, 25 aprile: fischi a prefetto, pm chiede archiviazione proviene da www.controradio.it.