Edilizia, Toscana: Fillea Cgil, persi 40% addetti in 6 anni

Edilizia, Toscana: Fillea Cgil, persi 40% addetti in 6 anni

Il sindacato Fillea Cgil ha presentato i dati al suo congresso regionale, scomparse il 27% delle imprese e monte salari calato del 20%

Il settore delle costruzioni in Toscana ha perso dal 2011 al 2017 il 40,5% degli addetti, passati da 48.619 a 28.907: nello stesso periodo, lamenta la Fillea Cgil Toscana che ha presentato i dati al suo congresso regionale, il 27,2% delle imprese è scomparso (da 10.339 a 7.526, di cui mille negli ultimi tre anni) e il monte salari denunciato è sceso del 20,1% (da 242.665.680 a 193.689.658 euro). Dal 2008 al 2016 la variazione percentuale del valore aggiunto è stata superiore al 38%.

Si tratta, secondo la segretaria della Fillea Cgil Toscana Giulia Bartoli, di “una strage di impatto sociale pesante e allo stesso tempo silenziosa. E’ diventata una giungla l’edilizia, in particolare nel subappalto i cui limiti sono sempre più aggirati. E tale considerazione è sostanziata dai dati dell’Ispettorato nazionale del Lavoro: nel 2017, su 34.586 aziende edili ispezionate, il 64,44% delle imprese è risultato irregolare”. Per il rilancio, afferma Bartoli, bisogna investire in infrastrutture, manutenzioni, rigenerazione di edifici esistenti, per “cavalcare quei timidi segnali di ripresa che si intravedono e che non vanno fatti scemare”.

L'articolo Edilizia, Toscana: Fillea Cgil, persi 40% addetti in 6 anni proviene da www.controradio.it.

Presidio Cl’a: “niente stipendi da marzo”

Presidio Cl’a: “niente stipendi da marzo”

Vertenza Cl’a (Cooperativa l’Avvenire di Montelupo Fiorentino, ex Consorzio Etruria): oggi alle 11 nella sede della Regione Toscana in piazza Duomo c’è stato un incontro tra l’istituzione, il commissario liquidatore, Sicrea (che ha affittato un ramo d’azienda) e la Fillea Cgil. Lavoratori in presidio fuori dalla sede. 20 luglio nuovo summit.

Si è svolta oggi la vertenza Cl’a tra l’istituzione, il commissario liquidatore, Sicrea e la Fillea Cgil. Nell’occasione, presidio dei lavoratori in piazza Duomo davanti alla Regione che non riscuotono da marzo e la maggior parte di loro non ha avuto accesso alla Naspi; mentre l’accordo sulla mobilità che prevedeva incentivi all’esodo al momento è disatteso.

Una lavoratrice in presidio ha infatti dichiarato: “Chiediamo che venga rispettato l’accordo che avevamo accettato in conseguenza al licenziamento collettivo che ci era stato fatto: licenziati tutti i lavoratori nel mese di maggio. Avevamo fatto un accordo che prevedeva tra diversi impegni anche l’esodo incentivato, ma sono scaduti i termini. Sembra quindi che non venga rispettato: la riunione è per chiedere il rispetto di questo accordo”.

Sicrea ad oggi ha assunto poco meno di 20 persone di Cl’a, il resto dei lavoratori è a casa, a parte qualcuno che sta lavorando al concordato di Consorzio Etruria.
Alla fine dell’incontro Giulia Bartoli (segretaria generale Fillea Cgil Toscana) ha dichiarato: “Dalle iniziali rigidità siamo mediamente soddisfatti di come è andato l’incontro. Abbiamo chiamato a responsabilità tutte le parti firmatarie dell’accordo e chiesto la sua applicazione integrale, soprattutto sulla parte dei sostegni economici, per evitare una ricaduta sociale ben più consistente. L’incontro è aggiornato a venerdì 20 luglio, momento in cui vogliamo arrivare alla definizione. In questa settimana avremo vari incontri con tutti i soggetti per trovare le dovute soluzioni. I lavoratori sono stanchi, esasperati e con un condizione precaria anche economicamente ma sono pronti a proseguire nelle mobilitazioni”.

L'articolo Presidio Cl’a: “niente stipendi da marzo” proviene da www.controradio.it.