Fiorentina, Nardella: “meglio Della Valle dell’asiatico di turno”

Fiorentina, Nardella: “meglio Della Valle dell’asiatico di turno”

Il sindaco: “Prima di avere qualcuno di cui non sai nulla preferisco avere una proprietà italiana con prestigio e reputazione”

I Della Valle sono “imprenditori di successo che peraltro portano il nome dell’Italia nel mondo. Oggi in Italia poter dire di avere una proprietà italiana di calcio non è scontato e francamente io preferisco averla piuttosto che il primo asiatico di turno che passa e di cui sai poco e nulla”.

Lo ha detto, parlando della Fiorentina a Lady Radio il sindaco di Firenze, Dario Nardella. “Il calcio, attenzione, ha anche quest’aria grigia, queste bolle speculative. Prima di avere l’asiatico di turno di cui non sai nulla preferisco avere una proprietà italiana con prestigio e reputazione, e i Della Valle ce l’hanno non credo che vogliano vivere a Firenze una storia di fallimento e sconfitte. Non sono persone così e mi fa piacere che ci siano persone vincenti che si avvicinano alla nostra città, perchè anche Firenze è una città vincente e i fiorentini vogliono tornare a vincere. Fiorentina e Firenze sono un tutt’uno, e questo credo che i Della Valle lo abbiano capito”.

Riguardo al completamento del progetto per il nuovo stadio a cura della società viola, piano che richiede la presentazione di integrazioni entro il 31 dicembre di quest’anno, Nardella ha lanciato un avvertimento. “Se mai questo non dovesse succedere dovremo vedere se leggi e regolamenti ci consentono di dare un’ulteriore proroga. – ha detto il sindaco – e dovremmo vedere anche come, perchè sarebbe la seconda. Spero di non dover arrivare a fare una valutazione di quel tipo perchè la situazione sarebbe molto complessa”.

L'articolo Fiorentina, Nardella: “meglio Della Valle dell’asiatico di turno” proviene da www.controradio.it.

Fiorentina-Udinese, doppietta Thereau batte l’Udinese

Fiorentina-Udinese, doppietta Thereau batte l’Udinese

Firenze, con la doppietta di Thereau La Viola torna al successo dopo la sconfitta in casa del Chievo, che aveva pesato sulla classifica e il morale.

Il raddoppio di Ciryl Thereau è arrivato proprio mentre dalla curva Fiesole partivano i cori per sollecitare i Della Valle ad andarsene.


L’attaccante francese ha sbloccato il risultato, poco prima della mezz’ora, sfruttando nel migliore dei modi un’azione avviata da Chiesa e rifinita da Simeone.

E, come aveva preannunciato, non ha fatto come molti colleghi che da ex non festeggiano: Thereau ha esultato come sempre dopo un gol.

Lo stesso ha fatto a inizio ripresa, quando ha spinto in rete il pallone malamente respinto dal portiere Bizzarri, sul bolide di Veretout.

Doppietta e partita che per la Fiorentina sembrava in discesa anche perché fino ad allora i padroni di casa stavano legittimando il vantaggio: due pali colpiti, su un tiro di Thereau a portiere battuto che Angella aveva respinto sul legno, l’altro su un gran tiro di Simeone, una rete annullata ad Astori per fuorigioco dopo un check Var da parte di Irrati.

L’arbitro di Pistoia durante il match è ricorso alla tecnologia altre due volte: sul gol annullato al 18′ del secondo tempo a De Paul (fuorigioco di Maxi Lopez) e sull’affondo di Samir che 9′ dopo ha permesso all’Udinese di accorciare e di sperare in una rimonta.

Tutto questo grazie ai cambi di Delneri che dopo l’intervallo ha rivoluzionato la propria squadra, evidentemente scontento della prestazione nel primo tempo, inserendo Matos e Ali Adnan per l’evanescente Lasagna e Widmer. E, con la complicità di una Fiorentina che, come spesso accaduto in questo inizio di stagione, ha finito per chiudere il match in affanno.

Tanto che Pioli ha provato a puntellare la propria squadra togliendo Benassi, l’acciaccato Chiesa e lo stesso Thereau, contestato dagli ex tifosi, per inserire un altro difensore, Vitor Hugo, e i centrocampisti Eysseric e Sanchez.

Alla fine, pur soffrendo, la Fiorentina è riuscita a prendersi i tre punti e a portarsi in classifica a più 4 sull’Udinese che al prossimo turno ospiterà la Juve.

Il raddoppio viola è arrivato proprio mentre dalla curva Fiesole partivano i soliti cori per sollecitare i Della Valle ad andarsene.

L'articolo Fiorentina-Udinese, doppietta Thereau batte l’Udinese proviene da www.controradio.it.

Calcio: il Chievo stende i viola, 2-1

Calcio: il Chievo stende i viola, 2-1

Va in scena un Tango argentino al Bentegodi di Verona, che alla fine arride alla squadra di Maran. Fiorentina che scatta in avvio con il Cholito Simeone, ma che si arrende alla doppietta di Castro.

Per i gialloblù è il secondo successo di fila che permette loro di assestarsi nella parte
sinistra della classifica. Maran conferma il 4-3-1-2, puntando sulla voglia di riscatto
dell’ex Tomovic che viene schierato come terzino destro. Pioli risponde con il 4-2-3-1, con il trio Benassi-Thereau-Chiesa a supporto dell’unica punta Simeone che concretizza subito al meglio un cross dalla sinistra di Thereau.

Il Chievo e’ bravo a non scomporsi e a reagire con raziocinio. Prima Gamberini manda
di testa il pallone alto sopra la traversa, poi Inglese non riesce a dare forza alla sua conclusione. Il pareggio e’ frutto anche di uno svarione difensivo: cross dalla sinistra di Birsa, manca clamorosamente il pallone Biraghi, Castro stoppa e
trafigge Sportiello.

Il Chievo continua a premere, orchestrando bene la manovra offensiva e sfiora il vantaggio con un colpo di testa di Inglese che termina alto sopra la traversa. In avvio di ripresa le due squadre non hanno il tempo di risistemarsi sul terreno di gioco, che il Chievo firma il vantaggio: stoccata dalla sinistra di Hetemaj sul secondo palo e perfetto colpo di testa di Castro, che sigla la sua doppietta. L’immediato vantaggio dà slancio alla formazione di casa, che si rende pericolosa poco dopo da corner con un colpo di testa di Gamberini bloccato da Sportiello. La Fiorentina prova a scuotersi e lo fa soprattutto grazie all’inserimento a destra di Gil Dias che mette in ambasce la retroguardia di casa.

Il Chievo, tuttavia, mostra una condizione fisica invidiabile e continua ad aggredire con grande continuità i portatori di pallaviola. Pioli inserisce anche Saponara cercando di dare più’ imprevedibilita’ davanti all’area gialloblu. La risposta di Maran è il giovane Depaoli, che entra per puntellare una corsia di sinistra in affanno. Chievo pericolos nelle ripartenze, Castro premia l’inserimento in area di Birsa, che conclude
troppo centralmente per impensierire Sportiello.

La Fiorentina fa possesso palla, ma non riesce a pungere in avanti e quindi
Pioli getta nella mischia Babacar al posto di Benassi.  Nell’ultima parte del match il Chievo fa densità nella propria metà campo, lasciando il solo Inglese in avanti e cercando di chiudere tutti gli spazi. La Fiorentina cerca di avanzare, ma non riesce a sfondare il muro veneto.

L'articolo Calcio: il Chievo stende i viola, 2-1 proviene da www.controradio.it.

Federico Chiesa nuovo testimonial dell’Associazione Tumori Toscana

Federico Chiesa nuovo testimonial dell’Associazione Tumori Toscana

Presentata in Palazzo Vecchio la campagna ATTivati 2017.

Federico Chiesa è il nuovo testimonial dell’Associazione Tumori Toscana e della campagna ATTivati 2017 il cui slogan “ATT è ATTiva per te”, presentato oggi in Palazzo Vecchio alla presenza dell’attaccante della Fiorentina. Alla presentazione, patrocinata dal Gruppo Toscano Giornalisti Sportivi USSI, hanno partecipato anche l’assessore a Welfare e Sanità del Comune Sara Funaro, l’assessore regionale al Diritto alla Salute e al Sociale Stefania Saccardi e il presidente A.T.T. Giuseppe Spinelli.

Con lo slogan “ATT è ATTiva per te” parte la campagna ATTivati dell’Associazione Tumori Toscana, un progetto pilota in collaborazione con la SOD di Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi. ATTivati è un progetto innovativo di A.T.T. che prevede un servizio di cure domiciliari oncologiche gratuite ai malati di tumore in trattamento con chemioterapia, radioterapia o ormonoterapia, permettendo in tal modo l’attivazione della cosiddetta ‘simultaneous care’, ovvero la somministrazione, nello stesso tempo, di terapie attive e terapie di supporto.

Federico Chiesa, attaccante dell’ACF Fiorentina, è il testimonial a cui è affidato l’importante messaggio del progetto ATTivati.

“Grazie a Federico Chiesa per aver accettato di essere il testimonial di ATTivati – ha detto l’assessore Funaro -, una campagna che si pone l’obiettivo di raggiungere sempre di più le famiglie che hanno bisogno di un sostegno medico-assistenziale e di supporto psicologico quando entrano nel difficile percorso della malattia legata ai tumori. L’A.T.T. è una realtà fondamentale del nostro territorio – ha aggiunto – e insieme alle altre associazioni fiorentine dà un contributo concreto alle persone che hanno bisogno, lavorando anche in maniera silenziosa al fianco delle Istituzioni e dei cittadini. Avere il giovane Chiesa come testimonial è un segnale importante e di grande sensibilità da parte sua. Nelle varie realtà associative cittadine, soprattutto nei settori medico, infermieristico e sociale, è altro il numero dei giovani che si stanno dedicando a fare attività di volontariato fuori dall’orario di lavoro. Questo è un bel segnale che dimostra come i nostri giovani sia sensibili verso le persone che soffrono e che hanno bisogno di aiuto”.

“Siamo orgogliosi che Federico Chiesa sia il testimonial della nuova campagna dell’A.T.T. – ha detto l’assessore regionale Saccardi -, che è una parte importante delle risposte sanitarie che la Regione Toscana dà ai propri cittadini che hanno difficoltà quando si misurano con malattie molto gravi come i tumori. L’A.T.T. è un’associazione che lavora sul fronte dell’assistenza domiciliare, che oggi è, e deve essere, la nuova frontiera di erogazione di alcuni servizi nei momenti difficili della vita di una persona e dei suoi familiari – ha concluso Saccardi -. Quando una famiglia si trova a combattere con una malattia oncologica in uno stadio avanzato il supporto e il sostegno di un’associazione come l’A.T.T. diventano fondamentali”.

“Abbiamo scelto Federico come testimonial di ATTivati perché è sempre disponibile, pronto, dinamico e scattante così come lo sarà il personale sanitario di ATTivati – ha detto il presidente dell’A.T.T Spinelli -, che dovrà rispondere con tempismo, qualità ed efficacia alle chiamate dei malati di tumore che lamentano una complicanza dovuta alle terapie che stanno eseguendo al fine di guarire”.

“La scelta di Federico Chiesa come testimonial – ha concluso il Presidente Spinelli – ci aiuterà a diffondere il progetto ATTivati e a migliorare in modo concreto la vita di quanti stanno affrontando la malattia oncologica”.

L'articolo Federico Chiesa nuovo testimonial dell’Associazione Tumori Toscana proviene da www.controradio.it.

Calciopoli: Fiorentina sarà ‘imputata’ per falso bilancio

Calciopoli:  Fiorentina sarà  ‘imputata’ per falso bilancio

I vertici della Fiorentina saranno imputati per il mancato accantonamento nel bilancio della somma che il club potrebbe dover corrispondere a titolo di risarcimento per Calciopoli. Il Gip di Firenze Matteo Zanobini, infatti, non ha accolto la richiesta di archiviazione della Procura, ma ha disposto che venga formulata l’imputazione per 16 persone, tra componenti del Cda e del collegio sindacale della Acf Fiorentina Spa.

   L’accusa e’ false comunicazioni sociali e riguarda, appunto, il bilancio chiuso il 31 dicembre 2015 e la somma da risarcire, su cui e’ in corso un giudizio civile, alla societa’ Victoria 2000, che controllava il Bologna all’epoca di proprieta’ di Giuseppe Gazzoni, finita in amministrazione in seguito allo scandalo che determino’ la retrocessione in Serie B nel 2005. La stessa Victoria aveva fatto denuncia e con l’avvocato Simone Sabattini si era opposta all’archiviazione. Tra i 16, anche Andrea e Diego Della Valle, Sandro Mencucci e l’attuale presidente Mario Cognigni.
La Cassazione nel 2015 aveva rimandato al tribunale civile di Roma e alla corte di appello di Napoli la verifica di eventuali risarcimenti, e la loro quantificazione, per ristorare le societa’ lese da Calciopoli: da li’ si innescarono le cause civili, ancora pendenti. Gazzoni aveva chiesto 113 milioni di euro di danni sia alla Fiorentina
sia alla Juventus, e ai loro dirigenti, i fratelli Della Valle, l’ex ad viola Sandro Mencucci, i dirigenti bianconeri Luciano Moggi e Antonio Giraudo, l’ex arbitro Massimo De Santis.
   Nell’ordinanza con cui il Gip scioglie la riserva dopo l’udienza dell’11 settembre afferma che le risultanze delle indagini ‘impongono il vaglio processuale’.
   Il giudice cita la consulenza tecnica conferita dalla Procura, dove si osserva che la voce ‘fondo per rischi e oneri’ del bilancio ‘non prevedeva nessun accantonamento (nessuno!) in relazione alle cinque cause civili pendenti al 31 gennaio 2015 e
ben note alla societa’, connesse e dipendenti dalla vicenda Calciopoli’. Lo stesso bilancio ‘presenta tre incongruenze matematiche di grosso ammontare nei prospetti contabili’ e altre due nella nota integrativa. Cinque casi in cui il bilancio ‘non
permette al lettore di ipotizzare spiegazioni o soluzioni alle anomalie’.
   Si sottolinea, inoltre, che dalla Cassazione era emerso un ‘quadro chiaro della posizione della societa’ nella vicenda da cui hanno avuto origine il procedimento penale e quello della giustizia sportiva che, per come sostenuto dal consulente del
pm, con argomentazioni condivisibili, imponeva una valutazione diversa del rischio potenziale’. Sulla base sempre della Cassazione ‘non e’ sostenibile’, quindi, che la condanna in sede civile ‘abbia una ridotta (o addirittura come sostenuto dalle
difese in udienza, una nulla) probabilita’ di verificazione’.
   Lo stesso consulente ha indicato come la Juventus Spa, ‘parimenti convenuta nelle cause civili, anche se nonriconosciuta responsabile civile’, ha collocato il rischio di
una condanna con probabilita’ tra il 5 e il 50%, mentre ‘il rischio di Acf Fiorentina Spa e’ evidentemente maggiore’. Infine si evidenzia che a fine 2015 la societa’ era vicina al limite massimo di perdite fissato dall’Uefa per ammettere la squadra a future competizioni europee: ‘Verosimilmente un ulteriore accantonamento al fondo rischi, anche solo di due milioni, avrebbe portato a raggiungere tale limite’.

L'articolo Calciopoli: Fiorentina sarà ‘imputata’ per falso bilancio proviene da www.controradio.it.