Moria di pesci nella fontana del giardino di Bobolino

Moria di pesci nella fontana del giardino di Bobolino

Firenze, moria di pesci ieri alla fontana del giardino di Bobolino, questo quanto hanno segnalato numerosi frequentatori del parco: dai video diffusi sui social si vedono infatti numerosi pesci morti sia in acqua che fuori dalla fontana.

Critiche all’amministrazione comunale sono arrivate da parte dei consiglieri a Firenze del M5s Roberto De Blasi e Lorenzo Masi: “Incuria del servizio di manutenzione o sversamenti di sostanze inquinanti? – si chiedono se possano essere queste le cause della moria di pesci -. Oggi è stata eseguita la sola rimozione dei pesci morti e considerando la quantità di quelli ancora vivi in evidente stato di sofferenza ce ne saranno altri fino alla completa estinzione della fauna nel laghetto, se non si interviene immediatamente”.

Sulla questione è intervenuta anche Arpat, dopo le accuse secondo cui non era stato possibile avvisare l’agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana nella giornata di ieri. “L’Agenzia – è stato precisato – si attiva con il proprio personale reperibile h24, anche i giorni festivi, a seguito di richieste che gli enti presenti sul territorio possono fare alla sala operativa della protezione civile, se ravvedono la necessità di un intervento di Arpat per emergenze ambientali. In merito alla vicenda si fa presenta che la qualità delle acque della vasca in questione non rappresenta una problematica di carattere ambientale e che Arpat non svolge la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti”.

La direzione ambiente del Comune di Firenze, si legge in una nota, ha dato incarico a Publiacqua di effettuare l’analisi dell’acqua (che sarà realizzata attraverso un laboratorio specializzato) mentre l’istituto zooprofilattico effettuerà l’analisi sui pesci per comprendere le ragioni della morte. Nel corso del sopralluogo di giovedì scorso al Bobolino, gli operatori del verde comunale non avevano ravvisato incuria o problemi relativi alla vasca dei pesci: si presume pertanto, è la spiegazione da Palazzo Vecchio, che le cause siano da riferire ai giorni successivi.

L'articolo Moria di pesci nella fontana del giardino di Bobolino proviene da www.controradio.it.

Vaccini, agende aperte ai nati 1972/73 e domani Figliuolo in Toscana

Vaccini, agende aperte ai nati 1972/73 e domani Figliuolo in Toscana

Firenze, nuova apertura delle agende dei i vaccini alla categoria dei quarantenni con prenotazione cadenzata per biennio anagrafico. Dalle ore 17 di oggi, lunedì 17 maggio, si apre il portale per i nati nel 1972 e nel 1973. Le persone di 49 e 48 anni potranno prenotare nei centri vaccinali prescelti sul portale online regionale.

Il crono-programma delle agende aperte per l’intera categoria degli over 40, con modalità di prenotazione per due classi di età per volta, prevede quanto segue. Domani, martedì 18 maggio, sarà il turno dei vaccini ai nati negli anni 1974 e 1975 (dei 47 e 46enni), che potranno richiedere la somministrazione del vaccino, prenotandola, come sempre, sul portale regionale.

Mercoledì 19 maggio potranno prenotare i nati nel 1976 e nel 1977 (45 e 44enni); giovedì 20 maggio i nati negli anni 1978 e 1979 (43 e 42enni) ed infine, venerdì 21 maggio, i nati nati nel 1980 e nel 1981 (41 e 40enni), andando così a completare l’intera fascia anagrafica degli over 40, che a quel punto sarà a pieno regime di vaccinazione anti Covid.

Per ciascun nuovo biennio anagrafico le agende apriranno ogni pomeriggio, alle ore 17.

Inoltre domnani, il commissario per l’emergenza sanitaria, il generale Francesco Paolo Figliuolo, e il capo della protezione civile, l’ingegnere Fabrizio Curcio, saranno in visita all’hub vaccinale Mandela Forum di Firenze, alle ore 12 di domani, martedì 18 maggio.

Insieme a loro ci saranno il presidente della Toscana Eugenio Giani, gli assessori regionali Monia Monni (protezione civile) e Simone Bezzini (sanità), il direttore generale dell’Asl centro, Paolo Morello Marchese, le massime autorità istituzionali del territorio.

Successivamente, alle ore 14.30, il commissario Figliuolo si recherà a Siena, dove visiterà l’hub vaccinale allestito al Palasport Mens Sana, in viale Achille Sclavo 12, gestito dall’Asl sud est.

La visita si concluderà, alle ore 15, nei laboratori di Toscana Life Sciences (Strada del Petriccio e Belriguardo, 35).

L'articolo Vaccini, agende aperte ai nati 1972/73 e domani Figliuolo in Toscana proviene da www.controradio.it.

🎧 “A Riveder Le Stelle”, Dante con Aldo Cazzullo e Piero Pelù

🎧 “A Riveder Le Stelle”, Dante con Aldo Cazzullo e Piero Pelù

Firenze, da lunedì 7 giugno partirà da Piazza Santa Croce il tour di “A Riveder Le Stelle” di Aldo Cazzullo con le letture “ROCK” della Divina Commedia di Piero Pelù.

II progetto “A Riveder Le Stelle” è co-promosso dal Comune di Firenze e dall’Opera di Santa Croce con Ia collaborazione organizzativa del Teatro Puccini. La regia e di Angelo Generali mentre Ia produzione e di Corvino Produzioni.

Il Comune di Firenze e l’Opera di Santa Croce hanno scelto di sostenere questo spettacolo nell’ambito delle iniziative per l’anno dantesco, partendo da una stretta collaborazione istituzionale che guarda alla tutela e alla valorizzazione di un luogo unico della memoria che vive nel presente attraverso l’utilizzo di forme artistiche e linguaggi contemporanei.

Lo spettacolo “A Riveder Le Stelle” è tratto dal libro “A riveder le stelle, Dante il poeta che invento l’ltalia” di A. Cazzullo (Mondadori 2020), grande successo editoriale con 250.000 copie vendute, e vuole essere un racconto teatrale suuno dei più grandi poeti della storia dell’umanità, e sulla sua opera più famosa. Un racconto, quello di Aldoa Cazzullo, che avrà proprio come Ia Divina Commedia due guide: un narratore, interpretato dallo stesso Cazzullo, accompagnato dalle letture “ROCK” della Divina Commedia di Piero Pelu.

“In questi mesi è stato sviluppato uno strettissimo legame tra Amministrazione e Opera di Santa Croce in nome di una unione di intenti volta alla valorizzazione del complesso monumentale all’interno della cornice cittadina, dichiara l’assessore alla cultura del Comune di Firenze Tommaso Sacchi, e questo spettacolo si inserisce proprio in questo percorso comune, che mira alla maggiore visibilità, conoscenza e fruibilità del bene. Siamo certi che l’evento che debutta proprio a Santa Croce saprà far rivivere Dante e le sue opere grazie al racconto di Aldo Cazzullo e alia musicalità di Piero Pelu. Da Firenze il tour proseguirà svelando un pezzo dell’opera e della vita del nostro concittadino più illustre in tutta Italia e aggiungendo un nuovo tassello alle celebrazioni per il 700esimo anno dalla morte”.

©Controradio

In podcast l’intervista a Aldo Cazzullo e Piero Pelù, a cura di Gimmy Tranquillo.

L'articolo 🎧 “A Riveder Le Stelle”, Dante con Aldo Cazzullo e Piero Pelù proviene da www.controradio.it.

🎧 Scavalco stazione Castelnuovo Garfagnana: 1 milione dalla Regione Toscana

🎧 Scavalco stazione Castelnuovo Garfagnana: 1 milione dalla Regione Toscana

Firenze, un milione di euro dalla Regione per migliorare la viabilità intorno alla stazione di Castelnuovo Garfagnana (Lu), prolungando lo scavalco della ferrovia e consentendo così un innesto più agile nella viabilità provinciale, anche con la realizzazione di una rotatoria.

Il via libera della Giunta regionale ai lavori per la costruzione dello ‘scavalco’ è della scorsa settimana, con l’approvazione dell’accordo di programma con cui si stabiliscono nel dettaglio gli interventi per garantire il collegamento fra le aree urbane a nordest e il lato sud ovest della linea ferroviaria Lucca-Aulla, una volta che anche il passaggio a livello ferroviario, attualmente unica e scomoda via breve, verrà chiuso.

In pratica, con la realizzazione del lotto 3, tutta l’area urbana posta sul lato nord est potrà essere connessa con quella produttiva dove si trovano la zona industriale, il polo scolastico e gli impianti sportivi, congiungendosi anche con la strada regionale.

Tutti gli interventi sono stati illustrati stamani nel dettaglio dall’assessore alle infrastrutture Stefano Baccelli che, insieme al sindaco di Castelnuovo Andrea Tagliasacchi, ha visitato tutta l’area dei lavori. Con loro, oltre ai tecnici, anche il senatore Andrea Marcucci, il consigliere regionale Mario Puppa e la vicesindaca di Castelnuovo Chiara Bechelli.

“Vedendo tutto l’insieme dei lavori – ha spiegato l’assessore Baccelli – con il lotto 1 già appaltato con il finanziamento del Ministero che riguarda lo scavalco e la strada di accesso, penso che ci troviamo di fronte ad un esempio ben riuscito di ciò che si può realizzare quando la Regione accompagna i lavori di un’amministrazione comunale. Il milione di euro stanziato dalla Regione, grazie all’accordo di programma che stiamo per siglare con il sindaco Tagliasacchi, consentirà di migliorare notevolmente la qualità della vita dell’area intorno alla stazione e la produttività delle imprese adiacenti. Coniughiamo la sostenibilità ambientale con lo sviluppo. Ed è questo l’obiettivo che si dovrebbe sempre perseguire nella realizzazione delle infrastrutture pubbliche. Una declinazione positiva della Toscana diffusa”.

Gli interventi, il cui inizio è previsto entro luglio, prevedono l’allungamento dello scavalco, che andrà così ad immettersi nella strada provinciale salvaguardando via della Stazione, che, diventando a senso unico, potrà essere così anche sfruttata ad esempio per la realizzazione di piste pedonali e ciclabili.

“Si tratta di una valorizzazione dell’area industriale della quale beneficerà tutta Castelnuovo, grazie all’eliminazione del passaggio a livello che darà maggior respiro a tutta la città” – ha affermato Tagliasacchi. “È un investimento significativo e importante, con i lavori che sono già in fase molto avanzata. Questo importante contributo della Regione ci permette di ridurre l’impatto ambientale e di riorganizzare la viabilità attraverso il raccordo con la strada provinciale”.

Con il finanziamento regionale si chiude dunque il cerchio. Due anni fa circa sono infatti iniziati i lavori che sono già in fase avanzata e che sono stati finanziati dal Ministero con 3milioni e 600mila euro con cui appunto verrà realizzato lo scavalco della ferrovia e parte della nuova viabilità. Il milione di euro della Regione ottimizza tutto l’intervento, mentre contemporaneamente Rfi sta completando la realizzazione dello scalo merci. “L’intervento della Regione – ha detto Marcucci – consente al progetto di diventare ottimale. Si snellisce l’accessibilità alla stazione, migliorando notevolmente la percezione della viabilità e dell’impatto ambientale”.

In podcast le dichiarazioni dell’assessore regionale alle infrastrutture Stefano Baccelli che ha visitato tutta l’area dei lavori.

L'articolo 🎧 Scavalco stazione Castelnuovo Garfagnana: 1 milione dalla Regione Toscana proviene da www.controradio.it.

Vaccini anti Covid: al via oggi per over 40 in Toscana

Vaccini anti Covid: al via oggi per over 40 in Toscana

Vaccini anticovid in Toscana: per le somministrazioni nelle farmacie e dai medici di base “questa sarà la settimana decisiva per gli accordi”. Lo ha detto il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, ieri a Pistoia per l’inaugurazione di un nuovo hub vaccinale. Per le prenotazioni si aprono le agende per gli over 40. Oggi al via per i nati nel 1972-1973, domani toccherà ai 1974-1975 e così via fino a venerdì quando si arriverà ai nati nel 1980-1981. Per domani atteso in Toscana il Commissario straordinario Figliuolo.

“Nel momento in cui raggiungiamo quella cifra che a mio giudizio sta tra i 30 mila e i 35 mila vaccini al giorno abbiamo raggiunto un momento importante per assicurare l’immunità di gregge entro settembre. Se arrivano i vaccini che ci consentono proprio da un punto di vista delle forniture di avere più materiale a disposizione sono aperto a considerare soluzioni da un lato nei luoghi di lavoro e dall’altro a sperimentare quello che può accadere in località balneari dove la necessità di favorire il turismo è un obiettivo fondamentale”. Lo ha detto il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, rispondendo ai giornalisti, a margine di una cerimonia ieri a Viareggio (Lucca), che gli chiedevano sull’eventualità di vaccinare nelle località turistiche.

“Però ripeto la condizione è che abbiamo più vaccini, perchè quelli che ci arrivano ora sono necessari per coprire le esigenze di una popolazione che dei 30 mila vaccini al giorno ne
fa la condizione essenziale per arrivare ad avere l’immunità di gregge a settembre – ha ripreso il governatore. Ne parlerò con il generale Figliuolo che martedì verrà in Toscana”.

Alla domanda sull’appello fatto nei giorni scorsi alle Regioni che hanno Astrazenaca in standby a fornirlo alla Toscana il presidente ha risposto:

“Ne ho parlato ieri al telefono con il generale Figliuolo, mi detto che noi siamo tra le liste di quelle Regioni ‘virtuose’ che proprio per la maturità della nostra popolazione hanno dimostrato di essere indifferenti e non resistenti al vaccino Astrazeneca e visto che quando facciamo queste riunioni c’è sempre qualche presidente che dice ‘noi non lo vogliamo, perchè le persone da noi non lo accettano, mandateci Pfitzer’ quindi anche il generale Figiuolo sta prendendo in considerazione per l’interesse nazionale ad ampliare la vaccinazione di massa a dare delle dosi, che possono essere dosi in più, a quelle regioni dove invece Astrazeneca viene correntemente somministrato senza resistenze da parte della popolazione. Saremo tra quelle regioni che hanno una condizione naturale di priorità e spero che con queste dosi raggiungiamo quel livello che dicevo prima e quindi si possa considerare una possibilità di dare anche a coloro che vengono il vaccino”.

L'articolo Vaccini anti Covid: al via oggi per over 40 in Toscana proviene da www.controradio.it.