Sicurezza: per Firenze e Prato 6,5 mln dal Viminale

Sicurezza: per Firenze e Prato 6,5 mln dal Viminale

A Firenze e Prato sono in calo sia i reati che il numero degli stranieri ospitati nelle strutture di accoglienza. L’ammontare è destinato all’incremento delle risorse di sicurezza.

Lo spiega lo stesso ministero dell’Interno. In particolare, in provincia di Firenze sono arrivati 663mila euro per la videosorveglianza (6 comuni), 2,5 milioni per gli enti sotto i 20.000 abitanti (31 comuni), 1,26 milioni con i fondi Decreto sicurezza per il triennio 2018-2020 e il capoluogo ha ottenuto 96mila euro per il progetto Scuole sicure. In provincia di Prato sono arrivati 189 mila euro per la videosorveglianza (3 comuni), 520 mila per gli enti sotto i 20mila abitanti (6 comuni), 2,15 milioni di euro per la manutenzione di scuole e strade della Provincia. Nel piano di potenziamento 2019-2020 alla questura di Prato arriveranno inoltre, entro aprile 2020, 8 nuovi agenti.

“Vogliamo confermare grande attenzione per il territorio – le affermazioni di Matteo Salvini -, e siamo soddisfatti dei risultati di quasi un anno di lavoro. Non abbassiamo la guardia e intendiamo moltiplicare gli sforzi per migliorare ulteriormente la situazione. Ringrazio le forze dell’ordine per il lavoro e la professionalità – continua il vicepremier -. Per far funzionare le cose è fondamentale una sempre più efficace collaborazione tra noi e gli amministratori locali, ai quali abbiamo dato più poteri e fondi”.

L'articolo Sicurezza: per Firenze e Prato 6,5 mln dal Viminale proviene da www.controradio.it.

Gallerie Uffizi: esercitazione Vigili del Fuoco, evacuate 50 persone

Gallerie Uffizi: esercitazione Vigili del Fuoco, evacuate 50 persone

Firenze – Si è svolta questa mattina all’interno della Galleria degli Uffizi un’esercitazione dei Vigili del Fuoco che hanno fatto evacuare una sala per una simulata presenza di fumo.

Esercitazione questa mattina a Firenze, presso la Galleria degli Uffizi svolta dalla squadra dei Vigili del Fuoco: simulata l’evacuazione di una sezione posta nell’area espositiva della struttura a seguito della segnalazione di presenza di fumo in una delle stanze del museo.

In totale sono state evacuate 50 persone, tra cui 8 con disabilità sensoriali e motorie. Operazione riuscita in quanto tutti sono stati portati fuori e al sicuro senza incidenti o rallentamenti.

L'articolo Gallerie Uffizi: esercitazione Vigili del Fuoco, evacuate 50 persone proviene da www.controradio.it.

Firenze: rinvenuti in due abitazioni, due corpi senza vita

Firenze: rinvenuti in due abitazioni, due corpi senza vita

Due interventi da parte dei Vigili del Fuoco di Firenze che hanno rinvenuto in Via del Pescolino ed in Via Luca Giordano, rispettivamente il corpo di un uomo nato nel 1925 ed il corpo di una donna di 84 anni, entrambi senza vita.

Nel dettaglio, i Vigili del Fuoco del Comando di Firenze sono intervenuti per un soccorso a persona in Via del Pesciolino. Una volta entrati all’interno dell’abitazione è stato rinvenuto il corpo di un uomo di 94 anni, per il quale il personale sanitario del 118 ha constatato il decesso.

L’altro intevento dei Vigili del Fuoco del Comando di Firenze, distaccamento di Pontassieve, invece, in Via Luca Giordano. Anche in questo caso, una volta arrivati sul posto, il personale sanitario del 118 era già entrato nell’abitazione, all’interno della quale è stato rinvenuto il corpo di una donna di anni 84. Per la donna il personale sanitario ha stato constatato il decesso.

 

 

L'articolo Firenze: rinvenuti in due abitazioni, due corpi senza vita proviene da www.controradio.it.

Firenze: progetto per ricoprire città con piante anti-smog

Firenze: progetto per ricoprire città con piante anti-smog

“Firenze potrebbe diventare un laboratorio mondiale nella lotta all’inquinamento dove le piante sono utilizzate per risolvere i problemi dell’ambiente”. Ad annunciarlo è il botanico Stefano Mancuso in un video su facebook condiviso dal sindaco di Firenze Dario Nardella.

“Diventare la prima città del mondo ad avere un quartiere completamente coperto di piante – aggiunge il botanico -. Io sono disponibile”. Lo stesso Nardella sottolinea che “lo scienziato Stefano Mancuso, nella classifica delle 20 persone che salveranno il pianeta, sceglie Firenze come laboratorio mondiale di città verde e ecosostenibile, io dico si può fare. Perché il nostro impegno per l’ambiente è cosa concreta”.

Nel video Mancuso spiega che “l’ambiente è il vero problema dei prossimi anni e qualsiasi amministrazione, internazionale o locale, deve aver chiaro che intervenire è fondamentale per il nostro futuro. Oltre il 70% dell’anidride carbonica si produce in ambiente urbano ed è qui che bisogna intervenire prima che si diffonda in atmosfera”, “grazie all’uso delle piante. Dobbiamo coprire le nostre città di piante, è una rivoluzione che ci è richiesta. Non basta mettere le piante nei luoghi canonici ma dobbiamo coprire di piante i nostri palazzi”, interi quartieri, e così “l’ambiente ne gioverebbe moltissimo con una riduzione dell’anidride carbonica e degli inquinanti”.

Per Mancuso, “è una soluzione radicale” che “richiede coraggio e nuove idee. Conosco Dario Nardella, ho parlato con lui di questi problemi molte volte, e so che di questi problemi si preoccupa”.

L'articolo Firenze: progetto per ricoprire città con piante anti-smog proviene da www.controradio.it.

Cariche della polizia alla Manifestazione contro Salvini

Cariche della polizia alla Manifestazione contro Salvini

🔈Firenze, circa 3000 persone in piazza della Repubblica per protestare contro la presenza del vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha tenuto un comizio in piazza Strozzi.

La manifestazione contro l’arrivo di Salvini, era stata organizzata in origine da alcune sigle dei collettivi di sinistra anche se poi si sono viste alcune bandiere di Potere al Popolo, di altre sigle della sinistra, tante bandiere della pace, ma alla quale sono intervenuti tanti cittadini che hanno voluto manifestare il profondo dissenso per la presenza del leader della Lega a Firenze.

Già molto prima che Salvini arrivasse sul palco in piazza Strozzi, dove c’erano non più di un paio di centinaia di persone, la testa del corteo cercava di sfondare il cordone della polizia, sotto l’arco che da piazza della Repubblica porta in via Strozzi, ad un centinaio di metri dal palco della Lega, decisa la reazione della polizia che non esitava a partire con una serie di cariche cosiddette di alleggerimento, almeno una mezza dozzina, al termine delle quali si registrava qualche poliziotto contuso così come restava qualche contuso anche tra i manifestanti.

La manifestazione in piazza Repubblica è durata alcune ore, dando il tempo ad esponenti politici e telegiornali nazionali di commentare mentre era ancora in corso, anche il sindaco Dario Nardella, sui social, mentre saliva la tensione, initava i manifestanti a mantenere la calma, ed a “un dissenso non violento”.

In realtà per la stragrande maggioranza la manifestazione era pacifica e molti manifestanti, portavano cartelli e striscioni anche ironici con alcuni che sono arrivati in piazza con la maschera di Zorro sul volto.

Naturalmente i commenti sugli scontri sono arrivati anche da Salvini che in piazza Strozzi è rimasto a lungo per farsi i selfie: “Non è normale che ci siano contestatori di professione che fanno a botte con polizia e carabinieri – ha tuonato dal palco il vicepremier – sono figli di papà profumati col portafoglio pieno, non vivono la realtà”, ha aggiunto annunciando un inasprimento delle pene per chi aggredisce le forze dell’ordine.

Gimmy Tranquillo ha raccolto le voci della piazza:

L'articolo Cariche della polizia alla Manifestazione contro Salvini proviene da www.controradio.it.