FESTIVAL DEI BAMBINI. NUOVI MONDI – 2016

Firenze 15 | 17 Aprile 2016
Terza edizione
Il Festival dei Bambini. Nuovi Mondi è una manifestazione dedicata ai più piccoli, al loro mondo, alla loro creatività e alla loro fantasia: un’occasione di crescita attraverso un percorso esperienziale di condivisione, coinvolgimento e di scambio di valori e conoscenze.
3 giorni di eventi a ingresso gratuito che trasformano piazze e palazzi del centro storico in luoghi d’incontro, gioco, divertimento e apprendimento.
Di seguito il calendario delle attività nei Musei Civici Fiorentini.

Nota bene: Le attività con* sono su prenotazione, le attività con ** sono senza prenotazione. 

 

 

MUSEO DI PALAZZO VECCHIO

  • Il mondo in una stanza*
    La sala delle Carte Geografiche in Palazzo Vecchio mostra tutte le terre conosciute nella seconda metà del Cinquecento: una sala straordinaria, nella quale si può immaginare di compiere un viaggio in tutto il mondo. Dopo aver approfondito il tema delle grandi esplorazioni dell’età moderna ed essersi immedesimati nello spirito degli uomini che per primi hanno tracciato nuove rotte e scoperto nuovi mondi, sarà possibile per i bambini e per le loro famiglie ridisegnare terre e mari della propria storia e della propria immaginazione dando vita a un nuovo – enorme – mappamondo.
    Per chi: famiglie con bambini 6/11
    Quando: sabato 16 aprile h10.30-h11.00-h11.30-h12.00-h12.30 e h15.00-h15.30-16.00- 16.30- 17.00- 17.30
  • Per fare una città ci vuole un fiore*
    Firenze deve il suo nome alla fondazione di un castrum romano su una vivace distesa fiorita lungo il fiume Arno. Non è facile stabilire se si tratti di verità storica o mitica, così come non è facile definire quale sia il fiore che simboleggia la città dalla sua nascita: un giglio, un iris, un giaggiolo? Nella prima parte il racconto porterà i bambini a rivivere la leggenda di fondazione di Firenze e a immergersi nella storia di Flora, scoprendo il suo legame speciale con la città. Nella seconda parte i bambini percorreranno le stanze di Palazzo Vecchio alla ricerca dei diversi “gigli” che le ornano. L’attività porterà i bambini a riappropriarsi del simbolo della città e comprendere come Firenze sia proprio come un fiore, da custodire con cura. A ogni classe verrà consegnato un bulbo di Iris Pallida Dalmatica…da far crescere e sbocciare.
    Per chi: famiglie con bambini 4/7
    Quando: sabato 16 aprile h10-h11-h12
  • Aria, acqua, terra, fuoco: i quattro elementi del mondo*
    La saggezza antica cercò di dare risposta all’interrogativo universale circa l’origine del mondo e degli uomini attraverso il mito: un baratro buio e incolmabile – privo di odori, colori e suoni – da cui si generarono l’acqua, la terra, l’aria e il fuoco, che per secoli costituirono gli elementi attraverso cui conoscere le dinamiche del cosmo e dell’essere umano. Prendendo le mosse dall’osservazione degli affreschi presenti nella sala degli Elementi in Palazzo Vecchio i bambini potranno, grazie a una scenografica installazione e a una serie di stimoli multisensoriali, soffermarsi in forma interattiva e coinvolgente su Aria, Acqua, Terra e Fuoco, scoprendo quanto essi si intreccino alla loro vita di tutti i giorni.
    Per chi: famiglie con bambini 8/12
    Quando: sabato 16 aprile  h15-h16-h17
  • La favola profumata della natura dipinta*
    La bellezza e l’equilibrio perfetto della Natura erano inesauribili fonti d’ispirazione per l’uomo del Rinascimento. Attraverso la contemplazione della Natura, l’uomo poteva cercare di attingere ai segreti della vita e della felicità; per questo motivo i palazzi di corte cominciarono ad arricchirsi di giardini dove passeggiare. È difficile immaginare che in un palazzo di pietra la Natura possa avere un ampio spazio; eppure in Palazzo Vecchio è decisamente presente, voluta da un Duca e da una Duchessa che avevano un grande amore per la terra, la caccia, la pesca, i cavalli e i giardini. Ecco una favola che – anche grazie alla magia dei profumi – saprà restituire il ricordo, e quindi la vita, alla meravigliosa natura dipinta nelle sale del Palazzo.
    Per chi: famiglie con bambini 4/7
    Quando: domenica 17 aprile h10-h11-h12

 

 

MUSEO NOVECENTO

  • Incidere ad arte**
    Un laboratorio artistico per conoscere i segreti della tecnica dell’incisione: nel chiostro del museo sarà possibile familiarizzare con la puntasecca, una delle più antiche pratiche artistiche incisorie, cimentandosi nelle diverse fasi di esecuzione, dal disegno su lastra alla stesura dell’inchiostro fino alla stampa.
    Per chi: famiglie con bambini 8/12 anni
    Quando: domenica 17 aprile h10.30/13.30 e h15/18  – senza prenotazione
    Durata: 30’ circa

 

  • Una scampagnata al Museo**
    E se il chiostro del Museo Novecento si trasformasse, per un momento, in un prato di campagna? Certamente al pascolo troveremmo mucche d’autore, che i grandi artisti del XX secolo hanno reinterpretato in chiave personale e che i bambini, capovolgendo il consueto atto di creazione artistica, potranno cimentarsi nel “cancellare”, pennellata dopo pennellata. Un laboratorio inedito per riflettere sulle infinite forme di rappresentazione della realtà cui il Novecento ha dato vita.
    Per chi: famiglie con bambini 4/10 anni
    Quando: sabato 16 aprile h10.30/13.30 e h15.00/18.00 – senza prenotazione

 

LE MURATE. PROGETTI ARTE CONTEMPORANEA

  • Voci del tempo*
    La zona compresa tra il Bargello e Porta la Croce, attualmente in piazza Beccaria, risulta sin dal Medioevo legata alla prigionia: oltre a via dei Malcontenti, un tempo percorsa dagli infelici prigionieri verso il patibolo, dove oggi si trova il Teatro Verdi si ergeva il carcere cittadino delle Stinche, che venne trasferito nell’Ottocento nell’antico convento delle Murate dove rimase attivo fino agli anni Ottanta del Novecento, quando si avviò per il luogo una nuova apertura alla vita cittadina. Dopo un breve percorso alla scoperta del rinnovato complesso delle Murate, l’attività propone una riflessione intorno ai temi di privazione e di libertà avviando un confronto con la quotidianità dei bambini. Infine, il giovane pubblico verrà accompagnato all’interno del vecchio “carcere duro”, zona di massima reclusione, dove potranno conoscere e interagire con l’installazione artistica Nuclei (vitali) di Valeria Muledda.
    Per chi: famiglie con bambini 8/12 anni
    Quando: domenica 17 aprile h10.30 -11.30 – 12.30

 

  • Storie di mondi*
    Alle Murate, due occasioni di incontro con la cultura ebraica e con la cultura islamica dedicate ai bambini e alle loro famiglie. Nello spazio Le Murate. Progetti Arte Contemporanea, sulla scia del lavoro artistico di Claudia Roselli Inshallah-Shalom, saranno scelti due racconti delle due culture: storie narrate dai protagonisti delle comunità islamica ed ebraica, con cui sarà possibile avviare subito dopo una riflessione e un dialogo “a misura di bambino”. Nella Sala Nemech – New Media For Cultural Heritage invece il racconto delle due culture sarà virtuale e multimediale.
    Per chi: famiglie con bambini 8/12 anni
    Quando: domenica 17 aprile h15-h16-h17

 

LE MURATE _SALA NEMECH

  • Storie di mondi**
    Alle Murate, due occasioni di incontro con la cultura ebraica e con la cultura islamica dedicate ai bambini e alle loro famiglie. Nello spazio Le Murate. Progetti Arte Contemporanea, sulla scia del lavoro artistico di Claudia Roselli Inshallah-Shalom, saranno scelti due racconti delle due culture: storie narrate dai protagonisti delle comunità islamica ed ebraica, con cui sarà possibile avviare subito dopo una riflessione e un dialogo “a misura di bambino”. Nella Sala Nemech – New Media For Cultural Heritage invece il racconto delle due culture sarà virtuale e multimediale.

    Per chi: famiglie con bambini 8/12 anni
    Quando: domenica 17 aprile h10.30/13.30 e h15/18 – senza prenotazione

 

Informazioni importanti .
Scarica il programma completo del Festival dei bambini.


Info e prenotazioni

Tel. +39 055 2768224 – +39 055 2768558 da lunedì a sabato 9.30-13.00 e 14.00 -17.00, domenica e festivi 9.30-12.30
Mail info@muse.comune.fi.it

 

 

Florence Design Week

Da mercoledì 27 a domenica 31 maggio tornerà Florence Design Week, il festival internazionale dedicato al design, alla creatività e alle arti visive giunto quest’anno alla sua VI edizione.

Il tema di quest’anno sarà “Creative Cities” e vedrà Firenze al centro di un grande viaggio, uno scambio culturale tra le maggiori città design-oriented del mondo: sarà infatti un’edizione dedicata alla cultura delle città a misura d’uomo, alle smart cities, alla sostenibilità, all’eco-lusso e al tourism design (in concomitanza con Expo Tuscany – La Toscana ad Expo) e proporrà un city-break internazionale alla scoperta delle più creative destinazioni turistiche.
L’obiettivo sarà pensare alla città come cultura, architettura, paesaggi e infrastrutture, ma anche come luogo di servizi, produzioni locali, comunità, luoghi dell’immaginazione, culla di talenti, rituali e tradizioni e valori umani: laddove la creatività trae ispirazione, il design la trasforma in realtà al servizio di residenti, turisti e professionisti.

Il Festival si aprirà con la proclamazione del vincitore del Design Contest Award per poi proseguire con attività internazionali per unire networking e creatività.
Giovedì 28 maggio alle ore 19.00 presso la Sala Ottagonale del Complesso delle Murate l’Associazione Culturale Italo-Ungherese della Toscana (con il Consolato Onorario della Repubblica Ceca per la Toscana e il supporto di Visegrad Fund) ci accompagnerà alla mostra “V4 Young Design & Spring Emotions” con un evento speciale per promuovere la cultura dell’Europa Centrale e favorire così il dialogo interculturale, nello spirito “Life Beyond Tourism”. L’allestimento è stato ideato e progettato da 8 giovani designer, di età inferiore ai 35 anni, che si raccontano tramite le loro opere di gioielleria, ceramica e vetro: OndřejBatoušek (Repubblica Ceca), Andrea Ďurianová (Slovacchia), Simona Janišová (Slovacchia), Janka Juhos (Ungheria), Zoltan Lubloy (Ungheria), Agata& Jan Lutyk (Polonia), JanjaProkić (Repubblica Ceca) i più talentuosi designers juniores selezionati tra quattro dei paesi del Patto di Varsavia.
Sempre alle Murate la città di Innsbruck presenta l’esposizione “Design your Innsbruck!”, un viaggio attraverso l’architettura, il design e le strade della città di Innsbruck: evento speciale la soundperformance di Lissie Rettenwander prevista per venerdì 29 Maggio dalle ore 19.00. Per i visitatori della mostra in palio un week-end presso l’Adler Design Hotel di Innsbruck!
Ad inebriare l’atmosfera delle due mostre ci penserà “Caffè dal Mondo” project by FraMa Soc. Coop. ONLUS – Firenze, che accompagnerà anche le visite e gli appuntamneti di business networking di IDES.
Ricoridamo che ogni giorno al Caffè Letteraio delle Murate ci saranno appuntamenti e soste culinarie, tra le installazioni del progetto AltreMani, “Punti di vista”.

Proseguendo l’itinerario in città, presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze incontreremo il progetto di Art Tour International Magazine “From sea to shining sea”, mostra dedicata alla Campagna Save the Arctict curata e ideata da Viviana Puello (Art Direction). Partecipano Viviana Puella (Art Director), Alan Grimandi (VideoProduction), Marie Copps (fotografia), Sharon Ross (pittura) Suzanne Duncan (Fotografia).
Dall’Artico ai vicoli di Firenze, con la mostra Piccoli Spazi Urbani In-Visibili, di Corso Specialistica Design 1° e 2° anno di LABA Libera Accademia di Belle Arti – Coordinamento prof. Francesco Armato e prof. Angelo Minisci.

Art Expertise Firenze ci svelerà il tema “Creative Cities” visto dagli occhi di un gruppo di artisti internazionali presso l’elegante Palazzo Borghese; imperdibile l’elegante finissage previsto per domenica 31 Maggio alle ore 17.00. Tra gli artisti: Mareen Haschke, Hanna Saarikoski, Stefano Cianti, Nokat, Giovanna Coppola, Stefano Durante, Helene Mukhtar, Marco Barnabino, Vanessa Modafferi, Chiara Guidotto, Patrizia Milione, Christos Ex Agrafon, Domenico Montesano.

Presso il Grand Hotel Minerva vi lascerete incantare dalle note e dai materiali di “Creative Cities International Design Projects” a cura di De.Sign e Laboratorio AltreMani e Jenia Design (Italia), Rogier Ruys – Art Into Music (Olanda), Shanko Rugs (Islanda), ospite speciale l’Architetto Oreste Ruggiero.

Tra le locations che ospiteranno i designers e gli artisti di Florence Design Week, un ricco circuito OFF si snoderà tra il Museo Gucci e il Museo Ferragamo, in un itinerario insolito di studi aperti, shops e gallerie che vi farà strada in questo giro del mondo a Firenze: Sara Amrhein, La Corte Arte Contemporanea, Officine Nora, Spazio Glicine, Anna Rose, Ottod’ame, The White Garage, la Sera MK Textile Atelier ed altri vi aspettano per una settimana all’insegna della creatività, nell’atmosfera elegante che Firenze ancora oggi ci regala nei giorni più belli dell’anno.

Da quest’anno per tutti gli amici del Festival dal 25 Maggio al 1 Giugno, sarà possibile iscriversi ad un futuro incontro o al video corso “Psicologia del Design e dell’Abitare” in partenza da fine agosto 2015 in Italia o al corso di “Events Design & Communication” da fine Giugno a Barcellona e ricevere uno sconto del 10 % sulla quota di iscrizione. Per informazioni e iscrizioni scrivere a psicologiaartedesign@gmail.com.
Il festival vede il patrocinio e la co-promozione con il Comune di Firenze, il patrocinio di Regione Toscana e Provincia di Firenze; tra i partners dell’iniziativa l’Associazione Culturale Italo-Ungherese della Toscana con il Consolato Onorario della Repubblica Ceca per la Toscana, la Città di Innsbruck, l’ambasciata del Brasile, e SIDA Shenzhen Industrial Design Profession Association.

Per maggiori informazioni: www.florencedesignweek.com

Gelato Festival in Piazza del Carmine

Gelato Festival in Piazza del Carmine. Gelato Festival e Comune di Firenze insieme per un pomeriggio all’insegna della golosità per i più piccoli. L’appuntamento è domenica in piazza del Carmine, dalle 15,30 alle 18.
Algida, partner di questa iniziativa, occupa un posto speciale nel cuore e nella storia degli italiani, accompagnando le loro estati dal 1945. Proprio quest’anno in occasione del suo 70° anniversario, Algida ha deciso di festeggiare a Firenze omaggiando 2.500 golosissimi gelati a tutti i ragazzi under 12 che si presenteranno allo stand allestito da Gelato Festival nella piazza da poco restituita ai pedoni.
Una golosa anteprima in vista dell’apertura ufficiale del festival che prende il via al piazzale Michelangelo dal 30 aprile al 3 maggio (maggiori informazioni su www.gelatofestival.it).
L’appuntamento di domenica è l’anteprima del tour più goloso dell’estate, giunto alla sesta stagione. Il festival vede protagoniste la creatività dei maestri gelatieri, l’innovazione della tecnologia di produzione e l’alta qualità degli ingredienti, la voglia di gelato in tutte le sue forme.
L’evento che partirà da Firenze, e toccherà tutta Italia ed Europa sbarcando per la prima volta in Sicilia e replicando la presenza nella grandi città quali Roma, Torino, Milano e Amsterdam, durerà fino al 4 ottobre prossimo.

River to River Florence Indian Film Festival

La 14a edizione di River to River Florence Indian Film Festival, l’unico festival in Italia dedicato totalmente ai film indiani, è in corso di svolgimenti finol 12 Dicembre al cinema Odeon di Firenze, con il Patrocinio dell’Ambasciata dell’India.

river

Protagonisti saranno i giovani e il loro rapporto con Internet come strumento di autoaffermazione nel mondo. Una nuova formula per raccontare, attraverso la generazione di “registi 2.0”, l’India di oggi, un paese in rapida evoluzione. Sono i registi della neonata sezione Online Stories, che porta a Firenze tre anteprime italiane: Diary Of an Overly Reactive Middle Aged Teenager di Prashant Sehgal, ‘webcam diary’ di Saski, aspirante attrice a Mumbai; Acceptance, del singaporiano Matthew Chan, vera storia di Rohan Patel, studente indiano che grazie alla complicità dei social network, riesce a convincere tutti i suoi amici di essere entrato ad Harvard; e l’americano James E. Duff, che narra la storia d’amore tra una ragazza indiana, studente a Praga, e un solitario newyorkese nel suo Hank and Asha, una riflessione sul tema dell’amore ai tempi del web. Come di consueto il festival racconterà le tante facce della realtà indiana, affascinante e ricca di contraddizioni, grazie a tre prime visioni europee e italiane (lungometraggi, docu e corti), incontri con ospiti (attori e registi, protagonisti della filmografia indiana e internazionale) ed eventi collaterali. Non mancherà il consueto appuntamento Doc India, con le opere dei documentaristi indiani e internazionali, il cinema di Bollywood, genere che sta ottenendo consensi anche nel nostro Paese, i cortometraggi e la Student Film Section, una selezione di film provenienti dalle tre maggiori scuole di cinema indiane. Il pubblico decreterà poi il miglior film che si aggiudicherà il River to River Doombo Audience Award. In programma anche una speciale retrospettiva dedicata ad una star del cinema indiano di fama internazionale.

Festival di Cultura Giapponese

Dal 14 al 16 novembre, nell’incanto della Limonaia di Villa Strozzi, si ripropone l’appuntamento con il Festival di Cultura Giapponese, organizzato dall’Ass.Lailac e giunto alla sedicesima edizione.


Ormai gli appassionati del Giappone conoscono questa manifestazione che dal 1999 torna puntuale ogni anno in autunno per portare a Firenze artisti ed artigiani giapponesi che fanno scoprire agli italiani qualcosa di più del Paese del Sol Levante.
Saranno presenti ancora una volta i Manjushaka, un gruppo di danza che fonde il teatro tradizionale kabuki a ritmi e coreografie moderni creando spettacoli di grande impatto che, attraverso la musica e i bellissimi costumi, trasmettono la storia della danza giapponese. Anche il suono del tamburo taiko arriverà dritto al cuore degli spettatori che avranno l’imperdibile possibilità di provare a suonare questo strumento che in Giappone è considerato divino.
Sempre direttamente dal Giappone intervengono anche artisti ed artigiani che daranno dimostrazione di alcune tecniche di grande interesse come l’Etegami, la bellissima usanza giapponese di corrispondere con i propri amici attraverso lettere disegnate.
Sarà inoltre possibile osservare da vicino e provare in prima persona altri importanti aspetti della cultura giapponese come l’origami, la calligrafia giapponese, la tintura su seta dello yuzen e l’antica tecnica del moku-hanga (stampa con blocchi di legno incisi).
Verranno naturalmente proposti anche cibi e prodotti della gastronomia giapponese per far scoprire i sapori che solitamente in Giappone si degustano durante le feste e le gite all’aperto.
Non mancheranno i maestri di arti marziali e chi è affascinato dal tradizionale abito giapponese, il kimono,  avrà a disposizione quest’anno un seminario specifico.
Da non perdere l’appuntamento con la cerimonia del Tè che evoca le atmosfere di una antichissima arte che riassume in semplici gesti tutta la cultura e le usanze di un antico popolo. (s.spa.)

14-16 novembre, ore 11-20, Limonaia di Villa Strozzi, via Pisana 77

INFO: Lailac, Associazione Culturale Giapponese, tel  055.702870   info@lailac.it
www.lailac.it – www.facebook.com/LailacFirenze – twitter.com/ACGLailac
www.festivalgiapponese.it – www.facebook.com/events/