Ataf: addio biglietto cartaceo, arriva sistema ‘cashless’

Ataf: addio biglietto cartaceo, arriva sistema ‘cashless’

Si tratta di un nuovo sistema di pagamento del titolo di viaggio. Cashless consente l’acquisto di biglietti a bordo senza nessuna maggiorazione di prezzo: Ataf è la prima azienda in Italia ad attivare il servizio su tutta la flotta. Sarà attivo da oggi nell’area fiorentina su tutti i 355 autobus di Ataf, sui 15 di Busitalia dei servizi ‘Volainbus’ (per l’aeroporto) e ‘The mall’ (per l’outlet).

Il servizio andrà a pieno regime da agosto ed è attualmente disponibile per i possessori di carte di pagamento contactless dei circuiti Mastercard, Maestro, Visa e V Pay. Il progetto ‘Florence cashless experience’ è stato presentato oggi al Museo Novecento in piazza Santa Maria Novella a Firenze alla presenza del sindaco di Firenze Dario Nardella, dell’amministratore delegato di Busitalia e presidente di Ataf Gestioni Stefano Rossi e dell’amministratore delegato di Ataf Gestioni Stefano Bonora.

“Una piccola grande rivoluzione – ha affermato il sindaco Dario Nardella -. E’ un modo comodissimo, semplice, tracciabile di pagare il biglietto che si aggiunge alla formula che già per primi abbiamo inaugurato in Italia del pagamento tramite un sms. Anche in questo caso siamo orgogliosi di essere primi in Italia”.

Si potranno inoltre effettuare acquisti multipli, ad esempio quelli delle famiglie, nella stessa transazione fino ad un massimo di cinque biglietti Ataf&Linea.
“A Firenze – ha detto Stefano Rossi – si concretizza quella che fino a qualche mese fa era solo una suggestione: acquistare il biglietto a bordo con un semplice ‘tap’ al validatore dimenticando il biglietto cartaceo”. “Il ‘Florence cashless experience’ – ha sottolineato Bonora – è un progetto fortemente innovativo dal punto di vista tecnologico che diventa realtà a bordo dei mezzi Ataf”.

L'articolo Ataf: addio biglietto cartaceo, arriva sistema ‘cashless’ proviene da www.controradio.it.

MIBAC acquista Chiesa San Procolo per Bargello

MIBAC acquista Chiesa San Procolo per Bargello

🔈Firenze, su proposta della Soprintendenza fiorentina, il Direttore Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio del MIBAC, Gino Famiglietti, ha disposto in data 29 maggio 2019 l’acquisizione a titolo di prelazione della Chiesa di San Procolo a Firenze per una somma di poco superiore ad un milione di euro.

L’edificio della chiesa acquisito dal MIBAC, situato all’incrocio tra via dei Giraldi e via de’ Pandolfini, nelle immediate vicinanze del Bargello e della Badia Fiorentina, ha avuto una storia secolare conoscendo diverse trasformazioni.

La chiesa, nota dalle fonti già dall’XI secolo, subì infatti nel tempo numerosi interventi fino ad assumere nel Settecento l’aspetto attuale, caratterizzato dalle rifiniture ad affresco a finte architetture.

Nel 1778 fu soppressa come parrocchia, divenendo così sede di varie confraternite, fra cui quella di S. Antonio abate detta dei ‘macellari’, e qui negli anni Trenta del Novecento Giorgio La Pira diede vita alle Messe dei poveri. L’edificio, di proprietà della famiglia Salviati dal 1786, fu vincolato nel luglio del 1991 insieme alle opere d’arte in essa contenute; a seguito dei gravi danni subiti con il crollo della sua copertura nel 2005, è stato sottoposto ad un primo importante restauro strutturale.

“Ringraziamo il ministro Bonisoli e il direttore generale Famiglietti – dichiarano il soprintendente Andrea Pessina e la direttrice del Bargello Paola D’Agostino – per aver immediatamente compreso l’importanza di procedere all’acquisto di questa prestigiosa struttura. Non solo restituiremo così alla pubblica fruizione un luogo carico di storia e d’arte, ma daremo anche al Museo Nazionale del Bargello la possibilità di disporre di nuovi spazi per le sue necessità”.

Unitamente alla chiesa sono state acquisite anche tutte le sue opere d’arte, come le grandi pale d’altare di Matteo Rosselli e Gaetano Piattoli e una tavola raffigurante la Visitazione con santi, variamente attribuita al Ghirlandaio e a Piero di Cosimo, opere che -grazie al supporto del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Firenze- sono state nei giorni scorsi trasferite nei depositi della Soprintendenza.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il soprintendente Andrea Pessina e la direttrice del Bargello Paola D’Agostino:

L'articolo MIBAC acquista Chiesa San Procolo per Bargello proviene da www.controradio.it.

Firenze: si riunisce oggi la prima seduta del Consiglio Comunale, le prime valutazioni

Firenze: si riunisce oggi la prima seduta del Consiglio Comunale, le prime valutazioni

Si è tenuto oggi, nel salone dei Dugento in Palazzo Vecchio il primo consiglio comunale con la nuova giunta espressa dalle elezioni del 26 maggio scorso. Il Presidente Luca Milani si è detto soddisfatto di questo primo giorno, anche con il confronto con le opposizioni.

“Un consiglio comunale che si è rinnovato – ha affermato Luca Milani -, con consiglieri giovani. Questo ha dato spazio a tanti ragazzi nuovi, che si sono misurati nelle realtà di quartiere e adesso hanno voglia di far bene. Stare nel salone dei Dugento,  come rappresentanti dei cittadini, fa un bell’effetto”.

“Il Partito Democratico, insieme alla lista Nardella – ha aggiunto Milani -, ha un’ampia maggioranza che gli consentirà di governare con assoluta tranquillità questi 5 anni. Questo servirà per dare continuità alle opere che devono essere concluse.”

Rispetto alla passata consiliatura ci sarà un’opposizione più debole per quanto riguarda la sinistra, su questo il presidente del consiglio comunale ha spiegato che: “Ci sarà la possibilità di fare un confronto aperto, franco, con le opposizioni, senza pregiudizi di sortala. Ritengo che la maggioranza sia ampiamente robusta per portare a termine il mandato del sindaco. I nuovi arrivati sono sei della Lega: penso siano persone assolutamente di grande valore e rispettose dei ruoili. Abbiamo iniziato nel migliore dei modi, con il massimo rispetto delle differenze”, ha concluso Luca Milani.

Dalle opposizioni arriva la voce di Jacopo Cellai, capogruppo in Consiglio di Forza Italia. “Il centro destra stavolta è molto più forte – afferma Cellai -, numericamente parlando contiamo dieci componenti tra Fi, Fratelli d’Italia, Lega e Ubaldo Bocci, che era il nostro candidato a sindaco. Grazie alla nostra azione e alla nostra proposta abbiamo fondato il coordinamento del centrodestra, quindi abbiamo dato un segnale chiarissimo di come vogliamo fare opposizione, saremo tutti insieme nel segno della coalizione con Ubaldo Bocci come punto di riferimento di questo gruppo. Credo che abbiamo una possibilità di incidere maggiormente sia nel fare un opposizione forte di controllo sia anche nel fare un opposizione di indirizzo sulle cose da fare.”

Riguardo alla convivenza con i consiglieri della Lega, Cellai ha spiegato che “La convivenza mi sembra ottima in questo momento, onestamente io sono uno di quelli che pensa che le differenze, anche in campo nazionale, sono molte meno di quelle che si dicono, di quelle che si raccontano.”

“Secondo me il centrodestra esiste prima di tutto nell’elettorato – ha concluso Cellai -, fra la propria gente e poi nelle realtà locali specie dove i problemi concreti li abbiamo portati avanti nel programma elettorale, quindi credo che non avremo grandi problemi in questo senso. Siamo uniti  e mi sembra che però oggi lo dimostrano i fatti.”

 

Gimmy Tranquillo ha intervistato il Presidente del Consiglio Comunale Luca Milani per una valutazione politica.

 

L’intervista al capogruppo di Forza Italia, Jacopo Cellai.

 

L'articolo Firenze: si riunisce oggi la prima seduta del Consiglio Comunale, le prime valutazioni proviene da www.controradio.it.

Allerta arancione meteo, lunedì in Toscana

Allerta arancione meteo, lunedì in Toscana

Firenze, un’allerta arancione, dalle ore 7:00 e fino alle ore 21:00 di domani, lunedì 15 luglio, per forti temporali a carattere diffuso in Arcipelago, a carattere sparso lungo la costa centrale e meridionale in rapida estensione alla costa e alle zone Appenniniche, e successivamente nel corso della mattinata anche alle zone interne del territorio, è stata emessa dalla Sala Operativa Unificata della Protezione civile regionale della Toscana.

Oltre alla allerta arancione nelle zone su citate, dalla mattinata di domani, c’è inoltre la possibilità di isolati temporali anche sulle rimanenti zone della regione dovuti ad un rapido e marcato peggioramento delle condizioni meteo.

Nel corso della serata poi, ci sarà la tendenza ad un graduale miglioramento, a partire dalle zone settentrionali, con precipitazioni in lenta attenuazione-cessazione.

Sempre domani, lunedì, al mattino vento moderato di Scirocco con possibili raffiche fino a 70 km/h in Arcipelago. Dal pomeriggio rotazione dei venti a nord est con possibili raffiche fino a 60-70 km/h in Appennino, lungo la costa e sui crinali dei rilevi collinari centrali, fino a 50 km/h sulle pianure settentrionali.

Per i mari da domani moto ondoso in aumento fino a mare molto mosso o temporaneamente agitato al largo.

Per i giorni successivi è previsto un miglioramento, con tempo stabile tra martedì e mercoledì.

INFO: http://www.regione.toscana.it/allertameteo

L'articolo Allerta arancione meteo, lunedì in Toscana proviene da www.controradio.it.

Attenzione ai ladri camuffati da Forze dell’Ordine

Attenzione ai ladri camuffati da Forze dell’Ordine

Firenze, i Carabinieri della Compagnia di Signa sono intervenuti rispettivamente a Signa e Lastra a Signa per due diversi casi di furto in abitazione perpetrati da ladri camuffati da personale delle Forze dell’Ordine.

In entrambi i casi, le vittime prescelte dai ladri camuffati, sono state due anziane coppie del posto che sono state avvicinate dai 2 malfattori che erano travestiti in un caso, da operaio e da vigile urbano, mentre nell’altro da carabiniere e da operaio.

Il copione, spiega l’Arma dei carabinieri, è sempre stato lo stesso: i malviventi hanno citofonato per segnalare il rischio di contaminazione di mercurio nelle tubature dell’acqua, a questo punto, le vittime, rassicurate dalla presenza dell’uomo in divisa, hanno aperto e seguito le istruzioni dei ladri.

Curiosa poi la strategia, che i loschi figuri hanno seguito per derubare le coppie di anziani, i ladri hanno infatti istruito i malcapitati di mettere denaro e preziosi in frigorifero per evitare che si deteriorassero.

Arraffata la refurtiva infine i ladri si dileguavano utilizzando un pretesto, in entrambi i casi sono stati portati via contanti e preziosi.

L'articolo Attenzione ai ladri camuffati da Forze dell’Ordine proviene da www.controradio.it.